Connect with us

Val di Non – Sole – Paganella

Messa solenne e spettacolo in musica per concludere al meglio le celebrazioni per i 500 anni della Pieve di Santo Stefano a Revò

Pubblicato

-

Non c’era modo più solenne per salutare un anno ricco e intenso di iniziative che la comunità di Revò ha voluto promuovere per celebrare i 500 anni della sua bella Pieve. Una giornata intensa di eventi infatti è stata organizzata nel giorno della festa del santo patrono, Stefano, giovedì scorso.

Nel pomeriggio il cardinale Giovanni Battista Re, prefetto emerito della Congregazione per i vescovi, ha celebrato l’Eucaristia insieme al parroco don Ferdinando Pircali, ai sacerdoti originari di Revò e ad altri collaboratori dell’Unità Pastorale “Divina Misericordia”.

Una Santa Messa davvero partecipata e solenne, al termine della quale è stata svelata e benedetta una targa in marmo per l’occasione commissionata e apposta in controfacciata a perenne ricordo del Cinquecentenario: “Ascoltate e riscoperte la voce, la bellezza e la storia di queste pietre la Comunità di Revò pose a ricordo delle celebrazioni per i 500 anni della Pieve di Santo Stefano. 1519 – 2019”.

PubblicitàPubblicità

Grande l’entusiasmo del cardinale per la solennità della celebrazione e per aver trovato una comunità così viva e attiva.

Terminata la celebrazione, la chiesa si è preparata ad essere un vero e proprio teatro, che ha ospitato nella stessa sera l’evento musicale di chiusura dell’importante anniversario. Per l’occasione, infatti, tutte le realtà musicali del paese, dal coro parrocchiale a quello giovanile, dal coro Maddalene al Corpo Bandistico Terza Sponda, hanno offerto insieme un tributo musicale alla Pieve proponendo dapprima alcuni brani eseguiti dalle singole formazioni e nella seconda parte del concerto unendo le voci e i suoni (quasi 100 gli artisti che si sono esibiti) .

Pubblicità
Pubblicità

È stata eseguita la Missa Pro Pace del compositore trentino Daniele Carnevali e infine, dedicato a tutti gli emigrati, l’Inno al Giubileo di Lecot, a suggellare questo anno di celebrazioni che è stato di fatto per Revò un anno giubilare.

Nel corso della serata è stata presentata anche una pregevole pubblicazione frutto dell’intero percorso di studio e di ricerca che hanno segnato tutto l’anno. Tredici diversi studiosi si sono affiancati nell’approfondimento di altrettanti temi e aspetti relativi alla chiesa, dalla storia all’architettura, dalla liturgia all’altaristica, dall’argenteria ai tessuti.

Un lavoro lungo e intenso che è stato coordinato dal Comitato Scientifico composto da Walter Iori (presidente dell’associazione Lampi), Lorenzo Ferrari (in rappresentanza della parrocchia), Alessandro Rigatti (assessore alla cultura del Comune di Revò) e Gianantonio Agosti (presidente dell’associazione Anastasia – Val di Non).

La pubblicazione è stata curata da Andrea Biasi, che ha presentato l’opera durante il concerto in una chiesa gremita di gente, accorsa da diverse località della valle. La pubblicazione sarà disponibile dopo le feste natalizie.

Le modalità di agire del comitato, l’approccio scientifico della ricerca unita alla necessità di rendere il lavoro accessibile a tutti, i positivi risultati in termini di partecipazione ai numerosi eventi organizzati durante tutto l’anno ci permettono di considerare questo progetto un valido esempio da imitare per quei territori e quelle comunità che vorranno valorizzare un bene culturale sia ecclesiastico che pubblico” ha affermato Walter Iori.

A nome dell’intero Comitato l’assessore Alessandro Rigatti ha voluto infine ringraziare tutti gli enti e le persone che hanno a diverso titolo collaborato, anche finanziariamente, al progetto, ma soprattutto la comunità che ha risposto con vivo entusiasmo e partecipazione alle iniziative promosse nel corso dell’anno.

Siamo convinti che questo anno di celebrazioni sia riuscito a risvegliare in molti nostri cittadini la curiosità e la volontà di approfondire la propria memoria collettiva, a rafforzare la consapevolezza della ricchezza trasmessa dalle generazioni precedenti, a saper apprezzare e contemplare la bellezza racchiusa tra le mura della chiesa – ha concluso Rigatti –. Siamo sicuri che tutto ciò favorirà anche l’impegno di molti nel continuare a prendersi cura delle cose belle e della comunità”.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Coronavirus e stampanti 3D: Mercedes Benz pronta alla produzione di dispositivi medici
    Un periodo così instabile ed incerto come quello del recente allarme sanitario da Covid- 19, costringe ad una stretta coalizione internazionale che riesca a coinvolgere ed unire il maggior numero di forze e di aiuti possibili per riuscire contenere l’emergenza. Per questo, la nota casa automobilistica tedesca Mercedes Benz scende da protagonista in campo, mettendo […]
  • Fratellini soli a casa in quarantena: il Paese li aiuta “adottandoli”
    L’allarme sanitario che da settimane sta lasciando dolorose ferite, obbligando l’isolamento e la distanza dalle persone care, sta facendo riscoprire all’Italia un senso di vicinanza ed un’insaziabile bisogno di aiutarsi per riuscire ad arrivare il più velocemente possibile alla fine di un’emergenza che sta attraversando senza freni l’intero territorio nazionale. A confermare e dimostrare l’estrema […]
  • Dalle piume d’oca ai petali di fiori: La prima produzione di giacconi 100% naturali
    Esisteranno sempre alcuni capi di cui non se ne potrà mai fare a meno, e come non non si può affrontare il caldo estivo senza occhiali da sole e bermuda, così non si può superare il freddo invernale senza, il protagonista indiscusso dei mesi più gelidi: il piumino. Dalle classiche piume d’oca, alla più recente […]
  • Coronavirus: molto richiesti i saturimetri, a qualcuno servono davvero
    Dall’inizio dell’allarme coronavirus la corsa ai principali dispositivi di protezione individuale sembrava inizialmente limitarsi alle mascherine ed ai gel disinfettanti per le mani, diventati poi introvabili sia nelle farmacie che sui portali online, ma ultimamente il fenomeno parrebbe essersi allargato anche a strumenti prettamente sanitari come il saturimetro. Infatti, il particolare dispositivo a pinzetta facilmente […]
  • Coronavirus: L’Italia spegne i motori e i delfini tornano nei porti italiani
    La recente emergenza sanitaria ha reso l’Italia, Paese noto per la sua vivacità e il suo calore una penisola pressoché deserta obbligando negozi, centri commerciali e molte aziende a bloccarsi per intere settimane e costringendo milioni di italiani a guardare l’arrivo della primavera unicamente dalla finestra della propria abitazione. All’ombra di tutto questo, Madre Natura […]
  • Coronavirus: dalla Cina arrivano i caschi termoscanner per la polizia
    Da qualche mese, partendo dalla Cina e allargandosi come una macchia d’olio fino all’Italia, il mondo intero si è trovato improvvisamente a combattere una guerra contro un nemico veloce ed invisibile che non sta risparmiando niente e nessuno, colpendo non solo persone ma l’economia di interi Paesi, costringendo l’unione e l’impegno di tutte le forze […]
  • Coronavirus: 3 fasi per sanificare correttamente casa
    Candeggina, gel disinfettanti, alcol e spray si stanno rivelando i migliori alleati, nonché le armi più utilizzate in questo periodo per riuscire a combattere l’invisibile nemico che da settimane sta costringendo a casa milioni di italiani. Oltre alle ormai note raccomandazione di igiene emanate dal Governo, ai dispositivi di protezione individuale come le introvabili mascherine […]
  • Cascata “rosso sangue” in Antartide, uno spettacolo della natura
    Sono passato 109 anni dal primo avvistamento di questo macabro fenomeno situato nei pressi del lago (ovviamente ghiacciato) di Bonney, in Antartide. Nonostante questa cascata dal colore ramato fosse stata avvistata per la prima volta nel 1911 dal geologo Griffith Taylor durante una spedizione, soltanto qualche anno fa alcuni studiosi sono riusciti a risalire all’origine […]
  • Cenare sotto il mare: “Under” il primo ristorante sott’acqua d’Europa
    Attraversando i quattro angoli del mondo, sono molte sono le eccentricità dal punto di vista architettonico che si incontrano, ma pochi hanno lo stile e l’originalità del primo ristorante subacqueo di Baly, lungo le coste della Norvegia, candidato a diventare uno dei più spettacolari progetti architettonici mai concepiti in fondo al mare. “Under”si presenta come […]

Categorie

di tendenza