Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Le A.P.S.P. di Cles, Mezzolombardo e Mezzocorona hanno conseguito la certificazione “Family Audit®”

Pubblicato

-

Martedì 5 novembre scorso, presso la A.P.S.P. Santa Maria di Cles, si è tenuta una conferenza stampa per parlare dell’ottenimento della certificazione “Family Audit®”.

Cos’è questa certificazione? Lo spiega dettagliatamente la Dott.ssa Mascia Baldessari, coordinatrice delle attività dei gruppi di lavoro tra le tre strutture, alla presenza dei responsabili delle Amministrazioni aderenti al progetto: per l’A.P.S.P. Santa Maria di Cles il Direttore Dott. Luca Cattani con la Presidente Laura Flor e la Responsabile Centro Diurno – formazione e qualità – Silvia Dallagiovanna; per l’A.P.S.P. San Giovanni di Mezzolombardo il Direttore Dennis Tava e la Presidente Monica Tomezzoli; per l’A.P.S.P. Cristiani De Luca di Mezzocorona il Direttore Luigi Chini con il Presidente Umberto Lechthaler e la referente interna Serena Bassetto.

La certificazione Family Audit® è un modulo che attesta la qualità delle aziende, sia pubbliche che private; imprese superiori ai 15 dipendenti, cooperative e case di riposo. Il percorso ha la durata di tre anni e mezzo, ed è indirizzato ai dipendenti, finalizzato al miglioramento dello svolgimento lavorativo rapportato alla qualità di vita familiare, cercando di pianificare al meglio le esigenze dei lavoratori, ed al contempo responsabilizzando le aziende nei confronti del personale. Il percorso certificativo sarà verificato, durante i tre anni di attività, da un valutatore accreditato, in questo caso l’incarico è affidato al Dott. Alessandro Menapace.

Pubblicità
Pubblicità

I benefici che ne traggono entrambe le parti sono molteplici: chi opera in un clima sereno e consapevole lavora meglio, mentre le aziende certificate garantiscono un trattamento sociale corretto ed equilibrato nei confronti dei fruitori, in questo caso gli ospiti delle case di riposo.

L’ottenimento della certificazione è un percorso che normalmente si svolge singolarmente, come già avvenuto per l’A.P.S.P. Anaunia di Taio, la prima in Val di Non ad ottenerlo, ma in questo caso le tre Amministrazioni si sono accordate per collaborare unitamente, considerando interessanti ma soprattutto utili un interscambio di idee, strumenti lavorativi, esperienze con i pazienti, metodologia organizzativa, indirizzate al conseguimento del fine comune.

Pubblicità
Pubblicità

Questo riconoscimento indica una forte volontà di miglioramento e di risultati da parte delle tre strutture, dimostrando che la collaborazione è sempre un punto di forza.

 

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Ossana, stagionali a tariffe agevolate per i residenti sugli impianti di Folgarida e Pejo

Pubblicato

-

Nella foto di Marco Corriero la pista Monte Spolverino a Folgarida (fonte: valdisole.net)

È stata approvata dal Comune di Ossana la convenzione con le Funivie Folgarida che consente ai residenti di usufruire di tessere stagionali a costo agevolato, che includono la possibilità di utilizzare gratuitamente anche gli impianti e le piste di Pejo Funivie Spa. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

“TrentinAvventura”, un team tutto rosa in volo sopra le Dolomiti

Pubblicato

-

Otto ragazze che amano raccontare il proprio territorio e le proprie tradizioni attraverso lo sguardo vivace della donna. Ma anche esperienze incredibili, come quella vissuta a bordo degli ultraleggeri del Club Puma, grazie alla preziosa collaborazione del Campo Volo di Termon, sorvolando le Dolomiti per dare uno sguardo dall’alto alla Val di Non. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Alla scoperta della cucina africana con una cena di beneficenza a Cles

Pubblicato

-

Lodevole iniziativa quella proposta dalla Fondazione Ivo de Carneri in collaborazione con il Comune di Cles, il Gruppo dell’Oratorio di Cles, il Comitato Amici della Fondazione Ivo de Carneri e Why Insieme di Trento.

Per aiutare con una raccolta fondi il ‘Progetto Agricoltura’ realizzato sull’isola di Pemba in Africa (arcipelago di Zanzibar-Tanzania) è stata organizzata una cena di beneficenza intitolata “L’Africa e i suoi sapori” – piatti tipici della cucina africana – che avrà luogo giovedì 30 gennaio prossimo ad ore 20,30 presso l’Oratorio San Rocco a Cles in via Marconi.

Ricordiamo che Ivo de Carneri fu un eminente parassitologo nato a Cles nel 1927 e scomparso a Milano nel 1993, ricercatore della parassitosi dei bambini; nel 1988 si recò nell’Isola di Pemba (Zanzibar) cooperando con il programma istituito dal Ministero degli Esteri Italiano per il controllo della schistosomiasi genitoruriana; in veste di esperto si occupò di istruire il personale sanitario locale, e della costruzione di una struttura dedicata alla prevenzione, diagnosi e terapia delle malattie parassitologiche.

Pubblicità
Pubblicità

In seguito alla scomparsa del Professore, per volere della sua famiglia, nel 1994 nacque la”Fondazione Ivo de Carneri” che, senza scopo di lucro, promuove e sostiene la lotta contro le malattie parassitologiche nei paesi in via di sviluppo ed incrementa gli studi di parassitologia per quanto attiene ai risvolti sociali delle stesse.

Le prenotazioni si effettuano entro lunedì 27 gennaio presso la Pro Loco di Cles.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza