Connect with us

Trento

La Valle di Cavedine visita le terre degli emigrati trentini nel sud del Brasile

Pubblicato

-

Tra il 1870 e il 1889 solo gli abitanti del Tirolo meridionale emigrati in America sono stati 23.846, quasi il 7% della popolazione dell’attuale Provincia Autonoma di Trento.

La maggioranza di questi si è stabilita in Brasile, Argentina, Messico e USA.

Il gruppo di Cavedeneri, capitanati dal nostro connazionale Giuliano Berti, residente in Brasile e nipote del nonno emigrato da Cavedine alla fine del 1800, e coordinati da Ivanov Minatti (nato in Brasile e di origini Valsuganote) dopo un piacevole e rilassante volo , è giunto a San Paolo in Brasile.

PubblicitàPubblicità

ll viaggio ha assunto spesso i tratti di un’esperienza indimenticabile, una sorta di rigenerazione prima di entrare in una realtà completamente nuova, difficile e sofferta in quanto, dopo l’abolizione della schiavitù, il governo brasiliano aveva organizzato una grande macchina di propaganda volta ad attrarre nuova manodopera per sostituire gli schiavi.

Toccante ed emozionante l’incontro con Giuliano Berti e, dopo i primi saluti, subito partenza per la visita di San Paolo, la metropoli che conta più di dodici milioni di abitanti nella sola area urbana, la più grande dell’emisfero australe e in particolare la Basilica del Santuario Nazionale di Nossa Senhora Aparecida.

Il più importante luogo di culto cattolico del Brasile che si trova nella città di Aparecida nello Stato di San Paolo ed è la più grande Chiesa Cristiana del continente americano e la seconda al mondo dopo la basilica di San Pietro in Vaticano. Successivamente partenza con volo a Foz do Iguaçu per visitare le cascate. Foz do Iguaçu, la seconda cartolina brasiliana più riconosciuta a livello mondiale grazie a lussureggianti Iguazu Falls, una delle nuove sette meraviglie della natura, confinanti con l’Argentina e patrimonio dell’Unesco.

Spettacolari e suggestive, nate da un’eruzione vulcanica, 275 cascate che formano l’intero sistema lungo il fiume Iguazú. Imponente, la Garganta del Diablo, la gola del diavolo, la più impetuosa cascata formata da 14 salti d’acqua, profonda 700 metri.

Altra località importantissima visitata, la diga idroelettrica di Itaipú, situata sul fiume Paraná, al confine tra Paraguay e Brasile. È il più grande impianto idroelettrico operativo al mondo per quanto concerne la produzione energetica annuale.

Terminate le visite alle cascate e alla diga, trasferimento a Curitiba, fra le foreste pluviali al Parque de Aves per ammirare rari volatili e altri magnifici esemplari della fauna brasiliana e sudamericana. I boschi e le foreste del parco si estendono per oltre 16 ettari e ospitano più di 800 specie di uccelli, oltre a farfalle, rettili, insetti e scimmie.

Al termine, nuovamente in volo per Jaragua Do Sul con l’incontro dei primi emigrati trentini, con emozioni e sensazioni indescrivibili. Bellissima la cerimonia alla Chiesetta Alpina con pranzo assieme alla comunità e un altro gruppo proveniente da Belluno e in particolare da Canale d’Agordo, paese natale di Albino Luciani, divenuto Papa Giovanni Paolo I.

In seguito visita a Pomerode, la città piu tedesca del Brasile e proseguimento del viaggio a Rio dos Cedros, accompagnati dall’amico Valdemar Dalagnolo, con visita alla comunità, al municipio ed al museo storico, accompagnati dalla signora Doralice Panini direttore di cultura e turismo.

Visita nella Chiesetta Madonna Assunta costruita dagli emigrati di Cavedine nel 1927 e Santa Messa celebrata da don Roberto Cattoni. Dietro la Chiesa il cimitero dove sono sepolti parecchi emigrati della nostra valle con attiguo monumento con i nomi dei primi nostri paesani che hanno raggiunto queste località.

Dopo la cerimonia, cena conviviale con la comunità di Rio dos Cedros a base di churrasco.

L’economia brasiliana negli ultimi anni sta vedendo una costante crescita e nonostante le contraddizioni di un ex paese del Terzo Mondo, anche le condizioni di vita stanno migliorando. Le colonie di italiani che si stabilirono in quasi completo isolamento, costruirono strade e villaggi, dando vita ad una regione fino ad allora selvaggia e disabitata che oggi è tra le più prospere del Brasile.

Degne di citazione anche la visita alle città di Blumenau e Rodeio.

Abituati tradizionalmente al consumo quotidiano di vino, i Trentini non tardarono a piantare le prime vigne, con il supporto anche della Provincia Autonoma di Trento e della Fondazione Edmund Mach di San Michele all’Adige. Nella città vicina a Rodeio abbiamo visitato la Vinicola San Michele, luogo in cui si respira aria trentina e si produce fra i vari vini anche il Teroldego e degli spumanti metodo classico molto interessanti. Alla fine del pomeriggio, ritorno a Jaraguà do Sul con la partecipazione alla cena presso il Schützenfest (Tipica festa tedesca della città).

Altra tappa a Florianopolis: dove si trova la capitale dello stato di Santa Catarina, situata sull’omonima isola soprannominata anche Ilha da magia, fondata nel 1726 con il nome di Nossa Senhora do Desterro (Nostra Signora degli Emigrati).

La città è comunemente conosciuta con il nomignolo di Floripa e vanta il riconoscimento statistico di capitale brasiliana con la migliore qualità della vita e indice di sviluppo umano. L’isola sulla quale sorge, vanta circa cento spiagge di vario tipo.

Le attività principali sono turismo, servizi, università, informatica. Santa Catarina cittadina di 30.000 abitanti molto tranquilla situata all’interno dello stato del Rio Grande do Sul a 600 metri di altezza.

Una delle prime mete della colonizzazione dei nostri emigrati Trentini e Veneti e Nova Trento, cittadina di 11.000 abitanti fondata da oriundi trentini di Roncegno. Oggi, Nova Trento è il secondo centro di turismo religioso del Brasile in virtù dei numerosi pellegrinaggi per visitare i luoghi dove visse Santa Paolina Visintainer, anch’essa trentina di Vigolo Vattaro, considerata la prima Santa brasiliana.

Abbandonati, ma mai scordati questi luoghi ricchi di emozioni e partecipazioni condivise, partenza non senza qualche lacrima, con volo verso Rio de Janeiro, la città che ha messo al centro del mondo il Brasile.

Meta turistica dei sogni con le sue famosissime spiagge e “dannata” allo stesso tempo con le sue favelas comunemente chiamate comunità. Rio de Janeiro è anche sede del carnevale più bello e grande al mondo. Non poteva mancare la visita al gigantesco Cristo Redentore,che si erge a 700 metri a picco sulla città e sulla baia di Rio de Janeiro.

È alta 38 metri, è un simbolo della città ed è stato inserito nel 2007 fra le sette meraviglie del mondo moderno, posto in cima al Corcovado uno dei monti che circonda la città. Altra visita al monte Pào de Acùcar (Pan di Zucchero) con la sua funivia e soggiorno a Copacabana noto per la sua spiaggia lunga circa 6 chilometri. Le spiagge, la vegetazione vergine, la samba e la travolgente voglia di vivere dei brasiliani sono alcuni degli elementi che attraggono da sempre i turisti, provenienti da tutte le parti del pianeta.

Un grazie sincero per l’amore, l’affetto e la disponibilità di tante persone che abbiamo incontrato e che non ci saremmo mai immaginato di conoscere, a quel Trentino che vive fuori dai nostri confini. Grazie ai Trentini di Florianopolis, Rio dos Cedro, Rodeio, Nova Trento, ci avete emozionato tantissimo.

In questi undici giorni abbiamo avuto l’onore di entrare in contatto con voi, amici o meglio fratelli, che vivete lontano, ma molto radicati alle vostre origini. Vi sentite sempre Trentini ed “Italiani”. Non dimenticheremo mai l’accoglienza commovente che abbiamo ricevuto fin dall’arrivo, al primo incontro con lo striscione all’aeroporto: “Benvenuti Amici Trentini”. Momenti che resteranno impressi nella memoria e nei nostri cuori per sempre.

I contenuti sono stati curati per la Voce del Trentino da Flaviano Bolognani

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Torino: l’evento è annullato, ma la primavera regala i 100 mila protagonisti
    Da nord a sud l‘effetto del Coronavirus in Italia e, quindi, delle misure restrittive adottate dal Governo per contenere la pandemia, mostrano intere città, strade, paesi e stazioni completamente deserte, costringendo a casa milioni di persone e lasciando la primavera l’unica ad essere libera di proseguire indisturbata il suo naturale percorso. Come molte attività commerciali, […]
  • Ricette di Pasqua semplici e veloci, da fare in compagnia!
    Pasqua si avvicina e, molto probabilmente, in questo 2020 non ci saranno grandi ritrovi tra amici e parenti. Tuttavia, questo non è un valido motivo per impigrirsi e non cucinare niente di particolare. Soprattutto in queste giornate, per chi ha dei figli piccoli la vita non è proprio semplice: come far passare, quindi, il tempo […]
  • Coronavirus e stampanti 3D: Mercedes Benz pronta alla produzione di dispositivi medici
    Un periodo così instabile ed incerto come quello del recente allarme sanitario da Covid- 19, costringe ad una stretta coalizione internazionale che riesca a coinvolgere ed unire il maggior numero di forze e di aiuti possibili per riuscire contenere l’emergenza. Per questo, la nota casa automobilistica tedesca Mercedes Benz scende da protagonista in campo, mettendo […]
  • Fratellini soli a casa in quarantena: il Paese li aiuta “adottandoli”
    L’allarme sanitario che da settimane sta lasciando dolorose ferite, obbligando l’isolamento e la distanza dalle persone care, sta facendo riscoprire all’Italia un senso di vicinanza ed un’insaziabile bisogno di aiutarsi per riuscire ad arrivare il più velocemente possibile alla fine di un’emergenza che sta attraversando senza freni l’intero territorio nazionale. A confermare e dimostrare l’estrema […]
  • Dalle piume d’oca ai petali di fiori: La prima produzione di giacconi 100% naturali
    Esisteranno sempre alcuni capi di cui non se ne potrà mai fare a meno, e come non non si può affrontare il caldo estivo senza occhiali da sole e bermuda, così non si può superare il freddo invernale senza, il protagonista indiscusso dei mesi più gelidi: il piumino. Dalle classiche piume d’oca, alla più recente […]
  • Coronavirus: molto richiesti i saturimetri, a qualcuno servono davvero
    Dall’inizio dell’allarme coronavirus la corsa ai principali dispositivi di protezione individuale sembrava inizialmente limitarsi alle mascherine ed ai gel disinfettanti per le mani, diventati poi introvabili sia nelle farmacie che sui portali online, ma ultimamente il fenomeno parrebbe essersi allargato anche a strumenti prettamente sanitari come il saturimetro. Infatti, il particolare dispositivo a pinzetta facilmente […]
  • Coronavirus: L’Italia spegne i motori e i delfini tornano nei porti italiani
    La recente emergenza sanitaria ha reso l’Italia, Paese noto per la sua vivacità e il suo calore una penisola pressoché deserta obbligando negozi, centri commerciali e molte aziende a bloccarsi per intere settimane e costringendo milioni di italiani a guardare l’arrivo della primavera unicamente dalla finestra della propria abitazione. All’ombra di tutto questo, Madre Natura […]
  • Coronavirus: dalla Cina arrivano i caschi termoscanner per la polizia
    Da qualche mese, partendo dalla Cina e allargandosi come una macchia d’olio fino all’Italia, il mondo intero si è trovato improvvisamente a combattere una guerra contro un nemico veloce ed invisibile che non sta risparmiando niente e nessuno, colpendo non solo persone ma l’economia di interi Paesi, costringendo l’unione e l’impegno di tutte le forze […]
  • Coronavirus: 3 fasi per sanificare correttamente casa
    Candeggina, gel disinfettanti, alcol e spray si stanno rivelando i migliori alleati, nonché le armi più utilizzate in questo periodo per riuscire a combattere l’invisibile nemico che da settimane sta costringendo a casa milioni di italiani. Oltre alle ormai note raccomandazione di igiene emanate dal Governo, ai dispositivi di protezione individuale come le introvabili mascherine […]

Categorie

di tendenza