Connect with us
Pubblicità

Spettacolo

Tolo Tolo: il trailer che ha ingannato milioni di italiani

Pubblicato

-

Che Zalone, fino a oggi, si fosse dimostrato un genio della comicità italiana non c’erano dubbi.

Quello che è successo con Tolo Tolo sembra essere però un’altra storia.

Il film era stato lanciato come l’ennesimo successo annunciato. La quinta pellicola che avrebbe consacrato il Checco nazionale in quell’Olimpo della commedia italiana a fianco di grandi come Paolo Villaggio.

PubblicitàPubblicità

Sì, perché il pregio di Zalone, così anche come di mostri sacri del cinema italiano come Paolo Villaggio, è stato quello di riuscire a interpretare l’Italia in cui vivevano. Gag esilaranti e macchiette caratterizzanti nascondevano, dietro l’ironia e la comicità, i limiti stessi della società che raccontavano.

Fantozzi era l’eterno sconfitto, subalterno e sfruttato, sposato con una donna che non amava e sempre alla ricerca di un riscatto che non avveniva mai.

Pubblicità
Pubblicità

Zalone aveva creato un personaggio capace di far sorridere dietro all’ingenuità concreta di un meridionale alla ricerca (anch’esso) del riscatto personale.

Innamorato di Marika con il padre leghista (Cado dalle Nubi 2009), eroe ingenuo che sventa un attacco terroristico (Che bella giornata 2011), padre in piena crisi economica (Sole a Catinelle 2013).

Infine, in un’Italia sempre più multietnica, l’attore e regista pugliese racconta l’odissea della ricerca del posto fisso, a cui nessuno vuole, alla fine, rinunciare (Quo Vado 2016).

Come non ricordare, sempre nello stesso film, uno Zalone in difficoltà in un ambiente culturale diverso come il nord Europa, in scenari che mostrano i limiti italici ma nello stesso tempo la nostra unicità.

Momenti di sottile comicità, sempre in Quo Vado, anche nel “periodo equino”, che denuncia una deriva sentimentale sempre più imperante.

Tolo Tolo doveva essere, dicevamo, il film della consacrazione ma si è dimostrato un capolavoro mancato. Certo l’incasso di 8 milioni nei primi giorni racconta un’altra realtà, ma per capire quell’incasso bisogna analizzare ciò che lo precede.

Zalone veniva in primis da quattro film che non hanno deluso l’aspettativa e da un trailer, quello di Tolo Tolo, che racconta un film diverso da quello che poi si è rivelato.

La trama risulta modesta, semplice e scontata. L’inizio sembra una forzatura come del resto il finale. Lo stile della narrazione è inesistente così come la comicità all’interno del film.

A Zalone è mancato il coraggio di raccontare un’Italia alle prese con i problemi dell’integrazione. Un’Italia in un periodo storico certamente delicato.

Una narrazione filmica in cui vi è l’assenza dell’elemento comico nel trattare temi importanti come il populismo, con il clima sempre più anti immigrati che va avanzando nel nostro Paese. Non si menziona il grande cuore che comunque alla nostra gente non manca.

A Zalone, è mancato invece il coraggio di una comicità spicciola incentrata sulla convivenza reciproca tra immigrati e italiani. Quel rapporto ben centrato nel suo trailer.

L’insistenza del pulivetri, dell’immigrato fuori dal supermercato. Tutte esche. Il trailer risulta più coraggioso di quanto poi riveli la reale sostanza del film. Non per nulla quell’anteprima così bene studiata ha convinto oltre un milione di Italiani. Il film invece no.

Poteva essere un capolavoro e invece è stato un flop. Una commedia in potenziale, un film banale. Zalone non ha voluto osare, sfidare il potere. Ha avuto paura di essere il comico geniale, ma politicamente onesto, che tutti vedevamo.

Certo un film che esce a gennaio e che parla dell’integrazione e delle sue problematiche poteva risultare pericoloso per chi aspetta con ansia i risultati delle prossime elezioni regionali in Emilia, ma un artista non dovrebbe curarsi della politica.

Tolo Tolo poteva essere un capolavoro, invece è rimasta un’opera incompiuta.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
    I ricordi e le emozioni sono unite da un profondo e stretto legame con l‘olfatto che lo rendono come il gusto, uno dei sensi più potenti e straordinari arrivando ad influenzare molte volte anche i nostri comportamenti. L’olfatto è quel senso che non solo riesce a collegare i ricordi, gli attimi e addirittura i sapori […]
  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]
  • Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
    Perdere oggetti e non riuscire più a ritrovarli è diventato un fenomeno talmente comune e frequente dall’essere d’ispirazione a numerose ricerche scientifiche per riuscire a determinarne le cause e i motivi. Secondo alcuni ricercatori, oltre allo stress e la fretta, sarebbero le attività inconsce ad allargare le possibilità di perdita. Infatti, senza volerlo spostiamo gli […]
  • Parco giochi per anziani: l’incredibile idea per che unisce il gioco alla salute
    All’arrivo della terza età troppo spesso si tende ad uscire e socializzare meno, con risultati non completamente positivi sulla salute. Una delle soluzioni insieme alle tante attività può essere lo sport: una perfetta occasione di interazione e socializzazione che permette di mantenersi attivi non solo nel corpo ma anche nello spirito. Per aiutare gli anziani […]

Categorie

di tendenza