Connect with us
Pubblicità

Trento

«C’era una volta… l’Ospedalino a Trento», la storia di un’eccellenza entrata nel cuore di tutti

Pubblicato

-

Vent’anni fa venne ideato a Trento un “Ospedalino” dedicato specificamente alle cure dei bambini.

Nel 1991, dopo 70 anni di vita, le cure pediatriche vennero trasferite al S. Chiara.

Fino agli anni ’60, quando venne tutto ristrutturato, fu molto importante il ruolo di quella benemerita istituzione. Negli anni ’70 -’80 le cure vennero rivoluzionate.

Pubblicità
Pubblicità

Si deospedalizzò al massimo (i 300 bambini presenti nel 1970 si ridussero a 60 nel 1990); si registrava inoltre un forte calo di nascite (da 8000 a 4000 all’anno).

In quel “piccolo mondo” in quegli anni si riuscì a organizzare in tutta la provincia una assistenza neonatale molto efficiente, dal punto di vista tecnico e umano.

La mortalità infantile, elevatissima nel 1970 (il triplo dei dati svedesi!), si ridusse ai più bassi livelli mondiali.

L’allattamento materno salì dal 60% alla nascita al 95%. I genitori ebbero libero accesso in Neonatologia (dal 1972) e in ogni altro reparto (legge del 1982).

Pubblicità
Pubblicità

L’Associazione Amici della Neonatologia Trentina ha ideato una mostra sulla storia dell’Ospedale Infantile, anche per documentare l’evoluzione del ruolo del Bambino nella Famiglia e nella Società nell’ultimo secolo.

La mostra sarà aperta nel grande foyer dell’Auditorium Santa Chiara di Trento nei pomeriggi da martedì a sabato, fino a fine febbraio 2020.

Sarà diffuso un libro con la documentazione di fatti storici e della vita nell’ambiente dei reparti dell’Ospedalino.

L’Ospedalino di Trento” era una struttura nata – grazie a un gesto di grande generosità di “tre pie donne” – nel 1919 presso la Scuola Tambosi e poi trasferita nel 1924 nella “Casa Rossa” in via della Collina.

Da quegli anni l’Ospedalino, destinato alle cure ai bambini, si evolve e cresce non solo nelle strutture e nelle finalità, ma anche negli obiettivi.

Nei primi anni Sessanta, nuovi edifici, medici e pediatri di alto profilo e un settore, quello della Neonatologia (nel 1967 si crea il “Centro Immaturi), di livello internazionale. Si riorganizzano le cure ostetrico-neonatali con risultati molto positivi (mortalità, esiti, cure parentali, allattamento). Un complesso d’eccellenza in cui sono stati accolti e curati quasi tutti i bambini trentini, che molti ricordano con affetto, ma di cui lentamente si stava perdendo la memoria.

Così scrive il dottor Dino Pedrotti, neonatologo e curatore della mostra e del volume:Questa non è una favola ma una ‘storia’ molto vera. Ai fatti storici di un’istituzione purtroppo dimenticata si intrecciano drammi di vita e di morte, si rivivono sentimenti lieti e tristi, si dà voce a bambini che voce non avevano. Emozioni e sentimenti non devono far perdere di vista l’obiettivo principale di un ospedale infantile: avere sempre più bambini vivi e sempre più sani.

Un obiettivo che questa storia presenta con tante cifre concrete: un secolo fa moriva in Trentino un bambino su quattro, oggi uno su 400. L’idea dell’Ospedalino nasce cent’anni fa, in un tragico dopoguerra. Medici eccezionali furono il chirurgo Giuseppe Bacca e il pediatra Carlo D’Anna, testimoni di un forte impegno umano e tecnico. Dal 1960 Giuseppina Bassetti rinnova la struttura, creando il nuovo ‘Ospedale Infantile Regionale Angeli Custodi’, come ricordano tanti adulti, bambini di un tempo, che lì vennero curati.

Negli ultimi decenni – dopo il trasferimento all’Ospedale Santa Chiara nel 1991 – si assiste a un’autentica rivoluzione nei rapporti col bambino che da ‘oggetto di cura’ diventa ‘soggetto protagonista’, titolare dei massimi diritti alla vita, alla salute, all’affetto dei genitori, all’impegno della società”.

La mostra presenta questa storia raccontandola per testi e immagini, e anche attraverso oggetti simbolo di questo secolo di vita che ha visto protagonista l’”Ospedalino di Trento”. Nell’allestimento, realizzato dall’architetto Roberto Festi, le immagini inedite di fotografi trentini (tra cui Sergio Perdomi, Flavio Faganello, Gianni Zotta) si coniugano a sintetici pannelli grafici con testi e citazioni che riassumono una vicenda tutt’altro che lineare, ricca di spunti legati non solo a cure e terapie mediche “classiche”, ma al mondo dei bimbi prematuri, alle iniziative delle numerose istituzioni pubbliche e associazioni private coinvolte, al problema, sempre più sentito della descrescita demografica e del calo delle nascite.

Con una considerazione finale: all’Ospedalino di Trento si sono attuati concretamente i diritti dei bambini e in particolare dei più deboli. Nel 1989 i loro “diritti universali” sono stati proclamati nel mondo.

C’era una volta l’Ospedalino a Trento”
Ubicazione: Auditorium Santa Chiara – Foyer , Trento 6 dicembre 2019 © foto Daniele Mosna

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Failoni presenta il nuovo ddl sul turismo: ridimensionamento delle ApT e imposta di soggiorno unica per tutto il Trentino

Pubblicato

-

La bozza della Legge provinciale sulla promozione territoriale e sul marketing turistico del Trentino mette, per la prima volta, «nero su bianco» il fatto che «il territorio provinciale è interamente a valenza turistica».

Andando anche a riconoscere «il ruolo fondamentale del turismo come risorsa per lo sviluppo integrato, sostenibile ed equilibrato del territorio».

Non solo. All’interno del testo è chiaramente specificata la necessità che i nuovi quattro soggetti che compongono l’architettura del sistema del marketing turistico lavorino in maniera coordinata ed integrata, alla luce del «piano strategico pluriennale di marketing turistico territoriale» elaborato da Trentino Marketing «coerentemente con le indicazioni contenute nei principali documenti strategici della Provincia».

Pubblicità
Pubblicità

Nella mattinata di oggi l’Asat ha potuto prendere visione, in anteprima, della bozza della Legge provinciale sulla promozione territoriale e sul marketing turistico del Trentino.

Il testo del Disegno di legge è stato presentato al Consiglio direttivo provinciale dell’Asat con il presidente Giovanni Battaiola ed il direttore Roberto Pallanch dall’assessore al turismo Roberto Failoni e dal dirigente generale del Dipartimento artigianato, commercio, promozione, sport e turismo Sergio Bettotti.

Per il presidente Battaiola si è trattato di un «momento fondamentale che ci consente di valutare la riforma del turismo, a seguito di incontri di confronto e scambio di comunicazioni avvenuti in precedenza (tra cui anche l’assemblea autunnale dell’Asat)».

«Il testo che ci è stato presentato oggi – afferma Battaiola – rimane a nostra disposizione per le opportune valutazioni. Va detto che si tratta di un elaborato articolato e merita approfondimenti e riflessione da parte della nostra Associazione. E questo sia all’interno degli organi direttivi dell’Asat, sia durante momenti di confronto sul territorio, sia attraverso incontri con le altre associazioni di categoria (Unat)».

Pubblicità
Pubblicità

Battaiola e Pallanch esprimono soddisfazione per la chiarezza dell’assessore Failoni e del dirigente generale Bettotti nel definire il percorso temporale all’interno di cui andranno prodotte notifiche ed osservazioni alla bozza della Legge provinciale sulla promozione territoriale e sul marketing turistico.

In sostanza, il Disegno di legge arriverà nell’aula del Consiglio provinciale all’inizio di maggio (martedì 5 maggio): rimangono, perciò, circa tre mesi e mezzo per elaborare le opportune osservazioni e stilare gli eventuali emendamenti.

Dal testo presentato nella mattinata di oggi emerge che saranno quattro i soggetti integrati del sistema di marketing turistico trentino: le Aziende per il Turismo (ApT, in numero pari a 10 contro le attuali 15) « responsabili della qualità dell’esperienza e dell’ospitalità e la fidelizzazione in loco del turista, nei rispettivi ambiti territoriali», le Agenzie Territoriali d’Area (in numero pari a 4, attualmente inesistenti) «responsabili della ideazione e costruzione del prodotto turistico interambito e intersettoriale nelle rispettive aree territoriali, intese quali aggregazioni di ambiti territoriali», Trentino Marketing «con funzioni di promozione territoriale e marketing turistico del Trentino» e la Provincia autonoma di Trento «con ruolo strategico, di indirizzo, con particolare riguardo allo sviluppo dell’offerta turistica per tutti i territori dell’ambito delle ApT​, pianificazione, programmazione e coordinamento».

Riguardo all’imposta di soggiorno nulla è ancora definito in maniera univoca. Pare che la direzione del Governo provinciale sia quella di un’unica imposta per tutto il Trentino.

Resta da vedere se l’importo sarà variabile a seconda della categoria dell’hotel in cui l’ospite soggiorna.

L’Asat, poi, accoglie con favore anche la parte della bozza del Disegno di legge in cui viene esplicitata «la centralità del turista, in tutte le fasi del ciclo della vacanza». «E aggiungerei – dice Battaiola – che anche le imprese turistiche sono un punto cardine del sistema turistico, in quanto il turismo “vive” dell’attività delle nostre aziende».

Un’ultima parentesi riguarda la formazione. Nel testo presentato stamattina è riportato che «la Provincia può, anche attraverso le proprie società, promuovere attività di formazione rivolta agli operatori del settore ricettivo e turistico». «La formazione – conclude Battaiola – è uno degli aspetti fondamentali che dobbiamo curare nel nostro settore al fine di aumentare, tra gli attori, la consapevolezza degli obiettivi del sistema e del loro ruolo all’interno del sistema stesso». Aggiungo che, attualmente, la formazione è gestita da aziende esterne alla Provincia e auspico si potrà proseguire anche in futuro in questa direzione».

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Comitato provinciale di coordinamento: via libera a Medicina

Pubblicato

-

Il Comitato provinciale di coordinamento riunitosi oggi in Rettorato ha dato il via libera al progetto di un corso di studi Medicina e Chirurgia a Trento.

Si tratta di un risultato importante per il quale la Provincia autonoma di Trento, per voce del suo assessore all’Università Mirko Bisesti, e l’Università di Trento, con il rettore Paolo Collini esprimono forte apprezzamento, dopo settimane di confronto serrato, intenso ma sempre leale, tenuto conto dell’importanza della posta in gioco.

A testimonianza del valore del gioco di squadra che ancora una volta ha consentito di valorizzare le risorse dell’autonomia e le sue peculiarità distintive.

Pubblicità
Pubblicità

Resta ferma la volontà di attivare un progetto comune che preveda una effettiva e rilevante cooperazione accademica che possa ricomprendere gli atenei di Trento, Verona e Padova.

Tenuto conto delle modalità e dei tempi di accreditamento del nuovo corso di Medicina – che per l’anno accademico 2020/21 può essere ottenuta dal corso interateneo UniTrento/UniVerona approvato dai rispettivi organi di Ateneo – le tre università e la Provincia autonoma di Trento hanno concordato di attivare sin d’ora un tavolo di lavoro per definire ruoli, modalità e tempi per il coinvolgimento di UniPadova nel rispetto delle reciproche competenze, a partire dall’anno accademico successivo (2021-2022).

Grazie al coinvolgimento degli atenei di Padova e di Verona che si sono resi disponibili, è stato peraltro confermato il comune obiettivo di anticipare la presenza – su base volontaria – degli studenti e delle studentesse trentini/e frequentanti tali università nella fase finale dei corsi di studi presso le strutture della APSS di Trento già a partire dal prossimo anno accademico, ampliando quanto già previsto dalla convenzione dell’Università di Verona per la medicina generale.

Infine, si auspica che la progettualità della Scuola di Medicina di UniTrento possa trovare terreno fertile all’interno della macroarea dell’Euregio, mediante la collaborazione con le istituzioni competenti per soddisfare le esigenze della popolazione che insiste su questo ambito territoriale.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Di nuovo operativa la piattaforma per la raccolta delle dichiarazioni ICEF

Pubblicato

-

È di nuovo operativa la piattaforma per la raccolta delle dichiarazioni ICEF.

Domenica pomeriggio erano stati riscontrati problemi tecnici nel suo funzionamento, in seguito ai quali la Provincia aveva concordato con la società di sistema e il nuovo fornitore un “fermo” del servizio per alcune ore a partire da ieri mattina fino alle ore 15 circa.

Non sono stati registrati particolari criticità da parte degli sportelli periferici provinciali e dei Caf, e in tal senso la provincia ringrazia gli operatori, avvisati già ieri pomeriggio del problema, per la professionalità e la collaborazione prestata; analogamente non sono stati segnalati particolari disservizi sull’utenza, essendo abbastanza contenute in questi giorni le richieste di elaborazione o invio pratiche connesse all’indicatore.

Pubblicità
Pubblicità

Lo stop di alcune ore è servito per risolvere le problematiche tecniche riscontrate ed eseguire i necessari test di verifica.

In tal senso va evidenziato che il sistema Icef è in costante aggiornamento ed evoluzione; occorre tener conto che in occasione del passaggio al nuovo fornitore Trentino Digitale e il raggruppamento di imprese risultate assegnatarie della gara per la gestione della piattaforma, stanno operando anche evoluzioni del sistema stesso, finalizzate a migliorarne la stabilità e il funzionamento.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza