Connect with us
Pubblicità

Trento

Fuga dall’incubo: la storia di Massimo uscito dai Testimoni di Geova

Pubblicato

-


Quella di Massimo è una storia fatta di incongruenze e contraddizioni, ma soprattutto di valori “morali” che i Testimoni di Geova inculcano nei fedeli attraverso vessazioni, ricatti morali e con una personale e poco condivisibile concezione di “verità”. 

Dissociarsi da quella che è ormai gli occhi di tutti una «setta» significa rimanere soli, tagliare i ponti con la famiglia e gli amici.

Sebbene la parola “setta” assuma per molti una connotazione solo negativa, oggi questo termine indica più frequentemente gruppi, anche non religiosi, sorti attorno a personalità carismatiche.

PubblicitàPubblicità

Personalità che tra i Testimoni di Geova vengono identificate come “corpo direttivo”, ovvero un gruppo di uomini che gestiscono l’organizzazione a livello mondiale, e a cui è riconosciuta l’autorità di promuovere o modificare dottrine in base alla loro personale interpretazione della Bibbia.

Pertanto uscire dalla loro organizzazione significa quasi non avere più un passato, oppure vergognarsi di averlo avuto.

Sentire un vuoto e l’amarezza per il tanto tempo perso correndo dietro ad insegnamenti che non si condividevano. Oppure ancora peggio rinnegando quel periodo a sè stessi o nascondendolo magari a chi ti è vicino nella tua nuova vita.

Significa dover ricordare magari un bambino piccolo che avrebbe voluto giocare mentre era nelle scale dei condomini nei quali la mamma era andata a predicare e a cui veniva fatto credere che l’isolamento lo preservasse dalla contaminazione “delle cattive compagnie” (cioè tutti coloro che non sono Testimoni di Geova).

Pubblicità
Pubblicità

Questa è la storia di Massimo Cortelletti, 29 anni, di Trento, impiegato nel settore fiscale.

Una storia cruda che contiene anche drammatiche denunce di cui spesso la nostra società non vuol nemmeno sentire parlare.

Un percorso pieno di consapevolezza, durante il quale Massimo racconta la sua vita all’interno dei Testimoni Di Geova e di come, in seguito ad un lungo percorso di ricerca di sé stesso, se ne sia dissociato dopo aver assistito a dei fatti gravissimi.

Massimo nasce il 3 maggio 1990 in una famiglia di Testimoni di Geova, e cresce con divieti, privazioni (che logicamente in quel momento non sentiva sempre come tali) e con gli insegnamenti promossi da quello che i suoi genitori considerano l’unico portavoce di Dio in terra, il Corpo Direttivo menzionato sopra, attualmente composto da 8 uomini che vantano una lunga militanza nelle file di questo culto. La sua, come egli racconta, non è stata un’infanzia felice.

Nel 2006 viene a mancare la nonna materna, anche lei Testimone di Geova. «Avevo 16 anni – ricorda Massimo – ed ero molto legato a lei. Gli anziani e tutti i fratelli e le sorelle mi dissero di studiare in maniera più approfondita la Bibbia, così da potermi battezzare e rivedere mia nonna risuscitare nel paradiso terrestre così da avere la speranza di poter vivere in perfetta salute con lei per tutta l’eternità» (dopo “armaghedon”, cioè il giorno del giudizio di Dio nel quale, secondo la loro dottrina, si salveranno solo i testimoni di Geova battezzati).

Ma la morte della nonna comincia a far riflettere Massimo che comunque inizia a studiare la Bibbia con loro. «Capisco solo ora come la perdita di mia nonna in quel momento mi avesse indebolito psicologicamente ed emotivamente, infatti per me era sempre stata un punto di riferimento affettivo importante, e mi sentivo come fossi rimasto solo»

All’inizio del 2009, con la convinzione di possedere l’unica verità, Massimo si battezza e da quel momento dedica molte ore alla divulgazione della “buona notizia” predicata dai Testimoni di Geova. «Iniziai ad avere successo, molte persone si interessavano a quello che predicavo, e cominciai a studiare anche con quelli della Trento bene…»

Pensate che Massimo dedicava al culto dei Testimoni di Geova anche 120 ore al mese, cioè 4 ore giornaliere sabato e domenica compresi. Una cosa che ai giorni nostri ha quasi dell’incredibile.

Dopo circa 2 anni la situazione comincia però a precipitare.

All’età di 21 anni Massimo viene infatti ripreso da un comitato giudiziario per aver commesso fornicazione cioè aver avuto un rapporto sessuale illecito prima del matrimonio, un atto che viene considerato un peccato molto grave. Per i testimoni di Geova infatti i rapporti intimi sono ammessi solo all’interno del matrimonio.

In questi casi tre “anziani” della congregazione convocano il «peccatore» e lo interrogano per sapere ogni cosa nei minimi dettagli. Massimo allora si auto denuncia, «perché ti instillano un senso di paura nel tenere nascoste le cose e ti dicono che mentendo od omettendo dei particolari potresti essere ucciso da Geova come peccatore. Così mi tolsero tutti i privilegi, non potevo più commentare, pronunciare discorsi o preghiere durante le loro adunanze. Ma non mi espulsero»

Massimo dopo nemmeno un anno commette nuovamente lo stesso “peccato“.

Viene così attivato di nuovo un altro comitato giudiziario, dove ancora un’altra volta viene chiesto a Massimo ogni particolare sulla nuova fornicazione.

La cosa in questo caso finisce peggio del solito però: «Vengo disassociato e ostracizzato, a quel punto quindi nessuno più mi rivolge la parola e tutti ti guardano come fossi un appestato»

Ed ecco che scatta anche quella strategia inquisitoria e quel comportamento arbitrario e lesivo dei diritti, della libertà e della dignità dell’individuo.

Ma è solo l’inizio: «un anziano mi disse – racconta ancora Massimo – puoi fare tutto ciò che vuoi, fumare , drogarti, andare a donne e a uomini, tanto per noi tu non sei più nessuno. Ci rimasi male, ma ancora credevo in Geova (in quel Dio diverso, che mi hanno insegnato loro) e che quella fosse l’unica verità, quindi iniziai il cammino di pentimento che include: andare a tutte le adunanze, ma senza essere salutato da nessuno, sedersi in ultima fila, arrivare appena prima dell’inizio, andare via appena finisce,  ma la cosa brutta era incontrare i tuoi amici o meglio ex amici, perchè appena ti vedono per strada attraversano per non salutarti o passarti vicino, come se avessi chissà che malattia infettiva. Dopo aver scritto ben 3 lettere di richiesta di riassociazione ed essere stato fuori per 1 anno e mezzo, vengo infine riassociato, e tutto insomma ritorna come prima , tutti sembrano volermi bene nuovamente»

Per Massimo prosegue tutto per il meglio, comincia anche ad aiutare una “sorella” inattiva da più di 40 anni a rientrare nell’organizzazione.

Ma più il tempo passa più i dubbi affiorano nuovamente ed ecco che riappare una crisi di coscienza scatenata da nuove privazioni e sensi di colpa.

«Io porto la barba molto corta per una mia malattia cutanea al viso e per questo nell’ultimo periodo non potevo avere incarichi in congregazione,  – osserva Massimo – con la conseguenza di essere visto come ragazzo poco ‘spirituale’. (In molti paesi, tra i Testimoni, non radersi la barba, è considerato inappropriato – ndr) Sono stato pure preso in giro per questo motivo da un Sorvegliante Viaggiante, davanti a 40 fratelli e sorelle, benchè gli avessi spiegato il motivo per cui non potevo radermi».

Regole da medio evo insomma, e continue umiliazioni e ipocrisie: «Finché vai in servizio, alle adunanze, commenti, ti prepari, va tutto bene, poi se ad un tratto cambi idea tutti spariscono, questi sono coloro che si definiscono veri amici, amici in realtà solo per interessi reciproci.» – aggiunge Massimo  che ironicamente  incalza: «Gli amici non si vedono nel momento del bisogno? Io ho visto tutti scappare, anzi qualcuno mi parlava come se già fossi morto ad Armaghedon»

Massimo capisce che il credo in questa religione provoca tanti blocchi di tipo emotivo, morale, spirituale e sessuale.

Ma ormai la bottiglia è colma, e il vaso di pandora scoppia dopo un ultimo drammatico episodio legato alle direttive diramate in caso emergano situazioni di atti di pedofilia in congregazione.

«Direttive che mi hanno fatto vergognare di essere un Testimone di Geova! La goccia è stato il programma Broadcasting di Novembre 2017  dove si spiegava che è stato deciso che il Corpo Direttivo non cambierà mai opinione riguardo alla regola dei ‘due testimoni’». 

Spieghiamo meglio: i Testimoni credono che per ogni accusa verso una terza persona sia obbligatorio sempre presentare almeno due testimoni oculari dello stesso fatto. In casi di violenza sessuale questo vuol dire che se una persona dice agli anziani di essere stata abusata sessualmente, e il presunto colpevole nega, se non c’è un secondo Testimone oculare del fatto, questo presunto abusatore rimane libero nella congregazione. Non può essere convocato contro di lui nessun comitato giudiziario, ma quel che è peggio, in questi casi (senza un secondo testimone oculare) per decenni si sono anche scoraggiate le vittime da sporgere denuncia alle autorità. Questi aspetti sono stati già trattati in un altro articolo pubblicato 2 anni fa che è possibile leggere a questo link.

Massimo pensa (come lo pensano le decine di migliaia di persone che ogni anno abbandonano questo culto) che all’organizzazione in fondo interessi unicamente la reputazione di facciata.

«La cosa che più mi disgusta è vedere amici che vivono una doppia vita,  – sottolinea Massimo – pur professando questo culto. Come ad esempio un mio amico sposato da poco, nemmeno da 3 anni, che ho scoperto aver avuto varie relazioni gay durante il matrimonio. Non ho nulla contro chi è omosessuale, anzi, l’importante è amarsi, ma è la correttezza e l’onestà verso la propria moglie?»

Poi parte lo sfogo: «Mi rattrista che da quando ho preso a cuore questo mondo dei Testimoni di Geova ho allontanato mio fratello omosessuale, tenendo con lui i rapporti al minimo e solo perché all’interno del movimento i gay sono visti malissimo» 

Ora Massimo da quasi due anni è uscito definitivamente dai Testimoni di Geova e non ha più intenzione di ritornarci.

«Dopo aver vissuto tutto questo ho scritto la mia lettera formale di dissociazione e il giorno 12 gennaio 2018 è stato fatto l’annuncio della mia non più appartenenza alla loro religione. Oggi io per loro sono un apostata»

La storia di Massimo dopo anni di privazioni e di dubbi è finita bene in tutti i sensi. Non è stato abbandonato dalla sua famiglia, «i miei genitori sono ancora Testimoni di Geova ma hanno capito la mia scelta e mi sono rimasti vicino, con loro ho ottimi rapporti anche se non aver condannato la mia scelta gli è costata l’emarginazione». 

Oggi Massimo è sereno e libero dai dogmi degli uomini, «Vivo in perfetta libertà senza paura di essere giudicato da un essere umano per quello che faccio. Non ho rimpianti e mi spiace solo di aver perso del tempo così inutilmente»

E alla nostra domanda sul perché ha voluto rendere pubblica la sua storia senza paura risponde con decisione: «Perché è necessario far conosce chi sono veramente i testimoni di Geova che non sono quelli che con il sorriso vanno di casa in casa a suonare i campanelli come tutti li conosciamo ma persone sulle quali quando entri o esci da loro movimento scopri cose tragiche» 

Sono ancora pochi i testimoni di Geova che sono riusciti ad uscire da quella che in molti chiamano «setta», che in alcuni casi predica l’esatto contrario della religione Cristiana dove l’uomo non è il centro dell’attenzione ma solo uno «schiavo» di una serie di regole che ne limitano la libertà, e la propria crescita nella nostra società.

Oppressione o religione, credo oppure costrizione? Questa è la storia di un ragazzo che ha trovato la forza di scappare da un incubo, e che ora vuole gridarlo a tutti senza remore o timori.

È una storia desolante, cruda, per alcuni aspetti quasi incredibile.

È una storia che fino ad un certo punto ha rubato i sogni di un bambino, di un adolescente, e di un uomo attraverso privazioni e umiliazioni.

Ma è anche una storia di vita finita bene che lancia dei messaggi positivi, e viva Dio, che sappiamo come in questo periodo siano i benvenuti.

Questa è la storia di Massimo Cortelletti (nella foto) Testimone di Geova dalla nascita per volere dei genitori che all’età di 29 anni dopo momenti di disperazione ha deciso di abbracciare il mondo, la libertà, l’amore e il rispetto e sconfessare per sempre il culto nel quale è cresciuto.

Chi volesse mettersi in contatto con Massimo può inviare un’email a redazione@lavocedeltrentino.it

 

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Tenta il furto all’Eurospesa di via Torre Vanga, ma i dipendenti reagiscono. Il Video della cattura

Pubblicato

-


Parapiglia verso le 18.30 all‘Eurospesa di via Torre Vanga (ex Tovazzi).

Uno straniero sui 40 anni è entrato nel supermercato per fare la spesa ma sotto il suo giaccone ha nascosto delle bottiglie di grappa Marzadro, oculatamente scelta fra le più costose presenti sugli scaffali.

Il cassiere, grazie alla telecamera interna si è accorto subito del movimento sospetto dell’uomo.

PubblicitàPubblicità

Arrivato alla cassa è stato intimato allo straniero di pagare anche la merce che aveva nascosto sotto il giaccone ma la sua reazione è stato violenta.

Il dipendente dell’ex Tovazzi è stato infatti aggredito e si è trovato due dita dello straniero negli occhi. 

A questo punto l’uomo non ha mollato il bottino e  ha tentato la fuga, ma sulla sua strada si è trovato altri due dipendenti che gli hanno sbarrato la strada.

