Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Le sardine a Roma e Bolzano vogliono lo «Ius soli» e l’accoglienza illimitata. Ma le presenze sono deludenti

Pubblicato

-

nella foto la manifestazione delle sardine a Bolzano

Dopo il ritrovo della Sardine a Roma per il raduno nazionale e a Bolzano ecco la solita guerra dei numeri.

A Roma secondo l’organizzazione erano 100 mila, secondo la questura solo 35 mila.

Risultassero veri i dati della questura, la partecipazione sarebbe stata molto deludente.

Pubblicità
Pubblicità

Anche a Bolzano non è andata bene in termini di partecipazione. Anche qui i dati sono discordanti.

Le sardine parlano di 2 mila partecipanti mentre per questura di soli 500, in uno spazio dove peraltro, come riportato da alcuni politici presenti, lo spazio non avrebbe potuto contenerne più di 250.

In entrambi i casi il consenso è stato deludente sotto tutti i punti di vista.

Sembra che le sardine il giorno dopo siano già vecchie, anche se forse nuove non lo sono mai state.

Se nel resto d’Italia il definirsi sardina portava ad identificarsi con un movimento privo di idee e di contenuti, ma tenuto insieme solo dall’odio nei confronti della Lega, di Salvini ed in tempi più recenti anche per tutto il centro destra, a Trento e Bolzano si è voluto personalizzare la sardina.

Dopo i falliti appelli per portare in piazza Alpini e Vigili del Fuoco, alla fine la risposta è arrivata dai sindacati, dai disoccupati delle sole cooperative sociali che traevano il loro guadagno dalla gestione dei profughi e i soliti noti: i segretari dei sindacati, politici del passato, del “ Futura”, piddi e sinistra estrema.

Alla fine tutto si è trasformato in un mega spot a favore dell’accoglienza, da interpretare chiaramente in chiave antileghista.

Per farlo era necessario fare tutto questo “casino” mediatico? Scomodare un movimento che naviga a vista in quel mondo di mezzo che c’è tra i partiti di sinistra e gli elettori? Assolutamente no.

Invece l’impatto mediatico è stato di primo livello.

La stampa locale ha dedicato paginate ricche di fotografie, mandato più di un giornalista a seguire l’evento come se ci si trovasse di fronte ad un’idea rivoluzionaria, in assoluto nuova e non certo la riproposizione dei temi dell’accoglienza.

Sarebbe stato normale se di fronte ad un movimento nuovo che pur godeva aprioristicamente dell’appoggio di tutta la sinistra cittadina, i giornali si fossero spesi in qualche critica, perché sarebbe solo normale che le sardine possano avere qualche difetto.

Ed invece niente, per i media locali le sardine sono la perfezione.

Non solo, ma nella foga di conquistare le simpatie e magari nuovi lettori che in realtà sono poi i vecchi e sempre meno, perché le sardine non hanno portato nessun vento innovatore, è partita la guerra dei numeri sulla manifestazione di Trento: 6 mila le sardine per l’Adige, 5 mila per il Trentino, molti meno per la Questura, ma va tutto bene perché l’obiettivo era uno solo: enfatizzare il più possibile la sardina.

Ma qualche passo avanti le sardine lo hanno fatto. Dal festival del nulla e l’odio contro Matteo Salvini sono spuntati nell’ultimo week end 5 punti del misterioso programma della Sardine.

Mattia Santori ha fatto le sue proposte alla politica.

Pretendiamo che chi e’ stato eletto vada nelle sedi istituzionali a fare politica invece che campagna elettorale permanentemente.

E ancora: chi ricopre la carica di ministro comunichi solo sui canali istituzionali.

E poi trasparenza sull’uso politico dei social network. Il leader delle sardine chiede toni civili per i politici.

Che la violenza verbale sia equiparata a quella fisica. E poi ultima, ma non per importanza proposta: sia abrogato il decreto sicurezza, guarda caso quello varato dal Ministro Salvini e confermato dal governo gialloverde.

In chiusura una conferma: il coro Bella Ciao, ha cantato Bella Ciao, per la serie: il vecchio che ritorna.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Borghi italiani dimenticati: incentivi, bonus e aste a partire da 1 euro per ripopolarli
    Da nord a sud l’Italia intera è costellata di Borghi che conservano, identità, mestieri e saperi di un patrimonio immateriale e materiale di una storia unica al mondo certificata dall’Unesco. Alcuni di questi, vengono chiamati “comuni a rischio scomparsa” a causa delle loro ridottissime dimensioni, eppure fanno parte del patrimonio storico e artistico italiano, rappresentando […]
  • Covid, oltre 60.000 perdono il lavoro: lo Stato li assume per un importante progetto
    L’emergenza sanitaria da Coronavirus con le misure preventive, indubbiamente necessarie al fine di contrastare la pandemia, hanno gravemente frenato i consumi mondiali, con pensanti ripercussioni sull’intero tessuto imprenditoriale. Tutto questo, ha portato inevitabili e devastanti conseguenze non solo per le abitudini sociali, ma anche e sopratutto per il settore produttivo ed economico. Nel mondo infatti, […]
  • Coronavirus: da nord a sud l’Italia ringrazia con vacanze gratis ai sanitari impegnati nella battaglia
    Nonostante l’emergenza sanitaria, lo abbia pesantemente logorato, esiste un pezzo del settore turistico italiano che vuole ringraziare tutti i medici, operatori sanitari e ausiliari che, durante questi mesi sono stati impegnati, spesso senza tregua per salvare le vite di moltissime persone affette da Coronavirus dedicando loro una splendida ed esclusiva vacanza gratuita. Infatti, in vista […]
  • Civita Bagnoregio: l’incredibile borgo sospeso sulla Valle dei Calanchi
    Tra il lago Bolsena e la Valle del Tevere, nel Comune di Bagnoregio in provincia di Viterbo, si estende un’ immensa area lunare che regala un paesaggio davvero particolare caratterizzato da una successione di rocce argillose in erosione per effetto degli agenti atmosferici detti “calanchi”. Quello dei calanchi è un ambiente decisamente unico che offre […]
  • La Vespa Samurai usata in agricoltura contro il “nemico”, la cimice asiatica
    Arrivata in Italia nel 2012, la cimice marmorata (Halyomorpha halys) detta anche cimice asiatica, è una specie invasiva aliena proveniente dalla Cina che, nel corso del 2015 dopo una rapida e capillare diffusione in quasi tutte le Regioni italiane, ha causato ingenti danni sopratutto alle produzioni ortofrutticole concentrandosi su meli, peri, peschi e ciliegi. A seguito […]
  • Australia in lockdown e senza turisti: i sub decidono di ripopolare la Grande Barriera Corallina
    Quando, a causa di un’emergenza sanitaria mondiale i turisti non ci sono, la natura risorge e ne approfitta per riappropriarsi degli spazi o, più incredibilmente concedere alla mano umana di rallentare il declino di alcune delle zone più belle del mondo. Si tratta della Grande barriera Corallina al largo delle coste australiane che, a causa […]
  • Arriva il caldo: è tempo di bevande e cibi detox in vista dell’estate
    Dopo due mesi di pizze, focacce e torte, è tempo di rimettersi in forma in vista dell’estate. Questo, non solo perché è “bello” essere in forma ed avere un bel fisico da sfoggiare, ma anche perché seguire un’alimentazione corretta ed uno stile di vita sano sono fondamentali per mantenere al meglio il nostro corpo e […]
  • Bonus vacanze 2020: i dettagli del bonus fino a 500 euro da spendere per le ferie italiane
    Mentre si iniziano a intravedere le prime aperture di stabilimenti balneari e spiagge, l’incognita vacanza è ancora viva su tutto il territorio italiano, insieme alle riaperture delle strutture ricettive, le limitazioni agli spostamenti tra Regioni e l’ormai noto bonus vacanze per le famiglie. Non è fatto nuovo che tra le ultimissime novità varate dal Governo […]
  • Ristrutturare casa a costo zero: Detrazioni fino al 110% grazie al nuovo Ecobonus
    In questo momento di grave crisi sociale ed economica causata dall’arrivo dell’emergenza sanitaria dovuta al Coronavirus, è stato più volte immaginato e sospettato un’eventuale e inevitabile shock per gli investimenti privati ma sopratutto per il settore dell’edilizia. Per questo motivo, il Governo italiano con il recente Decreto Rilancio varato 13 maggio 2020 ha messo sul […]

Categorie

di tendenza