Connect with us
Pubblicità

Trento

Il centro di protonterapia di Trento arriva a quota mille pazienti

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Il Centro di Protonterapia di Trento ha tagliato il traguardo dei mille pazienti trattati nei primi 5 anni di attività.

Un risultato che è frutto di un percorso iniziato alla fine del 2014, con il primo paziente adulto, e proseguito l’anno successivo con il primo caso pediatrico in Italia trattato con i protoni.

Il Centro di Trento è una struttura unica in Italia dal punto di vista tecnologico e uno tra gli oltre 80 centri di protonterapia nel mondo, concentrati soprattutto negli USA, in Europa, in Giappone e in Cina.

Pubblicità
Pubblicità

La protonterapia è una particolare forma di radioterapia oncologica che utilizza particelle dotate di massa e carica, i protoni, al posto dei raggi X (fotoni) adottati nella radioterapia tradizionale.

I protoni rilasciano la loro energia nei tessuti irradiati in modo caratteristico: la dose viene depositata quasi interamente e con estrema precisione nello spazio di pochi millimetri. Questa proprietà consente di somministrare dosi elevate di radiazioni al tumore, risparmiando i tessuti sani in prossimità della lesione.

Il trattamento è particolarmente indicato nei casi clinici più complessi, che includono tumori vicini a organi e strutture sensibili, in regioni anatomiche complesse, tumori pediatrici o resistenti alla radioterapia convenzionale, anche in combinazione con la chemioterapia, quale trattamento post chirurgico. La protonterapia viene erogata nell’ambito delle cure previste dal Sistema sanitario nazionale ed è inclusa tra le patologie previste dai Lea (livelli essenziali di assistenza). Trento è l’unico Centro di protonterapia afferente ad un’azienda sanitaria pubblica a livello europeo.

Pubblicità
Pubblicità

Nel Centro di Trento vengono trattati tumori cerebrali e della base cranica, tumori della testa e del collo, sarcomi, tumori gastrointestinali, della colonna vertebrale e del sacro, i linfomi e i tumori solidi pediatrici. Il ritrattamento di tumori già irradiati con radioterapia convenzionale costituisce un ambito di particolare complessità e rappresenta una risorsa terapeutica eccellente per i pazienti.

A partire dal 2017, Trento è il primo Centro in Europa e secondo al mondo ad aver sviluppato e implementato trattamenti di radiochirurgia con protoni per trattare tumori localizzati in parti dell’encefalo non operabili chirurgicamente.

Le cure sono erogate in regime di day hospital e durano, mediamente, cinque o sei settimane: un periodo di tempo lungo, durante il quale i pazienti possono contare sulla presenza e sul sostegno di una rete di enti e associazioni di volontariato, che offrono supporto e assistenza durante il trattamento.

Attualmente, il Centro di Trento è l’unico in Italia ad essere dotato di gantry e della tecnologia PBS (pencil beam scanning) per l’erogazione del fascio di protoni, che consente di irradiare il tumore con altissima precisione risparmiando i tessuti sani.

Una terapia che, oggi, non può essere definita sperimentale: la sua origine risale al secondo dopoguerra. Gli stadi dello sviluppo sono stati lenti anche a causa della complessità delle strumentazioni tecnologiche necessarie e le prime strutture non sorsero in ambito ospedaliero ma bensì all’interno di laboratori di fisica nucleare, nei quali erano disponibili le apparecchiature necessarie ad accelerare e indirizzare sul bersaglio i protoni.

È a partire dagli anni novanta, inizialmente negli Stati Uniti e successivamente in Europa e in Asia, che hanno iniziato ad operare i primi centri clinici di protonterapia.

Il cuore del Centro è costituito dal ciclotrone, un’apparecchiatura che consente di accelerare i protoni fino a raggiungere il 60% della velocità della luce, ovvero la velocità necessaria per penetrare i tessuti biologici e raggiungere la sede del tumore. Il fascio di protoni viene poi trasportato nelle due sale di trattamento, entrambe dotate di gantry, una struttura rotante a 360° intorno al paziente che permette di garantire il posizionamento più idoneo del paziente.

Nel Centro di Trento le attività cliniche sono affiancate alla ricerca scientifica a rilevanza nazionale e internazionale svolta in ambito clinico, preclinico e radiobiologico. L’attività di ricerca è svolta in una sala sperimentale dotata di linea fissa per il rilascio del fascio di protoni che viene utilizzata anche per progetti di ricerca e sviluppo in ambito aerospaziale, di fisica di base e dei materiali.

Le attività di ricerca sono gestite dal Trento Institute for fundamental physics and applications  (Tifpa), centro nazionale dell’Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn) nato grazie alla collaborazione con l’Azienda provinciale per i servizi sanitari (Apss), l’Università degli studi di Trento (Unitn) e la Fondazione Bruno Kessler (Fbk).

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Val di Non – Sole – Paganella8 ore fa

Andalo, cambia il sistema di conferimento dei rifiuti da parte delle aziende

Italia ed estero10 ore fa

Addio al bonus 18enni, i fondi a spettacoli ed editoria

Val di Non – Sole – Paganella11 ore fa

L’intera Val di Non imbiancata: Vigili del Fuoco al lavoro

Trento12 ore fa

Ordine Infermieri: «Restituire ai pazienti la vicinanza dei familiari significa restituire un diritto umano»

Trento12 ore fa

La decorazione natalizia della polizia di Stato sul grande abete in piazza Duomo

Trento13 ore fa

Weekend dell’Immacolata, neve in esaurimento. Domenica traffico da bollino nero

Musica14 ore fa

Isera, Palazzo de’ Probizer: Agorart Ensemble in concerto

Fiemme, Fassa e Cembra14 ore fa

Nuovo ospedale di Cavalese: una grande proposta per i bisogni della comunità

Trento14 ore fa

Superato il limite della decenza: ora rubano i vasi di rame dai cimiteri

Trento14 ore fa

Neve in Trentino, la situazione della viabilità alle ore 10.30

Val di Non – Sole – Paganella14 ore fa

A Spormaggiore arriva il “Consiglio comunale dei ragazzi”

Trento15 ore fa

5 centimetri di neve a Trento, in azione la macchina comunale. Nel pomeriggio in arrivo la pioggia

L'Editoriale15 ore fa

In Trentino centrodestra ancora favorito. La leadership cambia a favore di Fratelli d’Italia

Trento16 ore fa

Arrivano i turisti: la stagione invernale si apre con successo

Italia ed estero16 ore fa

Dal 12 al 16 dicembre mobilitazioni nazionali contro la manovra di bilancio: le motivazioni

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Monica Cadau perde il ricorso al TAR e dovrà risarcire il comune di Borgo e il Ministero

Trento3 settimane fa

A Trento è arrivata “Pokè Monade”, la Poke trentina!

Io la penso così…1 settimana fa

Coredo: «I maiali che mangiavano fango: il veterinario si dimetta»

Trento2 settimane fa

Avvistato un branco di lupi tra Centa San Nicolò e Caldonazzo

Io la penso così…5 giorni fa

Sono fan dei Maneskin…ma quando si esagera non va bene

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Morte neonato a Cles: era già successo 42 anni fa

Trento3 giorni fa

Circonvallazione ferroviaria Trento: pian piano la verità viene a galla

Trento3 settimane fa

I pendolari della sanità trentina: «È l’unico modo per curarsi e rimanere in vita»

Trento1 settimana fa

Gallerie Martignano: da dicembre saranno attivi gli autovelox

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Massimiliano Lucietti è morto mentre era a terra per sparare

Le ultime dal Web4 settimane fa

Tesla Model Y impazzita uccide due persone – IL VIDEO

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Non più lezioni, ma esperienze in montagna. A Molveno apre la nuova «Non scuola di sci»

Meteo2 giorni fa

Da giovedì sera sul Trentino torna la neve anche a quote basse

Trento4 settimane fa

Non poteva essere l’avvocato della Provincia di Trento. La corte dei Conti chiede 113 mila euro di risarcimento a Giacomo Bernardi

Val di Non – Sole – Paganella6 giorni fa

Paura nella notte a Cles: a fuoco un’abitazione in zona Spinazzeda

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza