Connect with us
Pubblicità

Trento

Come parlare dell’affettività a mia figlia? Arrivano i progetti «Mamma/Figlia» e «2 giorni con papà»

Pubblicato

-

Diego Andreolli e Roberta Paletti sono due giovani sposi (nella foto), con tre bambini.

Entrambi insegnanti, con solida formazione sia nel campo pedagogico sia in quello biologico-scientifico, da alcuni anni portano tra i giovani e nelle scuole le loro competenze nel campo dell’educazione all’affettività.

Li abbiamo incontrati per qualche domanda su due bellissimi progetti cui stanno dedicando tempo e passione: “mamma/figlia” e “2 giorni con papà”.

PubblicitàPubblicità

Roberta, in cosa consiste “mamma/figlia”?

«Si tratta di un percorso ideato da una mamma svizzera italiana che, avendo due bambini, un giorno si è chiesta: come parlare dell’affettività a mia figlia?

E così, sfruttando le sue ampie competenze, comprese quelle di insegnante di metodi naturali, ha ideato un percorso che si sviluppa in due pomeriggi, di 3 o 4 ore l’una, aperti alla presenza di 6/8 coppie di mamme con le rispettive figlie».

Pubblicità
Pubblicità

Solo donne insomma?

«Sì, ci si prende il tempo per stare soltanto con la propria figlia, lasciando il marito e il resto della truppa a casa! E così, accompagnati da persone preparate, in un contesto favorevole ed intimo, si affrontano tematiche molto importanti per lo sviluppo affettivo di una ragazzina.

Noi donne vediamo come siamo fatte, da un punto di vista biologico; cerchiamo di capire cosa accade nella crescita, che significato hanno i cambiamenti del corpo…»

Un’impostazione molto scientifica?

«Certamente, ma non solo. La scienza descrive, ma poi bisogna comprendere il senso profondo dell’ordine naturale, direi il “progetto” che c’è all’origine. Partiamo dai dati oggettivi per comprendere meglio la bellezza dell’essere femmine, capaci di dare la vita, e, in generale, di accogliere… C’è un rapporto stretto tra ciò che siamo a livello biologico e ciò che siamo come persone dotate anche di anima, e non solo di corpo. Si ama con tutta la persona, non con una sola “parte”!»

Che differenza c’è con la tradizionale educazione “sessuale” che si fa a scuola?

«Anzitutto il contesto è diverso, più “delicato”, più intimo. Le persone sono di meno; non ci sono maschi e femmine, con esigenze e domande diverse, ma solo femmine; soprattutto mamma e figlia iniziano un dialogo che poi continueranno nel tempo, imparando a parlare insieme, ad affrontare insieme eventi futuri. Accade spesso che genitori e figli non abbiano dialogo, per vari motivi (pudore, imbarazzo, diffidenza…), riguardo ad un’esperienza umana fondamentale! Ma così i figli rimangono esposti solo a sollecitazioni esterne, spesso poco adeguate…»

Parlate anche dei maschi?

«Certamente! Insegniamo la bellezza della differenza. Cercare di capire anche le dinamiche e le peculiarità maschili aiuta a comprendere la bellezza della complementarietà (vedi http://www.filosofiaescienza.it/anche-cervello-sessuato/). Maschi e femmine sono molto diversi: per questo si cercano, per questo si completano, e per questo, talvolta, non si capiscono e si scontrano… Noi vogliamo promuovere una cultura dell’alleanza tra maschile e femminile, e per farlo valorizziamo sia la nostra femminilità sia la mascolinità, ricordando anche che come per una femmina può essere difficile diventare donna, così accade anche al maschio. La crescita spalanca ad una straordinaria ricchezza, ma richiede anche fatica, saggezza, pazienza…»

In sintesi estrema?

«Questi incontri aiutano a capire se stesse; a mettersi nei panni dell’altro sesso; a creare una consapevolezza che permette maggiore sensibilità, scelte più ponderate ed insegna ad ascoltarsi e a prevenire eventuali errori, con le relative sofferenze e fallimenti».

Passiamo ora a Diego. In cosa consiste il “2 giorni con papà”?

«Questo percorso nasce dall’idea di un pediatra italiano, intenzionato a dedicare del tempo a formare uomini e papà, in un’epoca di eclissi del padre. Si tratta di due giorni in cui tra confronti, preghiera, condivisione si trattano temi di sessualità, affettività, dinamiche relazionali, nella consapevolezza che la mascolinità non è una “tara”, ma al contrario un dono e una risorsa. Abbiamo più che mai bisogno non di narcisi, nè di violenti, ma di veri uomini, affettivamente maturi, capaci di dedicarsi alla famiglia, alla sposa, ai figli, con dedizione, amore, sana virilità.»

Oggi manca il padre?

«Scarseggiano uomini che sappiano essere mariti e padri. Che abbiano consapevolezza dell’importanza del loro ruolo nella società. Che siano cavalieri. Una grande quantità di ricerche, soprattutto negli Usa, lo dimostra. Per fare un solo esempio “una ricerca durata per oltre 34 mesi- come ricorda l’avvocato Massimiliano Fiorin nel suo La fabbrica dei divorzi -sui bambini dell’asilo ricoverati negli ospedali di New Orleans negli anni ottanta, quali pazienti del reparto di psichiatria, ha rivelato che nell’80% dei casi la patologia era originata dall’assenza (voluta o imposta, ndr) del padre».

Il suo percorso ha anche un’impronta religiosa?

«Sì, partiamo dalla biologia, dall’esperienza, ma con un riferimento anche alla Paternità di Dio. Il prossimo 2 giorni con papà si svolgerà per coppie di papà e figli nati nel 2006-2007, l’8 e il 9 febbraio 2020».

Per info 2giorniconpapa@gmail.com (cell. 3208164422).

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • A Bologna l’economia circolare in edilizia diventa realtà: arriva il nuovo asfalto 100% riciclato
    Un’edilizia circolare sempre più sostenibile dal punto di vista ambientale risulta una strada imprescindibile per il futuro dello sviluppo economico. Il riciclo dei materiali promette infatti oltre ad una sensibile riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento, anche un’ottima soluzione per ottimizzare costi e ricavi. In un simile contesto risulta fondamentale lavorare sulla ridefinizione del ciclo produttivo […]
  • Una notte tra le Dolomiti e le stelle a 2055 metri di quota
    A pochi chilometri da Cortina tra cieli sconfinati e cattedrali rocciose esiste una camera che regala l’insolita emozione di ritrovarsi a dormire avvolti dall’affascinante magia di un paesaggio unico al mondo. La starlight Room, inclusa tra i dieci hotel più spettacolari del mondo, si trova infatti sopra al rifugio Col Gallina a 2055 metri in […]
  • “Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
    Immagina un angolo di vacanza nel tuo giardino o terrazza, uno spazio accogliente e riservato dove poter dimenticare i problemi quotidiani e immergerti in momenti di benessere e relax da solo o con i tuoi cari. Magari è da un po’ che ci pensi ma qualcosa ti frena. Domande del tipo: “Da dove inizio? Mi […]
  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]
  • In Giappone trionfano le vacanze covid – Free, di girare il mondo su un aereo ma con la realtà virtuale
    Per ottemperare alle rigide restrizioni imposte per abbattere la pandemia da Coronavirus garantendo contemporaneamente l’emozione del viaggio in aereo, una compagnia aerea giapponese ha riconvertito la propria offerta proponendo ai clienti  eccentriche vacanze virtuali a bordo di aerei finti con occhiali per la realtà virtuale. L’ideatrice di questo stravagante progetto è la Tokyo First Airlines, che permette […]
  • Si viaggerà ad idrogeno anche in Italia: dal 2021 al via i nuovi treni
    Negli ultimi anni, le soluzioni green per il trasporto pubblico si sono moltiplicate e concretizzate sempre di più attraverso la produzione di treni riciclabili a basse emissione oppure con l’entrata in servizio di Bus ibridi. A questo si aggiunge l’ultimissimo accordo siglato tra uno dei maggiori colossi di infrastrutture energetiche, Slam e una delle più […]

Categorie

di tendenza