Connect with us
Pubblicità

Sport Trentino

Il Trento è incontenibile. 6-1 al Mori e Coppa Italia Trentina conquistata

Pubblicato

-

Il primo obiettivo stagionale è stato raggiunto. Il Trento si porta a casa la Coppa Italia Trentina strappazzando senza pietà il Mori Santo Stefano.

Il trofeo era già stato vinto nel 2014, nel 2015 e nel 2016. La gara appare fin da subito a senso unico: dopo mezz’ora il Trento era già avanti 3 a 0.

Questo pomeriggio l’allenatore Trainotti decide di lanciare dal primo minuto Panizza al posto dell’indisponibile Badjan e concede l’esordio al neoacquisto Fortunato.

Pubblicità
Pubblicità

Il centrocampista classe ’90, cresciuto nella primavera dell’Inter, ha nel suo curriculum parecchie apparizioni fra Serie C e Serie D vestendo le maglie di Spal, Mantova, Treviso, Pordenone e Chieri. In attacco si ricompone il trio Baido-Pietribiasi-Sottovia.

Il Mori pare particolarmente organizzato dal punto di vista tattico, ma nonostante ciò è la squadra di casa che fa la partita. Al decimo un’azione dalla destra finisce sui piedi di Sottovia, che dal limite dell’area calcia in porta. Il diagonale è perfetto e angolato. 1-0.

Il gol è solo l’inizio. La squadra di casa continua a premere sull’acceleratore e dopo soli cinque minuti Fortunato spedisce Pietribiasi verso la porta. L’attaccante lanciato a rete non indirizza a sufficienza il pallone, che viene allungato da Prezzi in calcio d’angolo.

Pubblicità
Pubblicità

C’è solo il Trento in campo. Passano altri cinque minuti e si ripete l’azione di poco fa. Fortunato lancia nuovamente Pietribiasi che scatta sul filo del fuorigioco ed elude l’uscita di Prezzi. La punta appoggia per Sottovia, che a porta vuota non può fare altro che mettere in rete. 2-0.

La squadra ospite si vede solo alla mezz’ora con una velleitaria conclusione dalla distanza di Dossi. Conci non ha problemi a bloccare. Dopo questo piccolo sussulto, il Trento continua ad attaccare con insistenza.

Come accaduto a Mezzolombardo con la Rotaliana e in casa con il Comano, il Trento segna almeno un gol per uno sbaglio della difesa avversaria. Questa volta un errato disimpegno consegna la sfera a Pietribiasi, che preso possesso del pallone fa subito gol. 3-0.

Allo scadere del primo tempo per il Mori arriva il gol della bandiera. Da un calcio d’angolo la palla cade in mezzo all’area e dalla mischia scatenatasi si fa largo Cescatti, che insacca. 3-1.

Con l’inizio della ripresa la musica non cambia. Il Trento riprende ad attaccare e dopo un quarto d’ora trova anche il poker. Sottovia, scatenato, raccoglie il pallone e salta un paio di difensori. Trovatosi di fronte a Prezzi, salta anche il portiere e insacca in porta. 4-1.

La squadra di casa pare non avere pietà. Dopo soli tre minuti Caporali scappa sulla fascia destra e mette in mezzo per Sottovia. Il tiro è forte e preciso, ma Prezzi riesce a respingere, spedendo però il pallone sui piedi di Pietribiasi. A porta vuota arriva il quinto gol. 5-1.

La partita inizia ad assumere un punteggio tennistico.  Nel frattempo Toccoli fa entrare i giovani: Santuari (2001) al posto di Baido, Comper (2003) al posto di Pietribiasi e Pederzolli (2002) al posto di Paoli.

A cinque minuti dal termine c’è gloria anche per Caporali. La mezz’ala fa tutto da sola: prima salta il terzino Cascone e poi il portiere Bordignon, entrato al posto di Prezzi, e fa 6 a 1.

Troppo Trento per un Mori che non è riuscito ad adottare le adeguate contromisure. La partita è risultata quasi un allenamento, con la squadra di casa che nell’attaccare incorreva in davvero poche difficoltà.

Dopo aver alzato la Coppa Italia Trentina davanti a quasi 500 spettatori, sabato prossimo alle 14:30 a San Giorgio è la volta della finale regionale con il Laives.

TRENTO (4-3-1-2): Conci; Paoli (41’st Pederzolli), Carella, Trainotti, Panizza (11’st Pellicanò); Caporali, Pettarin (17’st Ferraglia), Fortunato; Baido (11’st Santuari); Pietribiasi (27’st Comper), Sottovia.
Allenatore: Flavio Toccoli.
MORI SANTO STEFANO (4-3-1-2): Prezzi (21’st Bordignon); Moscatelli, Pozza, S. Dal Fiume (19’st Cascone), Cescatti; Comai (4’st Rizzello), Libera, Pedrotti (11’st Simonini); Dossi; Cerda (7’st Marchione), Pezzato.
Allenatore: Davide Zoller.
ARBITRO: Ugolini di Trento (Giannone di Arco Riva e Parisi di Rovereto).
RETI: 9’pt e 21’pt Sottovia (T), 32’pt Pietribiasi (T), 46’pt Cescatti (M), 13’st Sottovia (T), 16’st
Pietribiasi (T), 41’st Caporali (T).
NOTE: spettatori 500 circa.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pacchetti “antistress “ in hotel di lusso: giornate alla ricerca del benessere
    Alternare il lavoro con il riposo, mettendo in pausa la routine quotidiana aggiunge una diversione alla vita e permette la splendida occasione di fare esperienze insolite, conoscere luoghi, persone e sopratutto non avere un’agenda giornaliera. In una società iperattiva è quindi indispensabile la ricerca dell’equilibrio perduto anche solo attraverso esclusivi pacchetti antistress in hotel di […]
  • Un solo tavolo al ristorante stellato, l’elegante genialità della ristorazione
    Il meglio delle esperienze che Venezia possa offrire è racchiuso in un luogo dove la declinazione dell’esperienza sarà il miglior servizio. Un posto non convenzionale che può essere scelto solo da coloro che accettano di non porre condizioni. Con geniale eleganza, Il Ristorante “Oro” dell’hotel Cipriani a Venezia rinasce mettendo in luce un dettaglio unico […]
  • A Bologna l’economia circolare in edilizia diventa realtà: arriva il nuovo asfalto 100% riciclato
    Un’edilizia circolare sempre più sostenibile dal punto di vista ambientale risulta una strada imprescindibile per il futuro dello sviluppo economico. Il riciclo dei materiali promette infatti oltre ad una sensibile riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento, anche un’ottima soluzione per ottimizzare costi e ricavi. In un simile contesto risulta fondamentale lavorare sulla ridefinizione del ciclo produttivo […]
  • Una notte tra le Dolomiti e le stelle a 2055 metri di quota
    A pochi chilometri da Cortina tra cieli sconfinati e cattedrali rocciose esiste una camera che regala l’insolita emozione di ritrovarsi a dormire avvolti dall’affascinante magia di un paesaggio unico al mondo. La starlight Room, inclusa tra i dieci hotel più spettacolari del mondo, si trova infatti sopra al rifugio Col Gallina a 2055 metri in […]
  • “Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
    Immagina un angolo di vacanza nel tuo giardino o terrazza, uno spazio accogliente e riservato dove poter dimenticare i problemi quotidiani e immergerti in momenti di benessere e relax da solo o con i tuoi cari. Magari è da un po’ che ci pensi ma qualcosa ti frena. Domande del tipo: “Da dove inizio? Mi […]
  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]

Categorie

di tendenza