prosa
Connect with us
Pubblicità

Spettacolo

La scuola delle mogli al teatro sociale: il mondo è uno strano affare

Pubblicato

-

Per altri tre giorni, fino a domenica, sarà visibile al teatro Sociale di Trento La scuola delle mogli di Molière (1662) nella versione di Arturo Cirillo, regista e protagonista. Producono Marche Teatro, Teatro dell’Elfo e Teatro Stabile di Napoli.

Si tratta di una delle più note e apprezzate opere del grande commediografo, la prima dopo il matrimonio, circostanza che verosimilmente colora la tematica dell’opera.

Il maturo Arnolfo, un nuovo ricco, tormentato dalla possibilità di poter essere tradito nel caso dovesse sposarsi, ha escogitato uno stratagemma per risolvere radicalmente il problema: allevare lui medesimo una compagna di vita.

Pubblicità
Pubblicità

Anni prima aveva visto una bambina e se l’era fatta affidare; indi l’aveva consegnata a delle suore con le istruzioni di tenerla nella maggiore ignoranza possibile.

Una volta cresciuta, l’ha installata in una casa di sua proprietà, reclusa e sorvegliata da una coppia di servi.

La sua teoria consisteva nell’idea che ignoranza e isolamento gli avrebbero consegnato una ragazza di pochi pensieri, specificamente rivolti ad altri uomini. “Una donna intelligente è un diavolo all’opera”, sostiene.

Ma una breve assenza basta a piazzare un ostacolo sul suo progetto: la ragazza, Agnese, inizia dal balcone un gioco di sguardi con un giovane in strada. Da cosa nasce cosa, e ben presto ha inizio un corteggiamento innocentemente ricambiato.

Il giovane in questione è Orazio, figlio di un vecchio e caro amico di Arnolfo. Proprio questa antica familiarità spinge il ragazzo a confidare all’altro la sua passione e la sua frustrazione nel sapere la giovane di cui s’è innamorato segregata in casa ad opera di un tutore severo.

Arnolfo immediatamente interroga Agnese, la quale non vede alcunché di errato nel suo affetto e ammette senza esitazioni di amare Orazio. Cambio di programma – Arnolfo decide che dovrà sposare Agnese al più presto possibile.

I due innamorati sono dunque costretti a bigliettini e sotterfugi, mentre il padrone di casa affida alla moglie un testo di insegnamenti per la moglie perfetta.

Uno di questi incita le signore a tenere sempre lo sguardo basso, ancorché per una donna anche guardarsi i piedi potrebbe essere considerato sconveniente.

Orazio torna alla carica, naturalmente continuando a confidare i suoi piani ad Arnolfo. Il quale si avvale delle informazioni a suo vantaggio, finché le sue manovre non gli si ritorcono contro.

La scuola delle mogli è un testo comico ma con un fondo amaro. Arturo Cirillo, come del resto Molière stesso, non perde mai di vista la commedia, e dirige una rappresentazione dal ritmo vivace ed arricchita di commedia fisica e qualche passo di danza.

Il suo Arnolfo è una figura tragica, per quanto si trovi arduo giustificarne l’idea che la moglie perfetta sia poco più che un cagnolino ammaestrato, in grado di eseguire qualche trucco da salotto insegnatole ma essenzialmente dipendente in tutto dal marito.

Ma Cirillo mantiene visibile l’uomo dietro il fissato: ha scelto Agnese anni prima, l’ha fatta crescere come distortamente riteneva meglio, ha atteso pazientemente per fare le cose come un gentiluomo (Agnese all’inizio della commedia confida ciecamente in lui, non c’è indicazione che l’uomo abbia mai approfittato della sua posizione d’autorità).

Tutto svanito nel momento in cui lei posa l’occhio su un coetaneo, forse il primo da lei mai visto. Ma il suo amore gli impedisce di accettarlo. Come spesso nell’autore francese, il potente è fautore della propria infelicità.

Valentina Picello ha il delicato compito di tenere Agnese lontana da una figura bidimensionale: assolutamente innocente e fiduciosa nei confronti degli adulti intorno a lei, ma anche salda nei suoi sentimenti e capace di difendere la sua condotta alla luce dei principi a lei impartiti.

Picello, per quanto ostacolata da un infortunio, parla e si muove come una bambina, ma riesce a captare la decisa serietà che i più giovani mostrano quando parlano convintamente di qualcosa, e la sua Agnese riesce convincente e gradevole.

Orazio, interpretato da Giacomo Vigentini, è un ragazzo giovane e ingenuo: s’innamora di una ragazza vista su un balcone, si confida con un amico di famiglia senza porre in dubbio se sia saggio piazzarlo in loco parentis senza chiedersi perché quegli sia più spesso nei paraggi della sua bella che a casa propria.

Vigentini è sempre animato dalle sue vicende e passioni: ispirato quando parla di Agnese, entusiasta quando le cose vanno bene, affranto quando il bieco tutore della ragazza si frappone tra loro.

Che questa coppia sincera e aperta risulti verosimile e plausibile è di credito agli interpreti.

La compagnia è completata da Marta Pizzigallo (Georgette, la serva) e Rosario Giglio (il servo Alain e Crisaldo, amico di Arnolfo che prova invano a mitigarne l’ossessione). Gli sono stati affidati la coppia di anime semplici, appositamente selezionate per la caratteristica di non essere in grado di porre grilli in capo alla ragazza loro affidata.

I loro siparietti sono gustosi, particolarmente il momento in cui, forse onestamente o forse per cogliere l’occasione, assaltano Arnolfo per dimostrargli la veemenza con cui sono pronti a svolgere il loro incarico di tenere Orazio alla porta.

La scenografia di Dario Gessati merita un elogio speciale: da un lato l’esterno della casa dove vive Agnese, dall’altro l’interno, spostata più volte sul suo asse a diversi angoli e variamente illuminata (le luci sono di Camilla Piccioni) offre una sorprendente ricchezza di prospettive.

Interessanti anche i costumi di Gianluca Falaschi, che separano i borghesi (in abiti ricamati) dai servi (vestiti da popolani) da Agnese (in abiti che richiamano una bambola).

La scuola delle mogli è a ragione un classico del teatro (qui si usa la versione di Cesare Garboli, abbreviata e modernizzata nel linguaggio). Il pubblico ha riso spesso ed applaudito calorosamente, e al netto di un paio di espressioni esplicite potrebbe piacere anche ad adolescenti maturi.

Oggi, venerdì 22, alle 17 e 30, la compagnia incontrerà il pubblico al teatro Sociale. Più tardi, alle 20 e 30, ci sarà un’altra rappresentazione, e così sabato 23, ed infine domenica 24 ad ore sedici. Lo spettacolo, atto unico, si è concluso appena dopo le 22 e 15.

Pubblicità
Pubblicità

  • PubblicitàPubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Beer SPA, una tappa imperdibile nella splendida Praga
    Ti piacciono la birra e le belle città d’Europa? Allora una tappa alla Beer SPA delle capitale Ceca è d’obbligo. Aperta nel 2013, la Original Beer SPA, negli anni, ha riscosso un grande successo soprattutto tra coloro che amano il connubio tra belle città, relax e attrazioni peculiari o comunque diverse dal solito. Ma cos’è […]
  • Covid19: L’isola di Cipro paga le vacanze ai turisti contagiati e ai loro famigliari
    Nonostante Cipro abbia avuto poco meno di 1.000 casi di contagi e 17 vittime da Coronavirus, non vuole rinunciare all’attesissimo nonché molto importante traffico turistico estivo dando così il benvenuto a qualsiasi viaggiatore. A differenza di altri Stati, Cipro si sta infatti attrezzando per non ostacolare gli arrivi nei luoghi di villeggiatura sull’isola mediterranea attraverso […]
  • Giappone propone vacanze quasi gratis per rilanciare il turismo
    Negli ultimi mesi, il Giappone come tutti gli altri Stati del mondo, ha subito un forte rallentamento dal punto di vista turistico a causa dell’emergenza sanitaria da Covid – 19, arrivando ad un calo del 99.9% del turismo locale con neanche 3 mila arrivi durante il mese di aprile. Inoltre, considerando che il 2020 avrebbe […]
  • Coronavirus: distributori automatici di mascherine gratuite
    Nel periodo in cui la massima attenzione all’igiene e al distanziamento sociale sono la priorità principale per ogni Governo del mondo, la città di Singapore in stato di lockdown fino a giugno, ha deciso di contenere la diffusione da Covid – 19, garantendo a tutti i cittadini mascherine gratuite attraverso particolari distributori automatici. La caratteristica […]
  • NASA, progetta il sistema per prevedere alluvioni e siccità fino a 60 giorni prima
    Vista dallo spazio la Terra appare come un Pianeta Blu grazie alle grandi distese di acqua in continuo movimento che ricoprono il 70% dell’intera superficie. Da quando evapora, fino a quando cade pioggia alimentando le falde acquifere, l’intero ciclo dell’acqua dolce è così importante da essere al centro di alcuni programmi di ricerca internazionali volti […]
  • Borghi italiani dimenticati: incentivi, bonus e aste a partire da 1 euro per ripopolarli
    Da nord a sud l’Italia intera è costellata di Borghi che conservano, identità, mestieri e saperi di un patrimonio immateriale e materiale di una storia unica al mondo certificata dall’Unesco. Alcuni di questi, vengono chiamati “comuni a rischio scomparsa” a causa delle loro ridottissime dimensioni, eppure fanno parte del patrimonio storico e artistico italiano, rappresentando […]
  • Covid, oltre 60.000 perdono il lavoro: lo Stato li assume per un importante progetto
    L’emergenza sanitaria da Coronavirus con le misure preventive, indubbiamente necessarie al fine di contrastare la pandemia, hanno gravemente frenato i consumi mondiali, con pensanti ripercussioni sull’intero tessuto imprenditoriale. Tutto questo, ha portato inevitabili e devastanti conseguenze non solo per le abitudini sociali, ma anche e sopratutto per il settore produttivo ed economico. Nel mondo infatti, […]
  • Coronavirus: da nord a sud l’Italia ringrazia con vacanze gratis ai sanitari impegnati nella battaglia
    Nonostante l’emergenza sanitaria, lo abbia pesantemente logorato, esiste un pezzo del settore turistico italiano che vuole ringraziare tutti i medici, operatori sanitari e ausiliari che, durante questi mesi sono stati impegnati, spesso senza tregua per salvare le vite di moltissime persone affette da Coronavirus dedicando loro una splendida ed esclusiva vacanza gratuita. Infatti, in vista […]
  • Civita Bagnoregio: l’incredibile borgo sospeso sulla Valle dei Calanchi
    Tra il lago Bolsena e la Valle del Tevere, nel Comune di Bagnoregio in provincia di Viterbo, si estende un’ immensa area lunare che regala un paesaggio davvero particolare caratterizzato da una successione di rocce argillose in erosione per effetto degli agenti atmosferici detti “calanchi”. Quello dei calanchi è un ambiente decisamente unico che offre […]

Categorie

di tendenza