Connect with us
Pubblicità

Trento

In meno di 2.000 in piazza Duomo: poche sardine e tanti curiosi dentro il festival del nulla

Pubblicato

-

Trento ore 18:00. Poche sardine tanti curiosi che vanno e vengono senza nemmeno capire perché sono li.

Turisti, gente che è uscita dal lavoro, famiglie in cerca di idee per il natale che si fermano per «sentire» qualche sardine cantare bella ciao oppure inveire contro il «cattivo» governo della lega che ha chiuso i rubinetti per l’accoglienza dei migranti in Trentino. 

Sui media «amici» girano numeri che fanno ridere, c’è chi ha contato addirittura 6.000 persone in piazza, ma di sicuro dopo avere bevuto troppi Brulè per difendersi dal freddo pungente.

Pubblicità
Pubblicità

Chi invece ha detto 5.000, chi 4.000, chi 3.000 e via dicendo, come sempre insomma idee chiarissime da parte di una stampa che ha eretto a grande manifestazione solo un incontro dove si è protestato solo per lo stop della giunta Fugatti all’accoglienza. 

Che la piazza fosse gremita ci poteva stare ma alla fine le sardine erano forse 2.000 ad essere ottimisti. 

La realtà, per chi ieri sera era presente, è ben lontana da quanto raccontata da molte testate “Sardina friendly”.

Pubblicità
Pubblicità

In piazza Duomo a Trento, ieri sera, si è voluto protestare contro una politica che dice no al business dell’accoglienza.

Definita razzista e populista. Altro che distanza dalla politica quindi.

Quello che però è venuto fuori è stato uno spaccato della realtà trentina vicina alla politica di sinistra che viveva di quei contributi che rendevano l’accoglienza un business pagato dal resto dei contribuenti. Un favore a pochi pagato da molti insomma. La solita storia vecchia come il cucco. Se questa è la novità….

Non per nulla ad intervenire c’era anche Claudio Bassetti presidente del Coordinamento nazionale comunità di accoglienza., scagliatosi subito contro il governo della provincia di Trento.

Il problema, secondo i rappresentanti delle Sardine Trentine, sarebbe quello di una politica poco avvezza a foraggiare quel sistema di accoglienza che tanto hanno fatto guadagnare gli imprenditori radical chic.

Le Sardine Trentine denunciano un clima d’odio e di intolleranza salvo poi intonare “Bella Ciao, la canzone del becero comunismo rosso che le Sardine vorrebbero instaurare.

La canzone peraltro è stata abilmente modificata con il fine di offendere l’esponente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni. Una tristezza infinita….

Sicuramente molte di quelle persone che ieri sera hanno riempito la piazza erano semplici curiosi attirati dalla voce dei megafoni e dagli slogan.

Ma chi ha ascoltato quei giovani esporre le loro idee e i loro obiettivi è sobbalzato sentendo la solita tiritera pro accoglienza dei migranti acquisendo la consapevolezza di come le sardine non siano agganciate per nulla alla realtà che le persone «normali» vivono quotidianamente

L’accoglienza non può e non deve essere un business.

L’accoglienza non può significare un torrente di soldi che transita tra le cooperative per poi non arrivare mai ai destinatari.

Le Sardine chiedono più rispetto e tolleranza nella politica salvo poi dimenticarsene e attaccare gli avversari con toni pesanti e ancora peggiori.

Ieri sera in piazza, per riuscire a fare meglio, sarebbe bastato dimostrare coerenza senza perdersi in futili offese.

Le Sardine, con tutto il loro carico politico, hanno palesato il loro vero interesse. A loro interessa poter lucrare attraverso l’economia dell’accoglienza senza curarsi del male che hanno fatto a molte città italiane.

Tra queste Sardine abbiamo visto tanti volti giovani a cui la politica dei loro rappresentanti ha rubato il futuro.

Per cambiare il mondo bisognerebbe in primis cambiare se stessi, e questo purtroppo non è successo ieri sera in piazza Duomo, dentro un vero e proprio festival del nulla privo di idee e contenuti. 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Il futuro abbraccia l’ecologia e la natura: anche in Italia spopola la moda delle Tiny House
    Sono conosciute come le” Students Tiny house talk”, ovvero 10 metri quadrati di vivere ecosostenibile. Si tratta di tipiche casette svedesi completamente costruite in legno dal design moderno e pensate inizialmente per ospitare universitari. L’efficienza energetica e l’impronta ecologia sono l’aspetto fondamentale di queste abitazioni che puntano a minimizzare al massimo le emissioni di carbonio […]
  • La Nasa lo conferma: sulla Luna c’è acqua ed è accessibile
    Sulla Luna c’è acqua, un annuncio clamoroso ma vero. L’incredibile notizia arriva da due studi della Nasa pubblicati su Nature. Il primo studio coordianato dalla Nasa dimostra la scoperta rilevata dal telescopio volante Sofia della molecola dell’acqua sulla Luna. Grazie al telescopio Sofia, montato a bordo di un boeing 747 ha infatti risolto il mistero […]
  • A Trento è arrivato l’innovativo franchise di SkinMedic Beauty Clinic
    SkinMedic è un nuovo modo di concepire il mercato dell’estetica, in cui la realtà in franchising diventa un’opportunità di crescita condivisa. Da qualche mese, il noto marchio ha aperto anche una Beauty Clinic a Trento, presso il quartiere Le Albere. “Operiamo sul campo nel settore medicale-estetico da oltre 20 anni, inizialmente come produttori di attrezzatura […]
  • Casa Sebastiano: ogni giorno la qualità di una vita migliore
    In Trentino, a Coredo nel Comune di Predaia, tra boschi e il profumo dei frutteti, si apre un grande edificio in cui ogni giorno si costruisce la qualità di una vita migliore, Casa Sebastiano. Struttura dedicata alle persone con disturbi dello spettro autistico, è stata costruita dalla Fondazione Trentina per l’Autismo presieduta da Giovanni Coletti, […]
  • Dal camerino digitale alle chat “commessa”: Cambia l’esperienza d’acquisto anche nella moda
    L’arrivo del covid prima e l’emergenza sanitaria poi, sta accelerando un processo e una trasformazione che era più che mai prevedibile, puntando verso diversi cambiamenti, soprattutto quello dell’esperienza d’acquisto. Una direzione inconvertibile in cui molti, tra esperti e protagonisti del settore, stanno cercando di riprodurre le stesse sensazione dell’acquisto vissuto in negozio  provando ad uguagliarlo […]
  • Anche i grandi nomi della moda scelgono la sostenibilità: Prada lancia la nuova linea “Prada Re – Nylon” con plastica ricilata
    I grandi nomi della moda e del lusso si reinventano nella forma e soprattutto nella sostanza facendo della sostenibilità una propria cultura aziendale, impegnandosi verso una moda sostenibile e decisamente più responsabile. Questa è la direzione che ha deciso di prendere Prada, ampliando la sua proposta e introducendo una nuova collezione con del nylon rigenerato per […]
  • Al MART di Rovereto è arrivata la mostra “Caravaggio. Il contemporaneo”
    Michelangelo Merisi, in arte Caravaggio, è un pittore italiano nato a Milano nel 1571 e deceduto a Porto Ercole nel 1610. Questo incredibile autore, che si è formato a Milano e che ha lavorato a Roma, Napoli, Malta e in Sicilia fra il 1593 e il 1610, ha raggiunto la notorietà nel XX secolo dopo un […]
  • Arriva la crociera “ no where”: navigare in mare aperto senza scali né meta
    Dopo i voli verso il nulla annunciati da diverse compagnie aeree in Asia, ora, per riconquistare la fiducia dei viaggiatori e dei turisti di tutto il mondo arrivano anche viaggi in nave senza destinazione, le crociere “no where”. Si tratta di navigazioni in barca in mare aperto ma senza scali con andata e ritorno e […]
  • Il periodo di quarantena all’estero diventa un’opportunità di turismo: la Norvegia e il suo fascino
    Nonostante un periodo di limitazioni, viaggiare per turismo è diventato un imperativo, esiste infatti chi ha inventato proposte decisamente non convenzionali per trasformare l’attuale situazione di emergenza in una vera opportunità di turismo. Si parla in particolare del “Loften Quartine Tour”, un “pacchetto sicuro” pensato da Quality Group e marchiato da Il Diamante che punta […]

Categorie

di tendenza