Connect with us
Pubblicità

Trento

Caso Luminarie Natale, la reazione di ConfCommercio: «Non si usino i commercianti come capro espiatorio»

Pubblicato

-

Non ci stanno i commercianti del centro storico di Trento a passare per capro espiatorio dopo il caos «Luminarie» che questo Natale saranno ridotte al lumicino.

Quest’anno alle 400 lettere di richiesta d’adesione, hanno risposto solo 44 commercianti trentini che in un qualche modo sono poi diventati 77.

Comunque troppo pochi per coprire le spese e quindi a parte l’illuminazione quasi obbligatoria di piazza Duomo, le strade illuminate saranno solo quelle nelle quali almeno due commercianti hanno pagato la quota ed ovviamente, le luminarie saranno posizionate a loro favore.

Pubblicità
Pubblicità

Il problema come spesso succede nasce da lontano, in questo caso dall’anno scorso.

L’assessore Stanchina in quel frangente giustamente si era preso per tempo organizzando numerose riunioni per coinvolgere i commercianti del centro storico il più possibile.

L’operazione era riuscita anche perché la presentazione dell’offerta delle luminarie sembrava intrigante e per certi tratti spettacolare.

L’iniziativa era stata presentata come innovativa e attrattiva grazie a delle creazioni luminose che, susseguendosi lungo le vie della città, avrebbero suscitato stupore e curiosità in tutti coloro che passeggiando per il capoluogo.

Dopo moltissimi anni in cui le luminarie erano fornite sempre dalla stessa ditta, con le tradizionali «campane» o «fiocchi di neve», l’anno scorso si era voluto cambiare incaricando per l’appalto una nuova ditta che curava fra l’altro l’illuminazione della Torre Eiffel a Parigi.

Pubblicità
Pubblicità

In realtà all’atto dell’installazione le promesse si erano tramutate in un flop colossale (vedi foto sotto) dove le luminarie erano scarne, poco spettacolari e in parte anche danneggiate. (qui l’articolo)

È chiaro quindi che da parte dei commercianti la fiducia e la credibilità nei confronti delle istituzioni siano venute a mancare col risultato che Trento probabilmente per questo Natale sarà meno illuminata del solito.

In virtù di questo Massimo Piffer, numero due di ConfCommercio scrive una lettera aperta al presidente dell’Apt di Trento Bertagnolli e all’assessore al commercio Roberto Stanchina

LA LETTERA APERTA DI MASSIMO PIFFER – In merito all’articolo pubblicato giovedì 31 ottobre 2019 su di un quotidiano locale, dal provocatorio titolo:”I commercianti non pagano, niente luci di Natale in strada”, in qualità di presidente dell’Associazione dei Commercianti al Dettaglio del Trentino di Confcommercio, desidero fare alcune doverose precisazioni, a tutela degli associati della organizzazione sindacale che rappresento.

Primo: lunedì 16 settembre 2019 ho convocato una riunione del Consiglio Direttivo della sezione territoriale, alla quale hanno partecipato tra gli altri l’assessore comunale Roberto Stanchina, il presidente della APT Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi Franco Bertagnolli e la rappresentante dell’Associazione nel C.d.A. dell’APT Camilla Girardi con all’O.d.G. il punto relativo ad eventi ed iniziative sulla città di Trento ed in ambito comprensoriale.In tale sede si è discusso anche della questione luminarie per il periodo natalizio e si è convenuto circa l’opportunità che l’iniziativa di raccolta fondi veda il coinvolgimento e la condivisione di tutti gli operatori economici del territorio di riferimento, perché una città bella, accogliente ed illuminata è nell’interesse dell’amministrazione pubblica e dell’intera comunità.Da quel momento siamo rimasti in attesa di ulteriori contatti e comunicazioni in merito, che non ci sono state.

Secondo: le modalità operative che sono state utilizzate per la “campagna” di adesione dei commercianti all’iniziativa, si sono rivelate di fatto inappropriate e prive dell’indispensabile coordinamento.

Terzo: risulta del tutto evidente che per evitare situazioni incresciose simili, più che lo “scaricabarile” che alimenta polemiche sterili e gratuite, il Comune di Trento dovrebbe stanziare a bilancio idonea voce di spesa, come peraltro da anni fanno altre municipalità. La nostra associazione resta comunque disponibile ad un confronto costruttivo e leale, per il bene dei cittadinii di Trento.

Pubblicità
Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Ricette fresche con le fragole, le golosità dell’estate!
    Finalmente stanno arrivando l’estate, il caldo e le giornate di sole. Con loro, inizia anche la stagione della frutta fresca, dei frullati e dei dolci golosi e leggeri. Tra quelli più classici e gustosi spicca la Torta Sbriciolata alle fragole senza cottura. Facile, veloce e adatta a tutti palati, la torta sbriciolata alle fragole senza cottura […]
  • “CrowdWine”, l’originale sistema per sostenere le piccole cantine italiane
    In un momento storico in cui l’intero settore del vino italiano ed internazionale sta vivendo un profondo cambiamento strutturale, relazionale e sopratutto commerciale è nata un’idea per sostenere le piccole e medie cantine italiane. L’idea prende spunto direttamente dal più noto crowdfunding, tentando di avvicinare i consumatori con i produttori attraverso l’ormai utilizzatissimo sistema di […]
  • Coronavirus: un team di giovani donne progetta ventilatori polmonari con ricambi di automobili
    L’emergenza sanitaria da Coronavirus ha colpito anche angoli di mondo già molto fragili come L’Afghanistan, Paese precedentemente dilaniato da decenni da guerre e dittature che, dopo l’arrivo del Coronavirus rischia di mettere definitivamente in ginocchio il fragile sistema sanitario. Nonostante il Governo di Kabul abbia adottato i più noti sistemi prevenzione, come il distanziamento sociale […]
  • Beer SPA, una tappa imperdibile nella splendida Praga
    Ti piacciono la birra e le belle città d’Europa? Allora una tappa alla Beer SPA delle capitale Ceca è d’obbligo. Aperta nel 2013, la Original Beer SPA, negli anni, ha riscosso un grande successo soprattutto tra coloro che amano il connubio tra belle città, relax e attrazioni peculiari o comunque diverse dal solito. Ma cos’è […]
  • Covid19: L’isola di Cipro paga le vacanze ai turisti contagiati e ai loro famigliari
    Nonostante Cipro abbia avuto poco meno di 1.000 casi di contagi e 17 vittime da Coronavirus, non vuole rinunciare all’attesissimo nonché molto importante traffico turistico estivo dando così il benvenuto a qualsiasi viaggiatore. A differenza di altri Stati, Cipro si sta infatti attrezzando per non ostacolare gli arrivi nei luoghi di villeggiatura sull’isola mediterranea attraverso […]
  • Giappone propone vacanze quasi gratis per rilanciare il turismo
    Negli ultimi mesi, il Giappone come tutti gli altri Stati del mondo, ha subito un forte rallentamento dal punto di vista turistico a causa dell’emergenza sanitaria da Covid – 19, arrivando ad un calo del 99.9% del turismo locale con neanche 3 mila arrivi durante il mese di aprile. Inoltre, considerando che il 2020 avrebbe […]
  • Coronavirus: distributori automatici di mascherine gratuite
    Nel periodo in cui la massima attenzione all’igiene e al distanziamento sociale sono la priorità principale per ogni Governo del mondo, la città di Singapore in stato di lockdown fino a giugno, ha deciso di contenere la diffusione da Covid – 19, garantendo a tutti i cittadini mascherine gratuite attraverso particolari distributori automatici. La caratteristica […]
  • NASA, progetta il sistema per prevedere alluvioni e siccità fino a 60 giorni prima
    Vista dallo spazio la Terra appare come un Pianeta Blu grazie alle grandi distese di acqua in continuo movimento che ricoprono il 70% dell’intera superficie. Da quando evapora, fino a quando cade pioggia alimentando le falde acquifere, l’intero ciclo dell’acqua dolce è così importante da essere al centro di alcuni programmi di ricerca internazionali volti […]
  • Borghi italiani dimenticati: incentivi, bonus e aste a partire da 1 euro per ripopolarli
    Da nord a sud l’Italia intera è costellata di Borghi che conservano, identità, mestieri e saperi di un patrimonio immateriale e materiale di una storia unica al mondo certificata dall’Unesco. Alcuni di questi, vengono chiamati “comuni a rischio scomparsa” a causa delle loro ridottissime dimensioni, eppure fanno parte del patrimonio storico e artistico italiano, rappresentando […]

Categorie

di tendenza