Connect with us
Pubblicità

Arte e Cultura

«Non dirmi che non sei felice»: il nuovo successo e 40 anni di passione della filodrammatica di Ischia di Pergine

Pubblicato

-

Per la filodrammatica di Ischia di Pergine Circolo Culturale arriva una nuova consacrazione dopo quasi 41 anni di instancabile lavoro eseguito con passione e competenza.

L’ultimo lavoro della filodrammatica «Non dirmi che non sei felice» è stato infatti ammesso alla fase finale del concorso “Palcoscenico Trentino – Premio Mario Roat” che sarà in scena al Teatro San Marco a Trento sabato 16 novembre ad ore 20.45.

«Non dirmi che non sei felice» è una commedia divertente, intelligente e raffinata con momenti esilaranti non privi di una comica suspence che attraverso una scrittura essenziale e un meccanismo teatrale gira alla perfezione e coinvolge il pubblico senza momenti di pausa.

Pubblicità
Pubblicità

La trama parla del classico triangolo lui, lei, l’altro in un meccanismo infallibile. Tra uomini deboli e annoiati, Anna, diventa il punto di riferimento. Diretta, chiara, spregiudicata, Anna è la donna che vince, decide, manovra, e sconvolge i suoi uomini ambigui, sperduti, confusi. Trasforma quel triangolo in un cerchio perfetto al quale i suoi uomini non possono sfuggire.

Chi sceglierà Anna? La convivenza sembra essere l’unica soluzione possibile ma il finale cambia…

Pur avendo festeggiato il suo 40° anno dalla fondazione l’anno scorso in realtà la filodrammatica di Ischia di Pergine nasce ben prima, cioè nel 1921, per iniziativa di don Giuseppe Groff, curato del paese. Oltre al primo presidente Angelo Roat, va ricordato in particolare Luigi Roat, per decenni l’anima e il trascinatore insuperabile del gruppo.

Negli anni Settanta si è manifestato un periodo di stasi, culminato con la chiusura del teatro ricavato nell’edificio della scuola materna, e la sua ricostruzione nei locali della ex scuola elementare. Con l’inaugurazione di questa nuova struttura, avvenuta nel 1978, la filodrammatica è in pratica risorta con la denominazione di “Circolo Culturale Filodrammatico”, dedicandosi sia a lavori in lingua italiana che in dialetto, cercando di coinvolgere soprattutto i giovani, in modo da garantirsi la continuità.

Pubblicità
Pubblicità

Molti gli spettacoli allestiti. Ne ricordiamo alcuni, quelli proposti nell’ultimo decennio: “En sac de confusion” vincitore a Palcoscenico Trentino-premio Mario Roat, “Fior de cactus”, “Il colpo della strega”, “Centocinquanta la gallina canta”, “Parenti serpenti” e gli spettacoli con il “Gruppo Giovani della filodrammatica”: “Il vestito nuovo dell’imperatore”, “La luce azzurra della felicità”, “Gobbo il re, storta la regina”

Deve essere ricordata la prima frase riportata sullo statuto di allora: “Oggi, primo aprile 1921, si è costituito in Ischia un circolo che si denomina: Circolo Filodrammatico d’Ischia. Scopo del circolo è anzitutto di mantenere nei soci la vera fratellanza e concordia, di sviluppare in essi forti e schietti caratteri sociali, di iniziarli all’attività professionale e di promuovere loro onesti divertimenti”.

Valori di un’identità culturale che ora forse si sono persi per strada a fronte delle esigenze degli incassi di botteghino e alle poche risorse economiche erogate dalle istituzioni e dalle realtà private.

Ma la Filodrammatica nel corso degli anni segue i cambiamenti sociali e negli anni ’70 dopo un periodo di stallo rinasce

Verso la fine degli anni Settanta la realizzazione del nuovo teatro fece ritrovare energie e risorse per restituire al paese la filodrammatica. Nel 1978 iniziarono infatti i lavori di ristrutturazione della nuova sede, ospitata al primo piano della canonica, realizzata con il contributo del Comune per la fornitura dei materiali e la manodopera di moltissimi volontari.

Il teatro di un’ottantina di posti venne completato nella primavera nel 1979. Nel 1978 il Circolo Culturale Filodrammatico di Ischia venne ricostituito

Quattro testi in dieci anni: riguardando la voracità con cui venivano allestite le commedie nel passato sembrano quasi pochi. Negli anni Cinquanta e Sessanta, quattro erano gli allestimenti che gli attori della filo di Ischia buttavano sul palco in pochi mesi.

Buttavano, per l’appunto: perché allora il teatro era prima di tutto svago e divertimento fine a se stesso e il pubblico costituiva solo un momento di condivisione collettiva di questo star bene.

Poco importava la cura e il lavoro di cesello che invece oggi costituisce la norma, perché nel frattempo è cambiato il pubblico ed è cambiato l’attore. Il primo è cresciuto e ora si muove per andare a teatro solo se trova la qualità e se riceve emozioni da chi sta sul palco.

Diversamente trova molto più piacere guardando i primi pixel del televisore. L’attore, invece, nella recitazione non cerca più lo svago, ma un ambizioso ed irripetibile momento di soddisfazione personale e di gruppo.

A poco a poco con il passare degli anni gli strumenti a disposizione delle filodrammatiche sono cresciuti, i metodi di preparazione degli attori si sono evoluti, l’inventiva e le capacità dei registi hanno fatto passi da gigante. Un ambiente in continua mutazione che non può essere ignorato da chi vuole stare al passo coi tempi e che non è stato assolutamente ignorato dalla Filodrammatica di Ischia.

