Connect with us
Pubblicità

Trento

Sicurezza quadrilatero la Portela: pugno duro nei prossimi mesi contro la criminalità

Pubblicato

-

L’incontro tra il Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica ed i residenti del quadrilatero della Portela, è stato di reciproca soddisfazione.

Residenti ed esercenti hanno potuto illustrare estesamente i motivi del disagio legato allo spaccio di droga e ai fenomeni di degrado che da anni vivono quotidianamente, spiegando casi e situazioni legate non solo all’area Portela/via Prepositura/piazza Da Vinci, ma anche ad altri quartieri del centro di Trento dove si stanno espandendo gli stessi fenomeni.

Nel corso della riunione è stato discusso, anche con il contributo degli esponenti intervenuti, delle questioni attinenti il degrado e dei fenomeni di microcriminalità lamentati dai cittadini residenti in quelle zone.

Pubblicità
Pubblicità

Il Questore, dopo aver ribadito nuovamente l’impegno e la sinergia da parte di tutti i partecipanti al Comitato, ha assicurato che nei prossimi giorni e settimane ci sarà un ulteriore sforzo, attraverso operazioni ad alto impatto, anche con l’ausilio del Reparto Prevenzione Crimine, volto alla prevenzione e repressione dei reati, al fine di restituire ai cittadini residenti il giusto senso di serenità e sicurezza.

Ora i cittadini aspettano la conferma di guanto promesso.

Sia i cittadini che i rappresentanti delle forze dell’ordine e delle istituzioni hanno valutato come molto positivo l’aver potuto interfacciarsi ad un unico tavolo, cosa che ha permesso di comprendere le reciproche posizioni.

Dal lato dei cittadini si è vista la rabbia, il senso di frustrazione e di impotenza, assieme alla volontà di non arrendersi alla criminalità e di difendere i propri quartieri, per ridargli la dignità e la sicurezza che meritano.

Pubblicità
Pubblicità

Dal lato delle forze dell’ordine, si è dimostrata la determinazione a fare fronte a questa situazione, grazie anche alla collaborazione dei cittadini, con organizzazione di azioni specifiche e mirate, di cui alcune sono già in svolgimento e altre avverranno nelle prossime settimane e prossimi mesi.

L’incontro si è concluso con uno spirito di reciproca fiducia ed impegno alla collaborazione di tutte le parti per il bene della città.

Di seguito riportiamo il comunicato diffuso al termine dell’incontro di ieri dal comitato cittadini de La Portela: “Questa mattina una delegazione di esercenti e di residenti del nostro quartiere e di via S. Maddalena ha incontrato il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica convocato dal Commissario del Governo a seguito della nostra lettera. Erano presenti, oltre al Commissario del Governo, il Questore, vari esponenti delle Forze  di Polizia, dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e della Polizia Municipale.

Erano inoltre presenti rappresentanti delle istituzioni Provincia Comune e Parlamento. Abbiamo avuto modo come residenti di illustrare estesamente i motivi del nostro disagio legato allo spaccio di droga e ai fenomeni di degrado che da anni viviamo quotidianamente. I vari interventi delle forze dell’ordine hanno evidenziato quantificabile le azioni di contrasto intraprese nell’ultimo anno (arresti, denunce, sequestri di sostanze stupefacenti, indagini su larga scala sul traffico internazionale di droga, controlli su esercizi, ecc.).

Crediamo che sia stato positivo interfacciarsi ad un unico tavolo con tutti gli interlocutori delle istituzioni e delle forze dell’ordine interessati, che a loro volta hanno compreso la nostra rabbia, il nostro senso di frustrazione, la nostra volontà di non arrenderci alla criminalità e di difendere il nostro quartiere ridandogli la dignità e la sicurezza che merita. Sono state promesse da parte delle forze dell’ordine attenzione e  continuità di interventi di contrasto allo spaccio  a vari livelli.

Parallelamente è stata caldeggiata la partecipazione attiva  dei cittadini nella segnalazione sistematica di spaccio o altri reati. Abbiamo espresso a questo proposito la nostra perplessità sull’utilità di denunce e segnalazioni che a oltre ad esporre a rischi di ritorsione il denunciante, non sfociano quasi mai  in misure restrittive adeguate  per spacciatori e altri delinquenti.

Personalmente credo che, nonostante  il senso di frustrazione che ci pervade per gli scarsi esiti delle nostre battaglie per la legalità condotte in tutti questi anni, non abbiamo altra scelta  comunque che  continuare a lottare e a denunciare le situazioni di degrado, di spaccio e di sfruttamento della prostituzione. In ogni caso attendiamo esiti positivi del nostro incontro che se non si risolveranno radicalmente i nostri problemi, ci diano quantomeno un di speranza e il segno concreto di attenzione delle istituzioni, cui compete garantire la sicurezza dei cittadini, che è un diritto fondamentale   in un paese civile”.

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Scade la prima rata di 150 mila euro: il nuovo centro islamico chiede la donazione per l’acquisto.

Pubblicato

-

Non sappiamo se la cosa sia vera, ma di certo la richiesta è inconsueta.

Sta di fatto che sulla bacheca dell’esercizio commerciale di via Prepositura Friends fast food  la richiesta è chiarissima: per l’associazione culturale islamica Fezane Mustafa di Trento ubicata in via Franceschini è necessario reperire 150 mila euro subito perché è in scadenza la prima rata da pagare per l’acquisto.

Stiamo parlando della struttura in via Ezio Franceschini 30  il cui destino d’uso (D/8) dovrebbe esclusivamente essere di “ Fabbricati costruiti o adattati per le speciali esigenze di un’attività commerciale e non suscettibili di destinazione diversa”, e che è diventata invece la sede di un altro centro culturale islamico.

Pubblicità
Pubblicità

Nella richiesta di donazione ci sono anche tutti gli estremi per il bonifico.

Non è nemmeno un caso forse che la richiesta sia stata affissa in via Prepositura, luogo noto per lo spaccio e quindi per le numerose risorse economiche che la malavita e i criminali possono far girare.

Certo è che reperire attraverso delle donazioni 150 mila euro non è facile.

A sollevare la questione di via Franceschini in questi giorni è stato il consigliere comunale della Lega Nord Trentino, Vittorio Bridi primo firmatario di un’interrogazione della quale si richiede risposta in aula. (qui articolo)

Pubblicità
Pubblicità

Se, come pare, la struttura è stata acquistata, si vocifera per 400 mila euro, sarebbe interessante capire chi ha finanziato l’operazione.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Sostegno disoccupati in Trentino: l’Agenzia del lavoro e l’Unione Europea mettono in campo 3,7 milioni di euro

Pubblicato

-

Favorire l’inserimento lavorativo dei soggetti con maggiori difficoltà e a rischio di disoccupazione di lunga durata.

Con questo obiettivo, la Giunta provinciale ha approvato ieri la delibera a firma dell’assessore provinciale allo sviluppo economico, ricerca e lavoro, Achille Spinelli, riguardante l’avviso per la presentazione di proposte progettuali per la ricerca attiva del lavoro, nell’ambito del Programma operativo del Fondo sociale europeo 2014-2020 della Provincia.

A fronte di un impegno di 2 milioni di euro, che saranno assegnati all’Agenzia del lavoro, si avrà un cofinanziamento di 1,7 milioni di euro dallo Stato e dall’Unione Europea.

Pubblicità
Pubblicità

“Questa iniziativa prevede il coinvolgimento di enti pubblici e privati per il potenziamento delle competenze dei disoccupati, al fine di sostenerli nella ricerca di un’occupazione – evidenzia l’assessore Spinelli -. La Giunta è particolarmente attenta alle esigenze delle fasce deboli della popolazione e ritiene fondamentale sostenere chi ha difficoltà a proporsi o a rientrare nel mercato del lavoro”.

Il progetto nasce con l’obiettivo di favorire l’incontro domanda-offerta, anche attraverso l’utilizzo di canali informatici. In particolare, si vogliono supportare gli utenti – con diversi background – nel conoscere i canali per la ricerca attiva ed autonoma del lavoro, nel creare e presentare il proprio curriculum vitae (inserendolo nel portale Trentino lavoro), nell’acquisire le più moderne ed efficaci tecniche di presentazione presso i datori di lavoro e nel saper gestire opportunamente i colloqui di selezione.

L’obiettivo generale dell’avviso, è di alleggerire i Centri per l’impiego di una parte di attività ora gestita prevalentemente con colloqui individuali di natura standardizzata, tecnicamente definiti colloqui di accoglienza ed orientamento di primo livello, e consentire dunque agli operatori dei Centri per l’impiego di dedicare la propria attività prevalentemente alle funzioni orientative più specialistiche e personalizzate, in funzione della definizione del patto di servizio e in risposta ad esigenze informative e consulenze individualizzate.

 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Nuova telecabina a Madonna di Campiglio: via libera al progetto dalla Giunta provinciale

Pubblicato

-

Una telecabina a 10 posti denominata “Fortini – Pradalago” in sostituzione dell’attuale seggiovia quadriposto e una nuova area parcheggio da destinare a zona di interscambio per i pulmini.

E’ il progetto che sarà realizzato dalle Funivie Madonna di Campiglio spa e per il quale il Comune di Pinzolo aveva chiesto, lo scorso 24 settembre, l’autorizzazione a realizzarlo in deroga alle norme di attuazione del Piano Regolatore Generale.

Nella giornata di ieri la Giunta provinciale, con una delibera proposta dal vicepresidente, Mario Tonina, ha dato il proprio assenso alla richiesta avanzata dal Comune della Val Rendena. 

Pubblicità
Pubblicità

La nuova telecabina si è resa necessaria in quanto l’attuale seggiovia ha una portata non più sopportabile visto il numero di passaggi, inoltre, il nuovo parcheggio porterà ad un incremento della sicurezza, dato che l’attuale area di parcheggio è prossima alla strada provinciale.

Particolarmente rilevante risulta essere la ridistribuzione dei flussi degli sciatori sulla zona Fortini con lo spostamento della stazione di valle della nuova telecabina sul lato opposto della strada statale SS 239. In ordine al rilascio della deroga si era espresso favorevolmente anche il Consiglio comunale di Pinzolo.

 

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza