Connect with us
Pubblicità

Riflessioni fra Cronaca e Storia

Ecco perché saranno i popolari a ricostruire la nuova Europa

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

L’anno in cui viviamo, il 2019, è ricco di anniversari.

In particolare occorre ricordare che sono passati 100 anni esatti da due avvenimenti fondamentali per la nostra Italia: la nascita del Partito popolare di don Luigi Sturzo e Alcide De Gasperi e quella dei Fasci italiani di combattimento di Benito Mussolini.

Nello stesso anno, dunque, nascevano due realtà politiche del tutto antitetiche.

Pubblicità
Pubblicità

Il partito popolare era infatti di ispirazione cattolica, avverso alle ideologie politiche dominanti basate su alcune idee di Hegel.

Infatti se il filosofo tedesco aveva esalto lo Stato, mettendolo al di sopra di tutto, i popolari volevano invece sottolineare l’importanza dell’individuo, della famiglia e delle società intermedie, anteriori allo Stato stesso.

Per il medesimo motivo temevano Stati eccessivamente accentratori, negatori delle particolarità locali e propensi ad avventure belliche, nazionaliste ed imperialiste.

Pubblicità
Pubblicità

Questa visione poneva i popolari in opposizione sia al nascente fascismo, considerato una forma di statolatria (adorazione dello Stato) pagana, sia al socialismo e al comunismo: don Sturzo e De Gasperi biasimavano, in entrambi, il culto della violenza, l’ateismo, i caratteri ideologici e poco realistici, la vocazione a cancellare la libertà in nome dell’ideologia…

Nel 1902, su La voce cattolica, De Gasperi invitava i giovani trentini ad essere patrioti, buoni italiani, ma non nazionalisti; li invitava altresì a non dimenticare le loro radici cattoliche, preferendo Dante, san Tommaso, Raffaello, Michelangelo, Manzoni, a D’Annunzio, Zola, Marx e Nietzsche, e in generale alla contemporanea filosofia tedesca.

Solo 6 anni più tardi, nel 1908, con l’arrivo a Trento di Benito Mussolini al servizio del partito socialista e di Cesare Battisti, De Gasperi ebbe modo di ripetere le sue convinzioni nei numerosi scontri, soprattutto attraverso i giornali, con il futuro duce, ammiratore di Machiavelli e dei già citati Marx e Nietzsche.

Allo scoppio della I guerra mondiale la differenza tra popolari e fascisti divenne ancora più evidente: i primi erano schierati per la neutralità e ritenevano il conflitto un’ “inutile strage“, secondo l’espressione del papa Benedetto XV, mentre Mussolini passò dalla neutralità assoluta, in pochi mesi, all’elogio incondizionato della “guerra rivoluzionaria” che avrebbe messo finalmente a tacere il “militarismo tedesco“.

Paradossalmente Mussolini, imbevuto di filosofia tedesca, vedeva nella Germania, con cui si sarebbe poi alleato, con ben poca coerenza, nella seconda guerra mondiale, il pericolo maggiore per l’Europa!

Finita la guerra, nel 1919, Mussolini continuò a predicare la sua visione del mondo. Scriveva ad esempio: “Noi che detestiamo dal profondo tutti i cristianesimi, da quello di Gesù a quello di Marx, guardiamo con simpatia straordinaria a questo riprendere della vita moderna, nelle forme pagane del culto della forza e dell’audacia“.

Lo scontro con i popolari, stretti tra i socialisti e i fascisti, fu inevitabile.

Infatti, sebbene la storiografia di sinistra abbia spesso privilegiato il racconto delle incursioni fasciste contro le sedi del PSI, furono i popolari il vero avversario di Mussolini, che aveva ben capito le loro potenzialità.

Nato da pochi mesi, infatti, il Partito popolare, alle elezioni del 1919 ottenne il 20,53 % ! Per questo Mussolini decise da una parte di corteggiare la Chiesa, con un atteggiamento ambiguo e machiavellico, pronto ad ogni inganno, dall’altra fece organizzare pestaggi, minacce e in qualche caso anche omicidi di popolari e di sacerdoti che vedevano nel fascismo un pericolo analogo a quello socialista 

Possiamo passare così, con un balzo, dal 1919 al 1929, anno del Concordato (o Conciliazione) tra il regime e la Chiesa.

Fino a questa data l’ex socialista Mussolini ha trovato nel Vaticano uno dei suoi principali avversari, ed egli stesso, come si è già detto, ha fatto la guerra soprattutto ai popolari di don Sturzo e De Gasperi.

Nel 1929 però la Chiesa si vide tendere la mano da Mussolini, dopo avergli fatto opposizione.

Pio XI un po’ lo temeva, un po’ ritenne giusto essere realisti (il regime era già affermato, sembrava orientato alla pace, e l’alleanza con Hitler non era neppure pensabile), un po’ credette che il duce desiderasse davvero un armistizio: invece Mussolini voleva fare bingo. Lo avrebbe detto chiaramente in più occasioni.

Ad esempio nel 1934 il duce dichiarò che la Conciliazione era stata per lui un’operazione politica volta a “spuntare politicamente le armi in mano agli avversari”. Pio XI, pur in ritardo, lo aveva già capito: infatti aveva scritto, nel 1931, ben due documenti ufficiali, Non abbiamo bisogno e poi Dell’educazione cristiana della gioventù, in cui attaccava frontalmente la statolatria fascista.

Per concludere si può notare un fatto poco considerato, su cui mi soffermo nell’intervista citata in precedenza: benchè Mussolini sia spesso presentato come l’antitesi del socialismo, questa lettura è superficiale e forse, strumentale, perchè dimentica, tra le altre cose, che egli è stato per anni un leader della sinistra che ha dato forza al PSI, facendo crescere il prestigio e i lettori del quotidiano socialista l’Avanti, e che anche in epoca fascista egli non ha mai rinnegato del tutto il socialismo (ciò gli ha procurato l’appoggio di alcuni vecchi leader del partito e del sindacato, “convertiti” al fascismo dalle leggi sul lavoro, sulle pensione, le assicurazioni… insomma dal welfare mussoliniano. Tra questi “convertiti” anche Nicola Bombacci, fondatore del PCI!).

Tornando ai fatti, dopo il 1945 gli italiani – in maggioranza contrari sia al comunismo sia al fascismo (che infatti non andò al potere con i voti, ma con la marcia su Roma, pur avendo solo una manciata di deputati) – si affideranno ai popolari di De Gasperi, Adenauer e Schuman: gli italiani, i tedeschi e i francesi vedranno in loro i più coerenti avversari delle ideologie che avevano devastato l’Europa con due guerre mondiali.

Saranno i popolari a ricostruire l’Europa – nonostante la demonizzazione che i partiti di sinistra e i media, spesso al soldo dell’ “oro di Mosca”, faranno delle Democrazie cristiane europee – fondando l’Europa unita, attraverso cui volevano costruire la pace e la libertà dall’Unione Sovietica.

Quei padri, oggi, non sarebbero affatto contenti di vedere un’ Unione che avrebbe dovuto essere federativa, e che invece appare molto simile ad un super Stato centralista, opaco, lontano, e non solo geograficamente, dal popolo (vedi: http://www.libertaepersona.org/wordpress/2019/05/la-critica-di-pera-e-benedetto-allunione-europea-odierna/).

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Val di Non – Sole – Paganella18 minuti fa

Tragedia sulla Presenella, muore 55enne di Contà

Trento5 ore fa

Malamovida, notte da incubo. I residenti: «Adesso basta! Non ne possiamo più»

Arte e Cultura5 ore fa

Orchidarium: da ieri al Muse la mostra delle Orchidee tropicali

Valsugana e Primiero5 ore fa

Passeggiate alla scoperta della storia di Levico Terme e Castel Selva, ogni giovedì pomeriggio da maggio a settembre

Val di Non – Sole – Paganella5 ore fa

Molte occasioni per riflettere grazie al corso di sensibilizzazione al “Ben-Essere” nella comunità organizzato a Tuenno

Italia ed estero5 ore fa

Medicina, dal 2023 stop al test di ingresso unico. Messa: “Il percorso inizierà dal liceo”

Alto Garda e Ledro6 ore fa

Parcheggio e percorso pedonale a Tiarno di Sopra. 235 mila euro per 44 nuovi posti auto

Piana Rotaliana6 ore fa

Conferenza in Austria tra le scuole agrarie del Tirolo, Alto Adige e Trentino e visita in FEM della scuola di Weinsberg

Trento16 ore fa

Tragedia sul Lago di Caldonazzo, muore Liviana Ierta Melchiori di Bieno

Rovereto e Vallagarina17 ore fa

Scontro tra moto e auto, due feriti tra cui una ragazzina 12 enne

Trento17 ore fa

Il Questore Francini: «Vasco live, un grande evento sicuro»

Trento17 ore fa

Aggrediscono con pugni e calci e rapinano un ragazzo, arrestati due nigeriani in piazza Dante

Trento18 ore fa

Vasco Live: solo 15 interventi sanitari, tutto è andato per il meglio

Trento18 ore fa

Coronavirus: 158 contagi nelle ultime 24 ore. Morta una donna non ancora 40 enne

Val di Non – Sole – Paganella20 ore fa

L’enorme “grazie” di Flavio e Silvia ai Vigili del Fuoco, alla comunità, a chiunque abbia teso loro la mano

Trento2 settimane fa

Mauro Ottobre perde anche in appello con La Voce del Trentino. Dovrà pagare altri 22 mila euro

Politica4 settimane fa

Nella prossima seduta consiliare in discussione 6 ddl, compreso quello sulla terza preferenza

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Orso a spasso tra i meleti di Mechel – IL VIDEO

Trento4 settimane fa

Coronavirus: contagi contenuti e nessun decesso nelle ultime 24 ore

Trento1 settimana fa

Coronavirus: un decesso e 326 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento2 settimane fa

Coronavirus: contagi e ricoveri in calo nelle ultime 24 ore

Trento4 settimane fa

Concerto Vasco Rossi: ecco la viabilità alternativa per minimizzare i disagi

Telescopio Universitario4 settimane fa

Ricerca, l’Europa premia ancora l’Università di Trento

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 426 contagi nelle ultime 24 ore. In salita i ricoveri

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 66 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Politica3 settimane fa

Anche una delegazione Trentina alla conferenza di Fratelli d’Italia, Meloni: «E’ arrivato il nostro tempo»

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 156 contagi e nuovo balzo in avanti dei ricoveri nelle ultime 24 ore

Trento3 settimane fa

Vasco diffonde la prime foto del grande palco del Concerto di Trento. Saranno 11 i musicisti impegnati nel live

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

In fiamme un camioncino nel parcheggio del Rovercenter – IL VIDEO

Trento3 settimane fa

Concerto di Vasco Rossi: tutto quello che è meglio sapere il 20 maggio

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza