Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Reddito di cittadinanza a spacciatori, contrabbandieri, usurai e titolari di negozi. Un flop annunciato e nessun posto di lavoro

Pubblicato

-

Come molti avevano previsto il reddito di cittadinanza si è rilevato un vero e proprio flop per la casse dello Stato.

Il caso più eclatante che prendiamo come esempio è quello della Lombardia dove lo Stato ha bruciato 482 milioni e non ha creato nessun posto di lavoro.

Il caso della Lombardia può essere ripreso in qualsiasi altra regione italiana e replicato. Alla fine i conti non tornano comunque.

Pubblicità
Pubblicità

Ma oltre che un flop il provvedimento di chiaro stampo assistenzialista è diventato anche una presa in giro.

Al di la del fatto che il reddito di cittadinanza funziona male come sussidio e non funziona affatto come misura per il lavoro non è gestito nella maniera giusta e lascia spazio ai furbetti che sguazzano nelle maglie poco chiare di una legge che si sta rivelando solo un’ulteriore spreco di denaro pubblico a fronte del festival del nulla. 

Per alcuni cinque stelle è una riforma epocale,  ma per ora, c’è solo un fallimento su tutta la linea, che emerge anche nella parte più dinamica ed efficiente del Paese.

Pubblicità
Pubblicità

Un fallimento annunciato a dire il vero, visto che erano stati proprio i «grillini» a spiegare che la misura avrebbe avuto un senso solo con una riforma complessiva dei centri per l’impiego. Una vera riforma non si è vista, eppure il reddito di cittadinanza è partito lo stesso, guarda caso a ridosso delle Europee (e peraltro non è servito neanche a sostenere il risultato elettorale grillino).

Ma andiamo a vedere i numeri reali della Lombardia: su 1,5 milioni di nuclei familiari che in Italia hanno presentato richiesta di reddito o pensione di cittadinanza, sono 982 mila le domande accolte, 126 mila in lavorazione e 415 mila respinte o cancellate.

Pubblicità
Pubblicità

Il reddito di cittadinanza viene erogato dal 1° aprile e ad oggi sono stati distribuiti oltre 482 milioni di euro a fronte di zero posti di lavoro trovati in tutta la Lombadia

Questa è l’amara e triste realtà. Il reddito di cittadinanza si sta rivelando come un sussidio puro e semplice, senza alcun vero meccanismo per far lavorare chi attualmente non ha una occupazione (o ne ha una in nero, in moltissimi casi, come sta scoprendo la Guardia di finanza)». Non solo: Dopo 7 mesi su 982 mila percettori del benefit statale, solo poco più di 49 mila hanno infatti attivato un patto per il lavoro, ossia l’impegno ad accettare proposta di lavoro congrua.

Abbiamo parlato dei controlli della guardia di finanza. Qui le indagini hanno fatto emergere casi clamorosi anche di persone titolari di negozi che percepivano il reddito di cittadinanza.

Sul Mattino di Napoli il giornalista Dario Sautto in un’attenta inchiesta cita alcuni casi incredibili.

Per esempio è stato scoperto a Siracusa uno spacciatore, con Porsche di proprietà, che percepiva il reddito di cittadinanza. Le fiamme gialle lo hanno arrestato anche per spaccio perchè deteneva di 120 grammi di cocaina a fini di spaccio, nascosta a casa in doppi fondi ricavati nelle lattine di bevande e di un piccolo estintore.

A bordo di una Porsche Macan di sua proprietà, l’uomo era stato fermato per un controllo: aveva con sè 600 euro. Nel corso della perquisizione nella sua abitazione sono stati trovati altri mille euro in contanti. Egli risulta destinatario di reddito di cittadinanza.

Non è la prima volta che a percepire il reddito di cittadinanza è anche qualche ‘furbetto’ o qualcuno arrestato per attività illegali e reati: poco tempo fa il caso di cinque contrabbandieri scoperti in Campania, oggi quello dello spacciatore a bordo di un’auto di lusso. Diversa polemica, ma ha fatto comunque clamore il caso dell’ex br Federica Saraceni: anche lei riceveva il reddito di cittadinanza.

Alla fine il reddito di cittadinanza viene erogato anche a spacciatori, contrabbandieri e addirittura usurai, ma per il Fisco sono così poveri da meritarsi i sussidi economici.

L’ultimo caso arriva da Boscoreale, nel Napoletano. Venerdì sera, durante alcuni controlli antidroga, i carabinieri della stazione hanno seguito Francesco Colantuono, 58 anni, incensurato e ufficialmente disoccupato.

Il sospetto era che avesse avviato un giro di spaccio di droga in centro. Una successiva perquisizione dell’auto di Colantuono ha fatto scoprire oltre un chilo e mezzo di stupefacenti nascosti con sistemi quasi infallibili.

Nel frattempo era scattato un ulteriore controllo, che ha permesso ai carabinieri di scoprire che Colantuono, disoccupato, aveva come unica entrata ufficiale il reddito di cittadinanza, per una cifra di circa 560 euro al mese, che andava ad integrare la disoccupazione. Ora l’assegno sarà sospeso.

Casi simili erano venuti fuori pochi giorni fa tra il Napoletano e il Salernitano, nel corso di un’operazione che ha sgominato una holding specializzata nel contrabbando di sigarette. Tra i dodici arrestati, in cinque percepivano il reddito di cittadinanza.

Tutti arrestati per contrabbando di sigarette, si erano garantiti il sussidio tra i 200 e i 500 euro di integrazioni al reddito da dipendenti o pensionati perché quasi nullatenenti, disoccupati, pensionati minimi o con un lavoro precario.

Quattro casi simili negli ultimi mesi sono stati registrati anche ad Avellino e provincia, dove pusher ed estorsori incassavano contemporaneamente il reddito di cittadinanza e gli introiti illegali.

Ma l’episodio forse più eclatante arriva dal Vallo di Diano ed è stato scoperto dai carabinieri della compagnia di Sala Consilina.

Il 40enne Nicola D’Amato, incensurato e sulla carta nullatenente, per il Fisco italiano era una persona povera, indigente, tanto da meritare il reddito di cittadinanza pieno. D’Amato ogni mese incassava 700 euro di sussidio, ma nel frattempo un’occupazione (illegale) ce l’aveva: era l’usuraio del paese. Uno strozzino anche molto esigente, che fissava tassi insopportabili alle proprie vittime.

Un imprenditore, trovatosi alle strette, ha denunciato di essersi rivolto al 40enne per ottenere un prestito di mille euro, con gli interessi maturati in tre mesi che erano a dir poco terrificanti: 300%. L’intervento dei carabinieri è avvenuto mentre la vittima consegnava una tranche del debito, circa 200 euro, per provare ad alleggerire la sua posizione: così sono scattate le manette per D’Amato.

Ma i casi si moltiplicano, come per esempio i due titolari di negozi di biciclette in Sicilia scoperti da «Striscia la notizia» che affittavano a turisti le biciclette (a nero naturalmente) e che percepivano dai 500 ai 700 euro di reddito di cittadinanza.

Significativi anche i due casi scoperti nel potentino dove un operaio aveva tutti i requisiti previsti dalla legge ma, nel maggio scorso, aveva ottenuto un lavoro da dipendente. I finanzieri hanno scoperto che lavorava in una multiproprietà, «in nero» perché privo di contratto.

Approfondendo la posizione dell’operaio, è emerso che a maggio aveva percepito uno stipendio di 1.220 euro e aveva già avuto «due accrediti per reddito di cittadinanza pari a 614,52 euro relativamente ai mesi di maggio e giugno».

Nel secondo caso, il beneficiario – secondo l’accusa – ha «’dimenticatò di segnalare l’avvio all’attività lavorativa di un componente del proprio nucleo familiare».

Ma i casi che stanno emergendo in tutta la penisola sono ormai migliaia. E come sempre succede ad essere penalizzati sono quelli che lavorano veramente, magari 16 ore al giorno, e che pagano le tasse, e che ora il governo «Tasse&manette» rincorre e mette in galera. Insomma come sempre paga Pantalone, perché l’Italia è sempre la nazione dei più furbi e non degli onesti.

La mentalità italiana, specie quella di alcune regioni, non è ancora pronta per provvedimenti del genere, per questo i soldi per il reddito di cittadinanza dovevano essere pilotati verso le aziende in grado di creare veri posti di lavoro e non virtuali come sono ora quelli del reddito di cittadinanza.

Ad essere aiutata dovrebbe essere la parte sana del paese, non i poltronari e i delinquenti che tali rimarranno per tutta la vita con o senza sussidio.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Dai semi di mela un olio “green” per uso alimentare e cosmetico
    Da assaggiare cruda nell’insalata o cotta nella torta, fino alle bevande con succhi, centrifugati e la versione alcolica, il sidro: le mele sono in assoluto uno dei frutti più versatili nonché sani da utilizzare in cucina. Nonostante la mela sia un frutto quasi completamente commestibile, il residuo di una lavorazione ad uso industriale è il […]
  • Lago Nero e Cornisello: luoghi mozzafiato incastonati tra le Dolomiti di Brenta
    Tra le spettacolari Dolomiti di Brenta è possibile trovare dei paesaggi davvero mozzafiato. Alcuni di questi è possibile immortalarli in Val Nambrone, una diramazione della Valle di Campiglio, che porta alle cime del gruppo della Presanella. Questa zona è famosa soprattutto per i suoi laghi alpini tra cui il Lago Nero ed i laghi di […]
  • Vestiti digitali: l’abito che compri, indossi ma non esiste
    Dietro al glamour e allo scintillio dei vestiti nuovi, appena usciti dai negozi, il mondo della moda si ritrova in una fase epocale di cambiamento trainata dalla trasformazione dei comportamenti di acquisto dei prodotti, dalle diverse esigenze dei consumatori e soprattutto dalla forte rivoluzione digitale. In ambito fashion infatti, i cambiamenti più significativi riguardano la […]
  • Gelato alla frutta o gelato alle creme? Questo è il dilemma
    Che estate sarebbe senza gelato? Colorato, fresco, gustoso e perfetto per una merenda golosa o per una serata davanti al ventilatore, il gelato è un must della bella stagione. I gusti ormai sono infiniti, si va dal dolce al salato, dal classico gelato al gelato fritto… insomma, ce n’è per tutti i palati! Ma è […]
  • Da aerei e droni, “bombe di semi” contro la deforestazione in Thailandia
    La fame di risorse naturali che portano alla riconversione di zone naturali in coltivazioni e zone urbane è un fenomeno storico, noto fin dalle origini antiche ma mai così sviluppato come nelle proporzioni attuali. La deforestazione infatti, è considerata uno dei più grandi mali della società moderna che, oltre ad aggravare una vasta gamma di […]
  • Isole Borromee: le tre incredibili ‘perle’ del lago Maggiore
    Incastonato tra i rilievi collinari e montuosi delle terre svizzere e quelle italiane, nelle regioni di Lombardia e Piemonte si aprono le meravigliose acque del Lago Maggiore, rese spettacolari dai tratti di costa punteggiata di castelli, ville monumentali e circondate dai rigogliosi e coloratissimi giardini. Dal favoloso clima, alle bellezze architettoniche, alla ricca eredità archeologica, […]
  • Eco Bonus 110% esteso anche alle seconde case
    Nonostante il tanto desiderato Super Eco Bonus del 110 %, il pacchetto di incentivi fiscali relativi alle detrazioni per le riqualificazioni energetiche e misure antisismiche sia entrato ufficialmente in vigore dal mese di luglio 2020, si pensa già ad un allargamento della platea per la super detrazione. È stata presentata infatti, una riformulazione di un […]
  • Ghiaccioli fatti in casa: mille gusti di golosità!
    Quando arriva l’estate nei nostri congelatori non mancano mai alcune scatole di ghiaccioli. Golosi, gustosi, colorati e adatti a tutti i gusti: i ghiaccioli possono essere l’ingrediente perfetto per una merenda tra amici, fresca e rigorosamente instagrammabile. Ma è davvero così complicato prepararli? Gli ingredienti per preparare i ghiaccioli sono davvero semplici e pochi: i […]
  • Garda See Charter: tra l’arte del navigare e un’avventura sportiva
    Venti che soffiano costanti e regolari, onde perfette e mai eccessivamente abbondanti, acqua celeste e leggermente illuminata dai caldi raggi del sole che rendono il clima mite tutto l’anno: queste sono solo alcune delle condizioni ideali per un’esperienza in barca a vela sulle acque del Lago di Garda. Quello del Lago di Garda, tra il […]

Categorie

di tendenza