Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Papa Francesco arrabbiato schiaffeggia una fedele, poi arrivano le scuse. Il video virale in tutto il mondo

Pubblicato

-

Papa Francesco si è arrabbiato e ha dato degli schiaffi sulla mano ad una donna in Piazza San Pietro la sera di Capodanno.

Il giorno dopo ha chiesto scusa durante l’Angelus in piazza San Pietro per la reazione verso la fedele.

Il video sta facendo il giro del mondo e in questo caso non divide la comunità cristiana. Infatti quasi tutti dichiarano che il Papa dovrebbe dare il buon esempio e sentire i fedeli quando decide di scendere a salutare fra la folla.

Pubblicità
Pubblicità

Papa Francesco è stato strattonato da una ragazza in piazza san Pietro e ha reagito schiaffeggiala sulla mano, come mostra un video diventato subito virale.

Il fuori programma ha animato la passeggiata del Pontefice tra i fedeli dopo la solenne celebrazione del Te Deum, la sera di San Silvestro.

Pubblicità
Pubblicità

Nel video si vede che il Pontefice camminava davanti ai fedeli, da dietro la transenna una donna asiatica gli afferra il braccio destro, tirandolo a sé.

Non si capisce bene cosa gridi la donna verso il Papa, anche se la sua pare una richiesta.

Il Papa si è arrabbiato e le ha colpito la mano riuscendo a liberarsi. Poi, visibilmente infastidito, si è diretto verso il presepe ‘plastic free’ donato dalla Regione Autonoma del Trentino, allontanandosi dalle transenne. E la donna ci è rimasta malissimo.

«Gesù non ha tolto il male dal mondo ma lo ha sconfitto alla radice. La sua salvezza non è magica, ma “paziente”, cioè comporta la pazienza dell’amore, che si fa carico dell’iniquità e le toglie il potere», ha detto Bergoglio l’indomani e poi parlando a braccio, ha sottolineato: «A volte perdiamo la pazienza. Anche io. E chiedo scusa per il cattivo esempio di ieri».

I maliziosi poi sottolineano anche che Papa Francesco dopo poche ore dal «fattaccio» era intervenuto difendendo le donne dicendo che «sono continuamente offese, picchiate, violentate, indotte a prostituirsi e a sopprimere la vita che portano in grembo»

Dopo le pubbliche scuse sui social è partita l’ironia. «Da Urbi et Orbi  a Botte da Orbi il passo è breve», ha ironizzato un utente su Twitter. «Dio perdona, Bergoglio no», e ancora: «Buon proposito per il 2020: allontanare le persone tossiche come solo il Papa sa fare»

Tra i politici Guido Crosetto ha twittato: «Oggi il Papa ha dedicato la predica al rispetto della donna. Ispirato dalla fedele di ieri…». Marcello Veneziani ha commentato: «Papa Manesco I: Mai visto un papa azzuffarsi coi fedeli; altro che accoglienza e ponti, siamo alle comiche finali».

Poi è scesa in campo anche la vena umoristica di Eccles che ha ricordato e trasformato la famosa frase sulla carezza ai bambini detta da Giovanni XXIII in: “Quando andate a casa date una sberla ai vostri bambini e dite questa è la sberla del papa…”.

Altri hanno messo in evidenza il comportamento dei due papi precedenti.

Quello di Giovanni Paolo II che dopo l’attentato alla sua vita commesso il 13 maggio 1981 in piazza San Pietro, in Vaticano, da Mehmet Ali Ağca, un killer professionista turco, che gli sparò quattro colpi di pistola ferendolo gravemente, volle comunque incontrarlo per perdonarlo.

E quanto successe la notte di Natale del 2009, alla messa in Vaticano, quando Papa Benedetto XVI venne aggredito e fatto cadere rovinosamente a terra da Susanna Maiolo, 25 anni, italo-svizzera, che aveva scavalcato le transenne: la donna venne poi sottoposta a trattamento sanitario obbligatorio anche perché si scoprì che un anno prima aveva già tentato di avvicinarsi al Papa.

In quel caso papa Benedetto XVI chiese informazioni sulle le condizioni dell’aggressore. Il Papa non riportò conseguenze, mentre il cardinale Etchegaray riportò la frattura di un femore e fu operato Policlinico Gemelli. Il cardinale è morto lo scorso settembre a 97 anni.

 

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
    I ricordi e le emozioni sono unite da un profondo e stretto legame con l‘olfatto che lo rendono come il gusto, uno dei sensi più potenti e straordinari arrivando ad influenzare molte volte anche i nostri comportamenti. L’olfatto è quel senso che non solo riesce a collegare i ricordi, gli attimi e addirittura i sapori […]
  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]
  • Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
    Perdere oggetti e non riuscire più a ritrovarli è diventato un fenomeno talmente comune e frequente dall’essere d’ispirazione a numerose ricerche scientifiche per riuscire a determinarne le cause e i motivi. Secondo alcuni ricercatori, oltre allo stress e la fretta, sarebbero le attività inconsce ad allargare le possibilità di perdita. Infatti, senza volerlo spostiamo gli […]
  • Parco giochi per anziani: l’incredibile idea per che unisce il gioco alla salute
    All’arrivo della terza età troppo spesso si tende ad uscire e socializzare meno, con risultati non completamente positivi sulla salute. Una delle soluzioni insieme alle tante attività può essere lo sport: una perfetta occasione di interazione e socializzazione che permette di mantenersi attivi non solo nel corpo ma anche nello spirito. Per aiutare gli anziani […]

Categorie

di tendenza