Connect with us
Pubblicità

Trento

Rivolta carcere a Spini di Gardolo: rinviati a giudizio 81 detenuti

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

81 detenuti sono stati rinviati a giudizio nell’inchiesta sulla rivolta scoppiata nel carcere di Spini di Gardolo il 22 dicembre 2018.

Le accuse sono: violenza e minaccia a pubblico ufficiale e incendio con successivo danneggiamento.

Erano stati individuati 85 detenuti come responsabili della rivolta di dicembre nel carcere di Trento. Ma quattro di loro sono stati esclusi dall’indagine.

Pubblicità
Pubblicità

Come si ricorda il 22 dicembre 2018 circa 300 detenuti avevano organizzato una rivolta dopo il suicidio di un tunisino, dando fuoco ad alcuni cassonetti e materassi e distruggendo il 60% delle celle e degli spazi adibiti ai detenuti, oltre ai letti, alle telecamere di sorveglianza, a numerose porte a vetri, caloriferi e oggetti vari.

Durante la rivolta era stato distrutto anche l’impianto elettrico e idraulico del carcere per via dell’allagamento causato dai detenuti. Divelti anche termosifoni e lavandini.

I danni sono stati quantificati in centinaia di migliaia di euro.

Pubblicità
Pubblicità

Sono stati invece ritenuti responsabili di aver progettato e provocato la rivolta un gruppo di 10 nordafricani. I disordini infatti erano stati organizzati e pianificati, visto che c’è stato anche il danneggiamento delle telecamere di videosorveglianza e del sistema antincendio.

Degli 81 rinviati a giudizio quasi la metà sono tunisini, diversi i marocchini e una decina gli italiani. Fra gli indagati anche argentini, pakistani, algerini, moldavi e lituani.

La protesta è iniziata al primo piano nella sezione F e si è poi espansa a tutto il carcere, seguita da due incendi: uno nel locale lavanderia e un altro nella saletta ricreativa.

Al secondo piano è stato lanciato un bicchiere verso un agente e sono stati gettati in corridoio diversi oggetti fra cui una lavatrice. I detenuti hanno inoltre tentato di sfondare il cancello principale (quello che divide le varie sezioni) lanciando oggetti verso gli agenti e minacciandoli di morte.

Al terzo piano invece sono stati ammucchiati diversi oggetti a cui è stato dato fuoco.

Durante gli scontri una decina gli agenti della polizia penitenziaria erano stati trasportati al pronto soccorso per essere medicati una volta rientrata la protesta.

Addosso a loro era stato tirato di tutto, da pezzi di sanitari, ad estintori e telecamere di sicurezza sradicate dai muri.

Per cercare di sedare la rivolta erano intervenuti una cinquantina gli agenti che sono riusciti a bloccare il gruppo di rivoltosi che dopo aver scardinato una porta erano riusciti ad uscire sul prato del carcere che si affaccia sul muro di cinta. In quel momento la situazione era critica, e si è pensato ad un’evasione di massa.

Nel gruppo facevano parte anche dei criminali molto pericolosi.

Durante la rivolta la Polizia Penitenziaria aveva tratto in salvo una donna che per conto di una cooperativa gestisce la lavanderia interna del carcere e che aveva rischiato di essere presa in ostaggio dai facinorosi criminali.

Se fosse successo la donna avrebbe rischiato la vita.

La rivolta era durata parecchi minuti e solo dopo un lungo periodo è stata riportata la calma. La prima udienza del processo si terrà ad aprile.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento32 minuti fa

Marmolada: vittime salgono a nove, cinque non ancora identificate

Val di Non – Sole – Paganella2 ore fa

Fondo rende omaggio a Carlo Battisti

Piana Rotaliana3 ore fa

Mezzolombardo, attivato il servizio gratuito di trasporto pubblico in località “ai Piani”

Alto Garda e Ledro5 ore fa

Trovato il camper che ha tamponato un mezzo dei Vigili del Fuoco durante un intervento

Val di Non – Sole – Paganella5 ore fa

Mestieri rumorosi, a Cavedago entra in vigore l’apposita ordinanza

Trento5 ore fa

Ottimi i dati Invalsi, allievi fragili: Trentino eccellenza italiana per l’inclusione

Fiemme, Fassa e Cembra6 ore fa

Marmolada: continuano le ricerche, rinvenuti altri resti

Trento7 ore fa

Coronavirus in Trentino: un decesso e 744 nuovi contagi nelle ultime 24 ore

Fiemme, Fassa e Cembra7 ore fa

Marmolada: vietati gli accessi alla montagna, il sindaco di Canazei firma una nuova ordinanza

Val di Non – Sole – Paganella7 ore fa

David Dallago respinge ogni accusa: “Non sono stato io ad uccidere Fausto Iob, sono innocente”

Trento8 ore fa

Il 25 luglio il presidente Fugatti illustrerà l’assestamento di bilancio 2022 e il Defp 2023 -2025

Fiemme, Fassa e Cembra9 ore fa

Marmolada: “la differenza con la valanga al Pian dei Fiacconi del 2020 sono le vittime”

Val di Non – Sole – Paganella9 ore fa

Principio d’incendio in un abitazione a Rabbi, massiccio intervento dei Vigili del Fuoco

Val di Non – Sole – Paganella9 ore fa

“Il tramonto dei ghiacciai”: una serata per capire le conseguenze e un’escursione al Rifugio Larcher

Val di Non – Sole – Paganella10 ore fa

Cles, pronti i nuovi campi da pallavolo e beach volley

Valsugana e Primiero4 settimane fa

Sbanda, va in contromano e rischia di scontrarsi con altre auto prima di entrare in statale – IL VIDEO

eventi4 settimane fa

Dal 17 al 26 giugno tornano a Trento le Feste Vigiliane

Telescopio Universitario4 settimane fa

UniTrento: da vent’anni il mondo fa tappa qui

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 267 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Alto Garda e Ledro4 settimane fa

Stop alla viabilità a Riva del Garda: si girano le scene di un film americano

Politica3 settimane fa

Referendum, vittoria dei sì ma niente quorum. Amministrative: nei grandi comuni avanti il centro destra

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Trovato morto in piscina Stefano Lorenzini di Levico Terme

Trento4 settimane fa

Attimi di paura alla stazione delle corriere di Trento!

Italia ed estero4 settimane fa

Crolla un ponte sospeso durante l’naugurazione: 25 feriti – IL VIDEO

Politica3 settimane fa

L’abbraccio mortale col PD affonda definitivamente il M5stelle

Telescopio Universitario3 settimane fa

UniTrento – Ucraina, accolte le prime due studiose

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Rovereto, continuano gli atti vandalici: prese di mira le auto parcheggiate

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Fausto Iob è stato ucciso, arrestato il presunto colpevole

Politica3 settimane fa

Claudio Cia: «Patt è solo l’ombra del suo passato e pronto a mettersi con tutti per il potere»

Trento2 settimane fa

Chico Forti, lo zio Gianni: «Perchè chi ha promesso non ha mantenuto la parola?»

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza