Connect with us
Pubblicità

Politica

La morte dei cinque stelle in Trentino e l’enigma di Filippo Degasperi

Pubblicato

-

Il consigliere provinciale dei 5 Stelle Filippo Degasperi, ha rilasciato un’interessante intervista al quotidiano “La Verità” nella quale esprime tutta la sua delusione nei confronti della gestione del movimento, dell’inciucio col PD, del reddito di cittadinanza e di una sostanziale assenza di democrazia, in un movimento che ne vorrebbe essere l’essenza.

E come succede quando c’è chi decide di parlare delle regole interne di realtà che hanno molto della setta, di cose interessanti se ne vengono a sapere molte.

Partiamo dall’isolamento quasi assoluto della realtà trentina dei 5 Stelle rispetto al direttorio che di fatto comanda il movimento.

Pubblicità
Pubblicità

Potrebbe essere interpretato come una concessione di libertà assoluta? Non parrebbe fosse così, tanto che Degasperi lamenta l’obbligo di aver dovuto fare una campagna elettorale a favore del Reddito di Cittadinanza, provvedimento che lo trova del tutto contrario.

In Trentino la disoccupazione è bassa, ci sono le adeguate misure per gestirla e di fatto il Reddito di Cittadinanza in provincia, fa perdere voti.

La base poi è divisa tra chi non ha capito l’alleanza con Lega e chi non capisce quella col PD.

Pubblicità
Pubblicità

Troppi anche i militanti che stanno abbandonando il movimento che ormai ha perso le caratteristiche di partito antisistema.

Poi la “mitica” piattaforma Rousseau che dovrebbe essere l’ombelico del mondo pentastellato è ridotta ad una comica quotidiana.

Il consigliere provinciale Degasperi non ne ha accesso, tanto che lui referente locale del movimento, dichiara di non conoscere tutti gli iscritti e di non potervi dialogare attraverso la piattaforma.

Poi tante altre contestazioni di situazioni e prese di posizioni che a Degasperi proprio non piacciono, tanto da considerare scomparso il movimento originario.

Ci sono i presupposti per un’uscita di Degasperi dai 5 Stelle? Forse, ma c’è un’alternativa.

Quando la critica si fa dura, il direttorio espelle come è già successo in altre città ed un Degasperi fuori dal movimento dove approderebbe?

Da mesi gira la voce di una lista civica che ispirandosi ai valori d’origine dei 5 Stelle, possa coinvolgere tutti gli scontenti.

Lista che andrebbe a collocarsi nell’ambito del centro destra.

Ma c’è anche la voce che sussurra che Degasperi potrebbe entrare anche in un partito della coalizione di governo provinciale. Restiamo in attesa degli sviluppi.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

di tendenza