Connect with us
Pubblicità

Trento

Minacce di morte contro la Lega, Bisesti: «Le vostre minacce non ci spaventano, vergogna!»

Pubblicato

-

Ancora scritte violente e fomentatrici di odio a Trento. 

I responsabili sono i soliti noti che imbrattano, devastano e insultano a piacimento.

La scritta «+leghisti morti» la dice lunga sulla temperatura che si respira a Trento e che continua dopo le devastazioni delle vetrine, le scritte diffamatorie, e gli episodi successi all’università di sociologia che hanno ricordati i drammatici anni di piombo delle Brigate rosse. 

Pubblicità
Pubblicità

L’ennesimo insulto contro la nostra città è stato commesso durante la manifestazione di sostegno al popolo curdo composta dai centri sociali, dagli anarchici e dai militanti del centro sinistra trentino.

Leonardelli, il coordinatore della lega giovani, nel merito ha rilasciato la seguente dichiarazione sottolineando le contraddizioni dei manifestanti: «Curioso che i Giovani Democratici del Trentino abbiano manifestato ieri a favore del popolo curdo. Un corto circuito direi dato che il loro partito, il Partito Democratico, è a favore dell’entrata della Turchia nell’Unione europea ed è a favore dei finanziamenti europei dati a Erdogan, il capo di un Paese che non riconosce alcuna forma di libertà nei confronti di una comunità che da un secolo chiede una sacrosanta indipendenza. Prima di manifestare a favore di qualcuno o di qualcosa è meglio capire meglio la posizione politica del partito di cui fanno parte. Possibilmente evitando di incitare le persone a boicottare aziende simbolo del Made in Italy nel mondo come la Ferrero»

Duro invece il segretario della Lega Mirko Bisesti: «Ecco l’ennesimo esempio di tolleranza e di rispetto nei confronti del prossimo da parte dei soliti “democratici” buonisti! Le vostre minacce non ci spaventano, ma mi rattrista vedere un muro imbrattato della nostra città dalla vostra inciviltà! Vergogna!» – questo il commento apparso ieri sera sulla sua pagina facebook

Molte le condivisioni, i commenti ed i like sotto il post. «Portiamo queste foto alla commissione anti odio» – scrive Sergio Binelli coordinatore provinciale di Agire. 

Pubblicità
Pubblicità

«Mi spiace davvero per chi si riduce a scrivere cose così brutte e tristi… Le persone così devono essere proprio infelici…. ma tanto infelici….» – risponde Sandra Mattuella vice presidente del centro culturale santa Chiara

Interessante l’analisi di Marco: «Sono persone inutili, persone che non sono considerate da nessuno, sono persone che l’unica consapevolezza che hanno e’ la loro vita vuota e cercano I classici cinque minuti di protagonismo per sentirsi vivi.»

In alcuni commenti emerge la volontà di cambiare le regole per queste manifestazioni. Moltissimi i messaggi si solidarietà, sostegno e forza.

Uno su tutti riassume il senso di tanti altri: «Persone che sanno solo offendere, sporcare imbrattare di nascosto tipico dei codardi ,vigliacchi, perchè non avendo contenuti non sono all’altezza e naturalmente non conoscono il rispetto»

Il partito democratico si è sentito tirato in ballo e oggi ha diffuso un comunicato.

«Davanti alle macabre scritte anonime rivolte ai “leghisti” apparse su di un muro cittadino, il Gruppo consiliare del Partito Democratico del Trentino, consapevole di quanto le quotidiane semine dell’odio e dell’intolleranza reciproca possano dare simili frutti, riafferma anzitutto come la politica debba essere sempre scambio leale e sereno fra opinioni diverse. Condanna al contempo, come sempre ha fatto, tutte quelle modalità che trascendono la normale dialettica, rischiando di trasformare il dibattito politico in una palestra di esercizi muscolari e di violenze verbali delle quali non si avverte francamente bisogno alcuno in questo tempo già così difficile. Si augura infine che nessuno, nemmeno chi oggi è vittima di turno di questo tipo di attacchi, alluda ancora o suggerisca responsabilità “dei “democratici” buonisti!”. Siamo certi di aver dimostrato e di dimostrare ogni giorno quanto per noi la battaglia politica sia confronto, magari anche aspro, ma esercitato nel dialogo e nel rispetto» – queste le dichiarazioni del partito democratico

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Trento: uomo con problemi psichici «sequestra» l’assistente sociale

Pubblicato

-

Momenti di tensione ieri mattina a Trento Nord in uno degli appartamenti di Palazzo Onda.

Un uomo affetto da problemi psichici dopo aver accolto l’assistente sociale  l’ha di fatto sequestrata impedendole di uscire dall’appartamento.

Dopo la chiamata al 112 sono accorsi sul posto i carabinieri, i vigili del fuoco e gli agenti della polizia locale.

Pubblicità
Pubblicità

Il soggetto che è monitorato costantemente dai servizi sociali non è mai stato pericoloso per se e per gli altri.

Temendo però per l’incolumità dell’assistente sociale e preoccupati per le possibili armi in possesso dell’uomo i soccorsi hanno tentato un blitz salendo con le scale fino al suo appartamento.

Alla fine la situazione è stata risolta ed è tornata alla normalità.

L’uomo è stato trasferito in ospedale e sottoposto a trattamento sanitario obbligatorio.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Contrasto alla cimice asiatica: il Piano è in fase avanzata di attuazione

Pubblicato

-

“La Cimice asiatica è un parassita particolarmente dannoso per varie colture agrarie, in particolare quelle frutticole, pur essendo innocuo per uomo e animali – spiega l’assessore provinciale all’agricoltura, foreste, caccia e pesca, Giulia Zanotelli – proprio per questo lo scorso autunno abbiamo messo in campo uno specifico Piano di azione per il contrasto alla cimice asiatica che fornisce precise e puntuali indicazioni agli operatori agricoli e stabilisce misure coordinate”.

Alla tempestiva approvazione del Piano, elaborato dalla Provincia in collaborazione con la Fondazione Edmund Mach nell’ambito del processo partecipativo che ha coinvolto tutti gli attori del “Tavolo Verde”, stanno facendo seguito le diverse misure attuative.

Fra le altre cose, è in distribuzione il materiale divulgativo per far conoscere la cimice, i danni che arreca alle colture agricole, i disagi che provoca nei confronti della popolazione e per fornire le indicazioni utili per segnarla e limitarne gli impatti. “Il Piano – prosegue l’assessore Zanotelli – prevede appunto fra le azioni anche l’informazione e la sensibilizzazione della popolazione, perché questo insetto, essendo sensibile al freddo, durante l’inverno tende a trasferirsi in luoghi riparati, anche all’interno delle abitazioni, dove può causare notevoli disagi a causa del cattivo odore che emana. Il volantino che abbiamo predisposto insieme alla Fondazione Edmund Mach spiega come impedire l’accesso delle cimici alle case e fornisce indicazioni sulle corrette modalità per la sua cattura e distruzione. A breve – conclude l’assessore all’agricoltura – convocheremo il Tavolo di coordinamento previsto dal Piano, che coinvolge tutti i principali attori del settore agricolo provinciale per fare il punto sulla situazione e condividere i prossimi passi. Tutto ciò nella convinzione della necessità di fare sistema per affrontare in modo integrato questa emergenza che, come si sta già verificando in altre regioni, rischia di mettere a repentaglio interi comparti del settore agricolo”

Pubblicità
Pubblicità

Caratteristiche – Originaria della Cina e segnalata per la prima volta in Trentino nel 2016 in un frutteto vicino all’autostrada a nord di Trento, la cimice asiatica (Halymorpha halys) è un insetto che arreca notevoli danni alle colture agrarie, in particolare alle piante da frutto. Considerata la sua notevole capacità di moltiplicazione (le nostre stesse case ne sono sempre più “invase”), anche a causa della mancanza di insetti antagonisti, già dal 2018 sono stati rilevati i primi danni su melo, mentre il 2019 può essere definito come anno di vera emergenza.

Il Piano di azione – Il Piano d’azione provinciale approvato dalla Provincia per contrastane le diffusione, prevede una serie di misure per la lotta diretta all’insetto quali il monitoraggio, la difesa chimica, le reti anti-insetto, le pratiche agronomiche e il controllo biologico. La soluzione a medio-lungo termine è rappresentata dal controllo biologico attraverso l’azione di altri insetti presenti in natura per favorire e anticipare il raggiungimento di un equilibrio naturale. Nello specifico, è previsto l’allevamento e la distribuzione di parassitoidi alloctoni, quali Trissolcus japonicus Trissolcus mitsukurii. Grazie al lavoro di monitoraggio condotto dai ricercatori della Fondazione Edmund Mach, è stato possibile rilevare per la prima volta la presenza sul territorio trentino delle due specie esotiche Trissolcus japonicus e Trissolcus mitsukurii. T. japonicus e T. mitsukurii, che rappresentano i due principali agenti di biocontrollo della cimice in Asia, e sono ora in corso tutte le attività per giungere in tempi celeri ai primi rilasci.

Misure di sostegno – Il Piano prevede una serie di misure a sostegno del reddito delle aziende agricole danneggiate e degli organismi associativi, ai quali si affiancheranno gli interventi che saranno messi in campo nel 2020 dalle Organizzazioni dei produttori e da Co.Di.Pr.A. attraverso il Fondo di solidarietà per danni da fitopatie, nonché attività di supporto tecnico agli agricoltori ed una campagna informativa e di comunicazione diretta a soggetti istituzionali, cittadini e agricoltori.
Per limitare i danni sia della Drosophila Suzukii, che ha già causato rilevanti danni a carico delle imprese agricole, sia della cimice asiatica, in attuazione del Piano, la Giunta ha già attivato un bando che consenta alle imprese agricole di coprire parte dei costi sostenuti per l’acquisto di reti. Dal 10 dicembre al 20 febbraio 2020 gli agricoltori non associati ad organizzazioni di produttori potranno presentare domanda per ottenere dalla Provincia un contributo per l’acquisto e la posa di reti di protezione e le Organizzazione di produttori hanno previsto un intervento analogo nei rispettivi programmi operativi con risorse a totale carico del bilancio della Comunità europea.

Materiale informativo Sul fronte dell’informazione e della sensibilizzazione da parte delle strutture tecniche della Provincia e della Fondazione Edmund Mach è stato predisposto materiale divulgativo, destinato sia alle aziende agricole, sia alla popolazione, per fornire indicazioni tecniche coerenti con il Piano e informazioni di base rispetto allea presenza di questo insetto e alle sue interferenze con le attività dell’uomo.

Pubblicità
Pubblicità

Conosciamole meglio

  • le cimici asiatiche si nutrono di piante, non causano danni diretti all’uomo e agli animali;
  • se rimangono all’aperto difficilmente sopravvivono alle basse temperature invernali quindi in autunno si concentrano in gran numero in punti riparati, anche nelle abitazioni, dove passano l’inverno in una sorta di letargo;
  • come tutte le cimici, se disturbate, emettono odore sgradevole.

Impedire l’ingresso nelle case:

  • utilizzare reti antinsetto o zanzariere per ostruire i punti di possibile entrata quali finestre (anche dei sottotetti), prese d’aria, comignoli, ecc.
  • sigillare crepe e fessure e tutti gli accessi che consentono il passaggio delle cimici.

Come eliminarle:

  • utilizzare strumenti di pulizia che emettono vapore per stanare le cimici annidate nelle fessure;
  • utilizzare l’aspirapolvere per raccogliere le cimici che si trovano in posti più accessibili.
  • le cimici raccolte non vanno liberate all’esterno per evitare che si riparino in altri edifici e che la primavera successiva ritornino a danneggiare le piante; il miglior modo per eliminarle è immergere il contenitore in cui sono state raccolte in una bacinella d’acqua saponata per qualche minuto, il sapone impedisce loro di galleggiare causandone il rapido annegamento.

Le cimici morte vanno poi smaltite con i rifiuti organici.
L’uso di insetticidi per uso domestico è sconsigliato poiché tali prodotti sono poco efficaci e necessitano di ripetute applicazioni. Il loro uso è assolutamente da evitare negli ambienti ad uso abitativo in quanto possono essere pericolosi per le persone.

App BugMap – Si può segnalare la presenza della cimice asiatica tramite l’App BugMap, realizzata dalla Fondazione Edmund Mach. L’App può essere scaricata gratuitamente da App Store e Google Play Store.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Failoni presenta il nuovo ddl sul turismo: ridimensionamento delle ApT e imposta di soggiorno unica per tutto il Trentino

Pubblicato

-

La bozza della Legge provinciale sulla promozione territoriale e sul marketing turistico del Trentino mette, per la prima volta, «nero su bianco» il fatto che «il territorio provinciale è interamente a valenza turistica».

Andando anche a riconoscere «il ruolo fondamentale del turismo come risorsa per lo sviluppo integrato, sostenibile ed equilibrato del territorio».

Non solo. All’interno del testo è chiaramente specificata la necessità che i nuovi quattro soggetti che compongono l’architettura del sistema del marketing turistico lavorino in maniera coordinata ed integrata, alla luce del «piano strategico pluriennale di marketing turistico territoriale» elaborato da Trentino Marketing «coerentemente con le indicazioni contenute nei principali documenti strategici della Provincia».

Pubblicità
Pubblicità

Nella mattinata di oggi l’Asat ha potuto prendere visione, in anteprima, della bozza della Legge provinciale sulla promozione territoriale e sul marketing turistico del Trentino.

Il testo del Disegno di legge è stato presentato al Consiglio direttivo provinciale dell’Asat con il presidente Giovanni Battaiola ed il direttore Roberto Pallanch dall’assessore al turismo Roberto Failoni e dal dirigente generale del Dipartimento artigianato, commercio, promozione, sport e turismo Sergio Bettotti.

Per il presidente Battaiola si è trattato di un «momento fondamentale che ci consente di valutare la riforma del turismo, a seguito di incontri di confronto e scambio di comunicazioni avvenuti in precedenza (tra cui anche l’assemblea autunnale dell’Asat)».

«Il testo che ci è stato presentato oggi – afferma Battaiola – rimane a nostra disposizione per le opportune valutazioni. Va detto che si tratta di un elaborato articolato e merita approfondimenti e riflessione da parte della nostra Associazione. E questo sia all’interno degli organi direttivi dell’Asat, sia durante momenti di confronto sul territorio, sia attraverso incontri con le altre associazioni di categoria (Unat)».

Pubblicità
Pubblicità

Battaiola e Pallanch esprimono soddisfazione per la chiarezza dell’assessore Failoni e del dirigente generale Bettotti nel definire il percorso temporale all’interno di cui andranno prodotte notifiche ed osservazioni alla bozza della Legge provinciale sulla promozione territoriale e sul marketing turistico.

In sostanza, il Disegno di legge arriverà nell’aula del Consiglio provinciale all’inizio di maggio (martedì 5 maggio): rimangono, perciò, circa tre mesi e mezzo per elaborare le opportune osservazioni e stilare gli eventuali emendamenti.

Dal testo presentato nella mattinata di oggi emerge che saranno quattro i soggetti integrati del sistema di marketing turistico trentino: le Aziende per il Turismo (ApT, in numero pari a 10 contro le attuali 15) « responsabili della qualità dell’esperienza e dell’ospitalità e la fidelizzazione in loco del turista, nei rispettivi ambiti territoriali», le Agenzie Territoriali d’Area (in numero pari a 4, attualmente inesistenti) «responsabili della ideazione e costruzione del prodotto turistico interambito e intersettoriale nelle rispettive aree territoriali, intese quali aggregazioni di ambiti territoriali», Trentino Marketing «con funzioni di promozione territoriale e marketing turistico del Trentino» e la Provincia autonoma di Trento «con ruolo strategico, di indirizzo, con particolare riguardo allo sviluppo dell’offerta turistica per tutti i territori dell’ambito delle ApT​, pianificazione, programmazione e coordinamento».

Riguardo all’imposta di soggiorno nulla è ancora definito in maniera univoca. Pare che la direzione del Governo provinciale sia quella di un’unica imposta per tutto il Trentino.

Resta da vedere se l’importo sarà variabile a seconda della categoria dell’hotel in cui l’ospite soggiorna.

L’Asat, poi, accoglie con favore anche la parte della bozza del Disegno di legge in cui viene esplicitata «la centralità del turista, in tutte le fasi del ciclo della vacanza». «E aggiungerei – dice Battaiola – che anche le imprese turistiche sono un punto cardine del sistema turistico, in quanto il turismo “vive” dell’attività delle nostre aziende».

Un’ultima parentesi riguarda la formazione. Nel testo presentato stamattina è riportato che «la Provincia può, anche attraverso le proprie società, promuovere attività di formazione rivolta agli operatori del settore ricettivo e turistico». «La formazione – conclude Battaiola – è uno degli aspetti fondamentali che dobbiamo curare nel nostro settore al fine di aumentare, tra gli attori, la consapevolezza degli obiettivi del sistema e del loro ruolo all’interno del sistema stesso». Aggiungo che, attualmente, la formazione è gestita da aziende esterne alla Provincia e auspico si potrà proseguire anche in futuro in questa direzione».

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza