il razzismo, il "razzismo all'incontrario" che arriva a discriminare una maggioranza a favore della minoranza, il razzismo contro gli italiani è anche in Patria
Connect with us
Pubblicità

Trento

Quando il “Razzismo” è contro gli italiani, all’estero ed in Patria

Pubblicato

-

La parola “Razzismo” è una delle più usate e ricercate su google ed ha significati davvero complessi.

Si registra secondo ISTAT un “aumento delle emigrazioni”, che accomuna cittadini italiani e stranieri. Sono i giovani italiani laureati e qualificati ad emigrare in cerca di lavoro quasi più che i cittadini extra comunitari ad arrivare .

Come precisa l’Accademia della Crusca il razzismo dalla zoologia e dalla botanica, è passato agli uomini, nel senso di ‘popolazione o insieme di popolazioni con una particolare frequenza distributiva di alcuni geni, contraddistinta da alcune caratteristiche dinamiche e mutevoli nel tempo’ (razza gialla), di ‘discendenza, stirpe’ (razza aristocratica), di ‘stirpe, popolazione’ (razza ariana; in questo senso il termine ha già una forte connotazione ideologica).

PubblicitàPubblicità

Ormai il concetto di razza umana è stato destituito di propria validità scientifica, visiti alcuni studi dell’antropologia fisica e dell’evoluzionismo, ma la parola ha ancora una sua vitalità, anche in usi più generici, nel senso di ‘genere’, ‘specie’, o anche ‘qualità’, con riferimento a persone (che razza di amici frequenti?;razza di maleducato!) e perfino a cose (che razza di modelli hanno predisposto?).

Le teorie razziste nacquero nel Medioevo quando sovrani cristiani nutrivano interesse verso i beni dei banchieri ebrei che avevano avuto grande fortuna prestando denaro e ricevendo alti interessi; si svilupparono poi nel XVI secolo, quando Spagna e Portogallo impiegarono schiavi Africani per le loro colonie.

Esse assunsero un’importanza politica nel XIX secolo quando cominciò a diffondersi il mito della razza ariana. Questa ipotetica razza servì a Joseph Arthur de Gobineau per giustificare i privilegi dell’aristocrazia e spiegare l’antagonismo tra essa e le masse popolari.

Oggi il termine razzismo ha assunto significati cosi molteplici che non è semplice definirlo con precisione. Infatti vengono in gran parte riproposte da alcune minoranze politiche estremiste semplicemente sostituendo alla parola “razza” quella di “etnia”, “popolo”, “cultura” o “civiltà”.

Pubblicità
Pubblicità

Sostituendo all’elemento biologico (non più riproponibile legalmente) quello culturale, si può mantenere intatta la stessa precedente impostazione “pseudo-scientifica”. La molteplicità è un valore quando non c’è discriminazione.

Spesso noi italiani siamo stati e siamo tutt’oggi vittime di razzismo più che artefici di condotte razziste.

Specismo” è un termine di fine 1800 che indica l’attribuzione di un diverso valore e status morale agli esseri umani rispetto alle altre specie animali, è usato nel contesto della letteratura sui diritti animali. E credo si debba ricordare che anche gli uomini appartengono comunque a tale categoria.

In “senso stretto” invece il razzismo, come teoria della divisione biologica dell’umanità in razze (superiori e inferiori o semplicemente differenti), è un fenomeno relativamente non cosi recente ed in senso più ampio si tratta di una generale antica tendenza a discriminare (nazioni, culture, classi sociali inferiori, religioni ed appartenenza associative).

Il fenomeno del razzismo ANTI ITALIANO è attestato soprattutto nei paesi del Nordamerica, dell’Europa centrale e del nord (Germania, Svezia, Austria, Svizzera, Belgio, Francia, Regno Unito) e balcanici (Slovenia e una parte della Croazia). Le cause sono attribuite all’emigrazione italiana di massa nel XIX e XX secolo, a eventi storici, soprattutto di natura bellica, o a ostilità nazionalistiche ed etniche.

