Connect with us
Pubblicità

Trento

Il Trentino come Bibbiano? Denunciata una grave anomalia del sistema tutelare minorile

Pubblicato

-

Oggi, 30 novembre 2019 alle ore 10.30 presso l‘Hotel Adige di Mattarello si è tenuta una conferenza stampa per segnalare l’incredibile storia di un minore gravemente compromesso dal punto di vista della salute e strappato dalle braccia dei propri genitori, che, oltre ad amare infinitamente il proprio figlio si sono impegnati nella ricerca della clinica più adeguata specializzata in patologie similari a quella del loro bambino.

A parlare di questo devastante caso tra i relatori era presente anche Gabriella Maffioletti delegata regionale di Adiantum, portavoce del Movimento Giustizia sociale e impegnata da anni nel contrasto agli allontanamenti “facili” che è stata contattata pochi giorni fa dalla famiglia a cui è stato strappato il bambino

La Maffioletti è intervenuta affermando che questo eclatante caso dimostra in maniera inconfutabile quanto in nome della tutela e della protezione minorile si operi, in insindacabile giudizio, creando veri e propri drammi sociali, ossia il dolore dello strappo dei minori dall’amore dei propri cari e la violazione dei fondamentali Diritti Umani e della Famiglia.

Pubblicità
Pubblicità

In seguito l’Avvocato Donatella Bussolati del Foro di Milano e Mediatrice Familiare ha esplorato i meandri del sistema giuridico di oggi che vede, purtroppo e troppo spesso, i minori vittime di decisioni di drammatici allontanamenti dai propri affetti e sicurezze che si rivelano poi infondati.

L’avvocato  ha poi sottolineato l’importanza di tutelare in ogni sede i diritti costituzionali, quali il diritto alla famiglia d’origine, al giusto processo, all’ascolto del minore e alla salute.

La storia purtroppo è una delle tante e coinvolge una famiglia residente in Trentino.

Tutto inizia quando uno stretto parente dei genitori richiede senza nessun valido motivo agli assistenti sociali l’allontanamento del bambino dalla casa familiare chiedendone il collocamento presso se stesso.

Da quel momento si mette in moto la mastodontica macchina burocratica e giudiziaria e viene disposta l’audizione del minore dopo 10 giorni da parte del Giudice Onorario.

Pubblicità
Pubblicità

A questo punto il curatore del bambino chiede provvedimento d’urgenza essendo il minore ricoverato in ospedale, per grave patologia, prossimo alle dimissioni.

Ma c’è un primo colpo di scena: il Tribunale dei Minori, proprio il giorno prima dell’ascolto dispone con urgenza la sospensione della responsabilità genitoriale con collocamento del minore presso la casa del parente denunciante in netto conflitto con il nucleo familiare genitoriale e nomina il curatore anche tutore, il quale a sua volta rimanda la visita specialistica richiesta dal papà e la mamma del bambino presso una clinica competente per la patologia di cui il minore stessi è affetto.

Il giudice competente quindi da per scontato, senza nemmeno sentire il bambino o i genitori, che il parente che ha richiesto l’allontanamento del bambino abbia fondata ragione.

Va detto che nella richiesta inviata agli assistenti sociali il parente non indica nessuna motivazione per il possibile allontanamento.

La disperazione e il senso di impotenza dei genitori è a questo punto inevitabile e totale.

I genitori depositano un reclamo per «la violazione del diritto costituzionale del minore alla famiglia».

«Ci si chiede allora quali sono i dati concreti che sottendono alle denunce di quel parente dei genitori? Lo Stato ha messo in atto tutti gli strumenti possibili per tutelare il minore all’interno del proprio nucleo familiare?»Questo è il quesito a cui i relatori hanno tentato di rispondere durante l’incontro.

La dottoressa Marica Malagutti nel suo intervento finale ha parlato dell’ascolto del minore, dell’importanza della valutazione, della capacità di discernimento quando il soggetto non ha compiuto ancora 12 anni e comunque soffre di una patologia che potrebbe condizionare le sue scelte e il suo comportamento. Insomma Bibbiano dovrebbe insegnare? E invece pare che nulla sia cambiato. 

La Malagutti ha evidenziato l’importanza del ruolo dei genitori per la crescita di un minore e soprattutto che l’allontanamento deve essere attuato solo ed esclusivamente in casi di comprovata violenza sui figli.

Ma in questo caso, come in tanti altri non c’è nulla di certo e soprattutto giuridicamente provato.

Quindi ci si chiede perché creare ed alimentare un inutile e così grave dolore nei bambini e nei loro cari?

Tutto è partito perché assistenti sociali, istituzioni e giudici hanno creduto a quel parente che ha fatto la segnalazione.

Nessuna prova rispetto al contenuto della segnalazione. Nessuno si è chiesto il perché di tale comportamento e soprattutto non è stata valutata la personalità di quel parente che ora ha in casa un minore con una patologia così grave. Un altro caso disumano che offre molti spunti su cui discutere.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Da Valentino ad Armani: la moda italiana unita contro il Coronavirus
    In un momento in cui tutte le attività commerciali ed economiche del Paese risultano paralizzate, sono molte le iniziative solidali per fronteggiare la difficile situazione causata dall’epidemia sanitaria. Da Valentino a Gucci fino ad Armani: ora, anche i grandi nomi del mondo della moda, uniti da obbiettivi comuni, hanno deciso di reagire mobilitandosi per lavorare […]
  • Ricette di Pasqua: golosità per grandi e piccini
    Per non passare le giornate nella noia, lavorando o cercando di far passare il tempo ai bambini, sul web sono presenti moltissime ricette adatte a chiunque abbia voglia di passare un pomeriggio in cucina, divertendosi e magari senza dimenticare di mostrare un pizzico di spirito pasquale! ARANCINI PROSCIUTTO E MOZZARELLA Con il fritto sta bene […]
  • Torino: l’evento è annullato, ma la primavera regala i 100 mila protagonisti
    Da nord a sud l‘effetto del Coronavirus in Italia e, quindi, delle misure restrittive adottate dal Governo per contenere la pandemia, mostrano intere città, strade, paesi e stazioni completamente deserte, costringendo a casa milioni di persone e lasciando la primavera l’unica ad essere libera di proseguire indisturbata il suo naturale percorso. Come molte attività commerciali, […]
  • Ricette di Pasqua semplici e veloci, da fare in compagnia!
    Pasqua si avvicina e, molto probabilmente, in questo 2020 non ci saranno grandi ritrovi tra amici e parenti. Tuttavia, questo non è un valido motivo per impigrirsi e non cucinare niente di particolare. Soprattutto in queste giornate, per chi ha dei figli piccoli la vita non è proprio semplice: come far passare, quindi, il tempo […]
  • Coronavirus e stampanti 3D: Mercedes Benz pronta alla produzione di dispositivi medici
    Un periodo così instabile ed incerto come quello del recente allarme sanitario da Covid- 19, costringe ad una stretta coalizione internazionale che riesca a coinvolgere ed unire il maggior numero di forze e di aiuti possibili per riuscire contenere l’emergenza. Per questo, la nota casa automobilistica tedesca Mercedes Benz scende da protagonista in campo, mettendo […]
  • Fratellini soli a casa in quarantena: il Paese li aiuta “adottandoli”
    L’allarme sanitario che da settimane sta lasciando dolorose ferite, obbligando l’isolamento e la distanza dalle persone care, sta facendo riscoprire all’Italia un senso di vicinanza ed un’insaziabile bisogno di aiutarsi per riuscire ad arrivare il più velocemente possibile alla fine di un’emergenza che sta attraversando senza freni l’intero territorio nazionale. A confermare e dimostrare l’estrema […]
  • Dalle piume d’oca ai petali di fiori: La prima produzione di giacconi 100% naturali
    Esisteranno sempre alcuni capi di cui non se ne potrà mai fare a meno, e come non non si può affrontare il caldo estivo senza occhiali da sole e bermuda, così non si può superare il freddo invernale senza, il protagonista indiscusso dei mesi più gelidi: il piumino. Dalle classiche piume d’oca, alla più recente […]
  • Coronavirus: molto richiesti i saturimetri, a qualcuno servono davvero
    Dall’inizio dell’allarme coronavirus la corsa ai principali dispositivi di protezione individuale sembrava inizialmente limitarsi alle mascherine ed ai gel disinfettanti per le mani, diventati poi introvabili sia nelle farmacie che sui portali online, ma ultimamente il fenomeno parrebbe essersi allargato anche a strumenti prettamente sanitari come il saturimetro. Infatti, il particolare dispositivo a pinzetta facilmente […]
  • Coronavirus: L’Italia spegne i motori e i delfini tornano nei porti italiani
    La recente emergenza sanitaria ha reso l’Italia, Paese noto per la sua vivacità e il suo calore una penisola pressoché deserta obbligando negozi, centri commerciali e molte aziende a bloccarsi per intere settimane e costringendo milioni di italiani a guardare l’arrivo della primavera unicamente dalla finestra della propria abitazione. All’ombra di tutto questo, Madre Natura […]

Categorie

di tendenza