Connect with us
Pubblicità

Trento

Arresti «Mafia Nigeriana» a Trento: la base era un negozio etnico. Trovate anche pillole abortive

Pubblicato

-

La base trentina della «Mafia nigeriana» è stata scoperta in un negozio etnico di oggettistica africana ubicato vicino alla stazione di Trento dove è stata trovata della droga, dei soldi e un sacchetto pieno di pillole abortive.

Proprio il ritrovamento di queste pillole abortive potrebbe ipotizzare anche un grosso giro riguardante lo sfruttamento della prostituzione uno dei pilastri dove si poggia la mafia nigeriana italiana.

Il guadagno dalla vendita della droga, principalmente marijuana ed eroina, fruttava agli spacciatori della compagine criminale dai 5 mila ai 6 mila euro al giorno.

Pubblicità
Pubblicità

Come si ricorda sono stati 24 gli arresti in flagranza di reato nel corso delle indagini, con il contestuale sequestro di 2 mila dosi di sostanza stupefacente.

I nigeriani che facevano capo all’organizzazione, esercitavano una sorta di attività da “pendolari dello spaccio”. Gli uomini risultavano tutti residenti a Verona e utilizzavano nomi in codice per non farsi identificare.

Ogni mattina gli spacciatori partivano da Ala, Verona e Vicenza, dopo essersi riforniti di droga ed aver ricevuto istruzioni dai capi via chat.

Pubblicità
Pubblicità

Per quanto riguarda la droga è stato sequestrato il principio attivo che poteva fruttare fino a 2 mila dosi di eroina, con un guadagno di 200 mila euro.

Una gran parte dei soldi finiva in Nigeria mentre non è ancora chiaro dove finisse la restante parte di denaro.

La conduzione degli affari era gestita da un’associazione molto rigida e definita: al vertice c’erano “Iron Boss”, “Bobo“, “Ken” e “Ukua”, tutti soprannomi di residenti nel veronese.

Il loro compito era quello di gestire lo spaccio e di reperire la materia prima attraverso dei loro connazionali a Bari e in Germania.

Sono stati effettuati 35 arresti, di cui 27 ordinanze di custodia cautelare in carcere.

Alcuni degli arrestati sono stati addirittura colti in flagranza di reato, in quanto trovati in possesso di droga durante le stesse perquisizioni. Tra gli arrestati quattro sono residenti in Trentino e sono arrestati dalle parti di Montevaccino.

Per tutti l’accusa è di associazione a delinquere e spaccio di sostanze stupefacenti. Alcuni degli arrestati possono però avvalersi della protezione internazionale.

L’imperativo ordine dei capi nigeriani era quello di presidiare ad ogni costo piazza Dante con la droga sempre disponibile.

E se qualcuno veniva arrestato dalle forze dell’ordine veniva subito sostituito nel giro di poche ore.

Un fiorente mercato milionario insomma organizzato come una potente azienda, della morte purtroppo.

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Vestiti digitali: l’abito che compri, indossi ma non esiste
    Dietro al glamour e allo scintillio dei vestiti nuovi, appena usciti dai negozi, il mondo della moda si ritrova in una fase epocale di cambiamento trainata dalla trasformazione dei comportamenti di acquisto dei prodotti, dalle diverse esigenze dei consumatori e soprattutto dalla forte rivoluzione digitale. In ambito fashion infatti, i cambiamenti più significativi riguardano la […]
  • Gelato alla frutta o gelato alle creme? Questo è il dilemma
    Che estate sarebbe senza gelato? Colorato, fresco, gustoso e perfetto per una merenda golosa o per una serata davanti al ventilatore, il gelato è un must della bella stagione. I gusti ormai sono infiniti, si va dal dolce al salato, dal classico gelato al gelato fritto… insomma, ce n’è per tutti i palati! Ma è […]
  • Da aerei e droni, “bombe di semi” contro la deforestazione in Thailandia
    La fame di risorse naturali che portano alla riconversione di zone naturali in coltivazioni e zone urbane è un fenomeno storico, noto fin dalle origini antiche ma mai così sviluppato come nelle proporzioni attuali. La deforestazione infatti, è considerata uno dei più grandi mali della società moderna che, oltre ad aggravare una vasta gamma di […]
  • Isole Borromee: le tre incredibili ‘perle’ del lago Maggiore
    Incastonato tra i rilievi collinari e montuosi delle terre svizzere e quelle italiane, nelle regioni di Lombardia e Piemonte si aprono le meravigliose acque del Lago Maggiore, rese spettacolari dai tratti di costa punteggiata di castelli, ville monumentali e circondate dai rigogliosi e coloratissimi giardini. Dal favoloso clima, alle bellezze architettoniche, alla ricca eredità archeologica, […]
  • Eco Bonus 110% esteso anche alle seconde case
    Nonostante il tanto desiderato Super Eco Bonus del 110 %, il pacchetto di incentivi fiscali relativi alle detrazioni per le riqualificazioni energetiche e misure antisismiche sia entrato ufficialmente in vigore dal mese di luglio 2020, si pensa già ad un allargamento della platea per la super detrazione. È stata presentata infatti, una riformulazione di un […]
  • Ghiaccioli fatti in casa: mille gusti di golosità!
    Quando arriva l’estate nei nostri congelatori non mancano mai alcune scatole di ghiaccioli. Golosi, gustosi, colorati e adatti a tutti i gusti: i ghiaccioli possono essere l’ingrediente perfetto per una merenda tra amici, fresca e rigorosamente instagrammabile. Ma è davvero così complicato prepararli? Gli ingredienti per preparare i ghiaccioli sono davvero semplici e pochi: i […]
  • Garda See Charter: tra l’arte del navigare e un’avventura sportiva
    Venti che soffiano costanti e regolari, onde perfette e mai eccessivamente abbondanti, acqua celeste e leggermente illuminata dai caldi raggi del sole che rendono il clima mite tutto l’anno: queste sono solo alcune delle condizioni ideali per un’esperienza in barca a vela sulle acque del Lago di Garda. Quello del Lago di Garda, tra il […]
  • “Vivi internet, al meglio”: la piattaforma di Google per aiutare gli adulti a guidare i ragazzi sul web
    Dalla sua nascita l’immenso mondo del web ha concretizzato le necessità in facili possibilità ma con la sua inarrestabile evoluzione sta offrendo, sopratutto al pubblico più giovane, altrettante insidie e minacce. Secondo una ricerca commissionata da Google, nonostante l’85% degli insegnanti italiani intervistati non abbia i mezzi sufficienti per affrontare questo tipo di problematiche, il […]
  • Sacro Bosco di Bomarzo: un luogo tra sogno e realtà
    Non tutti sanno che nel cuore della Tuscia Laziale, in provincia di Viterbo, si trova un bosco dove immaginazione e paure prendono forma: il Sacro Bosco di Bomarzo, noto ai più come Parco dei Mostri di Bomarzo. In letteratura e nell’arte, il bosco è spesso visto come metafora di caos, turbamento, inquietudine, vita, perdita della […]

Categorie

di tendenza