Connect with us
Pubblicità

Trento

Danno erariale per oltre 5 milioni di euro, due responsabili del Servizio Catasto della Provincia Autonoma di Trento rinviati a giudizio

Pubblicato

-


La Guardia di Finanza Trentina nell’anno 2019, ha eseguito 43 interventi su delega della Procura Giurisdizionale della Corte dei Conti di Trento e 7 interventi, avviati a seguito di autonome attività operative, che hanno interessato tutti i più importanti flussi di spesa, dai fondi comunitari agli incentivi nazionali, dalle sanità agli appalti, dl pubblico impiego alla gestione del patrimonio pubblico, accertando un danno erariale complessivamente pari a 5.325.103 euro.

Sono 42 i soggetti deferiti alla Corte dei Conti, a carico dei quali sono stati proposti sequestri conservativi per un valore di 4.567.881 euro.

È risultata di particolare rilevanza l’attività investigativa che la Guardia di Finanza ha svolto nel comparto delle entrate dei tributi locali, finalizzata a verificare la corretta attribuzione della rendita catastale delle centrali per la produzione di energia idroelettrica presenti nel territorio della Provincia Autonoma di Trento.

Pubblicità
Pubblicità

In tale ambito le Fiamme Gialle trentine hanno posto l’attenzione, previa specifica attività di indagine, le centrali idroelettriche site nel Comune di Peio.

Nel merito, su impulso della Corte dei Conti, le fiamme gialle hanno sequestrato una ingente documentazione presso la Provincia Autonoma di Trento, necessaria ad accertare e quantificare le minori entrate relative ai tributi locali ICI-IMU-IMIS causate dalla non corretta determinazione della rendita catastale delle due centrali idroelettriche.

Dopo l’esame della documentazione sequestrata le fiamme gialle hanno ipotizzato  una responsabilità amministrativo-contabile a carico di un dirigente e funzionario del Servizio Catasto della Provincia Autonoma di Trento.

Pubblicità
Pubblicità

L’ipotizzata responsabilità è collegata alle omissioni dei predetti dipendenti della P.A.T., che avrebbero dovuto classificare ai fini catastali, nei tempi dovuti e nella loro interezza, le centrali idroelettriche, essendo in possesso dei reali valori attribuiti agli impianti.

Dagli accertamenti è emerso che i due responsabili del Servizio Catasto, in danno del Comune di Peio e in diretto vantaggio dei soci della concessionaria delle centrali idroelettricheHydro Dolomiti Energia S.r.l.”, hanno omesso consapevolmente (quindi con dolo e non per disattenzione o colpa grave) di adempiere ai propri doveri d’ufficio, in quanto, pur avendone la disponibilità, hanno omesso di applicare la corretta valutazione tecnica, economica e finanziaria, per determinare il reale valore catastale, così come indicato nella nota del Presidente della Giunta della Provincia Autonoma di Trento, la quale aveva affidato tale stima ad una associazione temporanea di impresa, già nell’anno 2006.

Pubblicità
Pubblicità

Per il calcolo della rendita catastale le Fiamme Gialle hanno preso in considerazione tutti i beni strumentali strettamente connessi alle centrali, nonché gli impianti stabilmente connessi alle componenti strutturali delle centrali, rideterminando dunque il valore catastale finale in misura significatamene maggiore rispetto a quello attribuito dal Servizio Catasto della Provincia Autonoma di Trento.

La nuova determinazione della rendita catastale ha permesso ai militari del Comando Provinciale della Guardia di finanza di quantificare un danno erariale arrecato alle casse del Comune di Peio per complessivi 2.9 milioni di euro.

È stato proposto, inoltre, un sequestro conservativo pari al danno erariale accertato.

A fronte della riportata ipotesi investigativa formulata dalle fiamme gialle, nonché delle controdeduzioni dei dirigenti del Servizio Catasto della P.A.T., nei giorni scorsi la Procura contabile ha formulato la citazione in giudizio degli stessi per l’ipotesi accusatoria sopra evidenziata.

La Procura Regionale della Corte dei Conti di Trento, accogliendo in toto le conclusioni investigative della Guardia di Finanza trentina, ha citato in giudizio, nei giorni scorsi, i due responsabili del Servizio Catasto della Provincia Autonoma di Trento per danno all’Erario.

L’attività di servizio appena delineata costituisce ulteriore riprova del costante impegno profuso in sinergia dal Corpo e dalla Procura Regionale della Corte dei Conti di Trento nella lotta agli sprechi di denaro pubblico, a salvaguardia dei bilanci degli enti locali, affinché sia garantita la legalità, l’equità e l’efficienza nella gestione delle pubbliche risorse.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Vestiti digitali: l’abito che compri, indossi ma non esiste
    Dietro al glamour e allo scintillio dei vestiti nuovi, appena usciti dai negozi, il mondo della moda si ritrova in una fase epocale di cambiamento trainata dalla trasformazione dei comportamenti di acquisto dei prodotti, dalle diverse esigenze dei consumatori e soprattutto dalla forte rivoluzione digitale. In ambito fashion infatti, i cambiamenti più significativi riguardano la […]
  • Gelato alla frutta o gelato alle creme? Questo è il dilemma
    Che estate sarebbe senza gelato? Colorato, fresco, gustoso e perfetto per una merenda golosa o per una serata davanti al ventilatore, il gelato è un must della bella stagione. I gusti ormai sono infiniti, si va dal dolce al salato, dal classico gelato al gelato fritto… insomma, ce n’è per tutti i palati! Ma è […]
  • Da aerei e droni, “bombe di semi” contro la deforestazione in Thailandia
    La fame di risorse naturali che portano alla riconversione di zone naturali in coltivazioni e zone urbane è un fenomeno storico, noto fin dalle origini antiche ma mai così sviluppato come nelle proporzioni attuali. La deforestazione infatti, è considerata uno dei più grandi mali della società moderna che, oltre ad aggravare una vasta gamma di […]
  • Isole Borromee: le tre incredibili ‘perle’ del lago Maggiore
    Incastonato tra i rilievi collinari e montuosi delle terre svizzere e quelle italiane, nelle regioni di Lombardia e Piemonte si aprono le meravigliose acque del Lago Maggiore, rese spettacolari dai tratti di costa punteggiata di castelli, ville monumentali e circondate dai rigogliosi e coloratissimi giardini. Dal favoloso clima, alle bellezze architettoniche, alla ricca eredità archeologica, […]
  • Eco Bonus 110% esteso anche alle seconde case
    Nonostante il tanto desiderato Super Eco Bonus del 110 %, il pacchetto di incentivi fiscali relativi alle detrazioni per le riqualificazioni energetiche e misure antisismiche sia entrato ufficialmente in vigore dal mese di luglio 2020, si pensa già ad un allargamento della platea per la super detrazione. È stata presentata infatti, una riformulazione di un […]
  • Ghiaccioli fatti in casa: mille gusti di golosità!
    Quando arriva l’estate nei nostri congelatori non mancano mai alcune scatole di ghiaccioli. Golosi, gustosi, colorati e adatti a tutti i gusti: i ghiaccioli possono essere l’ingrediente perfetto per una merenda tra amici, fresca e rigorosamente instagrammabile. Ma è davvero così complicato prepararli? Gli ingredienti per preparare i ghiaccioli sono davvero semplici e pochi: i […]
  • Garda See Charter: tra l’arte del navigare e un’avventura sportiva
    Venti che soffiano costanti e regolari, onde perfette e mai eccessivamente abbondanti, acqua celeste e leggermente illuminata dai caldi raggi del sole che rendono il clima mite tutto l’anno: queste sono solo alcune delle condizioni ideali per un’esperienza in barca a vela sulle acque del Lago di Garda. Quello del Lago di Garda, tra il […]
  • “Vivi internet, al meglio”: la piattaforma di Google per aiutare gli adulti a guidare i ragazzi sul web
    Dalla sua nascita l’immenso mondo del web ha concretizzato le necessità in facili possibilità ma con la sua inarrestabile evoluzione sta offrendo, sopratutto al pubblico più giovane, altrettante insidie e minacce. Secondo una ricerca commissionata da Google, nonostante l’85% degli insegnanti italiani intervistati non abbia i mezzi sufficienti per affrontare questo tipo di problematiche, il […]
  • Sacro Bosco di Bomarzo: un luogo tra sogno e realtà
    Non tutti sanno che nel cuore della Tuscia Laziale, in provincia di Viterbo, si trova un bosco dove immaginazione e paure prendono forma: il Sacro Bosco di Bomarzo, noto ai più come Parco dei Mostri di Bomarzo. In letteratura e nell’arte, il bosco è spesso visto come metafora di caos, turbamento, inquietudine, vita, perdita della […]

Categorie

di tendenza