Connect with us
Pubblicità

Sport Trentino

Il Lavis ritorna nei bassifondi della classifica. Il Brixen vince in trasferta 3-2

Pubblicato

-

Dopo la sconfitta di oggi il Lavis vede pericolosamente riavvicinarsi la zona retrocessione. Il Mori, ultimo in classifica, dista solamente due lunghezze.

Complice il prolungato infortunio di Raffaelli, Bandera conferma nuovamente Loyola in mediana in coppia con Caldato.

Il Brixen parte subito forte e aggressivo. Gli altoatesini controllano fin da subito il pallino del gioco e nonostante la pioggia copiosa il gioco scorre veloce e di prima.

Pubblicità
Pubblicità

Dopo cinque minuti un lancio millimetrico del centrale difensivo Angerer coglie Miuli sul secondo palo che però spreca tutto calciando fuori.

Complici parecchie imprecisioni della squadra di casa finora in campo c’è solo il Brixen. Al decimo un contropiede velocissimo manda l’altoatesino Tessaro a tu per tu con il portiere. Sull’uscita tempestiva di Nervo il pallonetto finisce lontano dalla porta.

È ancora Brixen. Al ventesimo Vinatzer si libera dal limite dell’area e fa partire un siluro sul quale Nervo è bravo a rispondere in corner. Passa solo un minuto e su un altro contropiede fulmineo del Brixen, i lavisani, lenti nel chiudere, vengono superati dalla velocità tripla degli avversari.

Questa volta la palla del vantaggio capita sui piedi di Debertol. Il giovanissimo centrocampista classe 2002 conclude a rete. Complice una deviazione la palla termina in porta.

Pubblicità
Pubblicità

Gli altoatesini iniziano un pressing alto e asfissiante lasciando ai rossoblù pochissime idee. Per vedere qualcosa di concreto bisogna aspettare la mezz’ora. Amico si libera sulla destra e crossa in mezzo. Prima Della Valle e poi Canali tentano la conclusione, ma in entrambi i casi la difesa fa muro e protegge il vantaggio.

Piove anche sul bagnato: alla mezz’ora si fa male Loyola che è costretto a lasciare il posto a Tomaselli. Il giovane terzino classe ’00 come con il Bozner si reinventa centrale di centrocampo.

A dieci minuti dal termine l’attaccante ospite Vinatzer mette il turbo e dopo aver seminato i difensori come birilli ha la freddezza di spiazzare Nervo sul palo lontano. 2-0.

La squadra di casa si butta in avanti alla disperata. Canali si libera sulla sinistra del terzino Huber e calcia la palla in mezzo. In area di rigore è pronto ad intervenire Della Valle che resistendo alla forte marcatura di Prossliner riesce a insaccare. 2-1.

Gli altoatesini giocano un calcio veloce, propositivo e allo stesso tempo aggressivo. Sulla perdita del pallone, il recupero è feroce. Il Lavis cerca di chiudere le linee di passaggio e di proporsi timidamente in avanti, ma i contropiedi avversari rimangono letali.

Dall’inizio della ripresa la squadra altoatesina vuole chiudere i conti. Priller prova il tiro da lontanissimo che pare essere indirizzato all’incrocio dei pali. Nervo però non si fa sorprendere e manda in angolo.

È solo un lampo perché da qui in poi il Brixen accusa un pericoloso calo. Al ventesimo da un calcio d’angolo di Gorla, Sebastiani stacca più in alto di tutti ma la palla colpisce la traversa.

Bandera rende la squadra ancora più offensiva lanciando Donati al posto di Coppi. È proprio l’esperto attaccante rossoblù che imbeccato sulla sinistra da Giovannini punta la porta e batte il portiere avversario con un preciso diagonale. 2-2

Quando tutto sembrava perduto, il Lavis rischia addirittura si portarsi sul 3 a 2. Da un altro calcio d’angolo di Gorla la difesa si perde Canali che tutto solo stacca di testa. Siller salva i suoi.

Proprio quando la squadra di casa inizia a crederci Nervo getta tutto alle ortiche. Il suo rinvio sbilenco finisce sui piedi del solito Vinatzer che non perdona. La conclusione si insacca in rete e il Brixen torna a casa con tre punti.

Il gioco degli ospiti a tremila all’ora è poi costato caro nel secondo tempo. Il prevedibile calo fisico ha rischiato di annullare tutto ciò che di buono è stato costruito nel primo tempo. Sono riusciti poi in maniera assai fortunosa a chiudere la partita in vittoria.

Il Lavis dal canto suo ha giocato una partita nel pieno delle proprie potenzialità. Ha cercato di contenere gli avversari e con cinismo nel secondo tempo ha rischiato di ribaltare la gara.

US LAVIS ASD: Nervo, Sebastiani (42°st Santuari), Giovannini, Caldato, Gretter, Coppi (16°st Donati), Gorla (30°st Savoi), Loyola (33°pt Tomaselli), Canali, Dalla Valle, Amico. All. Bandera
SSV BRIXEN: Siller, Huber, Angerer, Prossliner, Kerschbaumer, Blasbichler (27°pt Priller), Debertol, Miuli, Reci (30°st T.Costalunga), Tessaro (36°st Consalvo), Vinatzer (44°st Munerati). All: Rella
Arbitro: Sabri (Rovereto); Giovannini/El Hadi (Rovereto)
Reti: 20°pt Debertol (B), 35°pt e 37°st Vinatzer (B), 41°pt Dalla Valle (L), 27°st Donati (L).
Ammoniti: Sebastiani, Giovannini, Gretter, Coppi e Tomaselli (L); Siller e Reci (B)

Pubblicità
Pubblicità

Sport Trentino

Aaron Craft: «A Gdynia partita da dentro o fuori, ci faremo trovare pronti»

Pubblicato

-

Il playmaker americano e coach Nicola Brienza presentano il decisivo Round 9 di 7DAYS EuroCup che porta i bianconeri in Polonia, ospiti dell’Asseco Arka Gdynia: palla a due mercoledì sera alle 20.00, diretta Eurosport Player anche in Club House.

AARON CRAFT (Playmaker DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): «Mi sento bene, sia dal punto di vista fisico che mentale mi sento ristabilito e pronto a tornare sul campo e giocare al massimo: nei dieci minuti al PalaDozza mi sono sentito bene, ovviamente la partita non è andata come avremmo voluto ma per me è stato bello ritornare in campo e in questi giorni spero di fare altri passi in avanti per essere di nuovo al massimo della condizione. Sono contento di esserci per questa partita decisiva contro Gdynia perché per noi è davvero un match da dentro o fuori che dovremo vivere con la massima concentrazione e la massima voglia di vincere: non stiamo facendo grandi partite e non abbiamo mostrato la giusta consistenza e continuità in questa prima parte della stagione, ma abbiamo nelle mani il nostro destino e non vogliamo farci scivolare via l’occasione di andare al prossimo turno di 7DAYS EuroCup. Sono convinto che saremo pronti. Il prossimo passo? Non è facile trovare delle cose buone nella nostra prestazione di Bologna, dobbiamo ripartire dalle cose facili, dalle basi, e giocare di squadra in attacco e in difesa, assieme».

NICOLA BRIENZA (Allenatore DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): «Per noi quella con l’Arka Gdynia è una partita importante, fondamentale per il nostro cammino in 7DAYS EuroCup: dovremo interpretarla con la massima attenzione, mettendo in campo una prestazione di alto livello e di cura dei dettagli sui due lati del campo. I polacchi hanno un’ottima organizzazione difensiva e in attacco giocano al loro ritmo, mettendo in condizione i loro leader tecnici Szubarga e Bostic di avere impatto e di prendersi tante responsabilità. Sarà importante riuscire, per quanto possibile, a non adattarci ai loro ritmi ma a giocare la nostra pallacanestro con carattere, qualità e voglia di riscatto».

PubblicitàPubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Sport Trentino

Braccio di Ferro: gli atleti trentini vincono 5 medaglie a Gardone Riviera

Pubblicato

-

Ottimo bottino per gli atleti della società di Braccio di Ferro Armwrestling  di Trento che nella coppa Italia – gara internazionale con 190 atleti iscritti svoltasi a Riviera Gardone il 7 dicembre 2019  – vincono ben 3 medaglie d’oro e 2 di bronzo.

Il team Trentino era composto dal fondatore della società Livio Tomasi, da Mattia vezzola ragazzo di 15 anni con una predisposizione eccezionale a questo tipo di sport che ha ottenuto due medaglie d’oro nella categoria juniores 18 anni open e da Fabrizio Marocchi di Riva del Garda.  Mattia Vezzola ha vinto la categoria esordienti 100 kg braccio destro mentre la squadra ha ottenuto la medaglia di bronzo nella categoria gran master open  braccio sinistro. La squadra chiude il 2019 con un bilancio molto positivo dove ha partecipato a 7 competizioni vincendo 5 medaglie d’oro, 20 medaglie d’argento, e 8 medaglie di bronzo più due coppe vinte a gennaio 2019 alla competizione a squadre.

PubblicitàPubblicità

rpt

 

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Sport Trentino

Basket serie D: Rovereto batte Pergine nell’unica partita giocata

Pubblicato

-

E’ il posticipo il protagonista assoluto dell’ottava giornata del campionato di serie D di basket.

Nel fine settimana si è infatti giocata solo una partita: Junior Basket Rovereto – Basket Pergine che è finita con la vittoria dei padroni di casa allenati da coach Fumagalli.

Un successo che proietta lo Junior Basket ad un temporaneo quarto posto condiviso col Gs Riva.

PubblicitàPubblicità

L’ottava giornata andrà a completarsi tra venerdì e lunedì prossimi, mentre la nona giornata la si giocherà tra il 20 ed 22 dicembre per due turni ravvicinati che potrebbero cambiare di molto la classifica.

Lo Junior Basket Rovereto ha vinto una partita che lo aveva visto tranquillamente in vantaggio per entrambe le prime frazioni, dopo l’intervallo però è arrivato un inatteso calo di rendimento che ha favorito Pergine.

Pergine che quando può far giocare Xuasa diventa tutta un’altra squadra.

Finale con gli ospiti in rimonta che non riescono a piazzare l’affondo vincente.

Pubblicità
Pubblicità

RISULTATI; Piani Junior Bolzano – Paganella-Lavis 16 dicembre. Junior Basket Rovereto – Basket Pergine 74 – 71. Tecnisan Gs Riva 2018 – Gardolo 15 dicembre. Cus Trento – Europa Bolzano 13 dicembre. Gardascuola Virtus Altogarda – Psg Villafranca 14 dicembre.

CLASSIFICA: Gardolo 12. Cus Trento e Gardascuola Virtus Altogarda 10. Tecnisan Gs Riva e Junior Basket Rovereto 8. Piani Junior Bolzano, Pergine Audace, e Psg Villafranca 6. Paganella-Lavis 4. Europa Bolzano e Basket Pergine 0.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza