Connect with us
Pubblicità

Telescopio Universitario

Facoltà di Medicina, ecco la proposta dell’Università di Trento

Pubblicato

-

La ricerca di qualità, che guadagna visibilità internazionale, è la chiave per valorizzare i medici già presenti in Trentino e attirarne di nuovi, per far loro scegliere di vivere e lavorare in provincia.

La proposta dell’Università di Trento, presentata oggi dal rettore Paolo Collini e dal presidente del consiglio di amministrazione Daniele Finocchiaro, parte da una constatazione: la carenza di personale medico in Trentino deriva da una scarsità a livello nazionale di figure professionali qualificate.

A questa si deve rispondere rafforzando l’attrattività professionale del territorio, peraltro caratterizzato da strutture sanitarie periferiche e di piccole dimensioni.

Pubblicità
Pubblicità

Occorre creare condizioni sempre più interessanti per medici qualificati, che cercano possibilità di carriera, buone condizioni contrattuali, e che desiderano operare su casi di frontiera e in un contesto avanzato di ricerca clinica.

Il fabbisogno di personale medico – Numero scarso ed età avanzata. Quasi la metà in Italia ha più di 55 anni. E il ricambio non è né facile né veloce. È la situazione del personale medico in Italia (e in Trentino). Secondo le stime del settore (del sindacato medico italiano Anaao Assomed) tra il 2018 e il 2025 potrebbe andare in pensione la metà dei circa 105 mila medici specialisti della sanità pubblica.

Il sistema formativo delle Scuole di specialità medica non è in grado di rispondere alle esigenze generate dalla forte incidenza delle uscite per limiti di età (l’Italia segna una età media dei medici ospedalieri tra le più alte in Europa) accelerata da “quota 100” e si stima una carenza di medici specialistici in Italia di più di 16mila unità entro il 2025 e in Trentino di più di 300 unità, distribuite tra molte delle più ricorrenti specialità ospedaliere con una punta nell’area della emergenza e urgenza.

Pubblicità
Pubblicità

La congiuntura dei prossimi anni sarà un caso eccezionale che deriva dall’immissione di massa di medici avvenuta a seguito della creazione del sistema sanitario nazionale, nel 1978, dai forti limiti al reclutamento negli anni della “grande crisi economica” e dall’innalzamento dell’età pensionabile. Ciò porterà negli anni a venire un numero elevato di persone uscire dal sistema per raggiunti limiti di età.

Il fenomeno avrà un “picco” nei prossimi 5-7 anni, quando si stima un numero di pensionamenti/anno che potrebbe toccare anche quota 8 mila unità.

Occorre anche tener conto del fatto che la formazione di un medico specializzato richiede almeno 11 anni tra laurea e specializzazione, che possono anche diventare 13 se si considerano i tempi normali di laurea, i tempi “morti” tra un corso di studi e l’altro e la lunghezza superiore a cinque anni di diverse Scuole di specialità.

In Trentino la situazione è aggravata dalla mancanza di opportunità di formazione specialistica e dalla presenza di strutture sanitarie periferiche e di piccole dimensioni che non vengono percepite come attrattive per fare carriera. Un altro svantaggio è costituito dall’assenza di un sistema strutturato di ricerca clinica.

Una risposta può venire dalla creazione di un contesto stimolante, appagante per il personale medico e remunerativo in termini di incentivi di carriera.

Un Trentino più attrattivo, più indipendente – La risposta dell’Università è una combinazione di azioni finalizzate a rendere il sistema sanitario trentino più attrattivo per medici specializzati qualificati e a valorizzare il ruolo del personale sanitario attraverso l’esposizione ad ambiti di ricerca clinica di frontiera. Il progetto punta a rafforzare la presenza di personale in formazione nelle strutture sanitarie garantendo un raccordo più stretto con i percorsi formativi. L’obiettivo è rendere il sistema medico trentino indipendente dalla programmazione regionale dei territori confinanti. La proposta si articola in tre direzioni e in sei obiettivi.

Le tre direzioni: il corso di studi, la formazione specialistica e l’attività di ricerca – Corso di laurea in Medicina e Chirurgia: parola chiave “innovazione”

L’attivazione di un corso di laurea in Medicina e Chirurgia è una risposta di lungo periodo. Tuttavia è requisito indispensabile da subito per incardinare le scuole di specializzazione che offrono una risposta più adeguata al problema imminente della carenza di medici. L’Ateneo coglie l’occasione per proporre un corso di laurea davvero innovativo rispetto al panorama nazionale.

Innanzitutto nei contenuti, perché prevedrà la possibilità di formare, oltre ai profili tradizionali, anche quello di medico ingegnere, che offre sbocchi nuovi e appetibili nelle industrie.

Innovazione anche nei metodi didattici, più flessibili e internazionali: gli studenti e le studentesse potranno trascorrere periodi di formazione all’estero e in altri atenei convenzionati, sulla scia dell’esperienza che l’Ateneo trentino ha maturato nella mobilità internazionale. La formazione si caratterizzerà per un marcato approccio hands on, direttamente in corsia nella rete del sistema sanitario già nei primi anni e non soltanto alla fine del percorso. Questo sarà reso possibile grazie a un forte coinvolgimento del personale clinico ospedaliero dei vari reparti, in particolare durante il secondo triennio.

Tra le novità, in vista anche un cambiamento nei tradizionali meccanismi di selezione che potranno essere più flessibili rispetto all’attuale sistema dell’accesso con numero chiuso.

Una sperimentazione – che comunque richiederebbe un passaggio normativo nazionale – potrebbe prevedere l’ingresso al percorso di formazione attraverso la frequenza di un primo anno comune con il corso di laurea in Biologia al termine del quale potrebbe avvenire la selezione per i due percorsi.

Formazione specialistica: una soluzione in Trentino – Il progetto dell’Ateneo punta ad un pieno radicamento delle iniziative in Trentino. Attorno alla Scuola di Medicina del Trentino nell’arco di sette anni circa saranno progressivamente attivate le varie scuole di specialità. Anche nella formazione degli specializzandi sarà mutuato il modello organizzativo Hub&Spoke, tipico in ambito sanitario di una gestione efficiente che valorizza l’expertise dei punti periferici e garantisce l’eccellenza di strutture e apparecchiature nei centri ad alta specializzazione.

Per farlo saranno messe in rete le varie strutture sanitarie, centrali e periferiche, allargando la collaborazione anche ai partner accademici e sanitari.

La risoluzione dei problemi della carenza dei medici passa anche attraverso la ridefinizione della figura dell’infermiere. UniTrento propone la formazione di un/una “super infermiere/a” con l’attivazione di un Master in Scienze infermieristiche avanzate. I primi “infermieri/e laureati/e” potrebbero presto essere operativi per ricoprire ruoli chiave di responsabilità negli ospedali trentini che proprio in quella fase attraverseranno la loro crisi più grave per la carenza di organico.

Ricerca: dare “ossigeno scientifico” agli ospedali di valle – La proposta dell’Università di Trento per quanto riguarda la ricerca parte ancora una volta dalle persone. Punta a creare Unità operative convenzionate con l’Ateneo in cui i/le primari ospedalieri siano anche professori universitari e al personale in organico si aggiungano dottorandi/e, assegnisti/e post doc e giovani ricercatori e ricercatrici.

Nodo cruciale del progetto è la valorizzazione delle competenze cliniche e scientifiche di alto livello già presenti nelle strutture ospedaliere del Trentino. Anche in questo ambito di ricerca sarà adottato il modello operativo Hub&Spoke per coinvolgere gli ospedali periferici nei progetti di ricerca. Per dare nuova vitalità scientifica agli ospedali delle valli trentine si prevede di introdurre lo studio della people medicine, un filone innovativo di ricerca, su cui è particolarmente attiva la fondazione Eurac, che studia le condizioni di salute nelle persone sane. Inoltre saranno attivati progetti di ricerca finanziati sulle specificità territoriali del Trentino (ad esempio lo studio di particolari patologie localizzate in aree circoscritte del territorio).

I sei obiettivi – Valorizzare le strutture sanitarie, creando una rete tra loro e integrandole in progetti di ricerca e formazione con research and teaching hospital. Per quanto riguarda i research Hospital si punta a creare all’interno delle strutture sanitarie degli ambiti di ricerca clinica, a sviluppare ricerca sulla popolazione valorizzando il ruolo degli ospedali di valle (su modello di quanto già fa Eurac) e ad attivare i dottorati clinici.

I Teaching Hospital saranno attivati con la Scuola di Medicina di Trento e le Scuole di specialità, cogliendo le evoluzioni normative, senza dover ospitare specializzandi di altre scuole.

La laurea in Medicina e Chirurgia attenta alle evoluzioni della tecnologia e sarà avviata la formazione avanzata in campo infermieristico (smart nursery).

Valorizzare le competenze già presenti in UniTrento. Tanti i dipartimenti, i centri e i laboratori universitari messi che potranno essere coinvolti nella Scuola:
• Il Dipartimento CIBIO – Dipartimento di medicina preclinica per le malattie infettive, neurodegenerative, i difetti del neurosviluppo, l’oncologia, le malattie metaboliche e le malattie rare
• Il CIMeC per le patologie funzionali, strutturali e psicologiche della mente e del cervello
• Il Centro di Riabilitazione Neurocognitiva (CeRiN) per i deficit cognitivi, linguistici, percettivi, motori ed emotivi
• Il Dipartimento di Psicologia e Scienze cognitive per le malattie neurologiche
• Il ODFLab (Laboratorio di Osservazione, Diagnosi e Formazione) per la ricerca e l’attività clinica sulla diagnosi e l’intervento nei disturbi dello spettro autistico (ASD) e nei disturbi specifici dell’apprendimento (DSA) e come centro di riabilitazione del linguaggio
• Il Dipartimento di Fisica con le attività legate alla Fisica medica
• Il Centro Agricoltura Alimenti e Ambiente
• La Facoltà di Giurisprudenza con il progetto Biodiritto
• Il Dipartimento di Informatica e Scienza dell’Informazione
• Il Dipartimento di Ingegneria industriale – Biotech: biomateriali, robotica
• Il Dipartimento di Matematica: modellistica avanzata a supporto della chirurgia
• Ausilia – servizio clinico atto a fornire la migliore soluzione assistenziale per restituire autonomia a persone che, a seguito di un evento traumatico, abbiano trovato delle difficoltà ambientali che ne hanno compromesso l’autosufficienza

Valorizzare le competenze del territorio – numerosi i centri del territorio già partner dell’Ateneo che saranno coinvolti:
• Fondazione Bruno Kessler per intelligenza artificiale; data science; microsistemi e sensoristica, ITC per la medicina; e per la Scuola di Medicina Generale del Trentino;
• Fondazione Edmund Mach con il Centro di Nutrizione, Nutrigenomica e Qualità degli Alimenti;
• Microsoft Research – Università di Trento Center for Computational Systems Biology (COSBI) per nutrigenomica, biomarker identification, studio delle relazioni non lineari tra componenti biologiche
• Trento Fundamental Phisics and Application (TIFPA) per la sua area di ricerca sui protoni in ambito sanitario

Valorizzare la rete UniTrento – L’Università di Trento può vantare collaborazioni con atenei, istituti e fondazioni di alto livello:
• Università di Verona – L’Ateneo trentino ha rapporti radicati di collaborazione per lauree congiunte, lauree nelle professioni sanitarie, collaborazioni scientifiche. Data la contiguità geografica questa collaborazione garantisce minori costi e facilita l’organizzazione logistica delle attività didattiche;
• Università Humanitas – l’Ateneo vanta qualità scientifica al vertice del Paese e una formazione innovativa. Con la laurea MedTec congiunta con il Politecnico di Milano offre un forte orientamento alle tecnologie;
• Università di Ferrara – Punto di forza è l’integrazione della didattica degli altri partner in discipline cliniche. Ferrara può anche consentire il trasferimento di un numero rilevante di studenti in Trentino per accelerare i benefici per il sistema sanitario trentino;
• Eurac – Con l’Istituto di Biomedicina può offrire competenza nelle aree di neuromedicina, medicina cardiovascolare, bioinformatica ed epidemiologia genetica
• Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa – con l’eccellenza nella Biorobotica, l’Istituto di Scienze della Vita e Management sanitario

Formazione sulle tecnologie abilitanti – L’Università di Trento e i suoi partner, grazie alle loro competenze interne, possono formare i medici specializzati in diversi campi quali la medicina di precisione e la genomica, la robotica e la microrobotica chirurgica, l’intelligenza artificiale e la modellistica, i biomateriali e la terapia cellulare, la diagnostica e gestione del paziente a distanza, il management e l’efficienza del sistema.

Integrazione dell’Alto Adige – I problemi di carenze di organico evidenziati per il Trentino possono essere segnalati anche per l’Alto Adige/Südtirol, aggravati peraltro dalle esigenze linguistiche. Pertanto, la proposta vorrebbe includere anche un percorso con il pieno coinvolgimento delle strutture sanitarie della Provincia autonoma di Bolzano con didattica in lingua tedesca e il coinvolgimento pieno della ricerca del territorio (a cominciare dalla collaborazione con Eurac) per iniziative come la biobanca, l’Osservatorio epidemiologico, la people medicine. Infine l’allargamento del bacino della casistica della ricerca clinica.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]

Categorie

di tendenza