prosa
Connect with us
Pubblicità

Spettacolo

Al teatro sociale Goldoni con «La Bancarotta»: il tramonto dei valori umani di fronte al vizio e al denaro

Pubblicato

-

Ancora per tre giorni, fino a domenica, sarà possibile vedere al teatro Sociale di Trento La bancarotta di Vitaliano Trevisan, commedia tratta dall’omonima opera di Carlo Goldoni, diretta da Serena Sinigaglia. Produce il teatro Stabile di Bolzano.

La storia è incentrata sulla figura di Pantalone de’ Bisognosi, imprenditore edile sull’orlo del fallimento (l’opera goldoniana ebbe quale titolo originale proprio Il mercante fallito) a causa dei vizi suoi e della seconda moglie Aurelia.

Incastrato in questa situazione è il figlio di primo letto Leandro che, dopo un passato turbolento risolto grazie a un lungo periodo in comunità, si sbraccia nel tentativo di salvare ditta e decoro familiari.

Pubblicità
Pubblicità

Pantalone e consorte vorrebbero separarsi, e un avvocato, cercando di salvare il salvabile dai creditori, propone ai due di affidare quanto resta proprio a Leandro, restando beninteso in controllo di tutto.

Da qui prende avvio un intreccio di manovre incentrate sul denaro, cui prendono parte anche il conte Silvio, principale creditore dei de’ Bisognosi, un gentiluomo trafficone partenopeo (Don Marzio) e Clarice, nell’originale settecentesco una “cantatrice” e qui esplicitamente spinta dalla madre alla prostituzione.

Il tutto culmina con i preparativi per una serata con un sottosegretario giunto da Roma, serata da trascorrersi con quanti più travestiti possibile.

Pubblicità
Pubblicità

Senza dare anticipazioni, segnaliamo che lungo la commedia fa la sua comparsa una pistola, e come il buon Anton Cechov insegnava, quando in scena appare un’arma, prima della fine dell’opera quella dovrà far fuoco.

Questa Bancarotta è una commedia dal passo rapidissimo (è basata su un originale in tre atti, dopotutto), ed è incentrata sul tramonto dei valori umani di fronte al vizio e al denaro.

Pantalone è un piccolo imprenditore che quasi si vanta di essersi divorato il capitale inseguendo i suoi spassi. A suo vedere, il figlio ha già avuto la sua parte nel periodo in cui si faceva, e la moglie spendacciona anche.

Gli presta volto e voce Natalino Balasso, volto ben noto dello spettacolo italiano. Trasandato nell’aspetto quanto energico nei modi, grida al mondo che non è l’uomo finito che tutti credono, e anche quando è ridotto a invocare l’aiuto di personaggi dalla reputazione ambigua cerca di far mostra di essere sempre un pezzo grosso.

Balasso non lesina con la caratterizzazione, regalando il ritratto di un individuo a corto di dignità ma sempre spinto all’azione, che rifiuta di restare sotto nonostante vi sia spinto di sua mano. Vedendo il monologo che rivolge alla moglie defunta ho creduto che il suo crollo morale fosse dovuto alla scomparsa di lei.

Contro di lui Aurelia (Marta Dalla Via), moglie straniera interessata soltanto alla bella vita, il cui solo interesse per quanti ruotano intorno a lei è incentrato su quanti soldi (e vestiti, tanti vestiti) le resteranno.

Il suo gustoso dialogo con l’avvocato Lombardi (Massimo Verdastro) riassume in pochi minuti tutto il personaggio della maritata per interesse, avida quanto vacua.

Il figlio Leandro ha seguito il percorso opposto al padre: ha messo la testa a posto, e vorrebbe la possibilità di vivere la sua vita e avere Clarice, che ama, senza dover ripartire da zero. Denis Fasolo rende bene il personaggio, costretto ormai al lavoro manuale per il bene della ditta ma ancora (come il padre) deciso a rimarcare la sua posizione sociale, sul lavoro o declamando a squarciagola passi dell’Amleto).

En passant, la scelta del brano scespiriano da parte di Trevisan non può essere casuale: “Quale capolavoro è l’uomo! Così nobile nella ragione, così infinito nelle facoltà […] simile a un angelo nelle azioni e a un dio nella mente!”. Puro sarcasmo.

Completano l’ensemble il conte Silvio di Fulvio Falzarano, prodigo di frecciate contro il servo e sadicamente lieto di vedere Pantalone affondare.

Il servo Truffa, che ispira a Raffaele Musella un classico ritratto di servitore infido e che tuttavia considera le sue malefatte quasi parte del suo ruolo.

Massimo Verdastro oltre all’avvocato incarna anche Don Marzio, donandogli falsa bonomia e la gioiosa prepotenza di chi si sa protetto dai suoi scherani anche solo parlando di tabacchi.

La Clarice di Celeste Gugliandolo è forse il personaggio più innocente del testo: ricattata moralmente dalla madre invalida (?), è felice che Leandro la tratti con rispetto e spera di poter cambiare vita con lui.

Questa madre cinica e disincantata è affidata a Carla Manzon, che pur confinata in una sedia a rotelle riesce a mettersi in luce, grugnendo ferocemente mentre manovra la figlia prima, dispensando sprezzante saggezza poi.

Si parla di una commedia d’insieme, e tutti svolgono la loro parte egregiamente; Natalino Balasso ha più materiale, e lo valorizza con l’abilità dell’animale da palcoscenico, ma tutti quanti, anche nei ruoli più minuti, si valorizzano egregiamente.

Si veda la scena con i sarti (Musella e Giuseppe Aceto, anche il bistrattato servo del conte): poteva essere solo un dialogo espositivo, ma il dialogo pieno di allusioni e la coreografia accurata lo rendono un momento notevole.

Indubbiamente di ciò va ringraziata anche la regia di Serena Sinigaglia, che non lascia un momento morto lungo l’intera rappresentazione.

La scena è un vecchio palazzo, le cui porte, finestre e balconi permettono l’andirivieni dei personaggi. Ne è responsabile Maria Paola Di Francesco, anche autrice dei bei costumi.

Non ho potuto non notare che Pantalone e Leandro indossano abiti molto simili ma laddove il padre si è evidentemente trascurato il figlio cerca di essere in ordine anche mentre pianta chiodi.

Un bel tocco, come ad indicare la similarità tra i due, come un tempo era l’uno e come potrebbe ancor diventare l’altro.

Roberta Faiolo ha curato luci e suono, che aiutano a scandire l’evolversi della vicenda e a rimarcare con un boato o una eco cavernosa al momento giusto gli sfoghi dei personaggi.

In sala si è riso spesso, ed alla fine si è applaudito con calore. Mi è in effetti spiaciuto vedere posti vuoti in platea: La bancarotta diverte dall’inizio alla fine, e avrebbe meritato il pienone.

Prima dello spettacolo la compagnia Emit Fiesti ha proposto un dialogo tra moglie e marito, lei interessata solo alla moda e lui in fuga dai creditori. Spiritosa e ben intonata allo spettacolo che introduce, ha messo a suo agio il pubblico presente.