Per nulla impaurito ha tentato di aggredirli continuando la fuga. L’uomo è stato poi bloccato poco fuori dall’uscita con l’aiuto di un terzo dipendente. Allertati subito, sono arrivate le forze dell’ordine che lo hanno caricato in macchine e portato in caserma. Per il ladro di grappa questa volta non è finita come sperava.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Trento: nel 2018 aumenta il consumo di acqua e gas metano

Pubblicato

-


I dati dell’annuario presentato ieri dal comune di Trento evidenzia nel 2018 un aumento sia dei consumi di acqua sia di quelli di gas metano.

Questi dati subiscono fluttuazioni in relazione alle precipitazioni ed al clima.

Nel corso del 2018 sono stati utilizzati 10.653.257 m 3 di acqua (+2,8% rispetto al 2017), impiegata, per un 60,9%, per uso civile domestico.

Pubblicità
Pubblicità

Il consumo annuo domestico procapite è pari a 54,9 m 3. Con riferimento al gas metano, si evidenzia un consumo pari a 110.087.454 m 3 (+2,3% rispetto all’anno precedente), di cui l’82,9% è usato per riscaldamento, cottura cibi e produzione di acqua calda sanitaria.

Il consumo domestico procapite di gas metano è pari a 772,5 m 3. Nel 2018 si registra un aumento del quantitativo complessivo di rifiuti raccolti nel territorio comunale, che raggiungono quota 54.956,7 tonnellate (+4,3% rispetto al 2017). I rifiuti indifferenziati prodotti sono leggermente aumentati rispetto al 2017 (+6,5%), arrivando a superare di poco le 10.300 tonnellate.

Raffrontando il dato con quello del 2010, si registra un calo pari al 55,6% (dalle 23.223,4 t del 2010 al dato attuale del 2018). La consistenza dei rifiuti differenziati si mantiene in costante aumento (+ 22,0% nel periodo 2010-2018); nel corso del 2018 tale consistenza è leggermente aumentata rispetto all’anno precedente (+3,8%).

La percentuale di raccolta differenziata per il 2018 corrisponde all’80,8% dei rifiuti totali. Il dato è leggermente più elevato di quello provinciale, che vede, nel 2018, una percentuale di raccolta differenziata pari a 73,4%.

Pubblicità
Pubblicità

Nel 2018 si registra una lieve crescita del totale di rifiuti pro-capite (465,2 kg/abitante, +3,9% rispetto all’anno precedente) e si rileva un contestuale aumento del quantitativo di rifiuti
indifferenziati per abitante (87,2 kg/abitante a fronte degli 82,2 del 2017).

Il totale di utenze servite (domestiche e non domestiche) è di 67.142 (di cui 60.445 domestiche). Il numero di utenze servite dal porta a porta aumenta costantemente: nel 2007,
anno di introduzione sperimentale del porta a porta, le utenze di questa modalità erano il 14,5% del totale, mentre nel 2018 la percentuale è pari al 99,1%.

Le piste ciclabili presenti sul territorio del Comune di Trento (comunali e provinciali) a fine 2018 sono lunghe 65,5 chilometri, in costante aumento nel corso degli anni.

Dall’esame dei dati relativi alla qualità dell’aria, si evidenzia come il numero di superamenti del limite della media giornaliera delle polveri sottili (PM 10 ) abbiano un andamento non costante, in quanto risentono delle condizioni climatiche (in modo particolare della piovosità): nel 2016 il numero di superamenti, pari a 19, è aumentato nel 2017 (31 superamenti) per poi passare a 9 nel 2018.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Ponte sull’Adige: le foto della situazione

Pubblicato

-

Foto di Enzo Anesi

Il tema è di stretta attualità e riguarda i ponti e i viadotti che negli ultimi tempi destano non poche preoccupazione nel nostro paese.

Anche  a Trento si sono presentate delle problematiche in tal senso.

Il giorno 2 dicembre 2019 il nostro giornale pubblicava un video  dove si vedeva staccarsi un pezzo di cavalcavia sulla tangenziale prima di Ravina finito fra l’erba del lungo Adige.

Pubblicità
Pubblicità

Si trattava del ponte dell’Adige sulla tangenziale che attraversa la zona sud di via san Severino.  

La struttura, come si vede, è piuttosto usurata in più punti dove sono visibili anche i tubi di ferro messi dentro il calcestruzzo. Ieri un nostro lettore è passato sotto il ponte per fare un passeggiata e si è accorto che le cose sono peggiorate ancora. Non si tratta del rivestimento caduto che non pare pericoloso ma, come si vede nelle foto, il problema sarebbe nella parte esterna (vedi foto) dove si sono schiacciati il portante e il dado di supporto. Nei giorni scorsi i tecnici della provincia di Trento hanno effettuato un controllo sul posto da cui non erano emersi particolari problemi. 

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza