Connect with us
Pubblicità

Arte e Cultura

E’ uscito “Abisso”, un libro di poesie dalle radici trentine scritto da Maddalena Vettori

Pubblicato

-

Amore, tradimento, e dolore si uniscono ad un cupo senso di inadeguatezza, di impossibilità di stare al mondo: con “Abisso”, Maddalena Vettori prende le distanze dai toni leggeri e più ottimistici del suo primo lavoro e crea una raccolta di poesie taglienti ed intense che scavano profondamente nella sua sensibilità, mettendo a nudo quell’aspetto tragico e contraddittorio che accompagna la vita di tutti noi. Ogni poesia di questa raccolta parla direttamente al dolore nell’animo, alle sconfitte ed ai momenti più cupi, rivolgendosi contemporaneamente alle donne di ai loro sentimenti, alle relazioni ed agli stati d’animo, man mano che l’autrice condivide col lettore un abisso interiore che, se non esternato, rischierebbe di non vedere più la luce.

Maddalena Vettori vive in Trentino e frequenta il corso di Studi Storici e Filologico-Letterari ad indirizzo Lettere Moderne dell’Università degli Studi di Trento.

Scrive per il sito web del mondo dell’Equitazione Riders Advisor e da qualche tempo anche per il nostro quotidiano indipendente La Voce del Trentino.

Pubblicità
Pubblicità

“Abisso” è il suo secondo libro ed è il seguito del primo volume, “Raggi di Alba, edito da 96, rue de-La-Fontaine Edizioni.

RECENSIONE A CURA DI SEBASTIAN HIDALGO

È passato un molto tempo dall’ultima volta che ho avuto occasione di scrivere in italiano, ed una delle ultime volte in cui l’ho fatto è stato proprio qui, per recensire la prima raccolta di poesie di Maddalena Vettori, (foto sotto) una giovane autrice trentina.

Da autore, posso garantire che non capita spesso di vedere uno scrittore lanciare due libri a meno di un anno di distanza l’uno dall’altro. Si tratta di un fatto straordinario, ed effettivamente ci voleva qualcosa di molto fuori dal comune per portarmi a cambiare il mio attuale assetto linguistico e a tornare ad immergermi negli scritti in lingua italiana: quel qualcosa è “Abisso”, la seconda raccolta di poesie di Maddalena Vettori.

Pubblicità
Pubblicità

Un libro sicuramente diverso dal primo anche come struttura: se “Raggi di Alba” alternava testi in lingua italiana ad altri in lingua inglese, qui tutto ciò che viene scritto in italiano è anche tradotto a fronte in inglese.

È quasi ironico e di sicuro affascinante notare come, volutamente o meno, il primo volume, “Raggi di Alba”, sia uscito in primavera, mentre “Abisso” esce ora, alle porte dell’inverno, in giornate cupe in cui non vediamo altro che calamità naturali e clima fuori controllo.

A pochi mesi di distanza dai temi naturalisti e dai toni per lo più speranzosi e bucolici di “Raggi di Alba”, Maddalena Vettori ha deciso di rilasciare una seconda raccolta, e l’ha fatto in sordina, sorprendendo chi la segue e la legge soprattutto sui suoi profili Social.

Eppure questo è solo il contesto, perché la vera sorpresa per il lettore sta dentro il libro: anche se, inizialmente, si pensava che a “Raggi di Alba” sarebbe seguita una raccolta ottimista e rigogliosa come l’estate, l’autrice ha preferito proseguire con un brusco cambio di rotta verso l’inverno ed al suo cupo fascino.

Perché “Abisso” è questo: un inverno dell’anima improvviso che investe la vita dell’autrice con la stessa potenza con cui la natura sta colpendo ora le nostre terre. In “Abisso” la Vettori apre un vero e proprio varco per permetterci di guardare nella sua esperienza, nei suoi stati d’animo, coprendo temi che vanno dalle relazioni sentimentali a quelle di famiglia, dalla morte alla depressione, dalla gioventù all’essere donna e adulta in un mondo contraddittorio e colmo di incoerenza.

Abisso” è un lungo e potente viaggio in cui l’autrice ci porta nella sua psiche, mostrandoci con brutale onestà quanto la mente umana possa sprofondare nei più profondi abissi della negatività e della depressione. Maddalena Vettori, poesia dopo poesia, si sfoga, si confessa, e si rifiuta di dare un lieto fine falso e politicamente corretto perché, sebbene questo libro rappresenti solo un momento del suo viaggio umano in questa vita, è un momento che si protrae, che perdura, che lei decide di vivere profondamente ed in ogni sua sfaccettatura in tutta la sua negatività, esplorando a fondo le lezioni di vita nascoste nei momenti di difficoltà, mostrando ancora una volta di essere dotata di una grande sensibilità e di un grande talento nel ricreare a parole ogni minima sensazione umana che va ad avvolgere il lettore man a mano che si prosegue nella lettura.

Un libro sconcertante, un pugno nello stomaco… ma anche, forse, la base di una catarsi che potrebbe essere già iniziata e che potrebbe persino compiersi pienamente nella prossima raccolta attualmente alle sue ultime fasi di stesura.

Solo il futuro ci dirà se saranno le stagioni a scandire i temi ed i lanci dei libri di poesia della Vettori, ma una cosa è certa: chi decide di guardare in questo Abisso si troverà inevitabilmente in preda alla curiosità ed alla necessità di sapere come farà l’autrice e ritrovare quella luce che ha perso, o se deciderà di unirsi all’oscurità che la circonda fino a sparirvi dentro, trovando sempre e comunque un modo per restare leale a se stessa e a tutto ciò in cui crede.

VOTO: 4.0/5

Di Sebastian Hidalgo

Pubblicità
Pubblicità

Spettacolo

Al teatro sociale Goldoni con «La Bancarotta»: il tramonto dei valori umani di fronte al vizio e al denaro

Pubblicato

-

Ancora per tre giorni, fino a domenica, sarà possibile vedere al teatro Sociale di Trento La bancarotta di Vitaliano Trevisan, commedia tratta dall’omonima opera di Carlo Goldoni, diretta da Serena Sinigaglia. Produce il teatro Stabile di Bolzano.

La storia è incentrata sulla figura di Pantalone de’ Bisognosi, imprenditore edile sull’orlo del fallimento (l’opera goldoniana ebbe quale titolo originale proprio Il mercante fallito) a causa dei vizi suoi e della seconda moglie Aurelia.

Incastrato in questa situazione è il figlio di primo letto Leandro che, dopo un passato turbolento risolto grazie a un lungo periodo in comunità, si sbraccia nel tentativo di salvare ditta e decoro familiari.

Pubblicità
Pubblicità

Pantalone e consorte vorrebbero separarsi, e un avvocato, cercando di salvare il salvabile dai creditori, propone ai due di affidare quanto resta proprio a Leandro, restando beninteso in controllo di tutto.

Da qui prende avvio un intreccio di manovre incentrate sul denaro, cui prendono parte anche il conte Silvio, principale creditore dei de’ Bisognosi, un gentiluomo trafficone partenopeo (Don Marzio) e Clarice, nell’originale settecentesco una “cantatrice” e qui esplicitamente spinta dalla madre alla prostituzione.

Il tutto culmina con i preparativi per una serata con un sottosegretario giunto da Roma, serata da trascorrersi con quanti più travestiti possibile.

Senza dare anticipazioni, segnaliamo che lungo la commedia fa la sua comparsa una pistola, e come il buon Anton Cechov insegnava, quando in scena appare un’arma, prima della fine dell’opera quella dovrà far fuoco.

Pubblicità
Pubblicità

Questa Bancarotta è una commedia dal passo rapidissimo (è basata su un originale in tre atti, dopotutto), ed è incentrata sul tramonto dei valori umani di fronte al vizio e al denaro.

Pantalone è un piccolo imprenditore che quasi si vanta di essersi divorato il capitale inseguendo i suoi spassi. A suo vedere, il figlio ha già avuto la sua parte nel periodo in cui si faceva, e la moglie spendacciona anche.

Gli presta volto e voce Natalino Balasso, volto ben noto dello spettacolo italiano. Trasandato nell’aspetto quanto energico nei modi, grida al mondo che non è l’uomo finito che tutti credono, e anche quando è ridotto a invocare l’aiuto di personaggi dalla reputazione ambigua cerca di far mostra di essere sempre un pezzo grosso.

Balasso non lesina con la caratterizzazione, regalando il ritratto di un individuo a corto di dignità ma sempre spinto all’azione, che rifiuta di restare sotto nonostante vi sia spinto di sua mano. Vedendo il monologo che rivolge alla moglie defunta ho creduto che il suo crollo morale fosse dovuto alla scomparsa di lei.

Contro di lui Aurelia (Marta Dalla Via), moglie straniera interessata soltanto alla bella vita, il cui solo interesse per quanti ruotano intorno a lei è incentrato su quanti soldi (e vestiti, tanti vestiti) le resteranno.

Il suo gustoso dialogo con l’avvocato Lombardi (Massimo Verdastro) riassume in pochi minuti tutto il personaggio della maritata per interesse, avida quanto vacua.

Il figlio Leandro ha seguito il percorso opposto al padre: ha messo la testa a posto, e vorrebbe la possibilità di vivere la sua vita e avere Clarice, che ama, senza dover ripartire da zero. Denis Fasolo rende bene il personaggio, costretto ormai al lavoro manuale per il bene della ditta ma ancora (come il padre) deciso a rimarcare la sua posizione sociale, sul lavoro o declamando a squarciagola passi dell’Amleto).

En passant, la scelta del brano scespiriano da parte di Trevisan non può essere casuale: “Quale capolavoro è l’uomo! Così nobile nella ragione, così infinito nelle facoltà […] simile a un angelo nelle azioni e a un dio nella mente!”. Puro sarcasmo.

Completano l’ensemble il conte Silvio di Fulvio Falzarano, prodigo di frecciate contro il servo e sadicamente lieto di vedere Pantalone affondare.

Il servo Truffa, che ispira a Raffaele Musella un classico ritratto di servitore infido e che tuttavia considera le sue malefatte quasi parte del suo ruolo.

Massimo Verdastro oltre all’avvocato incarna anche Don Marzio, donandogli falsa bonomia e la gioiosa prepotenza di chi si sa protetto dai suoi scherani anche solo parlando di tabacchi.

La Clarice di Celeste Gugliandolo è forse il personaggio più innocente del testo: ricattata moralmente dalla madre invalida (?), è felice che Leandro la tratti con rispetto e spera di poter cambiare vita con lui.

Questa madre cinica e disincantata è affidata a Carla Manzon, che pur confinata in una sedia a rotelle riesce a mettersi in luce, grugnendo ferocemente mentre manovra la figlia prima, dispensando sprezzante saggezza poi.

Si parla di una commedia d’insieme, e tutti svolgono la loro parte egregiamente; Natalino Balasso ha più materiale, e lo valorizza con l’abilità dell’animale da palcoscenico, ma tutti quanti, anche nei ruoli più minuti, si valorizzano egregiamente.

Si veda la scena con i sarti (Musella e Giuseppe Aceto, anche il bistrattato servo del conte): poteva essere solo un dialogo espositivo, ma il dialogo pieno di allusioni e la coreografia accurata lo rendono un momento notevole.

Indubbiamente di ciò va ringraziata anche la regia di Serena Sinigaglia, che non lascia un momento morto lungo l’intera rappresentazione.

La scena è un vecchio palazzo, le cui porte, finestre e balconi permettono l’andirivieni dei personaggi. Ne è responsabile Maria Paola Di Francesco, anche autrice dei bei costumi.

Non ho potuto non notare che Pantalone e Leandro indossano abiti molto simili ma laddove il padre si è evidentemente trascurato il figlio cerca di essere in ordine anche mentre pianta chiodi.

Un bel tocco, come ad indicare la similarità tra i due, come un tempo era l’uno e come potrebbe ancor diventare l’altro.

Roberta Faiolo ha curato luci e suono, che aiutano a scandire l’evolversi della vicenda e a rimarcare con un boato o una eco cavernosa al momento giusto gli sfoghi dei personaggi.

In sala si è riso spesso, ed alla fine si è applaudito con calore. Mi è in effetti spiaciuto vedere posti vuoti in platea: La bancarotta diverte dall’inizio alla fine, e avrebbe meritato il pienone.

Prima dello spettacolo la compagnia Emit Fiesti ha proposto un dialogo tra moglie e marito, lei interessata solo alla moda e lui in fuga dai creditori. Spiritosa e ben intonata allo spettacolo che introduce, ha messo a suo agio il pubblico presente.

Il cast incontrerà il pubblico al teatro Sociale alle 17 e 30 di venerdì; lo spettacolo va in replica venerdì 13 e sabato 14 dicembre alle 20 e 30 e ancora domenica 15 alle 16. La rappresentazione si è conclusa alle 22 e 20.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Arte e Cultura

Torre Vanga riapre i battenti con una nuova mostra

Pubblicato

-

In attesa che il nuovo Museo nazionale storico degli alpini sul Doss Trento, inaugurato lo scorso 13 ottobre e oggi in fase di allestimento, venga aperto al pubblico (in primavera), Torre Vanga riapre i battenti, tornando al centro dell’offerta culturale trentina.

Lo farà, innanzitutto, con un nuovo allestimento: venerdì 13 dicembre 2019, alle 17.00, inaugurerà al primo piano la mostra “A colpi di matita. La Grande Guerra nella caricatura”, realizzata dalla Sezione Ana di Trento e dall’Associazione Amici del Museo Nazionale Storico degli Alpini in collaborazione con la Fondazione Museo Storico del Trentino.

La nuova esposizione, costruita sulla base di una ricca collezione privata composta da 15 riviste di satira politica europee, oltre mille immagini e le firme di 67 diversi artisti, è dedicata alla guerra combattuta non al fronte, ma sulle pagine delle riviste e dei giornali umoristici, attraverso l’abilità e la vena creativa dei più celebri caricaturisti e vignettisti dell’epoca. “Un’arte sottile, quella della satira, dove non sempre si ride, a volte si pensa”, si legge nel pannello introduttivo.

Pubblicità
Pubblicità

Al primo piano anche una mostra fotografica dedicata al mulo, animale che ha fatto la storia al fianco degli alpini e degli artiglieri di montagna; mentre al piano terra e nei seminterrati sono esposti diversi reperti del Museo nazionale storico degli alpini, integrati da una ricca collezione di uniformi storiche – da fine Ottocento al 1970 -, da oggetti risalenti ai due conflitti mondiali e dalla ricostruzione di una trincea (gentilmente concessi dal generale ed ex direttore del museo Stefano Basset e da Luciano Rinaldi).

Gli orari di apertura di Torre Vanga sono dal martedì alla domenica, 9.00 – 12.00 e 13.00 – 17.00. – Chiuso il 24, 25 e 26 dicembre 2019 e il 1 e il 6 gennaio 2020.

“La riapertura di Torre Vanga, con l’allestimento della nuova mostra, sarà solo il primo di una serie di importanti appuntamenti che animeranno il 2020, anno del Centenario della nostra Sezione”, spiegano dalla Sezione Ana di Trento, che aveva preso “in affidamento” la prestigiosa location nel maggio 2018, in occasione dell’Adunata nazionale, come sede provvisoria del Museo nazionale storico degli alpini.

Da allora la storica torre medioevale, nel quartiere dela Portèla, ha ospitato una serie di esposizioni temporanee e di iniziative di carattere culturale sulla storia delle penne nere, accolte con grande entusiasmo da residenti e visitatori.

Pubblicità
Pubblicità

Una sede temporanea che, seppur i lavori di riqualificazione del museo sul Doss Trento siano ultimati, continuerà anche il prossimo anno a raccontare una pagine di storia della città e delle nostre montagne: nel corso del 2020, anno in cui gli alpini trentini festeggeranno il secolo di vita, Torre Vanga sarà infatti al centro delle attività legate al Centenario della Sezione Ana di Trento.

Un anniversario che, senza svelare troppo, regalerà tante sorprese e un ricco calendario di appuntamenti, tra concerti, sfilate ed eventi culturali, aperti a tutti.

 

 

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Arte e Cultura

UNESCO “Siti palafitticoli preistorici dell’arco alpino”: il soprintendente Franco Marzatico nominato referente nazionale

Pubblicato

-

Il soprintendente per i beni culturali della Provincia autonoma di Trento, Franco Marzatico, è il nuovo referente italiano del sito UNESCO “Siti palafitticoli preistorici dell’arco alpino” del quale fanno parte anche i siti archeologici di Fiavé e Ledro in Trentino.

Il Gruppo di Lavoro Italiano, riunitosi nei giorni scorsi a Milano, ha nominato all’unanimità il soprintendente trentino, che succede a Filippo Maria Gambari direttore del Museo delle Civiltà di Roma.

“Il dott. Marzatico – si legge nella motivazione – possiede una lunga e documentata esperienza nella tutela, ricerca, conservazione e valorizzazione dei contesti palafitticoli trentini”.

Pubblicità
Pubblicità

A questo si aggiunge il Parco archeologico di Fiavé in corso di realizzazione, che assieme al Museo delle Palafitte costituirà un vero e proprio polo archeologico, immerso in un contesto ambientale unico.

Sono 111 i siti archeologici, fra i quali anche Fiavé e Ledro, che insieme costituiscono i “siti palafitticoli preistorici dell’arco alpino” dal 2011 inclusi nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO.

I sei Paesi interessati sono, oltre all’Italia (con le regioni Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia e Provincia autonoma di Trento), Francia, Svizzera, Germania, Austria e Slovenia. La decisione del Comitato del Patrimonio Mondiale, di includere Fiavé e Ledro nella prestigiosa Lista, è il riconoscimento ufficiale della validità e dell’importanza dei due siti trentini.

I motivi della candidatura sono legati a diversi aspetti, a partire dalla scarsa rappresentanza, nel patrimonio mondiale, della preistoria, rispetto alla quale le palafitte costituiscono uno dei fenomeni più appariscenti, molto conosciuti dal grande pubblico e nel contempo ricchi di testimonianze di valore storico.

Pubblicità
Pubblicità

I villaggi palafitticoli sono infatti una delle più importanti fonti archeologiche per lo studio delle comunità umane europee tra il 5000 e il 500 a.C. Le condizioni di conservazione in ambiente umido hanno permesso la sopravvivenza di materiali organici che contribuiscono in modo straordinario a comprendere il Neolitico, ovvero l’avvento delle prime società agrarie, l’età del Bronzo, caratterizzata dalla diffusione di tecnologie complesse come la metallurgia e gli scambi su lunga distanza, ed infine le interazioni fra gruppi umani e territorio a fronte dell’impatto dei cambiamenti climatici.

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza