Connect with us
Pubblicità

Trento

La giunta stanzia 1,2 milioni di euro per sostenere gli studi universitari delle famiglie

Pubblicato

-

Torna la misura di sostegno provinciale alle famiglie i cui figli si iscrivono all’università, basata sul risparmio che le famiglie stesse hanno accumulato negli anni di frequenza della scuola superiore dei figli, in proporzione all’Isee e alla condizione abitativa dello studente (in sede o fuori sede).

Il nuovo bando, relativo all’anno accademico 2019/20, è stato approvato venerdì dalla Giunta provinciale, su proposta dell’assessore Mirko Bisesti.

Lo stanziamento provinciale è di 1.200.000 euro.

PubblicitàPubblicità

Il sostegno provinciale per la frequentazione di studi universitari o di alta formazione professionale, basato su un meccanismo che incentiva il risparmio delle famiglie degli studenti, è destinato a chi risiede in Trentino da almeno 3 anni, non beneficia di altre borse di studio ed è in possesso dei requisiti economici previsti in delibera (Isee maggiore di 23.000 euro e inferiore o uguale a 32.000).

Il contributo è determinato sulla base di quanto accumulato dalle famiglie negli anni di frequenza della scuola secondaria di secondo grado dei figli. Il risparmio familiare è compreso fra un minimo e un massimo. Ad esempio: per gli studenti diplomatisi nell’anno scolastico 2018/19, può essere compreso fra un totale minimo di 1.800 euro e un massimo di 6.000 euro  (a variare è l’importo annuo accumulato a seconda del fatto che il periodo di accumulo sia stato di 3 anni o 2).

Le domande vanno presentate online dall’11 novembre al 19 dicembre prossimi sul sito www.provincia.tn.it/investiamosudiloro.

A questo indirizzo è disponibile anche tutta la modulistica necessaria.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Fugatti: Medicina a Trento, una sfida che l’Autonomia può vincere. Dalzocchio: «Vittoria di tutti i trentini»

Pubblicato

-

È arrivato il via libera nella giornata d ieri da parte del Comitato provinciale di coordinamento al progetto di un corso di studi Medicina e Chirurgia a Trento.

Si tratta di un risultato importante per il quale la Provincia autonoma di Trento, per voce del suo assessore all’Università Mirko Bisesti, e l’Università di Trento, con il rettore Paolo Collini esprimono forte apprezzamento, dopo settimane di confronto serrato, intenso ma sempre leale, tenuto conto dell’importanza della posta in gioco.

Resta ferma la volontà di attivare un progetto comune che preveda una effettiva e rilevante cooperazione accademica che possa ricomprendere gli atenei di Trento, Verona e Padova.

Pubblicità
Pubblicità

Tenuto conto delle modalità e dei tempi di accreditamento del nuovo corso di Medicina – che per l’anno accademico 2020/21 può essere ottenuta dal corso interateneo UniTrento/UniVerona approvato dai rispettivi organi di Ateneo – le tre università e la Provincia autonoma di Trento hanno concordato di attivare sin d’ora un tavolo di lavoro per definire ruoli, modalità e tempi per il coinvolgimento di UniPadova nel rispetto delle reciproche competenze, a partire dall’anno accademico successivo (2021-2022).

Grazie al coinvolgimento degli atenei di Padova e di Verona che si sono resi disponibili, è stato peraltro confermato il comune obiettivo di anticipare la presenza – su base volontaria – degli studenti e delle studentesse trentini/e frequentanti tali università nella fase finale dei corsi di studi presso le strutture della APSS di Trento già a partire dal prossimo anno accademico, ampliando quanto già previsto dalla convenzione dell’Università di Verona per la medicina generale.

“E’ una sfida importante per le tre università coinvolte, quelle di Trento, di Verona e di Padova, chiamate a collaborare, nel rispetto delle rispettive autonomie, per la creazione di un corso di Medicina e Chirurgia a Trento. Ma è anche una sfida per l’Autonomia del Trentino, che ha di fronte un obiettivo nuovo e ambizioso. Siamo convinti che ancora una volta la nostra terra sarà all’altezza dell’obiettivo che si è posta“: così il presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti, nel commentare la concreta disponibilità espressa dalle tre università al progetto che le vedrà -in tempi diversi- coinvolte, con l’obiettivo di dare al territorio le risposte che si attende sul piano della formazione di nuovo personale medico-sanitario.

“E’ un passaggio importante – sottolinea Fugatti – che mette il Trentino nella condizione di aggiornare e rafforzare la propria competitività in un settore dell’alta formazione che non aveva mai esplorato prima, con possibili ricadute positive anche sui territori vicini, a partire dalla provincia di Bolzano. Al tempo stesso si tratta di una sfida che dobbiamo affrontare, per dare risposte concrete ad un territorio di montagna come il nostro, che presenta delle peculiarità anche sul piano dell’assistenza sanitaria e ospedaliera, un elemento centrale per la qualità della vita delle popolazioni residenti, e anche per i tanti turisti e visitatori. Apprezziamo l’atteggiamento manifestato dagli atenei coinvolti, che hanno raccolto la nostra proposta, ed in particolare la disponibilità al dialogo manifestata dai tre rettori. Il Trentino dell’Autonomia saprà dimostrare ancora una volta di essere all’altezza della  scommessa”.

Pubblicità
Pubblicità

Parla invece di «Vittoria non della Lega ma di tutti i Trentini» la capogruppo della Lega in consiglio provinciale Mara Dalzocchio che si ritiene molto soddisfatta per come si sta concludendo la vicenda riguardante la scuola di medicina.

«Quello firmato ieri in rettorato è un accordo storico non solo per la città di Trento – riporta una nota di Mara Dalzocchio –  ma anche per tutto il Trentino. Si tratta di una collaborazione a tre tra le università di Trento, Padova e Verona: una mediazione, dunque, tra il progetto presentato dalla Giunta e quello proposto da UniTn. È il frutto di un duro lavoro svolto dal Presidente Fugatti e dall’Assessore all’Università Mirko Bisesti, che sono riusciti a gettare le basi su un progetto in tempi rapidi e ciò dimostra ancora una volta come questa Giunta punti a rilanciare il territorio, migliorando e ottimizzando le sue eccellenze con celerità. Un grazie ovviamente va detto anche al rettore Collini e a tutta l’Università di Trento. Con l’accordo di oggi viene altresì smentito quel clima di angoscia sociale che qualcuno aveva descritto fino a pochi giorni fa. Quella della Scuola di Medicina comunque non deve essere vista come una vittoria solo della Lega, ma dei trentini che sicuramente beneficeranno di una simile struttura che avrà come obiettivo quello di migliorare sempre di più il nostro Ateneo e non solo».

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Trento: uomo con problemi psichici «sequestra» l’assistente sociale

Pubblicato

-

Momenti di tensione ieri mattina a Trento Nord in uno degli appartamenti di Palazzo Onda.

Un uomo affetto da problemi psichici dopo aver accolto l’assistente sociale  l’ha di fatto sequestrata impedendole di uscire dall’appartamento.

Dopo la chiamata al 112 sono accorsi sul posto i carabinieri, i vigili del fuoco e gli agenti della polizia locale.

Pubblicità
Pubblicità

Il soggetto che è monitorato costantemente dai servizi sociali non è mai stato pericoloso per se e per gli altri.

Temendo però per l’incolumità dell’assistente sociale e preoccupati per le possibili armi in possesso dell’uomo i soccorsi hanno tentato un blitz salendo con le scale fino al suo appartamento.

Alla fine la situazione è stata risolta ed è tornata alla normalità.

L’uomo è stato trasferito in ospedale e sottoposto a trattamento sanitario obbligatorio.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Contrasto alla cimice asiatica: il Piano è in fase avanzata di attuazione

Pubblicato

-

“La Cimice asiatica è un parassita particolarmente dannoso per varie colture agrarie, in particolare quelle frutticole, pur essendo innocuo per uomo e animali – spiega l’assessore provinciale all’agricoltura, foreste, caccia e pesca, Giulia Zanotelli – proprio per questo lo scorso autunno abbiamo messo in campo uno specifico Piano di azione per il contrasto alla cimice asiatica che fornisce precise e puntuali indicazioni agli operatori agricoli e stabilisce misure coordinate”.

Alla tempestiva approvazione del Piano, elaborato dalla Provincia in collaborazione con la Fondazione Edmund Mach nell’ambito del processo partecipativo che ha coinvolto tutti gli attori del “Tavolo Verde”, stanno facendo seguito le diverse misure attuative.

Fra le altre cose, è in distribuzione il materiale divulgativo per far conoscere la cimice, i danni che arreca alle colture agricole, i disagi che provoca nei confronti della popolazione e per fornire le indicazioni utili per segnarla e limitarne gli impatti. “Il Piano – prosegue l’assessore Zanotelli – prevede appunto fra le azioni anche l’informazione e la sensibilizzazione della popolazione, perché questo insetto, essendo sensibile al freddo, durante l’inverno tende a trasferirsi in luoghi riparati, anche all’interno delle abitazioni, dove può causare notevoli disagi a causa del cattivo odore che emana. Il volantino che abbiamo predisposto insieme alla Fondazione Edmund Mach spiega come impedire l’accesso delle cimici alle case e fornisce indicazioni sulle corrette modalità per la sua cattura e distruzione. A breve – conclude l’assessore all’agricoltura – convocheremo il Tavolo di coordinamento previsto dal Piano, che coinvolge tutti i principali attori del settore agricolo provinciale per fare il punto sulla situazione e condividere i prossimi passi. Tutto ciò nella convinzione della necessità di fare sistema per affrontare in modo integrato questa emergenza che, come si sta già verificando in altre regioni, rischia di mettere a repentaglio interi comparti del settore agricolo”

Pubblicità
Pubblicità

Caratteristiche – Originaria della Cina e segnalata per la prima volta in Trentino nel 2016 in un frutteto vicino all’autostrada a nord di Trento, la cimice asiatica (Halymorpha halys) è un insetto che arreca notevoli danni alle colture agrarie, in particolare alle piante da frutto. Considerata la sua notevole capacità di moltiplicazione (le nostre stesse case ne sono sempre più “invase”), anche a causa della mancanza di insetti antagonisti, già dal 2018 sono stati rilevati i primi danni su melo, mentre il 2019 può essere definito come anno di vera emergenza.

Il Piano di azione – Il Piano d’azione provinciale approvato dalla Provincia per contrastane le diffusione, prevede una serie di misure per la lotta diretta all’insetto quali il monitoraggio, la difesa chimica, le reti anti-insetto, le pratiche agronomiche e il controllo biologico. La soluzione a medio-lungo termine è rappresentata dal controllo biologico attraverso l’azione di altri insetti presenti in natura per favorire e anticipare il raggiungimento di un equilibrio naturale. Nello specifico, è previsto l’allevamento e la distribuzione di parassitoidi alloctoni, quali Trissolcus japonicus Trissolcus mitsukurii. Grazie al lavoro di monitoraggio condotto dai ricercatori della Fondazione Edmund Mach, è stato possibile rilevare per la prima volta la presenza sul territorio trentino delle due specie esotiche Trissolcus japonicus e Trissolcus mitsukurii. T. japonicus e T. mitsukurii, che rappresentano i due principali agenti di biocontrollo della cimice in Asia, e sono ora in corso tutte le attività per giungere in tempi celeri ai primi rilasci.

Misure di sostegno – Il Piano prevede una serie di misure a sostegno del reddito delle aziende agricole danneggiate e degli organismi associativi, ai quali si affiancheranno gli interventi che saranno messi in campo nel 2020 dalle Organizzazioni dei produttori e da Co.Di.Pr.A. attraverso il Fondo di solidarietà per danni da fitopatie, nonché attività di supporto tecnico agli agricoltori ed una campagna informativa e di comunicazione diretta a soggetti istituzionali, cittadini e agricoltori.
Per limitare i danni sia della Drosophila Suzukii, che ha già causato rilevanti danni a carico delle imprese agricole, sia della cimice asiatica, in attuazione del Piano, la Giunta ha già attivato un bando che consenta alle imprese agricole di coprire parte dei costi sostenuti per l’acquisto di reti. Dal 10 dicembre al 20 febbraio 2020 gli agricoltori non associati ad organizzazioni di produttori potranno presentare domanda per ottenere dalla Provincia un contributo per l’acquisto e la posa di reti di protezione e le Organizzazione di produttori hanno previsto un intervento analogo nei rispettivi programmi operativi con risorse a totale carico del bilancio della Comunità europea.

Materiale informativo Sul fronte dell’informazione e della sensibilizzazione da parte delle strutture tecniche della Provincia e della Fondazione Edmund Mach è stato predisposto materiale divulgativo, destinato sia alle aziende agricole, sia alla popolazione, per fornire indicazioni tecniche coerenti con il Piano e informazioni di base rispetto allea presenza di questo insetto e alle sue interferenze con le attività dell’uomo.

Pubblicità
Pubblicità

Conosciamole meglio

  • le cimici asiatiche si nutrono di piante, non causano danni diretti all’uomo e agli animali;
  • se rimangono all’aperto difficilmente sopravvivono alle basse temperature invernali quindi in autunno si concentrano in gran numero in punti riparati, anche nelle abitazioni, dove passano l’inverno in una sorta di letargo;
  • come tutte le cimici, se disturbate, emettono odore sgradevole.

Impedire l’ingresso nelle case:

  • utilizzare reti antinsetto o zanzariere per ostruire i punti di possibile entrata quali finestre (anche dei sottotetti), prese d’aria, comignoli, ecc.
  • sigillare crepe e fessure e tutti gli accessi che consentono il passaggio delle cimici.

Come eliminarle:

  • utilizzare strumenti di pulizia che emettono vapore per stanare le cimici annidate nelle fessure;
  • utilizzare l’aspirapolvere per raccogliere le cimici che si trovano in posti più accessibili.
  • le cimici raccolte non vanno liberate all’esterno per evitare che si riparino in altri edifici e che la primavera successiva ritornino a danneggiare le piante; il miglior modo per eliminarle è immergere il contenitore in cui sono state raccolte in una bacinella d’acqua saponata per qualche minuto, il sapone impedisce loro di galleggiare causandone il rapido annegamento.

Le cimici morte vanno poi smaltite con i rifiuti organici.
L’uso di insetticidi per uso domestico è sconsigliato poiché tali prodotti sono poco efficaci e necessitano di ripetute applicazioni. Il loro uso è assolutamente da evitare negli ambienti ad uso abitativo in quanto possono essere pericolosi per le persone.

App BugMap – Si può segnalare la presenza della cimice asiatica tramite l’App BugMap, realizzata dalla Fondazione Edmund Mach. L’App può essere scaricata gratuitamente da App Store e Google Play Store.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza