Connect with us
Pubblicità

Musica

Lutto nella musica Trentina: è morto Ferruccio Bertagnolli leader dei «Randagi» e de «La Strada»

Pubblicato

-

È morto ieri all’età di 66 anni Ferruccio Bertagnolli detto da tutti «Fero», uno dei chitarristi trentini che ha fatto la storia della musica nella nostra regione.

Aveva iniziato nel lontano 1968, insieme a quattro ragazzi di Taio e dintorni, poco più di quattordicenni destinati a diventare una leggenda negli anni che seguono.

I primi arpeggi li aveva suonati presso l’oratorio e poi proponendo le messe beat in chiesa.

Pubblicità
Pubblicità

Altri tempi, altri musicisti, altri sacrifici insomma.

Insieme a lui in quel gruppo c’erano  Franco Berti al Sax, Paolo Chilovi alle tastiere, Carlo Ziller al basso e Umberto Bergamo alla batteria.

Loro poi sarebbero diventati «I Randagi» uno dei gruppi più  famosi e seguiti degli anni 60 e 70.

Pubblicità
Pubblicità

Ferruccio era nato a Trento, ma cominciò a suonare la chitarra in vacanza, quando andava nella casa in val di Non in estate

Fu proprio lui negli anni 60 che dopo aver visto la sua band crescere e migliorare disse: «La musica beat, invece di suonarla in chiesa, da domani la suoniamo nei locali».

Inizia così la storia infinita dei Randagi.(foto sotto)

Bertagnolli grazie alla sua tecnica e autorevolezza diventa il vero leader dei Randagi e porta a sua band a fare centinaia di concerti anche fuori regione.

Amava suonare i Genesis, i King Crimson e gli Area.

La musica che cambia e l’avvento del nuovo pop lo convince che bisogna cambiare qualcosa.

La sua formazione acquisisce il sassofonista Renzo Paolini. E dopo alcuni avvicendamenti trova il batterista giusto in Arrigo Finadri.

I Randagi cambiano anche il nome e diventano «La Strada».

Poi l’oblio negli anni 80 e la fine della storica band nonesa.

Ma Ferruccio Bertagnolli non ha mai smesso rimanendo sulla cresta dell’onda per molti anni ancora, innovandosi grazie alle basi elettroniche sulle quali partivano degli assoli meravigliosi.

«Certamente non è facile avere dei musicisti con cui confrontarsi quando suoni è molto importante ma ho imparato a isolarmi durante i miei concerti e quindi raramente ne sento la mancanza.» – spiegava in un’intervista rilasciata nel 2011

Per Bertagnolli, nella musica e con le chitarre di oggi, la conoscenza del proprio strumento poteva fare la differenza – amava dire –  «Ritengo sia importante personalizzare i suoni della propria chitarra e soprattutto ascoltare con molta umiltà gli altri chitarristi»

Fra le sue avventure musicali da ricordare anche una collaborazione con il grande Irio de Paula del quale disse: «Rimasi stupito dalla sua umiltà e il suo altruismo.»

Il suo mito era Eric Clapton su tutti, e la sua chitarra preferita la Stratocaster 07 (foto) importata appositamente dagli Stati Uniti nel 1969.

Negli ultimi anni Ferruccio Bertagnolli continuava a suonare, molte volte per beneficenza, «Aveva un cuore d’oro ed era sempre disponibile ad aiutare tutti, per la comunità una grave perdita» – spiegano gli amici.

Anche il grande chitarrista Mauro Borgogno ha voluto ricordarlo sulla sua pagina facebook con delle parole commoventi: «Oggi è un giorno triste. Un altro grande amico che viene a mancare. Comincio ad esser stanco..se ne stanno andando in troppi… Perdere prematuramente le persone alla quale si è particolarmente legati, anche perché per certi versi simili e uniti dalla stessa passione è difficile da accettare. Feruccio era una di quelle rare persone delle quali ci si poteva fidare, schietta, onesta e sincera sempre con una battuta pronta, un po’ tagliente se vuoi ma sempre saggia, come piace a me…così voglio ricordarlo, col suo sorriso, consapevole che quando si perde una persona cara se ne va inevitabilmente anche un pezzo di se stessi.»

Bertagnolli lascia una moglie e due figli, uno dei quali apprezzato e ottimo musicista.

Era un uomo innamorato della musica e della sua chitarra, umile, pignolo alla ricerca sempre del meglio.

Da oggi la sua storia si trasforma davvero in leggenda. I funerali saranno celebrati lunedì pomeriggio a Taio.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • La ferrovia panoramica tra i colori dell’autunno: in viaggio con il Treno del Foliage
    Come ogni anno la natura in autunno torna a proiettare uno dei suoi migliori film, riempiendo e infiammando scorci panoramici con i caldi colori tipici di questa affascinante stagione. Uno dei modi migliori per riscoprire e vivere l’autunno e i suoi colori è la magica esperienza del viaggio lento regalato dai finestrini dell’incredibile Treno del […]
  • Il mega – yacht a forma di cigno: la straordinaria opera futurista dell’industria navale italiana
    La sintesi tra i confini della tecnologia e i massimi livelli di design applicati alla nautica è stata svelata e prende il nome decisamente caratteristico di “Avanguardia”, il nuovo yacht che nei prossimi mesi si farà sicuramente notare nei mari di tutto il mondo. Quest’opera avveniristica dell’industria navale salta agli occhi per la sua inconfondibile forma […]
  • Pacchetti “antistress “ in hotel di lusso: giornate alla ricerca del benessere
    Alternare il lavoro con il riposo, mettendo in pausa la routine quotidiana aggiunge una diversione alla vita e permette la splendida occasione di fare esperienze insolite, conoscere luoghi, persone e sopratutto non avere un’agenda giornaliera. In una società iperattiva è quindi indispensabile la ricerca dell’equilibrio perduto anche solo attraverso esclusivi pacchetti antistress in hotel di […]
  • Un solo tavolo al ristorante stellato, l’elegante genialità della ristorazione
    Il meglio delle esperienze che Venezia possa offrire è racchiuso in un luogo dove la declinazione dell’esperienza sarà il miglior servizio. Un posto non convenzionale che può essere scelto solo da coloro che accettano di non porre condizioni. Con geniale eleganza, Il Ristorante “Oro” dell’hotel Cipriani a Venezia rinasce mettendo in luce un dettaglio unico […]
  • A Bologna l’economia circolare in edilizia diventa realtà: arriva il nuovo asfalto 100% riciclato
    Un’edilizia circolare sempre più sostenibile dal punto di vista ambientale risulta una strada imprescindibile per il futuro dello sviluppo economico. Il riciclo dei materiali promette infatti oltre ad una sensibile riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento, anche un’ottima soluzione per ottimizzare costi e ricavi. In un simile contesto risulta fondamentale lavorare sulla ridefinizione del ciclo produttivo […]
  • Una notte tra le Dolomiti e le stelle a 2055 metri di quota
    A pochi chilometri da Cortina tra cieli sconfinati e cattedrali rocciose esiste una camera che regala l’insolita emozione di ritrovarsi a dormire avvolti dall’affascinante magia di un paesaggio unico al mondo. La starlight Room, inclusa tra i dieci hotel più spettacolari del mondo, si trova infatti sopra al rifugio Col Gallina a 2055 metri in […]
  • “Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
    Immagina un angolo di vacanza nel tuo giardino o terrazza, uno spazio accogliente e riservato dove poter dimenticare i problemi quotidiani e immergerti in momenti di benessere e relax da solo o con i tuoi cari. Magari è da un po’ che ci pensi ma qualcosa ti frena. Domande del tipo: “Da dove inizio? Mi […]
  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]

Categorie

di tendenza