Tuttavia si può notare che anche taluni immigrati sul suolo italiano siano di fatto favoriti rispetto agli autoctoni per vari motivi.

Il “buonismo“, perbenismo e l’uniformarsi al pensiero unico di massa impone sempre crescenti difficoltà nella valutazione oggettiva di fatti e comportamenti messi in atto da soggetti appartenenti a delle minoranze e per i quali l’essere appunto minoranza aumenta le possibilità di difesa per motivi astratti e legati alla non discriminazione.

Sempre negli stessi confini italiani, in Alto Adige, in particolare gli italiani riscontrano forti limitazioni nell’accesso al pubblico impiego, infatti è necessario dichiarare il gruppo di appartenenza linguistica in Tribunale oltre naturalmente alla conoscenza della lingua tedesca obbligatoria, meglio ancora se si conosce il dialetto Sud Tirolese.

Oltre alle note vicissitudini sulla toponomastica e cartellonistica multilingue in quel Bolzano il Consiglio provinciale di Bolzano aveva deciso recentemente inoltre di cancellare le parole “Alto Adige” e “altoatesino”, modificando il testo italiano del disegno di legge 30 sull’adempimento degli obblighi della Provincia autonoma derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione europea.

Nella versione tedesca del testo sarebbe dunque dovuto esistere il “Suedtirol”, ma non più l’Alto Adige, sostituito invece con “Provincia di Bolzano” nella versione italiana.

Anche in Svizzera, Canton Ticino, sono spesso apparsi in pubblicità elettorali orribili disegni in cui gli italiani che vanno a lavorare nelle aziende elvetiche sono raffigurati come topi che mangiano il formaggio svizzero. Naturalmente facendo intendere a sbafo e a danno dei cittadini elvetici.

A distanza dalla prime apparizioni, nel 2010, tornano le vignette xenofobe utilizzate negli ambienti della destra ticinese. All’epoca la campagna fu diretta contro i frontalieri, esplicitamente definiti “ratti”. Quasi si sfiorò la crisi diplomatica fra Roma e Berna, passando per Lugano.

Poi nel 2016 quei manifesti razzisti fecero la propria comparsa ancora una volta. Quella volta l’occasione fu il referendum anti-frontalieri “Prima i nostri!“, fortemente voluto dal partito populista di destra Udc.

Ancora in vista delle elezioni cantonali del Ticino, quei manifesti sono tornati a fare la propria comparsa negli ambienti vicini all’Udc e a un altro partito di destra anti-italiani, la Lega dei Ticinesi.

Si ricorda inoltre il Belgio, da dove sono stati espulsi oltre 12.700 cittadini comunitari in soli sei anni. Numerose decine dei quali, italiani. In Germania infine sono state inviate centinaia di lettere a connazionali, con il consiglio di lasciare il territorio tedesco a quegli italiani che non avevano più i requisiti per accedere a misure di sussistenza sociale.

Ad onor del vero molti nostri connazionali all’estero a volte hanno condotte non proprio encomiabili ma ognuno va giudicato per quello che fa.

Di pochi giorni fa il caso “Jimmy the Watch” negli States riportato anche dalla trasmissione “ Le Iene” come caso di razzismo contro gli italiani “ ( Napoletani in particolare), dove è stato filmato a tradimento ed insultato il seppur tristemente noto e tuttavia simpatico connazionale.

Gli italiani quindi non sono razzisti ma piuttosto subiscono il razzismo ed anche il campanilismo interregionale.

Popoli di viaggiatori, creativi, aperto e tollerante manifesta a volte il “razzismo all’incontrario” che arriva a discriminare la maggioranza stessa di italiani a favore di certe minoranze.

Pertanto con la consapevolezza di vivere in uno dei Paesi più belli del mondo per arte, storia, cultura e tradizioni si rende sempre più evidente la necessità di un profuso impegno di tutti per la difesa della cultura italiana, nel mondo ed anche e soprattutto in Patria.

Sarebbe opportuno giudicare le persone dai propri comportamenti sempre ma anche sarebbe bello che tutte le voci che si levano a favore del fronte immigrazionista si sentissero anche quando le discriminazioni sono nei confronti degli italiani.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Sono 1.385 i dipendenti del comune di Trento. In forte crescita il part Time

Pubblicato

-

Il comune di Trento ha diffuso oggi i dati relativi all’annuario statistico 2018.

Per quanto riguarda il  focus sull’amministrazione il numero di deliberazioni consiliari adottate nel 2018 è pari a 207, le deliberazioni approvate della Giunta sono 294, i conclusi 700.

Per quanto riguarda l’Ufficio Relazioni con il Pubblico viene riportato l’andamento dei contatti registrati dal 2005 in poi. In generale, in serie storica, si rileva un calo, mentre nel 2018 i contatti sono aumentati rispetto all’anno precedente.

Pubblicità
Pubblicità

Il valore è, infatti, pari a 16.605 (+8,1% rispetto al 2017), di cui 2.142 sono costituiti da suggerimenti, segnalazioni e reclami.

La modalità di contatto preferita dal cittadino è al banco (43,1%).

Da notare come siano in costante aumento i contatti scritti, in modo particolare quelli attraverso e-mail e tramite la piattaforma Sensorcivico (aumentati rispettivamente del 16 e del 21% rispetto al 2017).

I dipendenti del Comune di Trento sono 1.385 (-1,9% rispetto al 2017), 570 uomini (41,2%) e 815 donne (58,8%).

Pubblicità
Pubblicità

I dirigenti, prevalentemente uomini, sono 24.

La qualifica con il numero maggiore di dipendenti è la C (625). Le persone in part-time sono 410, dato che corrisponde al 29,6% del totale dei dipendenti.

Questa proporzione è in aumento nel corso del tempo: nel 2005, infatti, i part-time erano 295 su un totale di 1.627 dipendenti, corrispondenti al 18,1%.

L’età media del personale a tempo indeterminato è di 50,5 (dato in costante aumento, nel 2005 era pari a 43,5).

Con riferimento ai dati catastali invece, si evidenzia che su un totale di 136.043 unità immobiliari accatastate, il 47,1% (64.131 unità) è ad uso abitativo, mentre il non residenziale  negozi, uffici, studi e uso produttivo) costituisce il 7,4%, la restante percentuale è costituita da pertinenze 2 .

Tra le unità ad uso abitativo, l’80,0% è costituito da abitazioni definite “di tipo civile” (A2, ovvero, secondo le note esplicative del catasto, unità immobiliari “appartenenti a fabbricati con caratteristiche costruttive, tecnologiche e di rifiniture di livello rispondente alle locali richieste di mercato per fabbricati di tipo residenziale

 

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

38.633 ricoveri negli ospedali di Trento nel 2018. Gli aborti sono 166

Pubblicato

-

Con riferimento all’anno 2018, i dati forniti dall’Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari evidenziano 38.633 ricoveri, per 241.221 giornate di degenza negli ospedali cittadini (S. Chiara, S. Camillo e Villa Bianca).

I posti letto totali sono 853. I ricoveri sono diminuiti leggermente (-3,7%), così come le giornate di degenza (-1,3%).

La degenza media, calcolata come rapporto tra numero di giornate di degenza e ricoveri, è pari a 6,2, dato maggiore dell’anno precedente di 0,1.

Pubblicità
Pubblicità

In Provincia i ricoveri sono 81.258 e le giornate di degenza 645.606, con una degenza media di 7,9 giorni.

Le persone residenti ricoverate sono 12.907 (dato inferiore a quello dell’anno precedente -3,6%): la maggior parte degli accessi alle strutture ospedaliere si verifica per malattie del sistema circolatorio (14,3%) e dell’apparato digerente (10,5%).

La percentuale di persone residenti a Trento ricoverate sul totale dei residenti diminuisce costantemente nel corso del tempo: si passa dal 14,0% del 2009 al 10,9% del 2018.

I ricoveri per parto delle residenti a Trento sono stati 801, dato in diminuzione rispetto al 2017 (-7,9%).

Pubblicità
Pubblicità

Rimane costante il numero di interruzioni volontarie di gravidanza (166 nel 2017 e nel 2018).

Nel corso dal 2018 si evidenzia un decremento rispetto all’anno precedente delle persone non residenti in Trentino che vengono ricoverate in regime ordinario (-12,5%) ed un aumento di quelle ricoverate in day hospital (+17,3%) presso le strutture territoriali (mobilità attiva) e che provengono principalmente dal Veneto, dalla provincia di Bolzano e dalla Lombardia.

Si tratta in tutto di 3.758 persone, con una diminuzione percentuale del -6,9%. Nel decennio questo dato ha evidenziato un andamento piuttosto altalenante, con anni in crescita e anni in calo.

Sono in diminuzione, rispetto al 2017, le persone che, pur essendo residenti a Trento, vanno a farsi curare in strutture esterne alla Ragione (mobilità passiva). Il valore è pari a 2.023 con una diminuzione percentuale del 6,4%. Nel decennio il dato è calato del 26,3%.

Le mete preferenziali sono, come nel caso della mobilità attiva, il Veneto, la Lombardia e la Provincia di Bolzano. Le farmacie sul territorio comunale sono 30, di cui 10 comunali.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

A Trento si commettono 16 reati ogni giorno, il 41,6% sono perpetrati da extracomunitari

Pubblicato

-

Il comune di Trento ha diffuso i dati relativi all’annuario del 2018 

Nel corso del 2018 diminuisce il numero dei delitti commessi (e denunciati) nel Comune di Trento (-5,6%): se ne registrano, infatti, 5.555, rispetto ai 5.884 del 2017.

Il dato provinciale evidenzia una diminuzione più lieve (-1,2%).

Pubblicità
Pubblicità

Con riferimento al Comune di Trento si rileva un decremento di persone denunciate e in seguito arrestate e fermate (-13,4%), mentre, a livello provinciale, diminuiscono in maniera minore (-5,9%).

Le persone extracomunitarie denunciate calano lievemente nel Comune di Trento (895, -9,1%) mentre restano costanti in provincia (1.733, +0,1%).

Gli extracomunitari costituiscono il 41,6% di tutte le persone denunciate in Comune; in Provincia invece il valore è pari a 28,8%.

Il furto resta sempre il tipo di reato maggiormente perpetrato (l’incidenza sul totale dei delitti è del 54,1%).

Pubblicità
Pubblicità

Il dato è in leggero aumento rispetto all’anno precedente (+1,7%).

Nel corso del 2018 sono stati rilevati 445 danneggiamenti (-0,9% rispetto al 2017), 358 truffe e frodi informatiche (nel corso del 2017 erano state 406, -11,8%) e 240 reati connessi con la produzione, lo spaccio e il traffico di stupefacenti (234 nel 2017, +2,6%).

Le rapine sono 61 (nel 2017 erano 53). Diminuiscono, rispetto all’anno precedente, le denunce per reati contro l’incolumità e la libertà individuale (percosse, lesioni dolose, violenza privata, minacce, violenze sessuali) -32,9%.

Il tasso di delittuosità in comune (numero di delitti rispetto alla media annuale della popolazione residente rapportato a 100.000 abitanti), si mantiene costantemente più alto che nel resto della provincia: nel 2018 il valore per il Comune di Trento è pari a 4.701,9 per la Provincia è di 2.956,6.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza