Connect with us
Pubblicità

Le ultime dal Web

Influencer invia foto di nudo in cambio di donazioni per l’Australia. Raccolti 700 mila dollari

Pubblicato

-

(Credits photo: twitter/lilearthangelk)

Le autorità australiane hanno arrestato più di 180 persone per aver appiccato deliberatamente gli incendi.

In particolare 29 di questi sono stati appiccati nel Shoalhaven nel sud-est del Nuovo Galles del Sud in soli tre mesi.

È una corsa della solidarietà in aiuto di un’Australia ferita che conta per il momento almeno 25 morti e 10 milioni di ettari di terreno bruciati.

Pubblicità
Pubblicità

Da 5 a 10 mila cammelli saranno abbattuti dietro ordine del capo della comunità degli aborigeni di Anangu Pitjantjatjara Yankunytjatjara per evitare che consumino tutta l’acqua nella zona piagata dalla siccità.

Secondo le stime del WWf 1 miliardo di animali potrebbero essere periti durante quella che viene definita come una vera apocalisse.

Tra le idee in sostegno a quanto succede spicca quella di Kaylen Ward, ha 20 anni.

Pubblicità
Pubblicità

Kaylen Ward  è una influencer americana che sta letteralmente spopolando sui social per una particolare “iniziativa di beneficenza” lanciata per salvare i koala e aiutare a combattere gli incendi che stanno devastando l’Australia.

Kaylen, che sui social si fa chiamare “the naked philantropist“ (ovvero “la benefattrice nuda“), il 3 gennaio ha lanciato un appello che è diventato immediatamente virale: invierà privatamente una sua foto di nudo come “ricompensa” a chiunque le dimostrerà con una ricevuta di aver donato almeno 10 dollari ad una delle associazioni ambientaliste o ai volontari che aiutano i vigili del fuoco a domare i roghi.

Inutile dire che la sua casella di posta è stata letteralmente inondata di richieste e ricevute di donazioni in attesa di ricompensa, tanto che la ragazza ha dovuto chiedere supporto per poterle verificare tutte.

Mentre alcuni l’hanno lodata per l’iniziativa, in molti l’hanno criticata, accusandola di aver sfruttato una tragedia per diventare famosa. Anche se lei si è difesa dicendo che intanto ha già raccolto oltre 700mila dollari.

Ma i guai per lei non sono finiti: Instagram ha bloccato il suo profilo per violazione della politica sulle immagini pornografiche e qualcuno sta sfruttando la sua immagine, creando dei falsi profili a suo nome.

Inoltre, come lei stessa ha dichiarato, la sua iniziativa le ha creato problemi con la sua famiglia e il ragazzo che le piace. Ma a lei non importa“Ditemi quello che vi pare, intanto salvo i koala!”.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

di tendenza