Connect with us
Pubblicità

Trento

La lega ripropone di intitolare una via della città alla giornalista Oriana Fallaci

Pubblicato

-

Oriana Fallaci torna nuovamente protagonista grazie alla Lega. 

Ieri i consiglieri comunali del carroccio di Trento hanno riproposto l’intitolazione di una via della città alla famosa scrittrice.

L’iniziativa già presentata tempo fa era stata respinta dalla giunta di centro sinistra. Ora ci riprovano presentando una mozione.

Pubblicità
Pubblicità

In questa nuova proposta viene dato grande risalto alla vita della giornalista.

Nella mozione viene chiesto alla giunta di riconoscere ad Oriana Fallaci l’intitolazione di una via oppure un monumento ed istituire un premio letterario in collaborazione con studenti delle scuole superiori  di Trento.

Nella mozione i consiglieri leghisti hanno raccontato la vita di Oriana Fallaci spiegando le motivazione per la richiesta d’intitolazione.

«Nata il 29 giugno 1929 a Firenze e vissuta a lungo negli Stati Uniti. La sua esistenza scorse all’insegna del binomio tra scrittura e impegno civile. A 14 anni prese parte alla Resistenza partigiana, maturando dentro di sé quella volontà di essere in prima linea che in seguito la spinse a raccontare da vicino i principali teatri di guerra del Novecento.

Pubblicità
Pubblicità

Oriana Fallaci è sicuramente tra le più grandi giornaliste del ventesimo secolo. Il successo mondiale arriva con la pubblicazione negli anni ”70 dei due libri “Lettera ad un bambino mai nato” e “Un uomo”.

Entrambi raccontano dell’amore fra Oriana e il greco Alexandros Panagulis, colui che ebbe il coraggio di ribellarsi alla schiavitù tirannica e, intriso di forti ideali di libertà, tentò di far cadere il governo di Papadopoulos.

Negli anni ’80 ormai affermatasi a livello mondiale decide di stabilirsi permanentemente a New York. E’ proprio qui che si dedica alla stesura del romanzo “Insciallah”. Opera mastodontica che tratta la guerra in Libano, la precarietà dei soldati italiani e il fondamentalismo islamico.

Dopo essersi ritirata dalla scena giornalistica e aver combattuto contro il cancro, l’attacco alle Torri Gemelle è un evento che non riesce a lasciarla indifferente.

Nell’ultima parte della sua vita la scrittrice fiorentina ritorna con forza nella scena italiana e internazionale, esprimendo in maniera chiara e diretta l’ottusità dell’Islam e l’impossibilità ad una convivenza serena fra le due religioni».

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Sciopero Trentino Trasporti: adesione quasi del 90%

Pubblicato

-

In un nota congiunta i sindacati comunicano che la percentuale di lavoratori di Trentino Trasporti che oggi hanno incrociato le braccia oggi venerdì 17 gennaio è stata di quasi l 90%.

Come pianificato  nella mattinata di oggi i sindacati hanno organizzato una manifestazione in piazza Dante, davanti al palazzo della Provincia.

Alla base dello sciopero la richiesta di rinnovare il contratto dei dipendenti dell’azienda, che è fermo da 15 anni.  Durante lo sciopero sono state comunque garantite le fasce orarie di garanzia, dalle 5:30 alle 8:30 e dalle 16 alle 19.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Domenica a Ravina l’assemblea della Federazione provinciale Scuole materne

Pubblicato

-

Si terrà domenica 19 gennaio alle 9.30, presso la Sala Convegni delle Cantine Ferrari a Ravina di Trento, l’Assemblea generale dei rappresentanti delle 134 scuole associate alla Federazione provinciale Scuole materne di Trento che, quest’anno, è dedicata al tema “Qualificare l’investimento per l’Infanzia. 70 anni da capitalizzare”.

Interverranno il presidente della Provincia, Maurizio Fugatti, l’assessore provinciale all’istruzione, università e cultura Mirko Bisesti, il dirigente generale del Dipartimento istruzione e cultura, Roberto Ceccato, e l’assessore del Comune di Trento con delega per le materie della partecipazione, innovazione, formazione e progetti europei, Chiara Maule.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Trento

Comitato provinciale di coordinamento: rinviata a lunedì la discussione su Medicina

Pubblicato

-

Per consentire il completamento e la definizione degli accordi di collaborazione, slitta alla prossima settimana l’approvazione del corso di laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia.

Intanto, nella riunione di ieri in Rettorato, via libera ai corsi di laurea magistrale in Studi globali e locali, Agri-food Innovation Management e Artificial Intelligence Systems che possono ora procedere nell’iter di accreditamento ministeriale.

Riunione ieri in Rettorato per il Comitato provinciale di coordinamento, l’ente preposto a esprimersi sulla proposta di istituzione e attivazione di corsi di studio sul territorio.

Pubblicità
Pubblicità

Oggetto della riunione di ieri il via libera a quattro proposte di corsi di laurea avanzate dall’Ateneo trentino per l’attivazione dal prossimo anno accademico 2020/21.

Alla riunione, presieduta dal rettore dell’Università di Trento Paolo Collini, hanno partecipato l’assessore all’istruzione, università e cultura, Mirko Bisesti, delegato per la riunione dal presidente Maurizio Fugatti e il rappresentante degli studenti di UniTrento, Edoardo Meneghini.

Alla riunione è intervenuta anche la prorettrice alla didattica dell’Ateneo trentino, Paola Iamiceli, che in apertura di incontro ha illustrato le varie proposte dal punto di vista tecnico.

Il Comitato ha espresso parere favorevole al progetto di istituzione e attivazione di tre corsi di laurea magistrale: in Studi globali e locali (LM-62), proposto dal Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale; in Agri-food Innovation Management (LM-69), proposto dal Centro Agricoltura Alimenti Ambiente – C3A, in collaborazione con CIBIO e altri dipartimenti dell’Ateneo; in Artificial Intelligence Systems (LM-32), proposto dal Dipartimento di Ingegneria e Scienza dell’Informazione in collaborazione con altre strutture (Ingegneria Industriale, CIMeC, Facoltà di Giurisprudenza e Fondazione Bruno Kessler).

Pubblicità
Pubblicità

Durante la riunione, il rettore ha precisato che sono ancora in corso gli incontri per la definizione della partnership per la realizzazione del corso di laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia. Pertanto il Comitato ha deliberato di rinviare la formulazione di un parere su Medicina, riconvocando la seduta per il pomeriggio di lunedì.

Un rinvio che consentirà il completamento e la definizione di tutti gli accordi di collaborazione per la progettazione e gestione del corso di studi.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza