Connect with us
Pubblicità

Trento

Annalisa Ravagni: il racconto degli ultimi sei mesi di vita insieme a Michele

Pubblicato

-

Oggi la parola “cancro”,  evoca sentimenti di ansia, paura e smarrimento; è vero di cancro ancora si muore, ma l’alone terrifico che questa malattia porta con sé è rimasto intatto negli anni nonostante i progressi della ricerca scientifica.

Ancora oggi la diagnosi di cancro viene percepita come una condanna a morte, per cui quando viene posta la diagnosi tumorale ad una persona, la persona stessa e tutta la sua famiglia (con modalità diverse) sentono di cadere nel baratro dell’irreversibile, in un tunnel da cui non vi è possibilità di ritorno.

Il cancro diventa così una malattia familiare, investe come un tornado le vite di tutti i membri della famiglia e sembra che la vita si fermi.

PubblicitàPubblicità

Per il familiare della persona malata inizia il vortice delle emozioni: la paura della perdita, la preoccupazione per la salvaguardia della sfera emotiva del malato, l’incertezza per il cambiamento dei ruoli in famiglia, l’ansia per gli eventuali risvolti economici, la fragilità delle vecchie certezze che la routine quotidiana regala.

Il cancro prima spaventa e poi uccide, a volte senza scrupolo alcuno, senza distinzione, senza  riguardo.

Quando si tratta di un famigliare anziano, chi resta se ne fa una ragione in virtù dei tanti anni felici passati insieme, ma quando a mancare è una persona giovane invece le domande e le riflessioni sono molte e i rimpianti e i rimorsi spesso durano una vita.

Michele Longhi di Mattarello è uno di questi, un ragazzo di 42 anni che il primo di aprile del 2019 scopre di avere un cancro alla milza e al fegato.

Pubblicità
Pubblicità

La biopsia fatta a Milano non perdona, la diagnosi è: angiosarcoma alla milza e al fegato, un tipo di cancro rarissimo. 

«È una tegola in testa che ti arriva senza nessun avvertimento e non sai nemmeno cosa pensare. Ho cercato di approfondire molte cose per capire il perché dello scatenarsi di questo incubo forse dovuto da una grande stress provato da Michele nella sua giovinezza. Sono cose che ti rimangono dentro e se magari non le risolvi condizionano anche il tuo stato fisico. Michele era un bel ragazzone simpatico e molto disponibile con tutti, un volontario bravo e sempre presente, ed è rimasto nel cuore di tutti. Non pensavo che la malattia fosse così devastante, l’abbiamo perso in soli sei mesi» – Ricorda la moglie Annalisa Ravagni

L’inizio della chemioterapia concordata con il team dei medici di Milano con somministrazione a Trento all’inizio porta a qualche miglioramento dei valori ematologici ma non a quelli del fegato.

Per Annalisa inizia un periodo di paure, titubanze, punti interrogativi, sconforto.

«In queste situazioni non si sa dove andare, e con chi confrontarsi – spiega Annalisa – al di là di fidarsi dei medici che incontri».

Comincia un periodo travagliato, un angoscia che non ti lascia tregua: «chi assiste un paziente ammalato di tumore si muove su più fronti e acquisti una forza incredibile per poterlo aiutare perché sai che è la madre di tutte le battaglie, quella con la vita»

Chi è vicino ad un malato di cancro deve aiutarlo e trovare la giusta soluzione e contemporaneamente deve organizzazione e conciliare il lavoro, l’educazione dei figli e la casa.

«È stato davvero difficile – aggiunge Annalisa – ma le energie le trovi, perché ti continui a dire che la speranza c’è. Michele, mio marito, ha fatto un percorso molto bello, non ha mai avuto paura, e non si è mai sentito  “ammalato”. In sintonia prendevamo tutte le decisioni del caso. Insieme».

Annalisa passa da momenti di felicità e quelli di estremo sconforto: «Il primo di agosto la Tac diceva che il fegato era migliorato, e da li, proseguendo con la chemioterapia, abbiamo trascorso un estate abbastanza in serenità e speranza. La situazione valori era abbastanza stabile. Il 28 settembre però arriva un peggioramento.»

Michele improvvisamente si sente male, fa fatica a respirare per un grande dolore alla milza, viene ricoverato in ospedale ma la situazione precipita.

«Michele non ce la fatta, è morto – racconta Annalisa – anche se i medici fin da subito mi avevano detto che la malattia era incurabile dentro di me c’era la speranza che potesse resistere di più, chissà, magari anche di guarire. Il dolore alla milza era diventato insopportabile, non poteva rimanere ne in piedi ne a letto, poi lo hanno riempito di morfina per non soffrire».

Molto spesso il percorso con chi è aggredito da questa malattia può essere una grande scuola di vita, «Sono molto serena – sottolinea Annalisa – in questi anni ho fatto un grande percorso di consapevolezza che mi è davvero servito. Purtroppo per nostra figlia di 10 anni è più difficile, a lei Michele manca molto»

È come un grande momento durante il quale riesci a comprendere chi ti ama e ti stima. È un attimo di crescita interiore, dell’introspezione profonda, della valutazione e rivalutazione di momenti che pensavi dimenticati, o importanti, o insignificanti.

Come ha detto più volte Annalisa è il tempo della consapevolezza, della lucida analisi e della valutazione di se stessi.

Quando il tuo caro muore ti accorgi che la tua vita  è stata completamente stravolta, che sei quasi diversa, più forte di prima e conosci persone fantastiche che hanno condiviso con te lo stesso percorso.

Per il malato di cancro le priorità cambiano, la malattia insegna a sapersi accontentare delle piccole e semplice cose che prima non ti accorgevi che nemmeno esistevano. Se prima eri felice quando raggiungevi una vetta, dopo ore di camminata, adesso godi quando riesci a fare due passi in centro.

E questo per chi rimane è un grande insegnamento ed un’opportunità per vivere con più consapevolezza la vita. 

«Da 10 anni sono fondatrice e responsabile Presidente di un’ associazione onlus Artici «Le ali della coccinella», ho fatto questa esperienza vicino a mio marito e riesco a capire la vera necessità che sussiste nella nostra comunità di questo servizio socio assistenziale. Ora voglio continuare con ancora più tenacia in questo progetto e nel suo ricordo». – conclude Annalisa

Dell’associazione di Annalisa Ravagni «Le ali della coccinella» il nostro giornale si occuperà diffusamente nei prossimi giorni pubblicando un articolo per conoscere bene il grande lavoro dei 18 volontari che da dieci anni fanno sul territorio trentino.

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Fuori controllo: poliziotti aggrediti con calci e pugni in via al Desert. Arrestato 22 della Guinea

Pubblicato

-

Non si fermano i controlli disposti dal Questore che nel week end appena trascorso hanno portato all’arresto di 2 stranieri e alla identificazione di oltre 50 persone.

Le attività dirette al contrasto degli episodi di illegalità diffusa, con particolare riferimento a quelle zone del centro cittadino oggetto di fenomeni di irregolarità, sono state attuate dalla Squadra Mobile, dalla Squadra Volante, dalla Squadra Polizia Amministrativa e dal Reparto Prevenzione Crimine di Milano, finalizzate non solo alla cattura degli autori dei reati ma anche al controllo di tutte quelle situazioni che potrebbero sfociare, qualora non contrastate, in comportamenti devianti.

Venerdì 17, la Squadra Mobile e il personale della Polizia Amministrativa della Questura hanno arrestato, all’interno di un bar di via Cavour, un cittadino algerino di 35 anni, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Pubblicità
Pubblicità

L’uomo nell’occasione è stato trovato in possesso di circa 50 grammi di hashish.

Sabato 18 verso le ore 01.20, la Squadra Volante ha arrestato un cittadino della Guinea del 1998, per violenza, minaccia, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali.

L’uomo che stava disturbando altri avventori all’esterno di un locale di via al Desert, si scagliava, con calci e pugni, contro il personale della Volante, intervenuti per rasserenare la situazione.

Lo straniero, senza alcun motivo apparente, colpiva con due pugni al volto un Agente, provocando poi la distorsione del polso all’altro collega intervenuto.

Pubblicità
Pubblicità

Entrambi i poliziotti riportavano lesioni guaribili in 5 giorni.

Vista l’aggressività del giovane gli Agenti, con non poco fatica, grazie anche all’uso dello spray urticante, riuscivano a bloccarlo ed ad arrestarlo per violenza e resistenza a pubblico ufficiale.

“Il controllo del territorio e le conseguenti attività di prevenzione, commenta il Vice Questore Salvatore Ascione,(foto) rappresentano il punto di partenza per tutte le azioni di contrasto delle attività criminali. L’arresto della Squadra Mobile e della Polizia Amministrativa nonché quello della Squadra Volante, confermano, non solo l’importanza del lavoro svolto, ma come siano strategiche le azioni di contrasto contro lo spaccio di stupefacenti, volute dal Questore Garramone, nei luoghi in cui maggiormente si avverte la preoccupazione dell’opinione pubblica, al fine di aumentare il senso di sicurezza dei cittadini”.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Mamma e figlia rapinate in via Fersina

Pubblicato

-

Si trovavano nei pressi del Palazzetto dello sport in via Fersina quando sono state avvicinate da due soggetti con il volto coperto e rapinate.

E’ successo a mamma e figlia che la sera di domenica stavano raggiungendo a piedi il parcheggio, quando sono state minacciate dai malviventi con un coltello.

Le due malcapitate hanno dovuto consegnare un portafoglio con dentro 80 euro, dopodiché le due persone si sono date alla fuga.

PubblicitàPubblicità

Sulla vicenda indagano i carabinieri.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Ieri l’assemblea annuale della Federazione provinciale Scuole materne di Trento

Pubblicato

-

Molti i temi affrontati ieri all’assemblea annuale della Federazione provinciale Scuole materne di Trento, che ha visto presso le Cantine Ferrari a Ravina, ben 123 scuole rappresentate su 134.

Il presidente Giuliano Baldessari ha dedicato la sua relazione a “Qualificare l’investimento per l’Infanzia. 70 anni da capitalizzare”: “Il primo riferimento va all’anniversario della nostra associazione. Un anno significativo il 2020 che si apre col desiderio di immaginare ancora una volta il futuro e di rilanciare prospettive di ricerca e di innovazione.  Con lo sguardo al 19, 20 e 21 novembre prossimi – date nelle quali prenderanno vita le iniziative specifiche legate ai settanta anni di istituzione della Federazione – molte le storie, i percorsi, le domande, le sfide, i progetti da condividere per continuare a curare attenzione, cultura, progettualità nelle politiche per l’infanzia in alleanza con le famiglie e le comunità”.

All’avvio dei lavori l’assessore provinciale all’istruzione, università e cultura Mirko Bisesti ha portato il proprio saluto ai partecipanti, riprendendo i temi espressi da don Marco Saiani che nella Messa di apertura aveva fatto riferimento alle condizioni storiche che hanno portato più di un secolo e mezzo fa alla nascita delle scuole dell’infanzia equiparate e successivamente all’istituzione della Federazione, richiamando il contesto di unità di visione della vita e di disponibilità a collaborare per trovare insieme soluzioni.

Pubblicità
Pubblicità

L’assessore Bisesti, evidenziando come sia fondamentale rifarsi a quei valori di solidarietà, ha ricordato come tali valori, pur riletti alla luce dei tanti cambiamenti intervenuti nel corso degli anni, siano la base per affrontare le sfide importanti che ci attendono.

Fra presenti anche gli assessori regionali Giorgio Leonardi e Claudio Cia, nonché l’assessore alla partecipazione, innovazione, formazione e progetti europei del Comune di Trento Chiara Maule.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza