Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Campodenno sarà più sicuro grazie al marciapiede da quasi un milione di euro

Pubblicato

-

Scendendo verso la nuova piazza di Campodenno, il marciapiede sarà realizzato sul lato destro della strada provinciale 55

Campodenno sarà presto un paese più sicuro, ma anche più bello e funzionale. Sarà infatti realizzato nei prossimi mesi un marciapiede che dalla nuova piazza Santa Barbara sale lungo la strada provinciale 55, ovvero Corso Principale, per raggiungere l’incrocio con la strada provinciale 67 e proseguire verso Lover fino all’intersezione con via San Pancrazio.

La Provincia, attraverso l’aggiornamento del Documento di programmazione settoriale in materia di infrastrutture e trasporti, ha appena aumentato il finanziamento dell’opera di 112 mila euro, necessari per poter appaltare i lavori.

Nel complesso l’opera avrà un costo previsto di 926.193,64 euro, coperto interamente dal contributo provinciale.

PubblicitàPubblicità

Il sindaco di Campodenno Daniele Biada si dice naturalmente soddisfatto di aver finalmente ottenuto il finanziamento dei lavori.

Sono serviti ben otto anni e il superamento di innumerevoli cavilli burocratici per giungere al finanziamento complessivo dell’opera – spiega –. Ora la Provincia inizierà l’iter dell’appalto, che consentirà di realizzare finalmente un marciapiede indispensabile per la sicurezza degli abitanti del Comune di Campodenno lungo la via in cui è concentrata la maggior parte dei servizi”.

Pubblicità
Pubblicità

Il marciapiede sarà largo un metro e mezzo e vedrà lo spostamento verso il paese del muro di contenimento, che sarà completamente rifatto e rivestito in pietra calcarea.

In questo modo sarà aumentata la visibilità per gli automobilisti che provengono da Lover e svoltano verso il centro di Campodenno, ma sarà anche abbellito il paese. Il Corso Principale avrà infatti un aspetto più ampio e più arioso.

Pubblicità
Pubblicità

I cittadini interessati dall’esproprio hanno già dato il proprio benestare al progetto, redatto dal Comune ma finanziato, come detto, dalla Provincia, e i lavori saranno appaltati entro la fine dell’anno.

Sono davvero numerose le opere realizzate nell’ultimo periodo a Campodenno. “Per l’amministrazione comunale – continua Biada – è una grande soddisfazione aggiungere un nuovo tassello agli interventi di riqualificazione dell’abitato dopo il rifacimento di piazza Santa Barbara, la sostituzione delle reti di urbanizzazione e della pavimentazione di tutto il centro storico, la ristrutturazione della scuola materna ed elementare, la realizzazione dell’illuminazione pubblica in buona parte del paese”.

La strada provinciale 55 che attraversa verticalmente Campodenno è l’arteria principale del paese e la percorrono quotidianamente tantissimi cittadini che si recano in Cooperativa, alla Cassa Rurale, a scuola o in chiesa. Ma è percorsa anche per raggiungere il municipio, il bar, la biblioteca.

Con i lavori in programma verrà installata inoltre una nuova illuminazione, sarà predisposta la fibra ottica per privati, saranno rifatte le tubazioni delle acque bianche e verrà previsto il collegamento per la Set tra le due cabine, che si trovano una in via Salvez e l’altra nella nuova piazza.

Pubblicità
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

A Sfruz un laboratorio creativo per 100 ragazzi con disabilità e non, per creare ponti d’unione tra le persone

Pubblicato

-

Due dipinti realizzati dai ragazzi durante il laboratorio

“Le stufe ad olle di Sfruz: laboratorio creativo tra passato e presente” è il titolo di un interessante progetto di carattere sociale, artistico ed educativo ideato dall’associazione “Casa degli Scoiattoli” in collaborazione con il Comune di Sfruz, l’associazione Antiche Fonaci e l’Accademia Anaune delle Valli del Noce. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Statale 421 tra San Lorenzo e Molveno, proseguono i lavori di messa in sicurezza

Pubblicato

-

Si conta di riaprire la statale 421, ancora chiusa tra San Lorenzo in Banale e Molveno, nei prossimi giorni, appena terminati i lavori di messa in sicurezza che la stanno interessando dopo la frana del 23 novembre scorso.

Nel frattempo, da domani, la strada alternativa, in località “Moline” sarà aperta, con il presidio di personale del Servizio Gestione strade della Provincia, anche dalle 11 alle 13, oltre che dalle 7 alle 8 e dalle 17.00 alle 18.30, com’era già previsto.

In rappresentanza della Giunta, l’assessore competente ha fatto il punto della situazione in un incontro avvenuto questo pomeriggio a Trento, presenti i tecnici provinciali, il presidente della Comunità della Paganella, e sindaco di Fai, Gabriele Tonidandel, i sindaci di Molveno, Luigi Nicolussi, di Andalo, Alberto Perli e di San Lorenzo-Dorsino, Albino Dellaidotti, accompagnato dal vicesindaco Rudi Margonari.

Pubblicità
Pubblicità

“Stiamo lavorando – ha confermato l’assessore – per riaprire la strada a breve, in sicurezza. Purtroppo la situazione della parete rocciosa a monte della strada non ci ha ancora permesso di farlo, nonostante l’impegno degli uffici provinciali coinvolti e della ditta privata che sta operando. Confidiamo servano ancora pochi giorni“

Una situazione che si intende gestire con un intervento importante: lo stesso presidente Fugatti ha confermato la volontà, già espressa in precedenti occasioni, di affrontare strutturalmente le condizioni di quella strada per la quale sono già disponibili risorse a bilancio.

Pubblicità
Pubblicità

“Un’ispezione con l’elicottero – ha ricordato il dirigente del Servizio Gestione strade Giancarlo Anderle – ci ha permesso di vedere come un nuovo crollo, dopo quello del 23 novembre, abbia quasi riempito le barriere paramassi, che adesso devono essere svuotate. La ditta che ci sta lavorando ipotizza di finire questa operazione, se non ci sono altri imprevisti, entro giovedì 12 dicembre. A seguire, con il parere favorevole dei geologi, si può pensare di riaprire la statale 421”.

Gli amministratori presenti hanno ricordato quanto quella via di comunicazione sia importante tanto per l’economia che per la vita della comunità ed hanno auspicato che quanto prima possa essere avviato un intervento definitivo sulla statale. All’incontro hanno partecipato anche Stefano De Vigili, dirigente del Dipartimento Infrastrutture e trasporti e Filiberto Bolego, del Servizio Gestione strade.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Ronzone: operaio 44enne si ferisce alla mano con il trapano

Pubblicato

-

Ieri pomeriggio poco dopo le 14.00 un operaio di una ditta artigiana di Ronzone in Val di Non è rimasto ferito ad una mano mentre stava usando il trapano.

L’uomo, 44 anni di Romeno, stava lavorando con il trapano, quando all’improvviso la punta è scivolata dalla superficie andando a colpire la sua mano, ferendolo in maniera grave.

La punta è riuscita a trapassare i guanti da lavoro andando a danneggiare le falangi

Pubblicità
Pubblicità

Preoccupati per le grida dell’uomo, i colleghi hanno immediatamente chiamato il 112.

Sul posto sono arrivate: due ambulanze, l’elicottero e i vigili del fuoco permanenti di Trento.

Pubblicità
Pubblicità

L’uomo è stato trasportato all’ospedale Santa Chiara di Trento in codice rosso e da lì trasferito al centro di chirurgia della mano a Peschiera, dove i medici stanno cercando di ridurre al minimo i danni provocati alla mano.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza