Connect with us
Pubblicità

Trento

Danno erariale per oltre 5 milioni di euro, due responsabili del Servizio Catasto della Provincia Autonoma di Trento rinviati a giudizio

Pubblicato

-

La Guardia di Finanza Trentina nell’anno 2019, ha eseguito 43 interventi su delega della Procura Giurisdizionale della Corte dei Conti di Trento e 7 interventi, avviati a seguito di autonome attività operative, che hanno interessato tutti i più importanti flussi di spesa, dai fondi comunitari agli incentivi nazionali, dalle sanità agli appalti, dl pubblico impiego alla gestione del patrimonio pubblico, accertando un danno erariale complessivamente pari a 5.325.103 euro.

Sono 42 i soggetti deferiti alla Corte dei Conti, a carico dei quali sono stati proposti sequestri conservativi per un valore di 4.567.881 euro.

È risultata di particolare rilevanza l’attività investigativa che la Guardia di Finanza ha svolto nel comparto delle entrate dei tributi locali, finalizzata a verificare la corretta attribuzione della rendita catastale delle centrali per la produzione di energia idroelettrica presenti nel territorio della Provincia Autonoma di Trento.

Pubblicità
Pubblicità

In tale ambito le Fiamme Gialle trentine hanno posto l’attenzione, previa specifica attività di indagine, le centrali idroelettriche site nel Comune di Peio.

Nel merito, su impulso della Corte dei Conti, le fiamme gialle hanno sequestrato una ingente documentazione presso la Provincia Autonoma di Trento, necessaria ad accertare e quantificare le minori entrate relative ai tributi locali ICI-IMU-IMIS causate dalla non corretta determinazione della rendita catastale delle due centrali idroelettriche.

Dopo l’esame della documentazione sequestrata le fiamme gialle hanno ipotizzato  una responsabilità amministrativo-contabile a carico di un dirigente e funzionario del Servizio Catasto della Provincia Autonoma di Trento.

Pubblicità
Pubblicità

L’ipotizzata responsabilità è collegata alle omissioni dei predetti dipendenti della P.A.T., che avrebbero dovuto classificare ai fini catastali, nei tempi dovuti e nella loro interezza, le centrali idroelettriche, essendo in possesso dei reali valori attribuiti agli impianti.

Dagli accertamenti è emerso che i due responsabili del Servizio Catasto, in danno del Comune di Peio e in diretto vantaggio dei soci della concessionaria delle centrali idroelettricheHydro Dolomiti Energia S.r.l.”, hanno omesso consapevolmente (quindi con dolo e non per disattenzione o colpa grave) di adempiere ai propri doveri d’ufficio, in quanto, pur avendone la disponibilità, hanno omesso di applicare la corretta valutazione tecnica, economica e finanziaria, per determinare il reale valore catastale, così come indicato nella nota del Presidente della Giunta della Provincia Autonoma di Trento, la quale aveva affidato tale stima ad una associazione temporanea di impresa, già nell’anno 2006.

Per il calcolo della rendita catastale le Fiamme Gialle hanno preso in considerazione tutti i beni strumentali strettamente connessi alle centrali, nonché gli impianti stabilmente connessi alle componenti strutturali delle centrali, rideterminando dunque il valore catastale finale in misura significatamene maggiore rispetto a quello attribuito dal Servizio Catasto della Provincia Autonoma di Trento.

La nuova determinazione della rendita catastale ha permesso ai militari del Comando Provinciale della Guardia di finanza di quantificare un danno erariale arrecato alle casse del Comune di Peio per complessivi 2.9 milioni di euro.

È stato proposto, inoltre, un sequestro conservativo pari al danno erariale accertato.

A fronte della riportata ipotesi investigativa formulata dalle fiamme gialle, nonché delle controdeduzioni dei dirigenti del Servizio Catasto della P.A.T., nei giorni scorsi la Procura contabile ha formulato la citazione in giudizio degli stessi per l’ipotesi accusatoria sopra evidenziata.

La Procura Regionale della Corte dei Conti di Trento, accogliendo in toto le conclusioni investigative della Guardia di Finanza trentina, ha citato in giudizio, nei giorni scorsi, i due responsabili del Servizio Catasto della Provincia Autonoma di Trento per danno all’Erario.

L’attività di servizio appena delineata costituisce ulteriore riprova del costante impegno profuso in sinergia dal Corpo e dalla Procura Regionale della Corte dei Conti di Trento nella lotta agli sprechi di denaro pubblico, a salvaguardia dei bilanci degli enti locali, affinché sia garantita la legalità, l’equità e l’efficienza nella gestione delle pubbliche risorse.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]
  • “ Kalabria Coast to Coast”: un cammino di 55 km per vivere la vera essenza della Calabria
    La Calabria è la regione dove mare e montagna sono così vicini da poter essere vissuti nella stessa giornata: caratteristica unica e particolare che ha spinto la nascita di “Kalabria Coast to Coast”, un percorso naturalistico di 55 km da assaporare a passo lento tra filari di vite, distese di ulivi, boschi e piccoli caratteristici […]

Categorie

di tendenza