Connect with us
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Le «allucinazioni» dell’assessore Ivo Chiesa e i risultati pari allo zero

Pubblicato

-

Sarebbe una storia da ridere, se non ci fosse da piangere per le devastanti conseguenze di un’azione amministrativa assente o, in taluni casi, addirittura nociva per le attività economiche della seconda città del Trentino, che l’Amministrazione del sindaco Valduga ha messo in ginocchio.

“Con noi un centro più attrattivo. Finora abbiamo già fatto tanto ed ora via alla rigenerazione”, queste le dichiarazioni trionfali a tutta pagina su un quotidiano locale che questa mattina hanno fatto sobbalzare molti roveretani sulla sedia.

A parlare in una lunga (quanto ingiustificata, a detta di molti) intervista l’assessore a commercio, turismo ed artigianato Ivo Chiesa, (foto) di professione commerciante, da quattro anni e mezzo responsabile del settore più nevralgico in seno ad ogni amministrazione pubblica, quello che dovrebbe gestire le attività economiche, favorendo lo sviluppo del territorio.

Pubblicità
Pubblicità

Tra le altre cose, anche referente per la Giunta Valduga del progetto di Rigenerazione Urbana, avviato 2 anni or sono su input della Confcommercio locale.

Chi meglio di lui dovrebbe conoscere lo stato dell’economia roveretana? Infatti, proprio per questo il quadro che Chiesa dipinge sfiora il paradossale: una Rovereto che non esiste, dove tutto va bene, l’economia è florida come non mai, la città piena di turisti, con musei capaci di attirare le grandi folle.

“Abbiamo fatto molto, abbiamo reso il centro più attrattivo, basti pensare a via Paganini, via S. Maria, via Dante” – aggiunge ancora Chiesa.

Pubblicità
Pubblicità

Più che attrattivo, il centro è costato tantissimo: per cambiare soltanto la pavimentazione delle tre vie citate ad esempio dall’assessore sono stati spesi oltre 2,2 milioni di euro di soldi dei cittadini! Con quali risultati?

Pubblicità
Pubblicità

Il centro è tutt’altro che florido: se nel gennaio 2018 si leggeva sulla stampa, in occasione dell’inaugurazione del laboratorio sulla rigenerazione urbana, che c’erano 53 locali vuoti in centro; ebbene, l’altra sera, Iscom Group, la società specializzata che dovrà indicazione azioni concrete di rigenerazione urbana entro aprile 2020, ha annunciato che oggi i locali vuoti sono oltre 100.

Quindi, come la mettiamo caro assessore? I conti non tornano. Città accogliente e attività che chiudono a raffica? Davvero non ci siamo.

La parte più bella è quella che riguarda il turismo, altra competenza del gagliardo Chiesa: mentre Trento elabora un piano turistico per la città capoluogo, cosa ha fatto la Giunta Valduga per sviluppare turisticamente la città? Niente, proprio niente.

Ormai a fine mandato Chiesa ora si aggrappa al Natale di quest’anno (“abbiamo un Natale ricco di atmosfere e rivolto soprattutto ai bambini e alle famiglie”) ma dimentica che il Comune quest’anno ha tolto oltre il 20% del contributo, scendendo dai 190.000 euro stanziati nel 2018, ad appena 150.000 euro del Natale di quest’anno (pur avendo risparmiato 94.000 euro non liquidati alla Everness di Agostino Carollo per le note contestazioni al suo FestivalNatale 2018) e dimentica pure che lo scorso anno il sindaco Valduga, rifiutando ogni richiesta giunta da più parti, impose di chiudere il mercatino di Natale il 24 dicembre (invece che il 6 gennaio come tutti gli altri mercatini) causando un danno d’immagine e di mancati introiti molto rilevante per tutte le attività economiche della città.

Poi con tutta franchezza, fare meglio dell’anno scorso per quanto riguarda il Natale non ci voleva molto in verità

Però la frase più bella, quella che rivela la filosofia dell’agire di questa Amministrazione giunta ormai alla fine del suo mandato, è la seguente: “Non sono riuscito a spiegare che anche via del Garda è uno sviluppo nella natura delle cose. Mi sarebbe piaciuto far capire che non c’è alternativa tra via del Garda e il centro storico. Anzi, sono complementari”, dice ancora Ivo Chiesa con una sintassi discutibile ma con un significato chiarissimo.

Ecco, si rileva oggi lo scopo di Valduga, Tomazzoni e pure Chiesa: spostare il baricentro commerciale dal centro cittadino all’asse via del Garda-via Abetone, laddove prima c’erano le grandi industrie ormai defunte, dove proprio venerdì scorso l’assessore Chiesa è stato fotografato da un altro quotidiano locale mentre fa shopping all’ultimo discount che aveva inaugurato poco prima, l’MD.

Chiesa passerà agli annali come l’assessore che ha inaugurato più supermercati della storia della regione: ha cominciato con l’Iper Orvea, poi Aldi, Despar (al posto del Superstore del Millennium Center) e venerdì scorso anche MD. Prima di concludere le sue “fatiche” arriverà anche a tagliare il nastro del secondo Aldi, in via Brennero e, forse, anche del nuovo Eurospin sull’area “La Favorita”.

Davvero un invidiabile primato.

Sempre da solo, perché il sindaco Valduga, che pure guida e dirige da par suo questa Amministrazione, si guarda bene dal farsi vedere a queste inaugurazioni di via Garda e zone limitrofe, pur portando in Consiglio comunale le delibere che certo non ostacolano questi nuovi insediamenti commerciali: l’ultima quella del 2 aprile scorso che, con una deroga urbanistica ad hoc, ha fatto risparmiare un milione di euro agli illuminati mecenati Hager e Signoretti che hanno acquistato all’asta l’area a prezzo di saldo e la rivenderanno a peso d’oro.

Con buona pace degli oltre 400 piccoli imprenditori del centro cittadino, che, secondo Chiesa, dovrebbero pure ringraziare lui, il sindaco Valduga e tutta questa illuminata giunta municipale che ha dato un impulso decisivo allo sviluppo economico della città, pardon, di via del Garda e basta.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]

Categorie

di tendenza