Nel corso degli anni il sodalizio ha cercato di cogliere tutte le nuove occasioni, senza strafare e senza uscire dal seminato. L’umiltà di tutti i protagonisti ha consentito di costruire una realtà davvero invidiabile, rappresentata da giovani di grande capacità e prospettive, da persone meno giovani ma di impareggiabile esperienza, condita dai caratteri che oggi sono imprescindibili, come la cura della preparazione, i dettagli della recitazione, l’innovazione nelle scenografie e negli allestimenti,  l’esplorazione di nuovi testi e di inediti percorsi. La Filodrammatica di Ischia è proprio questo. E tutto questo non ha un nome solo, ma una lunga lista: la garanzia di futuro e di crescita costante.

«Abbiamo solo raggiunto una tappa, non attraversato un traguardo, l’obiettivo non è raggiunto. La cultura teatrale, che oggi ci unisce, come ogni esperienza umana è in continua evoluzione. E allora, sull’esempio di chi ci ha preceduto, dobbiamo assumere comportamenti, prendere decisioni, attuare iniziative al passo con i tempi in cui viviamo»spiegano gli attori della filodrammatica

E ancora: «Siamo convinti che il credere nel valore educativo e culturale del teatro faciliterà il percorso che ci attende. Un percorso che richiede sempre più impegno e sacrificio, ma che sarà più scorrevole, sereno e ricco di soddisfazioni, se sapremmo considerare i valori dell’amicizia, del rispetto reciproco, della collaborazione e dell’affetto del nostro pubblico».

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Dalla città al bosco: Gli incredibili benefici di vivere con la natura
    Nelle città le persone vivono in condizioni artificiali, più o meno distanti da tutto ciò che sarebbe ideale per loro, circondati da un paesaggio interamente costruito caratterizzato da luci, folla e rumore, in cui tutto richiede scelte, decisioni e velocità. Nonostante la vita urbana comporti in sé anche numerosi vantaggi, sempre più persone tendono ad […]
  • Scuole chiuse e Coronavirus: Carabinieri consegnano i libri a casa
    Da qualche settimana sono in atto i severi controlli lungo le strade e nei centri città di tutta Italia da parte delle forze dell’ordine per il rispetto delle prescrizioni imposte dal Governo per il contenimento della diffusione del Covid – 19. In particolare, i Carabinieri della Provincia di Sondrio, oltre a sorvegliare gli automobilisti e […]
  • Plasma dei pazienti guariti per guarire dal Coronavirus: la prima sperimentazione a Pavia
    Ogni giorno da settimane ormai, la Protezione Civile oltre a citare i nuovi casi positivi da Coronavirus, comunica anche il numero ultimamente sempre più crescente delle persone guarite dal Covid- 19. Avendo la consapevolezza che il vaccino è ancora lontano e in fase di sperimentazione, fino ad ora le cure adottate negli ospedali italiani, si […]
  • Coronavirus: gli italiani si aiutano con la “spesa sospesa”
    Le giornate difficili che l’Italia sta percorrendo, vengono straordinariamente vissute e affrontate con spirito di comunità da tutto il Paese, sia attraverso donazioni di privati ed aziende per alleggerire il carico economico della sanità, sia attraverso particolari iniziative solidali per aiutare le famiglie che si trovano in maggiore difficoltà. La nuova frontiera della solidarietà fonda le […]
  • Da Valentino ad Armani: la moda italiana unita contro il Coronavirus
    In un momento in cui tutte le attività commerciali ed economiche del Paese risultano paralizzate, sono molte le iniziative solidali per fronteggiare la difficile situazione causata dall’epidemia sanitaria. Da Valentino a Gucci fino ad Armani: ora, anche i grandi nomi del mondo della moda, uniti da obbiettivi comuni, hanno deciso di reagire mobilitandosi per lavorare […]
  • Ricette di Pasqua: golosità per grandi e piccini
    Per non passare le giornate nella noia, lavorando o cercando di far passare il tempo ai bambini, sul web sono presenti moltissime ricette adatte a chiunque abbia voglia di passare un pomeriggio in cucina, divertendosi e magari senza dimenticare di mostrare un pizzico di spirito pasquale! ARANCINI PROSCIUTTO E MOZZARELLA Con il fritto sta bene […]
  • Torino: l’evento è annullato, ma la primavera regala i 100 mila protagonisti
    Da nord a sud l‘effetto del Coronavirus in Italia e, quindi, delle misure restrittive adottate dal Governo per contenere la pandemia, mostrano intere città, strade, paesi e stazioni completamente deserte, costringendo a casa milioni di persone e lasciando la primavera l’unica ad essere libera di proseguire indisturbata il suo naturale percorso. Come molte attività commerciali, […]
  • Ricette di Pasqua semplici e veloci, da fare in compagnia!
    Pasqua si avvicina e, molto probabilmente, in questo 2020 non ci saranno grandi ritrovi tra amici e parenti. Tuttavia, questo non è un valido motivo per impigrirsi e non cucinare niente di particolare. Soprattutto in queste giornate, per chi ha dei figli piccoli la vita non è proprio semplice: come far passare, quindi, il tempo […]
  • Coronavirus e stampanti 3D: Mercedes Benz pronta alla produzione di dispositivi medici
    Un periodo così instabile ed incerto come quello del recente allarme sanitario da Covid- 19, costringe ad una stretta coalizione internazionale che riesca a coinvolgere ed unire il maggior numero di forze e di aiuti possibili per riuscire contenere l’emergenza. Per questo, la nota casa automobilistica tedesca Mercedes Benz scende da protagonista in campo, mettendo […]

Categorie

di tendenza