Connect with us
Pubblicità

Spazio Corazza

Il Sindaco Andreatta chiude tra luci ed ombre. Trento rimane in attesa di un rilancio

Pubblicato

-

Dicembre tempo di bilanci.

Per il comune di Trento si tratta di un bilancio particolarmente importante perché non riguarda soltanto l’anno che volge al termine ma anche la conclusione di una legislatura e, in particolare per il Sindaco, la chiusura di un doppio mandato iniziato nel 2009.

Dalle sedute del Consiglio comunale si sono sentite forti le opinioni negative dell’opposizione, le parole forti che segnano un’evidente presa di distanza da parte del Patt e alcune criticità emerse anche dagli stessi banchi della maggioranza.

Al contrario, il Sindaco nei suoi discorsi rivendica quanto di buono è stato fatto.

La personale sensazione è che si sia trattato di una gestione della città da “buon padre di famiglia”, portando a termine quest’ultimo mandato con numeri risicati e mantenuti tali soltanto grazie ai vari rimpasti.

Sono stati così svolti i compitini che hanno permesso a Trento di restare ai vertici di quasi tutte le classifiche ma è stato perso il coraggio di alcune scelte che avrebbero potuto far diventare Trento molto più importante di quanto non dicano le classifiche.

Alcune aree che sono state riqualificate hanno visto soltanto la nascita di nuovi supermercati, mentre di positivo possiamo vedere il proliferare di parchi verdi nei quartieri cittadini.

Altre situazioni importanti indicate nei programmi elettorali 2009 e 2015 sono rimaste irrisolte e non può essere una giustificazione il fatto che alcune arrivino ad avere degli stanziamenti nell’ultimissimo bilancio comunale dopo anni di nulla assoluto.

Sulla mobilità i dati sono drammatici rispetto a quanto il Piano urbanistico della mobilità si era prefissato e addirittura il flusso di automobili sulla città è decisamente aumentato.

Le grosse questioni urbanistiche sono rimaste irrisolte, basti pensare alle aree da bonificare e recuperare a Trento Nord e a tutte le aree definite ex.

Non possono essere considerati sufficienti, dopo due legislature, i recenti accantonamenti a bilancio per l’ascensore verticale verso al collina di Povo piuttosto che un piano guida per l’area ex Italcementi che ci porterà probabilmente ad avere un polo espositivo sacrificato in una struttura provvisoria per qualche anno.

Il Prg, che doveva rappresentare una svolta importante, è stato immediatamente declassato a semplice variante e ha fatto del consumo zero di suolo il primo punto in ordine di importanza salvo poi trovare in extremis una prima approvazione inserendo un bacino artificiale sul Monte Bondone.

Proprio sul Monte Bondone vado a chiudere perché dopo aver avuto un’ottima intuizione designando un consigliere delegato, ci ritroviamo con una righetta sul Prg che dovrebbe individuare la presenza futuribile di un impianto di risalita, un masterplan chiuso in un cassetto e una cabina di regia messa in naftalina. Un bilancio, quindi, di luce e ombre. Un bilancio, quindi, in attesa di rilancio.

A cura di Mauro Corazza

 

Mauro Corazza

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Coronavirus: molto richiesti i saturimetri, a qualcuno servono davvero
    Dall’inizio dell’allarme coronavirus la corsa ai principali dispositivi di protezione individuale sembrava inizialmente limitarsi alle mascherine ed ai gel disinfettanti per le mani, diventati poi introvabili sia nelle farmacie che sui portali online, ma ultimamente il fenomeno parrebbe essersi allargato anche a strumenti prettamente sanitari come il saturimetro. Infatti, il particolare dispositivo a pinzetta facilmente […]
  • Coronavirus: L’Italia spegne i motori e i delfini tornano nei porti italiani
    La recente emergenza sanitaria ha reso l’Italia, Paese noto per la sua vivacità e il suo calore una penisola pressoché deserta obbligando negozi, centri commerciali e molte aziende a bloccarsi per intere settimane e costringendo milioni di italiani a guardare l’arrivo della primavera unicamente dalla finestra della propria abitazione. All’ombra di tutto questo, Madre Natura […]
  • Coronavirus: dalla Cina arrivano i caschi termoscanner per la polizia
    Da qualche mese, partendo dalla Cina e allargandosi come una macchia d’olio fino all’Italia, il mondo intero si è trovato improvvisamente a combattere una guerra contro un nemico veloce ed invisibile che non sta risparmiando niente e nessuno, colpendo non solo persone ma l’economia di interi Paesi, costringendo l’unione e l’impegno di tutte le forze […]
  • Coronavirus: 3 fasi per sanificare correttamente casa
    Candeggina, gel disinfettanti, alcol e spray si stanno rivelando i migliori alleati, nonché le armi più utilizzate in questo periodo per riuscire a combattere l’invisibile nemico che da settimane sta costringendo a casa milioni di italiani. Oltre alle ormai note raccomandazione di igiene emanate dal Governo, ai dispositivi di protezione individuale come le introvabili mascherine […]
  • Cascata “rosso sangue” in Antartide, uno spettacolo della natura
    Sono passato 109 anni dal primo avvistamento di questo macabro fenomeno situato nei pressi del lago (ovviamente ghiacciato) di Bonney, in Antartide. Nonostante questa cascata dal colore ramato fosse stata avvistata per la prima volta nel 1911 dal geologo Griffith Taylor durante una spedizione, soltanto qualche anno fa alcuni studiosi sono riusciti a risalire all’origine […]
  • Cenare sotto il mare: “Under” il primo ristorante sott’acqua d’Europa
    Attraversando i quattro angoli del mondo, sono molte sono le eccentricità dal punto di vista architettonico che si incontrano, ma pochi hanno lo stile e l’originalità del primo ristorante subacqueo di Baly, lungo le coste della Norvegia, candidato a diventare uno dei più spettacolari progetti architettonici mai concepiti in fondo al mare. “Under”si presenta come […]
  • Viaggiare rimanendo a casa: dall’arte ai paesaggi, vedere il mondo con i tour virtuali
    La veloce diffusione del Coronavirus in Italia e in Europa ha costretto milioni di persone a casa, obbligandoli ad annullare progetti e piani precedentemente programmati o a posticipare prenotazioni di viaggi a data da destinarsi. Ad oggi, la fine della quarantena sembra un giorno troppo lontano e la voglia di lasciare i confini della propria […]
  • Coronavirus: sanificare le mascherine per riutilizzarle in mancanza di nuove
    Da molti giorni l’Italia sta vivendo l’ormai nota emergenza Coronavirus che, oltre al periodo di quarantena forzata richiede l’utilizzo in caso di spostamenti, di particolari presidi di protezione individuale come il disinfettante per le mani o le tipiche mascherine. Mascherine che, dall’inizio dell’allarme hanno subito un aumento vertiginoso della domanda rendendole non solo introvabili, ma […]
  • Italia: Paese “green” e leader delle rinnovabili
    Troppo spesso, l’Italia è abituata ad occupare gli ultimi posti nelle classifiche europee, alimentando i pregiudizi sul Bel Paese che in alcuni settori, quando vuole, sembra essere incredibilmente ed indubbiamente qualificato. Infatti, secondo il rapporto condotto dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale ( ISPRA) seguito poi da un’analisi dell’Agenzia Nazionale per l’Energia, […]

Categorie

di tendenza