Connect with us
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Martina Ferrai: i vincenti trovano sempre una strada, i perdenti sempre una scusa

Pubblicato

-

«Gli uomini vincenti trovano sempre una strada, mentre i perdenti trovano sempre una scusa.». Ci scusiamo con John Fitzgerald Kennedy per aver preso a prestito un suo famoso aforismo dove in poche parole è concentrato il giudizio verso la sinistra di Borgo ormai alla sbando. 

Sono passati circa 6 mesi dalle elezioni comunali di Borgo Valsugana che hanno proclamato sindaco Enrico Galvan in rappresentanza del centro destra civico che al ballottaggio ha vinto nettamente sulla  vecchia e obsoleta sinistra di Borgo per l’occasione mascherata dietro la dicitura “polo civico” con Martina Ferrai.

Sei mesi che però non sono appunto bastati per accettare la terza sconfitta consecutiva della sinistra di Borgo, prima con Claudio Voltolini passando poi per Fabio Pompermaier e per concludersi con l’altezzosa Martina Ferrai

PubblicitàPubblicità

Nel recente numero di Borgo Notizie (bollettino comunale) in distribuzione nelle case di Borgo e Olle in questi giorni la lista Civitas guidata da Ferrai e Galvan non sapendo più chi colpevolizzare per l’ennesima sonora debacle in perfetto stile da “sinistroidi del PD” accusa un certo giornalismo in rete reo di aver pubblicato fake news che hanno portato alla distorsione della realtà e loro sconfitta.

Al peggio non c’e proprio fine e come diceva Giulio Andreotti “il potere logora chi non ce l’ha“, ma forse in questo caso il peggio è proprio Ferrai e Galvan, quest’ultimo figlio di Carlo Galvan noto personaggio della giunta Froner che votò in favore del depotenziamento del presidio ospedaliero San Lorenzo che porto la scandalosa chiusura del reparto di maternità insieme a Patrizia Dallafior nota anche lei per essere risalita sul carro dopo i finto addio alla politica. 

Come sempre a parlare sono i dati, quelli veri non quelli del “Borgo che vorrei“, il borgo delle favole dei radical chic di Civitas.

Nel primo turno il candidato sindaco Martina Ferria ha raccolto 1.380 voti,  Enrico Galvan 1.255 voti, Marika Sbetta 1.111 voti e Sunil Pellanda voti 276.

Pubblicità
Pubblicità

Ben 2.642 al primo turno non hanno esplicitamente votato la sinistra per non contare gli astenuti, ma nonostante ciò la caccia alle streghe continua attaccando tutto l’attaccabile possibile dai giornali alla comunità di Borgo e Olle. Perché per la sinistra di Borgo i giornali che non sono d’accordo col partito e lo denunciano raccontando verità inconfutabili sono divulgatori di fake news. E certo, capiamo l’imbarazzo, visto che in provincia per 30 anni la sinistra ha governato con la complicità di amici giornalisti, media conniventi e giornali a dir pochi schierati. Il concetto di libertà e democrazia della sinistra di Borgo va anche oltre. Infatti per Martina Ferrai criticare o non votare il suo partito è sinonimo di mancanza di intelligenza.

Pubblicità
Pubblicità

Ma tornando ai dati. Per quanto riguarda il secondo turno Enrico Galvan ha vinto nettamente con 1.621 voti il 54% della comunità lo ha scelto nonostante avesse due sole liste a sostenerlo a differenza di Ferrai che ne aveva tre e la spinta del PD e UPT.

A parlare sono sempre i numeri,  quelli veri, quelli che la sinistra non percepisce e che non ha mai percepito Martina Ferrai visto che prima della campagna elettorale non si era mai vista in paese.

Per la sinistra di Borgo, la peggiore in assoluto delle ultime generazioni, poteva essere l’anno Zero. Invece con i suoi comportamenti denigratrici anti democratici è stato il più grande fallimento della storia recente. Altro che polo civico, altro che occasione per ripartire.

Un flop dietro l’altro, numerose incongruenze, contraddizioni scellerate, la mascherata della finta civica che copia parola per parola il programma del PD, atteggiamenti intimidatori verso il nostro giornale con minacce di querela, quindi il tentativo di tappare la bocca alla stampa libera, sono solo alcune dei comportamenti che per la sinistra di Borgo hanno decretato l’ennesimo crollo peraltro da noi anticipato.

Come spesso ripetuto in vari articolo la cosa peggiore del perdere le elezioni, è non sapere perché si siano perse e continuare a voler prendere in giro i cittadini. 

Il PD di Borgo Valsugana, stringi stringi,  è stato punito non solo per politiche percepite come distanti dalle “esigenze della gente” (formuletta vuota che non vuol dire niente ma che funziona quando hai contro partiti come la Lega che possono usarla a piacere risultando credibili) o per un atteggiamento arrogante e sprezzante (da sempre il peccato originale che nessuno perdona al politico italiano), ma anche perché non hanno avuto veramente niente da dire.

Per quelli che non hanno ancora capito di aver perso le elezioni, accettare pensieri diversi dai loro è una cosa che proprio repelle. Non ce la fanno a capire e rispettare i cittadini che non li hanno votati e continuano a pensare di essere i migliori nonostante le batoste prese e l’ormai estinzione del partito alle porte.

Sono talmente democratici e intelligenti che quanto trovano (e succede spesso) qualcuno con un punto di vista diverso,  lo bollano come ignorante, zotico o peggio fascista e divulgatore di Fake news. E poi si chiedono ancora perché ad ogni tornata elettorale vengono presi a calci dagli elettori.

Per loro come diceva Giolitti «Per i nemici le leggi si applicano, per gli amici si interpretano» 

Per concludere citiamo il clamoroso scivolone commesso dalla Ferrai in campagna elettorale.

Perché andare a presentare le proprie idee sull’ambiente all’interno di un’azienda condannata due volte per reati ambientali? Attendiamo ancora una risposta da Martina Ferrai. 

Un comportamento simile sarebbe bollato come folle da tutti, ma non dalla sinistra di Borgo Valsugana che invece preferisce contornarsi dalle caste e dai pregiudicati. Niente di nuovo insomma se non che la colpa di tutte le sconfitte elettorali sono da attribuire ad un giornale che alla fine ha riportato solo fatti veri ed inconfutabili. Quelli che stanno ancora pensando il perché hanno perso le elezioni, mentre gli altri vanno avanti e lavorano per la propria comunità.

La tristezza delle parole scritte da Martina Ferrai risalta nelle poche righe riportare sotto, il festival del nulla condito con dichiarazioni imbarazzanti di chi è stato bocciato dai cittadini e crede ancora di aver vinto le elezioni.

 

 

 

Pubblicità
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Pergine: dentro la stazione l’allestimento del plastico della ferrovia della Valsugana

Pubblicato

-

L’Associazione Model Club Pergine Valsugana in concomitanza con il tradizionale arrivo a Pergine del convoglio storico della “Carrozza Matta” in occasione dei Mercatini di Natale, partecipa alla manifestazione organizzando la presentazione al pubblico del plastico della Valsugana.

Il plastico, costruito in scala 1:87, raffigura la parte ferroviaria della Valsugana e sarà allestito in una sala della stazione e realizzato per il 120° anniversario dell’apertura dell’omonima linea.  Presso altra sede nello specifico sarà riprodotta anche un’area parziale dell’Alta Valsugana teatro di strutture militari durante il 1° conflitto mondiale.

Nella sala d’attesa della stazione verrà pure posto a disposizione dei ragazzi un plastico consentendo ad essi di manovrare i convogli che lo percorrono, mentre all’esterno, nel piazzale adiacente alla stazione verrà allestita una mostra di alcuni veicoli storici. La manifestazione a corredo dell’evento avrà luogo domenica 15 dicembre dalle ore 10.00 alle 18,00

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Valsugana e Primiero

Grigno, tamponamento sulla Statale 47: ferita una 56 enne

Pubblicato

-

Ieri mattina poco prima delle 9.00 a Grigno sono avvenuti due tamponamenti.

Sono stati coinvolti quattro veicoli ma fortunatamente senza gravi conseguenze.

A causa di un rallentamento sulla Statale 7 in direzione Trento, un mezzo pesante non è riuscito a frenare la propria corsa andando a sbattere contro una Peugeot 205 che è stata spinta sotto il cassone del mezzo pesante che la precedeva.

Pubblicità
Pubblicità

Pochi secondi più tardi una Fiat Fiorino per evitare l’impatto con il terzo mezzo coinvolto, ha sterzato finendo nella parte anteriore del mezzo pesante fermo sulla strada.

Tutti i veicoli coinvolti procedevano a bassa velocità.

Sul posto sono arrivati i sanitari del 118 e una pattuglia dei carabinieri.

È stata ricoverata una 56 enne all’ospedale di Borgo Valsugana ma senza gravi conseguenze.

Pubblicità
Pubblicità

La Statale 47 è stata riaperta al traffico dopo circa 2 ore e mezza dall’incidente.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Valsugana e Primiero

Borgo Valsugana, finti ambulanti truffano anziana con l’Alzheimer: arrestati

Pubblicato

-

La Procura della Repubblica di Trento ha autorizzato l’estensione delle foto per incoraggiare le eventuali vittime di analoghe truffe a riconoscerne gli autori.

Due truffatori con precedenti, uno veneto e l’altro napoletano di 67 e 75 anni, entrambi residenti nel vicentino, sono stati arrestati dai Carabinieri di Borgo Valsugana per truffa continuata aggravata e tentato furto ai danni di un’anziana del posto.

I due, fingendosi ambulanti, sono riusciti a raggirare la 78enne malata di Alzheimer, sottraendole circa 800 euro.

Dall’inizio della scorsa primavera, con abilità e buone maniere, i malintenzionati erano riusciti a guadagnare la fiducia della donna suonando più volte al campanello e proponendole la vendita di lenzuola e federe coordinate.

PubblicitàPubblicità

Dopo un primo affare andato a buon fine, avevano continuato a presentarsi a casa sua e con insistenza, ma allo stesso tempo con garbo erano riusciti a renderla succube fino ad indurla a comprare inutilmente per ben quattro volte numerosi corredi.

Al momento del pagamento i delinquenti si facevano consegnare dalla vittima più soldi di quanto pattuito, scambiando con abilità le banconote di taglio maggiore con altre di taglio minore confondendo così l’anziana, convinta di non avere pagato abbastanza, e inducendola a prendere altro denaro.

Se la donna non disponeva di contanti in casa, veniva accompagnata al più vicino bancomat per altri prelievi.

A scoprire la serie di truffe è stato il figlio 50enne, insospettito dai consistenti ammanchi di denaro visibili dal saldo del conto corrente bancario e dalla carenza di liquidi della madre.

Pubblicità
Pubblicità

Installando telecamere nell’appartamento a sua insaputa (la donna negava di effettuare qualsiasi spesa, forse per timore di apparire meno autosufficiente), l’uomo è riuscito a filmare i truffatori in azione rivolgendosi poi ai Carabinieri, che dopo avere visionato i filmati hanno convinto la signora a presentare denuncia.

Pubblicità
Pubblicità

Alcuni appostamenti hanno consentito ai militari dell’Arma di bloccare uno dei truffatori a bordo di un SUV proprio mentre era in procinto di mettere a segno l’ennesimo colpo. Successivamente è stato individuato anche il complice.

Entrambi sono stati arrestati e destinati agli arresti domiciliari dai Carabinieri di Grigno coadiuvati dai militari della Compagnia di Borgo Valsugana e della Stazione di Romano d’Ezzelino.

Si tratta della classica truffa messa in atto da soggetti avvezzi a questo tipo di pratica, ma il cui modus operandi è ormai conosciuto dalle forze dell’ordine. Su tutto il territorio del Trentino l’attenzione alle truffe che avvengono in danno di anziani è sempre più alta e si cerca di attuare servizi di prevenzione anche mediante servizi informatici dedicati. Per il successo di queste operazioni sono fondamentali le segnalazioni dei parenti più prossimi.

I consigli per gli anziani invece, sono sempre quelli di chiudere bene porte e finestre, non aprire agli sconosciuti e nel dubbio chiamare sempre un familiare o le forze dell’ordine“, sottolinea il Capitano Alfredo Carugno, Comandante della Compagnia di Borgo Valsugana.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza