Connect with us
Pubblicità

Giudicarie e Rendena

A Pinzolo Matteo Salvini festeggia la Pro loco di Mavignola

Pubblicato

-

C’era anche Matteo Salvini alla festa annuale della Pro Loco di Mavignola che ha approfittato del Ponte dei Santi per concedersi un breve periodo di riposo.

L’ex premier dopo le fatiche ben ripagate delle elezioni in Umbria da giovedì è a Pinzolo, con la figlia, all’hotel Centro Pineta.

Ancora una volta Salvini  ha festeggiato in mezzo alla gente genuina e spontanea come è solito fare ricordando forse anche la polemica sulle pro loco lanciata dall’altra Matteo della sinistra.

Pubblicità
Pubblicità

“Se fai il ministro stai nelle istituzioni, non fai le pagliacciate in piazza, altrimenti vai a fare il presidente della Pro loco”. Così si era rivolto infatti l’onorevole Matteo Renzi all’onorevole Matteo Salvini nel corso del dibattito televisivo “Matteo vs. Matteo” condotto da Bruno Vespa.

Un messaggio che ha creato vasto malumore tra i presidenti e i volontari delle 193 Pro Loco trentine (ma non solo) e delle oltre 6.000 Pro Loco d’Italia.

La Federazione Trentina delle Pro loco e loro Consorzi aveva voluto rilasciare una nota ufficiale a firma del presidente Enrico Faes riguardo alla questione “Matteo Renzi e Pro Loco” con l’intento di riflettere sull’uso che è stato fatto del nome delle Pro Loco in rapporto alla politica, esprimendo la propria analisi suffragata da dati obiettivi.

Alla festa erano presenti anche molte personalità politiche.

Pubblicità
Pubblicità

“Le nostre comunità vivono perché grazie ad esperienze come questa sanno valorizzare energie, inventiva e voglia di stare insieme”. Lo sottolinea il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti oggi presente alla festa annuale della pro loco di Mavignola, frazione del Comune di Pinzolo, un sodalizio particolarmente attivo nella promozione di innumerevoli attività sia sul fronte turistico che del sociale.

Ed erano in tanti oggi, sotto i primi fiocchi di neve al rifugio Patascoss, all’imbocco della 3Tre, a complimentarsi con la presidente della pro loco, Carmen Caola, a cominciare dall’ex vicepremier Matteo Salvini, in questi giorni in Trentino, presente assieme all’assessore provinciale Roberto Failoni.

Tra le altre cariche istituzionali presenti anche il presidente del Consiglio provinciale Walter Kaswalder, l’onorevole Diego Binelli ed il sindaco di Pinzolo Michele Cereghini con la sua giunta.

Presenti anche il presidente dell’Apt Madonna di Campiglio, Tullio Serafini ed il presidente della Cassa rurale Adamello, Fabrizia Caola.

“È la forza del volontariato – ha commentato il presidente Fugatti – a mantenere vitali i nostri paesi di montagna, e a difenderne identità e tradizioni. Dobbiamo tutti impegnarci per non far venir meno questo spirito“.

S. Antonio di Mavignola da questo punto di vista rappresenta un bel simbolo, con i suoi 130 volontari su un totale di circa 350 abitanti.È grazie al loro impegno – ha spiegato la presidente Caola – che si organizzano eventi di richiamo come la Rampagada o Clemp in festa o, ancora, la sagra del santo patrono ogni 17 gennaio. E per il 2020 stiamo studiando altre iniziative, come la desmalgada delle mucche della Val Rendena”

Pubblicità
Pubblicità

Giudicarie e Rendena

Frontale a Comano Terme, 47 enne grave

Pubblicato

-

Sinistro stradale poco dopo le 8.30 di stamane martedì 21 gennaio 2019 a Comano terme, sulla strada che porta in Bleggio.

Due autovetture si sono scontrate poco dopo un tornante.

Uno dei due conducenti dopo aver affrontato la curva ha perso il controllo della vettura invadendo la carreggiata opposta e centrando in pieno frontalmente l’altra auto che stava salendo.

Pubblicità
Pubblicità

Sul posto sono immediati arrivati i soccorsi di Croce Rossa Italiana coordinati da Centrale Unica delle Emergenze 112, la Polizia locale e i vigili del fuoco di Bleggio Inferiore.

Ad avere la peggio una donna di 47 anni, trasportata al Pronto Soccorso di Tione i condizioni definite gravi. Ferito lievemente anche l’altro conducente, un giovane di 24 anni.

Non si esclude un malore da parte della donna.

 

Pubblicità
Pubblicità

 

 

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Giudicarie e Rendena

Tione: sanzionate dieci persone per abbandono dei rifiuti

Pubblicato

-

Lo scorso fine settimana a Tione 10 persone sono state multate dalla Polizia delle Giudicarie per conferimento non corretto nel gettare i rifiuti nei cassonetti.

Continua la lotta da parte degli agenti della locale polizia contro i furbetti dei rifiuti che vengono ripresi dalle telecamere di sorveglianza mentre gettano le immondizie non differenziate nei bidoni della spazzatura.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Giudicarie e Rendena

Scoperto attico abusivo a Madonna di Campiglio

Pubblicato

-

Durante le festività natalizie, nel corso di un servizio congiunto tra la Stazione Carabinieri di Madonna di Campiglio e la Polizia Locale delle Giudicarie (competente sull’ex Comune di Ragoli ora Tre Ville), è stato controllato un cantiere per la sopraelevazione di uno storico albergo nella frazione di Palù di Madonna di Campiglio trasformato recentemente in Residenza Turistico Alberghiera.

Gli operatori, con non poche difficoltà, dopo essere entrati nella struttura, sono riusciti ad accedere ad una mansarda, che ufficialmente doveva essere un sottotetto, scoprendo un attico completamente rifinito e già in uso al proprietario.

In effetti, la società proprietaria della struttura aveva chiesto ed ottenuto dal Comune di Tre Ville una variante in deroga al piano regolatore, che, per questo tipo di strutture, ai sensi della L.P. 7/2002, poteva essere concessa solamente per gli interventi riguardanti le parti ad uso comune dell’esercizio turistico.

Pubblicità
Pubblicità

La società aveva presentato un progetto di ampliamento che prevedeva la realizzazione nel sottotetto di spazi destinati alla clientela sotto forma di sale lettura e biblioteca.

Il sopralluogo da parte dei militari e degli agenti ha permesso dunque di verificare che, quella che doveva essere una sala lettura, era in realtà un lussuoso attico con vista sulle Dolomiti di Brenta.

Oltre alle conseguenze previste per la violazione delle normative in materia di edilizia ed urbanistica, sono al vaglio dell’autorità giudiziaria anche le condotte poste in essere dai gestori tese ad impedire il regolare svolgimento del controllo da parte degli operanti, nonché le posizioni del direttore dei lavori, del responsabile per la sicurezza e delle imprese esecutrici.

Nella generale ottica della sicurezza dei cittadini, tali controlli assumono rilievo anche in considerazione di eventi del recente passato.

Pubblicità
Pubblicità

Lo scorso anno, in una zona limitrofa, si sviluppò un incendio in una struttura alberghiera, in cui venne poi verificato che, alcuni locali per cui era stato concesso un permesso a costruire in deroga per realizzare servizi, erano stati trasformati in spazi alloggiativi.

I controlli dei Carabinieri, fatti in collaborazione con la Polizia Locale, sono finalizzati dunque a intervenire anche su tali forme di illegalità, che vanno a danneggiare gli albergatori onesti, oltre che i turisti che affollano, soprattutto in questo periodo, le località turistiche delle dolomiti.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza