Connect with us
Pubblicità

Trento

Nuovo anno record per la «Voce del Trentino», nel 2019 superate le 18 milioni di pagine lette

Pubblicato

-

Nella foto l'editore Roberto Conci amministratore delegato di Cierre Edizioni

Alla mezzanotte del 30 dicembre 2019 il contatore di google analytics (vedi sotto) de La Voce del Trentino si è fermato a 18.260.514 pagine sfogliate dagli oltre 4,6 milioni di lettori

Quasi 3 milioni in più del 2018 e oltre 14 milioni in più rispetto al 2016. 

Una ascesa inarrestabile con numeri da record che sono esplosi negli ultimi 3 anni sostenuti anche dalla grande crescita di tutti i gruppi e le pagine presenti su Twitter Facebook  (sono 5 le pagine collegate alla principale e riguardano le valli) che hanno raggiunto i 60 mila «Like»

PubblicitàPubblicità

Anche nel 2019 sono stati numerosi i picchi giornalieri che hanno superato le 100 mila pagine lette. Ad oggi dall’apertura del testata nel lontano 3 febbraio 2013 sono state quasi 52 milioni le pagine lette da quasi 13 milioni di utenti.

Il 30 luglio la nostra testata ha battuto anche il record di sempre per quanto riguarda lettori e pagine lette. In quella giornata sono stati infatti raggiunti 158.054 lettori e  212.862 pagine lette. 

Nel 2020 il nostro quotidiano sbarcherà anche su Pinterest seguendo una nuova Marketing Strategy che porterà la nostra testata ad incidere ancora di più sul territorio.

Ma la novità più importante potrebbe riguardare la realizzazione di un trimestrale cartaceo gratuito comprensivo di inserto che arriverà nella bussole di tutte le famiglie trentine a partire da Marzo. Il progetto è allo studio.

I dati sopra citati confermano l’esponenziale crescita della testata che il 3 febbraio 2020 compirà 7 anni di vita e che oggi è diventata la seconda della regione per lettori e popolarità. (sotto il grafico dell’ascesa dall’apertura)

Sono però in molti a non sapere che in realtà la testata è nata nel 2011 sotto forma di e-magazine con uscita sempre online ma mensile.

L’articolo maggiormente letto nel 2019 riguarda un caso nazionale: le dichiarazioni e gli insulti della docente Eliana Frontini al carabiniere morto Mario Cerciello Rega assassinato da un pusher americano.

“Uno di meno, e chiaramente con uno sguardo poco intelligente, non ne sentiremo la mancanza”, scriveva la docente di filosofia di Novara sulla sua pagina facebook

Le sue inquietanti dichiarazioni sono state lette nel nostro articolo da oltre 290 mila lettori.

Oltre 80 mila lettori invece hanno letto con sgomento e tristezza della prematura e tragica scomparsa del vigile del fuoco volontario e vice comandante del nucleo di Baselga di Bondone  Stefano Tabarelli de Fatis,

La cronaca nera è salita alla ribalta dopo la morte per overdose della giovanissima Serena Pedergnana, la 25 enne il cui corpo è stato trovato il giorno 25 novembre dentro un’autovettura parcheggiata vicino all’ospedale di santa Chiara. Gli articoli pubblicati sulla tragedia che hanno scosso il Trentino sono stati letti da quasi 150 mila lettori.

Un altro fatto ha scosso molto l’opinione pubblica trentina del 2019. Gli articoli sull’omicidio della povera Eleonora Perraro di 43 anni ad opera del convivente hanno infatti superato i 100 mila lettori.

Due invece i video che hanno superato i 50 mila lettori: il primo riguarda uno dei tanti incidenti successi sul pericoloso ponte di Ravina (qui il video). L’altro un folle sorpasso di un automobilista sulla Statale 47 (qui il video)

Per il Gossip, come l’anno precedente, la famiglia Moser rimane al primo posto. L’articolo più letto però non riguarda Ignazio ma il padre Francesco che si è separato dalla moglie Carla Merz dopo 39 anni di matrimonio.

La nostra testata aveva pubblicato la notizia, poi confermata, in anteprima nazionale ed era stata letta da quasi 40 mila internauti.

Particolarmente lette anche le storie che riguardano persone normali. «Fuga dall’incubo: la storia di Massimo uscito dai Testimoni di Geova»,  «Civezzano in lutto è morto Marco Nadalini»  «La battaglia contro il cancro di Gianenrico Sordo continua: «Il coraggio delle scelte e l’aiuto di Padre Pio» e «Trattato dai condomini peggio di un “animale”: la storia di Andrea, bambino autistico di 9 anni»

Tutte e quattro le storytelling hanno superato per il momento i 40 mila contatti.

Gli articoli più letti della politica hanno riguardato l’elezione del nuovo Sindaco di Borgo Valsugana (40 mila i contatti). 

Significativi anche i numerosi lettori che hanno seguito sul nostro giornale le vicende del Vaticano. due articoli: «Papa Bergoglio nella bufera: crollano consensi, fedeli, ed oboli per la chiesa cattolica» e «Si agitano venti di scisma nella Chiesa di Papa Francesco» insieme hanno superato i 65 mila lettori.

Il 2019 ci ha purtroppo portato via anche delle persone care impegnate nel volontariato, nel sociale e nella musica. Se ne sono andati in Paradiso oltre a Stefano Tabarelli de Fatis e Marco Nadalini, anche Dario Piffer, Flavia Vanzo, Michele Longhi, Christian Moiola, Andrea Cristoforini, Anna Maria Faes, Luca Gretter, Roberto Fontana, Roberto Bonvecchio, Cristina Barchetti, Renzo Leonardi, Guido Lorenzi, Pietro Asson,  Sandro Boato, Maurizio Ghidini, Claudio Casata, Fabio Stefani, Paolo Valenti, Matteo  Riolfatti, Daniel Ioriatti, Fiorenzo Marzari, Alfio Biondo e Fabio Pretto.

Molti di questi forse troppo giovani per morire.

Ci hanno lasciato i batteristi Claudio Benedetti, Tony Paletta e Carlo Alberto Canevali. È deceduto anche il chitarrista noneso Ferruccio Bertagnolli,

Gli articoli più letti de «La Voce del Trentino» dal 2013 ad oggi?

Rimane saldamente in testa «55.930 mila stranieri in Italia godono dell’ assegno sociale senza aver lavorato nemmeno un giorno» con quasi 900 mila visualizzazioni,  seguito da«Non sono poveri e non scappano dalla guerra né dalla fame, ecco perché i profughi vengono in Italia»  e da «Il coraggio delle merde», scritto nel 2016 e ripreso nel 2018 dove si anticipava il grave fenomeno della droga poi emerso a Trento.

Il web non ha confini, per questo gli articoli del nostro giornale vengono letti in 217 paesi diversi del mondo.

Dagli oltre 105 mila contatti degli Stati Uniti agli oltre 30 mila contatti annuali di Germania, Francia, Svizzera, Regno Unito, Spagna, Norvegia, Romania, Irlanda, Austria, Brasile e all’unico contatto dell’isola di Samoa 

Alla pari di Trento e Bolzano durante il 2019 gli articoli de «La Voce del Trentino» sono stati sfogliati anche in tutte le città d’Italia.

Nella speciale classifica dopo le due città della regione ci sono Milano (800 mila contatti), Roma (500 mila) Verona(400 mila), Bologna, Firenze, Napoli e Torino con oltre 300 mila contatti nell’anno appena terminato.

A Seguire il nostro giornale per il 56% è il sesso femminile. Lo zoccolo duro è quello dai 25 ai 54 anni di età (67%).

La  nostra redazione è particolarmente orgogliosa di aver fatto scoppiare gli scandali legati alle borse di studio, poi impugnati dalla Corte dei Conti che ha condannato i comportamenti di alcuni soggetti chiedendo un danno erariale di 607 mila euro. (leggi Borse di studio a bimbi di tre anni: contributi a pioggia a figli di dipendenti Unitn ma senza ICEF né ISE o Borse di studio ai bimbi, la “Voce” aveva ragione: danno erariale di Unitn da 607mila euro).

Nel 2019 sono state quasi 300 mila le interazioni sui post condivisi nelle pagine facebook  e quasi 500 le segnalazioni arrivate al numero whatsApp della redazione (3922640625).

Le newsletter giornaliere gratuite hanno raggiunto nel 2019 quasi 4.500 iscritti (clicca qui se vuoi iscriverti, bastano solo due clic)

Quelli sopra riportati sono numeri da record per un giornale «libero» da padrini e padroni che si sostiene da solo, contrariamente ad altri media della regione che ricevono finanziamenti dallo Stato, o peggio chiedono l’elemosina ai propri lettori (vedi ilDolomiti.it).

E per questo vanno ringraziati i lettori che giornalmente sfogliano oltre  50 mila pagine al giorno del nostro giornale e che ci testimoniano il proprio affetto e rispetto in qualsiasi momento.

Ed anche tutti i collaboratori che in questi anni, anche scrivendo un solo articolo, hanno contribuito alla crescita di questo progetto, tenendo sempre atteggiamenti propositivi, di lealtà e di stima l’uno per l’altro.

È stato anche l’anno del nuovo direttore Elisabetta Cardinali (foto) nominato il 24 dicembre 2018  che si è subito calata nella realtà della testata portando una ventata di novità, nuovo dinamismo, preparazione, competenza, equilibro ed entusiasmo. Per lei il 2020 potrebbe essere l’anno della sua consacrazione.

Mentre in questi anni nascevano altre testate online, poi chiuse in tempi brevi o in questo momento alla canna del gas, oppure altre, che con arroganza cercavano di distruggere il nostro lavoro con il risultato poi di dover chiedere l’elemosina ai propri lettori per poter sopravvivere, o veder confermato che le accuse nei nostri confronti erano solo fake news, noi in silenzio abbiamo continuato a lavorare non perdendo mai di vista gli obiettivi.

L’invidia, la cattiveria, e la gelosia, che da sempre accompagnano i perdenti, non fanno parte dei valori di questa testata che ha sempre preferito la tenacia, l’intraprendenza, l’efficienza e il lavoro, alle chiacchiere, agli insulti e alle diffamazioni arrivate da persone vigliacche  e codarde che agiscono nell’ombra, preferendo la violenza al dialogo.

Questo ha pagato in termini di popolarità e di lettori per una testata che è stata, è, e sarà la «voce» del territorio, della comunità, e di chi non è stato mai ascoltato da nessuno

Il vile attentato alla nostra ex redazione di via Milano rivendicato dal mondo anarchico e dai centri sociali trentini è l’unico momento di amarezza di questo 2019 che sta finendo.

Ma non tutto il male vien per nuocere, da quanto successo abbiamo tratto la consapevolezza di una situazione che deve essere migliorata: non è infatti possibile che personaggi squallidi senza arte ne parte, nullafacenti e vigliacchi, possano ancora girovagare per strada a Trento armati, spaccando vetrine di onesti commercianti o seri imprenditori e provocando danni in nome di una non meglio precisata democrazia e libertà. (la loro però)

Ma la solidarietà trasversale di tutto il mondo politico e soprattutto il sostegno di migliaia di lettori e amici, ci ha reso ancora più forti e consapevoli dell’importanza del nostro ruolo  nell’informazione e della comunicazione in Trentino e non solo. 

Il lavoro paga sempre. Il risultato è in quello che abbiamo raggiunto in questi anni grazie a noi stessi e alle migliaia di lettori che si sono fidelizzati sempre di più al nostro giornale.

Ma naturalmente non finisce qui…. nemmeno quest’anno.

La certificazione di Google Analytics

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
    I ricordi e le emozioni sono unite da un profondo e stretto legame con l‘olfatto che lo rendono come il gusto, uno dei sensi più potenti e straordinari arrivando ad influenzare molte volte anche i nostri comportamenti. L’olfatto è quel senso che non solo riesce a collegare i ricordi, gli attimi e addirittura i sapori […]
  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]
  • Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
    Perdere oggetti e non riuscire più a ritrovarli è diventato un fenomeno talmente comune e frequente dall’essere d’ispirazione a numerose ricerche scientifiche per riuscire a determinarne le cause e i motivi. Secondo alcuni ricercatori, oltre allo stress e la fretta, sarebbero le attività inconsce ad allargare le possibilità di perdita. Infatti, senza volerlo spostiamo gli […]
  • Parco giochi per anziani: l’incredibile idea per che unisce il gioco alla salute
    All’arrivo della terza età troppo spesso si tende ad uscire e socializzare meno, con risultati non completamente positivi sulla salute. Una delle soluzioni insieme alle tante attività può essere lo sport: una perfetta occasione di interazione e socializzazione che permette di mantenersi attivi non solo nel corpo ma anche nello spirito. Per aiutare gli anziani […]

Categorie

di tendenza