Il cast incontrerà il pubblico al teatro Sociale alle 17 e 30 di venerdì; lo spettacolo va in replica venerdì 13 e sabato 14 dicembre alle 20 e 30 e ancora domenica 15 alle 16. La rappresentazione si è conclusa alle 22 e 20.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Si allunga la lista delle preziose aree naturali del Pianeta: l’Unesco aggiunge altri 15 Geoparchi da tutelare
    Riconosciuto a livello internazionale come un territorio che possiede un patrimonio geologico particolare e una strategia di sviluppo sostenibile, il Geoparco deve comprendere un certo numero di siti geologici di particolare importanza in termini di rarità, qualità scientifica e rilevanza estetica o valore educativo per essere definito tale. In particolare, si tratta di aree in […]
  • Samsung lancia l’idea: Prevenire gli incidenti grazie ad un camion attrezzato con schermi LCD
    Visibilità azzerata, traffico intenso, grandi mezzi e sorpassi azzardati sono tutti problemi autostradali che potrebbero trovare soluzione grazie ad un “camion trasparente” con grandi schermi LCD: Un‘ idea tanto semplice quanto potenzialmente utile che potrebbe facilitare le manovre di sorpasso dei grandi mezzi riducendo i rischi di incidenti. L’idea è stata presentata da Samsung con […]
  • Trentino Wild Park: il parco avventura più grande d’Italia
    Affrontare situazioni che non appartengono alla vita normale percorrendo una realtà diversa da quella urbana, attraversando ponti tibetani, liane e guardando il bosco tra le chiome degli alberi, sono la base di un intrigante situazione, lontana dalla vita cittadina ma alternativa ad un classico tour. La possibilità di vivere forti emozioni e sentirsi veramente immerso […]
  • Perserverance, la missione Nasa in cerca di vita su Marte
    Fa parte della natura umana esplorare, conoscere e spingersi sempre oltre i limiti terrestri, fino a Marte ad esempio, diventata ormai una delle migliori alternative alla Terra. Trovare tracce di una vita passata o presente sul pianeta rosso, raccogliendo campioni di suolo e studiando la superficie di Marte. Questo è il motivo che ha spinto […]
  • Dalla Francia all’Italia:nel 2020 Il cinema estivo cambia forma e approda in acqua
    L’esigenza di migliorare sfruttando al meglio il nostro ambiente e il nostro territorio unito alla voglia di scongiurare l’arrivo di una prossima pandemia, ha spinto e obbligato molti organizzatori di eventi e molte aziende a ripensare gli spazi e quindi le attività dedicate al pubblico rispetto al distanziamento sociale. Dopo l’esperimento dal sapore vagamente vintage […]
  • Dall’America arriva lo “specchio della verità”, racconta quanto sei dimagrito e quanto sei in forma
    “Specchio spettro delle mie brame.”: iniziava così la celebre frase della matrigna di Biancaneve che intimava il suo specchio interrogandolo per assicurarsi ogni giorno il primato di più bella del reame nella nota favola. Se questa è la fantasia, uno strumento simile è ora disponibile anche nella realtà, dando un supporto concreto e mirato alla […]
  • Dall’amore per il bello alla passione per l’antico e il moderno: il mondo di Zanella Arredamenti
    Esistono alcuni luoghi agli angoli delle strade o nei piccoli borghi cittadini in cui la sola visita equivale sempre ad un’esperienza piena di ricordi, emozioni vissute e storia. Entrare in un negozio di antiquariato infatti, è un po’ come viaggiare nel tempo: scoprire un mondo di oggetti che non esiste più per qualcuno ma che […]
  • Uno sguardo a Kazan, un microcosmo di stili e culture che vivono in armonia
    A circa 820 kilometri da Mosca, dove i fiumi Volga e Kazanka si uniscono, si erge da oltre 1000 anni la splendida capitale della repubblica del Tatarstan: Kazan. Il suo splendore e le sue innumerevoli caratteristiche l’hanno portata ad essere nominata, nel 2005, la Terza Capitale della Russia (appellativo a cui può essere ufficialmente associata […]
  • Riscoprire il turismo lento in Italia, con le mini crociere fluviali
    Una parte della penisola Italiana è composta da un piccolo mosaico di isole e canali che insieme rappresentano la perfetta geometria di un mondo pieno di fascino. Riscoprire una dimensione lenta del turismo, attraverso gli imperdibili itinerari fluviali italiani è uno dei modi migliori per visitare questo mondo. Le crociere fluviali in houseboat sono in […]

Categorie

di tendenza