Connect with us

Viaggi Estero

Uzbekistan, un viaggio lungo la sorprendente via della seta

Pubblicato

-

Samarcanda, la Via della Seta e l’immensità del deserto Kizilkum sono solo parte dell’emblema della sbalorditiva bellezza e del fascino mistico della terra con oltre venti secoli di storia: l‘Uzbekistan, paese dal fascino coinvolgente che per secoli ha segnato il passaggio di mercanti, nomadi e guerrieri disegnandone la sua storia.

Centro di importanti civiltà dalle quali ha ereditato notevoli ricchezze culturali e artistiche di immenso valore, l’Uzbekistan debutta nella storia attuale come importante tappa sulla Via della Seta ma anche perchè casa di alcune città più belle del mondo. Uno dei centri storici meglio conservati è Khiva, museo a cielo aperto che nel tempo ha preservato la struttura urbanistica originale racchiudendo al suo interno i principali monumenti della città Patrimonio Unesco.

Le mura color sabbia accompagnano verso la maestosa porta principale di mattoncini con le due cupole celesti ai lati che rendono tutto molto sofisticato e affascinante. All’interno tra tortuose stradine, si susseguono moschee, palazzi e madrase: come la Madrasa di Mohamed Amin Khan, una grande torre incompiuta con ipnotiche decorazioni che attraversano tutto il minareto. Poco distante il Pakjlavan Mahmud, il mausoleo la cui sacralità non attira solo i pellegrini ma anche gli appassionati di bellezza grazie al suo interno composto da un inseme unico di mosaici in ceramica che crea un’atmosfera quasi mistica, mentre la facciata esterna è accuratamente decorata con i colori della città.

Nella zona nord di Khiva, l’ottocentesca “Casa di Pietra”, o Palazzo Tash Hauli che, dalle dalle piastrelle in ceramica alle sculture in pietra e in legno, probabilmente possiede le decorazioni più fastose della città rendendolo un posto  sicuramente da non perdere. Addentrandosi nella regione desertica e molto ricca di resti archeologici si arriva a Bukhara. Il centro storico, si presenta come un curioso ma affascinante labirinto di madrase, palazzi storici e botteghe artigianali, dichiarato Patrimonio Unesco grazie ai suoi oltre 140 edifici di inestimabile valore artistico e culturale.

Luogo suggestivo e ottimo punto di partenza è Lyabi Huaz, piazza molto frequentata, ricavata su una grande vasca su cui si affacciano la Madrase di Kulkadesh e la Madrase Nadir Divenbagi. A pochi passi dalla piazza si trova Mogaki Attari, la moschea più antica dell’Asia centrale. A Bukhara è facile imbattersi in toks, bazar coperti punto di scambio di merci ma anche fattore di calore e folclore per tutto l’Uzbekistan.

Allontanandosi dal centro storico si possono ammirare le possenti mura che circondano la Fortezza dell’Ark, all’interno della quale si trova la Moschea Juma, la corte delle udienze, delle incoronazioni e la sala del tesoro. L’Uzbekistan possiede anche una delle città più antiche del mondo: Samarcanda. Una città meravigliosa dove moschee, mausolei e madrase convivono delicatamente grazie ad un elegante gioco di sfumature celesti ed azzurre.

Decisamente scenografica è Piazza Registan interamente dedicata al grande complesso composto da 3 mandrase: Shir Dor, Ulug Beg, Tilya Kari decorate con spettacolari mosaici e maioliche turchesi. Poco distante la grande moschea di Bibi Khanum e il colossale complesso di mausolei di Shah I Zinda, con il famoso mercato di Siob, travolgente per i colori e profumi del tradizionale bazar.

Leggermente differente dal resto del paese è la capitale: Tashkent, una metropoli plasmata dal potere sovietico di cui ne conserva per alcuni aspetti l’influenza stilistica. Città moderna, esempio dell’evoluzione del Paese. I grandi parchi cittadini riempiti di alberi, rose e tulipani attirano l’attenzione donando una piacevole atmosfera Nella parte vecchia di Thashkent, la Barak Khan Mandrasa con le grandi Cupole celesti laterali che ne fanno un contorno spettacolare, il Chorsu bazaar, uno dei più famosi e più bei mercati alimentari di tutta l’Asia centrale.

L’antichissima storia, il profumo del deserto dell’Asia Centrale e l’immenso patrimonio culturale: un tour in Uzbekistan stimola la fantasia e i ricordi di miti e storie antiche. Viaggiare in queste immense terre necessita di un’organizzazione e un’assistenza che solo un’agenzia di viaggio con una guida parlante italiano sa dare. Per maggiori informazioni cliccare questo link.

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Ricette di Pasqua semplici e veloci, da fare in compagnia!
    Pasqua si avvicina e, molto probabilmente, in questo 2020 non ci saranno grandi ritrovi tra amici e parenti. Tuttavia, questo non è un valido motivo per impigrirsi e non cucinare niente di particolare. Soprattutto in queste giornate, per chi ha dei figli piccoli la vita non è proprio semplice: come far passare, quindi, il tempo […]
  • Coronavirus e stampanti 3D: Mercedes Benz pronta alla produzione di dispositivi medici
    Un periodo così instabile ed incerto come quello del recente allarme sanitario da Covid- 19, costringe ad una stretta coalizione internazionale che riesca a coinvolgere ed unire il maggior numero di forze e di aiuti possibili per riuscire contenere l’emergenza. Per questo, la nota casa automobilistica tedesca Mercedes Benz scende da protagonista in campo, mettendo […]
  • Fratellini soli a casa in quarantena: il Paese li aiuta “adottandoli”
    L’allarme sanitario che da settimane sta lasciando dolorose ferite, obbligando l’isolamento e la distanza dalle persone care, sta facendo riscoprire all’Italia un senso di vicinanza ed un’insaziabile bisogno di aiutarsi per riuscire ad arrivare il più velocemente possibile alla fine di un’emergenza che sta attraversando senza freni l’intero territorio nazionale. A confermare e dimostrare l’estrema […]
  • Dalle piume d’oca ai petali di fiori: La prima produzione di giacconi 100% naturali
    Esisteranno sempre alcuni capi di cui non se ne potrà mai fare a meno, e come non non si può affrontare il caldo estivo senza occhiali da sole e bermuda, così non si può superare il freddo invernale senza, il protagonista indiscusso dei mesi più gelidi: il piumino. Dalle classiche piume d’oca, alla più recente […]
  • Coronavirus: molto richiesti i saturimetri, a qualcuno servono davvero
    Dall’inizio dell’allarme coronavirus la corsa ai principali dispositivi di protezione individuale sembrava inizialmente limitarsi alle mascherine ed ai gel disinfettanti per le mani, diventati poi introvabili sia nelle farmacie che sui portali online, ma ultimamente il fenomeno parrebbe essersi allargato anche a strumenti prettamente sanitari come il saturimetro. Infatti, il particolare dispositivo a pinzetta facilmente […]
  • Coronavirus: L’Italia spegne i motori e i delfini tornano nei porti italiani
    La recente emergenza sanitaria ha reso l’Italia, Paese noto per la sua vivacità e il suo calore una penisola pressoché deserta obbligando negozi, centri commerciali e molte aziende a bloccarsi per intere settimane e costringendo milioni di italiani a guardare l’arrivo della primavera unicamente dalla finestra della propria abitazione. All’ombra di tutto questo, Madre Natura […]
  • Coronavirus: dalla Cina arrivano i caschi termoscanner per la polizia
    Da qualche mese, partendo dalla Cina e allargandosi come una macchia d’olio fino all’Italia, il mondo intero si è trovato improvvisamente a combattere una guerra contro un nemico veloce ed invisibile che non sta risparmiando niente e nessuno, colpendo non solo persone ma l’economia di interi Paesi, costringendo l’unione e l’impegno di tutte le forze […]
  • Coronavirus: 3 fasi per sanificare correttamente casa
    Candeggina, gel disinfettanti, alcol e spray si stanno rivelando i migliori alleati, nonché le armi più utilizzate in questo periodo per riuscire a combattere l’invisibile nemico che da settimane sta costringendo a casa milioni di italiani. Oltre alle ormai note raccomandazione di igiene emanate dal Governo, ai dispositivi di protezione individuale come le introvabili mascherine […]
  • Cascata “rosso sangue” in Antartide, uno spettacolo della natura
    Sono passato 109 anni dal primo avvistamento di questo macabro fenomeno situato nei pressi del lago (ovviamente ghiacciato) di Bonney, in Antartide. Nonostante questa cascata dal colore ramato fosse stata avvistata per la prima volta nel 1911 dal geologo Griffith Taylor durante una spedizione, soltanto qualche anno fa alcuni studiosi sono riusciti a risalire all’origine […]

Categorie

di tendenza