Connect with us
Pubblicità

Trento

È Serena Pedergnana la 25 enne trovata morta ieri. C’è il sospetto di un’overdose di eroina tagliata male

Pubblicato

-

Domenica notte Serena Pedergnana, 25 anni di Rabbi, si era sdraiata sui sedili posteriori della Mercedes Classe A del fidanzato.

Il fidanzato era convinto che dormisse ma la mattina seguente ha scoperto che in realtà era morta.

Hanno trascorso la notte in macchina, come succedeva spesso e il giorno dopo sarebbero dovuti andare al Serd (il servizio contro le dipendenze), ma il fidanzato una volta arrivato in prossimità dell’ospedale Santa Chiara e quindi del centro  contro le dipendenze, ha notato un brutto colore sul viso della donna, ha quindi accostato l’auto e ha chiamato il 112.

Pubblicità
Pubblicità

Una volta arrivato il medico non ha potuto fare altro che constatare la morte, avvenuta secondo il referto ben 9-10 ore prima.

Tutto lascia presagire ad una morte per overdose, anche perché i carabinieri hanno trovato due siringhe nella macchina.

L’auto, ferma fra il passo carrabile e il posteggio riservato ai motocicli in via Paolo Orsi, è stata fin da subito coperta con dei teli da parte dei carabinieri, destando parecchia curiosità fra i passanti. (qui articolo e foto)

Pubblicità
Pubblicità

Il fidanzato, sotto shock, è stato interrogato dai carabinieri della compagnia di Trento in quanto unica persona in grado di sapere cosa sia accaduto nelle ore precedenti. Resta da capire perché in tutto questo tempo non se ne sia accorto.

I carabinieri sospettano che la donna sia morta per una dose di eroina tagliata male.

Anche perché nei giorni scorsi sono stati segnalati tre-quattro casi di interventi urgenti per una partita di eroina tagliata male. Tutti sono stati salvati in extremis dai sanitari.

Serena Pedergnana era vicina ad allontanarsi per sempre da quel mondo o almeno ci stava provando con tutte le forze.

In primavera aveva terminato il percorso in comunità e l’estate aveva lavorato in una struttura ricettiva di Rabbi. Ed ora era in attesa di un nuovo lavoro.

I propositi erano quelli di tornare a vivere nel suo piccolo paese lontano da Trento e dai cattivi giri.

La decisione era condivisa anche dal fidanzato che l’accompagnava periodicamente al Serd. Forse è stato proprio a Trento che nella notte la donna è ritornata a fare uso di droga. Sarà il risultato dell’autopsia a chiarire tutto e mettere la parola fine su quanto successo. 

Rimane la grande amarezza per la nuova morte di una giovane bella e radiosa e di un mondo, quello della droga, sempre più pericoloso e in forte aumento.

E la domanda inquietante di come si possa morire così a 25 anni con una vita davanti.

Non è  stata ancora decisa la data del funerale.

Fra i messaggi di addio sulla sua pagina facebook:«A te mia dolce serena e a quanto Mi mancherai. È stato bello conoscerti, averti accanto, sentirti vicino, viverti e avere in dono parte della tua vita. Mi auguro di rincontrarti in paradiso. Sono quasi certo che esista perché il tuo sorriso era paradiso. E sarai l angelo più bello… Restarmi ancora vicino…. » – scrive Andrea

«Mi piange il cuore cara Serena quanta poca serenità…..gli angeli ti possano coccolare…eri così bella….sono vicina ai tuoi cari…….»Replica invece Gloria

Non mancano anche i messaggio di rabbia, come quello di Rosario: «rabbia, rabbia e solo rabbia…. nel 2019 non si può morire di eroina! Viviamo in un paese dove la droga è illegale ma allo stesso tempo è così radicata che non si combatte più, facciamo fiaccolate e cortei per cose stratosferiche che forse ahimè non riusciremo a fermare, anche lo spaccio di droga è qualcosa di stratosferico ma credo che anche per questo vale la pena combattere! RIP giovane ragazza, ai lasciato il dono più bello che abbiamo, LA VITA!».

Oppure di David: «Non cambia..non cambia nulla , e dagli anni 70 che l eroina si prende la rivincita.nel 2020 ancora.fallimento di politiche famigliari, sociali, tutto scaricano su tutti intanto si muore in centro citta a 20 metri dal ps…tante belle parole ..intanto. l’ eroina ha ottenuto il suo tributo…».

E di Martha Lucia: «Doveva morire una povera ragazza, vittima dei maledetti spacciatori?…povera gioventù, non vogliono capire che questa droga e solo la distruzione del mondo intero, e non sanno le schifezze che contiene quella droga, vorrei solo vedere cosa fa chi permette queste cose!.R.I.P»

E ancora di Giusy: «Rabbia rabbia ed ancora rabbia per una ragazza che avrebbe potuto essere mia figlia! Aveva una vita davanti.. Perdonaci se non abbiamo saputo capirti o ascoltarti. Riposa in pace figliola ❤️»

Arrivano anche delle proposte per arginare questo fenomeno ormai sotto controllo: «Centri d’aggregazione e di ascolto. Centri per ascoltare ed imparare. I nostri nonni in campo per dare una mano ai giovani, per insegnare l’amore e il rispetto per la vita. Ogni anno perdiamo tante giovani vite, bisogna arginare questa strage» scrive Paolo

I genitori chiedono che al funerale non vengano donati fiori, bensì, per chi volesse, sarebbe molto apprezzata una raccolta fondi per le comunità di recupero.

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pacchetti “antistress “ in hotel di lusso: giornate alla ricerca del benessere
    Alternare il lavoro con il riposo, mettendo in pausa la routine quotidiana aggiunge una diversione alla vita e permette la splendida occasione di fare esperienze insolite, conoscere luoghi, persone e sopratutto non avere un’agenda giornaliera. In una società iperattiva è quindi indispensabile la ricerca dell’equilibrio perduto anche solo attraverso esclusivi pacchetti antistress in hotel di […]
  • Un solo tavolo al ristorante stellato, l’elegante genialità della ristorazione
    Il meglio delle esperienze che Venezia possa offrire è racchiuso in un luogo dove la declinazione dell’esperienza sarà il miglior servizio. Un posto non convenzionale che può essere scelto solo da coloro che accettano di non porre condizioni. Con geniale eleganza, Il Ristorante “Oro” dell’hotel Cipriani a Venezia rinasce mettendo in luce un dettaglio unico […]
  • A Bologna l’economia circolare in edilizia diventa realtà: arriva il nuovo asfalto 100% riciclato
    Un’edilizia circolare sempre più sostenibile dal punto di vista ambientale risulta una strada imprescindibile per il futuro dello sviluppo economico. Il riciclo dei materiali promette infatti oltre ad una sensibile riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento, anche un’ottima soluzione per ottimizzare costi e ricavi. In un simile contesto risulta fondamentale lavorare sulla ridefinizione del ciclo produttivo […]
  • Una notte tra le Dolomiti e le stelle a 2055 metri di quota
    A pochi chilometri da Cortina tra cieli sconfinati e cattedrali rocciose esiste una camera che regala l’insolita emozione di ritrovarsi a dormire avvolti dall’affascinante magia di un paesaggio unico al mondo. La starlight Room, inclusa tra i dieci hotel più spettacolari del mondo, si trova infatti sopra al rifugio Col Gallina a 2055 metri in […]
  • “Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
    Immagina un angolo di vacanza nel tuo giardino o terrazza, uno spazio accogliente e riservato dove poter dimenticare i problemi quotidiani e immergerti in momenti di benessere e relax da solo o con i tuoi cari. Magari è da un po’ che ci pensi ma qualcosa ti frena. Domande del tipo: “Da dove inizio? Mi […]
  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]

Categorie

di tendenza