Connect with us
Pubblicità

Trento

Uncino Ztl: commercianti in ginocchio, dal comune solo false promesse e assenza totale

Pubblicato

-

nella foto Gloria De Simoi la titolare di Glo Calzature

Dopo le feste natalizie tirano le somme i commercianti dell’uncino Ztl di Via Galilei, Via Roggia Grande e Via Calepina.

Ma qualcosa non torna e i dati sciorinati più volte dall’amministrazione comunale – a tratti anche alquanto confusi – del minor traffico e quindi di minor smog e miglior qualità della vita, sono indirettamente proporzionale agli incassi degli esercenti che sono calati in media del 25%.

L’aria che si respira nei negozi interessati è molto pesante e c’è chi pensa anche alla chiusura dopo un Natale che non è andato come le aspettative e con le strade senza luminarie per la scelta del comune.

Pubblicità
Pubblicità

«17 mila multe ogni anno per un totale di oltre 1,5 milioni di euro incassati in questa zona dal comune e non hanno nemmeno messo una lampadina sulle strade dei nostri negozi. Un vergogna che non ha precedenti» Dichiara un commerciante della zona. 

C’è anche chi sottovoce parla addirittura di «ritorsioni» da parte dell’amministrazione comunale nei confronti di alcuni commercianti del posto.

Una soluzione decisa dall’amministrazione comunale calata come una mannaia sulle teste dei commercianti dell’uncino che non è mai stata ne discussa, ne condivisa.

Pubblicità
Pubblicità

Anche per promesse sono state tutte disattese lasciando i commercianti completamente da soli. Ad aggravare ancora di più una situazione tragica sono state le dichiarazioni degli assessori Gilmozzi e Stanchina che hanno chiesto ai titolari del negozi di «darsi più da fare». L’affermazione ha fatto infuriare ancora di più gli esercenti.

«Avevano promesso di aiutarci per cercare di ripopolare la zona mettendo delle casette e delle aiuole particolari, oppure organizzando degli aventi musicali, ma non abbiamo mai visto nulla, noi nel nostro piccolo abbiamo organizzato eventi, proiezioni, e mille altre cose pagando di tasca nostra naturalmente. Dire che non ci siamo dati da fare è un affermazione ridicola» – spiega Gloria De Simoi di Glo’ Calzature, negozio purtroppo salito alla ribalta delle cronache per il grosso furto subito prima di Natale.

«La zona si è svuotata,  – aggiunge Gloria – non si vede più nessuno ma abbiamo in programma delle nuove cose per il nuovo anno. Abbiamo perso il 20% delle vendite e continuando di questo passo non possiamo resistere sul mercato. Anch’io ho dovuto rinunciare a del personale ma l’amarezza maggiore è vedere l’assenza dell’amministrazione con i suoi assessori che durante le riunione non hanno nemmeno il coraggio di guardarti in faccia e preferiscono chattare con il telefonino». 

Gloria De Simoi non le manda a dire insomma, anche se l’ottimismo e l’intraprendenza del commerciante non è sparita e c’è ancora voglia di dare battaglia per uscire da questa situazione. «Non riusciamo a fare fronte al calo drastico del fatturato – continua Gloria – Abbiamo superato gli anni duri della crisi, ma adesso il rischio chiusura è concreto. Da queste vie molti se ne sono andate alle prime voci di chiusura al traffico ed altri si stanno trasferendo perché il calo del fatturato è drammatico”.

Purtroppo la trasformazione dell’uncino in ZTF ha portato a risultati nefasti per alcuni commercianti. «Il drastico calo di fatturato mi ha costretto a licenziare due dipendenti – spiega un altro esercente – purtroppo la gente non entra e non ci sono parcheggi quindi cambia abitudini e negozi per gli acquisti. Anzi, alcuni clienti che hanno preso la multa per venire nel mio negozio l’hanno inconsciamente associata alla mia attività. Abbiamo dovuto lavorare di più a fronte di un guadagno minore». 

la zona sotto le festività natalizie completamente al buio

Alcuni negozianti parlano di pura demagogia durante le riunioni dove il comune ha snocciolato dati falsi solo per fare una propaganda esclusivamente lusingatrice per salvare il salvabile. «Le riunioni a cui ho partecipato con gli amministratori comunali sono state imbarazzanti, piene di ovvietà e di dati totalmente sbagliati.» – spiega un altro esercente in grave crisi. 

«Prima di prendere una decisione del genere andavano pianificate molte cose a partire dai parcheggi, – aggiunge ancora – ma è chiaro che da persone incompetenti non ti puoi attendere altro. E poi nel tentativo di metterci una pezza ti danno dei pass ai tuoi clienti per l’entrata nella ZTL che vanno dalle 8.00 alle 10.00 del mattino e dalle 14.00 alle 16.00 non sapendo nemmeno che i negozi aprono alle 9.00 e alle 15 del pomeriggio. Ma vi rendete conto?» 

La cronaca purtroppo riporta anche di altri due negozi chiusi in via Calepina e di una multa di 400 euro comminata ad un mamma, la cui colpa è stata solo quella di andare a prendere il figlio per alcune sere alla fine di uno stage in una pizzeria. La malcapitata, credendo che dopo le 22.00 la zona ZTL fosse libera, l’aveva percorsa tranquillamente per 5 sere.

Tiene invece l’attività del garage Europa ma fra mille difficoltà. «Noi ce la siamo cavata perché dopo una decina di anni dove i prezzi sono stati bloccati abbiamo deciso di aumentarli in corrispondenza della trasformazione in ZTL. La verità è che ora però sono aumentate le pratiche burocratiche da espletare (NdR – ogni sera deve segnalare tutte le targhe che entrano nel suo garage per così evitare le multe ai clienti) e che dobbiamo fare un grande lavoro informativo. Si lavora solo con i turisti, perché ai trentini è stata fatta perdere l’abitudine ad entrare in centro storico da Via Galilei». – Evidenzia il titolare

Le due proposte che sono sul tavolo riguardano la possibilità di aprire la ZTL in alcune ore del giorno oppure di bloccare il traffico all’altezza della sede centrale di Unicredit e riaprire il traffico dell’uncino. Proposte che per ora non sono state prese in considerazione dall’amministrazione.

Questo perché pare difficile che il comune rinunci all’incasso di 17.000 multe l’anno per la violazione della Ztl dell’uncino

Una storia insomma nata male e che rischia di finire anche peggio e tutto «per fare piacere a qualche famiglia che abita in queste vie che sogna la sostenibilità e che pensa che lo smog sia calato, cosa peraltro non vera»dicono tutti in coro

Una chiusura – dicono tutti – che stata una follia se pensiamo che per farsi dare un permesso per entrare con la macchina uno deve andare al comando di via Maccani rischiando di perdere mezza giornata. Un sistema tanto macchinoso che vede i possibili clienti perdere 3 ore per entrare 5 minuti in zona ZTL.

Tanti si auspicano la realizzazione di un parcheggio sotterraneo in piazza Venezia, ma se ne cominciato a parlare solo alcuni mesi fa e se va bene ci vorranno 15 anni per costruirlo.

A poco più di due anni da un provvedimento imposto dall’amministrazione senza interpellare gli operatori economici e con una petizione con oltre 600 firme finita nel dimenticatoio, gli assessori non sono stati in grado di dare risposte concrete a domande precise: “Mi date una motivazione per la Ztl che abbia un valore superiore al diritto a lavorare che sta venendo meno per 40 attività economiche?”

Ma siccome le sfortune e i drammi non arrivano mai da soli alle fine dell’anno sono arrivate anche le sanzioni da parte di ICA (affissione e pubblicità) che in taluni casi sono arrivate anche a 6 mila euro.  A dir poco inferociti sono stati gli esercenti di via Milano, Corso Tre Novembre, via Perini e appunto alcuni negozi dell’uncino. 

La novità nelle sanzioni è il fatto che ora i commercianti non solo devono pagare lo spazio per l’insegna e una metratura sulla vetrina adibita alla pubblicità del proprio negozio, ma anche quello di pubblicitario che si vede dalla vetrina esterna dentro il negozio.

Una cosa tragicomica, se tu servi al banco con la maglietta con il nome della tua azienda oppure sul bancone hai una locandina che pubblicizza un tuo servizio dovrai pagare anche quella. Un commercio ormai messo in ginocchio. 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pacchetti “antistress “ in hotel di lusso: giornate alla ricerca del benessere
    Alternare il lavoro con il riposo, mettendo in pausa la routine quotidiana aggiunge una diversione alla vita e permette la splendida occasione di fare esperienze insolite, conoscere luoghi, persone e sopratutto non avere un’agenda giornaliera. In una società iperattiva è quindi indispensabile la ricerca dell’equilibrio perduto anche solo attraverso esclusivi pacchetti antistress in hotel di […]
  • Un solo tavolo al ristorante stellato, l’elegante genialità della ristorazione
    Il meglio delle esperienze che Venezia possa offrire è racchiuso in un luogo dove la declinazione dell’esperienza sarà il miglior servizio. Un posto non convenzionale che può essere scelto solo da coloro che accettano di non porre condizioni. Con geniale eleganza, Il Ristorante “Oro” dell’hotel Cipriani a Venezia rinasce mettendo in luce un dettaglio unico […]
  • A Bologna l’economia circolare in edilizia diventa realtà: arriva il nuovo asfalto 100% riciclato
    Un’edilizia circolare sempre più sostenibile dal punto di vista ambientale risulta una strada imprescindibile per il futuro dello sviluppo economico. Il riciclo dei materiali promette infatti oltre ad una sensibile riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento, anche un’ottima soluzione per ottimizzare costi e ricavi. In un simile contesto risulta fondamentale lavorare sulla ridefinizione del ciclo produttivo […]
  • Una notte tra le Dolomiti e le stelle a 2055 metri di quota
    A pochi chilometri da Cortina tra cieli sconfinati e cattedrali rocciose esiste una camera che regala l’insolita emozione di ritrovarsi a dormire avvolti dall’affascinante magia di un paesaggio unico al mondo. La starlight Room, inclusa tra i dieci hotel più spettacolari del mondo, si trova infatti sopra al rifugio Col Gallina a 2055 metri in […]
  • “Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
    Immagina un angolo di vacanza nel tuo giardino o terrazza, uno spazio accogliente e riservato dove poter dimenticare i problemi quotidiani e immergerti in momenti di benessere e relax da solo o con i tuoi cari. Magari è da un po’ che ci pensi ma qualcosa ti frena. Domande del tipo: “Da dove inizio? Mi […]
  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]

Categorie

di tendenza