Connect with us
Pubblicità

Trento

Liquidazione TFR: Vince la Fai Cisl, Centrofiore paga l’ex dipendente e replica al sindacato

Pubblicato

-

La nota azienda di Romagnano era finita nel mirino della Fai Cisl Trentino che aveva denunciato attraverso il nostro giornale  il 30 dicembre 2019 il mancato versamento ad una dipendente del TFR. (qui l’articolo)

La dipendente si era licenziata a metà del 2018 e dopo aver atteso inutilmente un anno si era rivolta ai sindacati per tentare di recuperati i soldi della liquidazione.

Il sindacato era subito intervenuto direttamente con il proprio segretario Fulvio Bastiani proponendo a Centrofiore una transazione poi accattata dall’azienda.

Pubblicità
Pubblicità

A decidere di denunciare la cosa ai media da parte del sindacato erano stati i mancanti pagamenti che erano stati concordati.

Ricordiamo che il TFR deve per legge essere liquidato massimo dopo un mese dalla fine del rapporto di lavoro.

Nel caso di Centrofiore sono passati quasi 20 mesi.

Pubblicità
Pubblicità

Si, perché da parte dell’azienda, arriva la conferma che il giorno dopo l’uscita del nostro articolo la posizione dell’ex  dipendente è stata chiusa e saldata.

L’azienda attraverso un comunicato rende noto anche che «non se la sente di essere sottotitolata come “I furbetti in agricoltura” e che il fenomeno dello sfruttamento e del lavoro sottopagato in agricoltura non fa al caso suo».

CentroFiore respinge al mittente anche la dicitura di lavoro sottopagato perché – si legge nella nota negli anni scorsi si è trovata intorno a un tavolo con il proprio consulente e il sindacato del settore della CGIL per trovare un accordo tra tutte le parti.

Il titolare Enrico Ferrari offre anche un’altra considerazione ai lettori dicendo che «le aziende di piccole dimensioni come la nostra sono nelle mani della grande distribuzione che decide prezzi della merce che compra e tipo di pagamento e  dove basta una piccola imprecisione perché il pagamento slitti di 30 giorni, o ci sia un piccolo contrattempo perché il Sistema di Interscambio dell’agenzia delle entrate, consegni la fattura in ritardo e per cui il pagamento slitti di 30 giorni».

Ma nel suo caso va detto che il pagamento è slittato non di 30 o 60 giorni ma di quasi 600 giorni ed è avvenuto solo dopo la denuncia della Fai Cisl Trentino. 

CentroFiore quindi spiega che quanto detto dalla Fai Cisl del Trentino, non è veritiero.

«L’azienda non si è presa gioco del ruolo del sindacato e non ha preso in giro in alcun modo la dipendente – spiega Ferrari – corrispondendo un acconto (ma il sindacato smentisce questo) e il saldo in 31.12.2019»  

L’azienda conferma invece che c’è stato un incontro con il signor Bastiani per trovare una soluzione nella quale si prospettava una rateizzazione e dove il titolare si assumevo l’impegno di saldare a rate o il tutto entro fine anno. L’impegno – secondo il sindacato – prevedeva il pagamento di 3 rate, l’ultima delle quali scadeva il 15 dicembre 2019, che però non sono state mai rispettate 

Per Ferrari lo sfogo del segretario Fulvio Bastiani  (foto) è veramente intollerabile dichiarando: «che nel settore si metta in atto sempre più spesso il giochetto di intestare l’Azienda ai figli credendo così di eludere e procrastinare precisi impegni assunti ed obblighi di legge» , infatti l’azienda Centrofiore è attiva non è stata trasferita al figlio, il titolare ha un unico figlio ed in questo momento è minorenne, mentre altre operazioni sono realizzate per stare al passo con le richieste della grande distribuzione».

La ditta Centrofiore termina dichiarando che «il Signor Bastiani non è guastafeste, come si ritiene, ma il suo lavoro, oltre che garantire i diritti a tutti i lavoratori, dovrebbe essere quello di uscire dal proprio ufficio per incontrare le aziende e capire oltre ai problemi dei dipendenti, anche quelli delle aziende che essendo di piccole dimensioni, devono sottostare alle esigenze dei grandi gruppi. Basta vedere cosa succede in italia in questo momento».

Diatriba quindi chiusa. L’ex dipendente ha ricevuto la liquidazione, Centrofiore ha ottemperato agli impegni, il sindacato Fai Cisl Trentino ha visto ripagato il suo grande lavoro e il nostro giornale ha fatto in modo egregio un servizio pubblico alla società.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]

Categorie

di tendenza