Connect with us
Pubblicità

Giudicarie e Rendena

A Pinzolo Matteo Salvini festeggia la Pro loco di Mavignola

Pubblicato

-

C’era anche Matteo Salvini alla festa annuale della Pro Loco di Mavignola che ha approfittato del Ponte dei Santi per concedersi un breve periodo di riposo.

L’ex premier dopo le fatiche ben ripagate delle elezioni in Umbria da giovedì è a Pinzolo, con la figlia, all’hotel Centro Pineta.

Ancora una volta Salvini  ha festeggiato in mezzo alla gente genuina e spontanea come è solito fare ricordando forse anche la polemica sulle pro loco lanciata dall’altra Matteo della sinistra.

Pubblicità
Pubblicità

“Se fai il ministro stai nelle istituzioni, non fai le pagliacciate in piazza, altrimenti vai a fare il presidente della Pro loco”. Così si era rivolto infatti l’onorevole Matteo Renzi all’onorevole Matteo Salvini nel corso del dibattito televisivo “Matteo vs. Matteo” condotto da Bruno Vespa.

Un messaggio che ha creato vasto malumore tra i presidenti e i volontari delle 193 Pro Loco trentine (ma non solo) e delle oltre 6.000 Pro Loco d’Italia.

La Federazione Trentina delle Pro loco e loro Consorzi aveva voluto rilasciare una nota ufficiale a firma del presidente Enrico Faes riguardo alla questione “Matteo Renzi e Pro Loco” con l’intento di riflettere sull’uso che è stato fatto del nome delle Pro Loco in rapporto alla politica, esprimendo la propria analisi suffragata da dati obiettivi.

Alla festa erano presenti anche molte personalità politiche.

Pubblicità
Pubblicità

“Le nostre comunità vivono perché grazie ad esperienze come questa sanno valorizzare energie, inventiva e voglia di stare insieme”. Lo sottolinea il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti oggi presente alla festa annuale della pro loco di Mavignola, frazione del Comune di Pinzolo, un sodalizio particolarmente attivo nella promozione di innumerevoli attività sia sul fronte turistico che del sociale.

Ed erano in tanti oggi, sotto i primi fiocchi di neve al rifugio Patascoss, all’imbocco della 3Tre, a complimentarsi con la presidente della pro loco, Carmen Caola, a cominciare dall’ex vicepremier Matteo Salvini, in questi giorni in Trentino, presente assieme all’assessore provinciale Roberto Failoni.

Tra le altre cariche istituzionali presenti anche il presidente del Consiglio provinciale Walter Kaswalder, l’onorevole Diego Binelli ed il sindaco di Pinzolo Michele Cereghini con la sua giunta.

Presenti anche il presidente dell’Apt Madonna di Campiglio, Tullio Serafini ed il presidente della Cassa rurale Adamello, Fabrizia Caola.

“È la forza del volontariato – ha commentato il presidente Fugatti – a mantenere vitali i nostri paesi di montagna, e a difenderne identità e tradizioni. Dobbiamo tutti impegnarci per non far venir meno questo spirito“.

S. Antonio di Mavignola da questo punto di vista rappresenta un bel simbolo, con i suoi 130 volontari su un totale di circa 350 abitanti.È grazie al loro impegno – ha spiegato la presidente Caola – che si organizzano eventi di richiamo come la Rampagada o Clemp in festa o, ancora, la sagra del santo patrono ogni 17 gennaio. E per il 2020 stiamo studiando altre iniziative, come la desmalgada delle mucche della Val Rendena”

Pubblicità
Pubblicità

Giudicarie e Rendena

Il network UNESCO del Trentino: sinergie e buone pratiche per essere protagonisti sulla scena internazionale

Pubblicato

-

In Trentino sotto l’egida UNESCO non ci sono solo le Dolomiti Patrimonio Mondiale ma anche i Siti preistorici palafitticoli dell’arco alpino di Ledro e Fiavè, il bene immateriale Muretti a secco (cioè la capacità di costruire manufatti in pietra, comune a 8 Paesi europei, che in Trentino fa riferimento all’Accademia della Montagna-Tsm), la Riserva di Biosfera (MAB) “Alpi Ledrensi e Judicaria” e l’Adamello Brenta Geopark.

Ora tutti questi preziosi beni comuni si potranno trovare, a breve, anche su uno stesso sito online “Patrimoni dell’Umanità in Trentino”. Stamane a Stenico, al Castello, il vicepresidente Mario Tonina e i referenti dei vari Patrimoni hanno partecipato al convegno “Il network UNESCO del Trentino: sinergie e buone pratiche per essere protagonisti sulla scena internazionale”

“Il sito ‘Patrimoni dell’Umanità in Trentino’ – ha detto nel suo intervento il vicepresidente Mario Tonina – è nato dalla necessità di permettere uno sguardo di insieme sui valori UNESCO nel nostro territorio. Per valorizzare maggiormente i numerosi riconoscimenti si è pensato di dedicare una ‘pagina’ all’interno del sito istituzionale della Provincia autonoma di Trento. Il sito vuole essere un’occasione per raccogliere e presentare da un unico punto di accesso i patrimoni del Trentino, riconosciuti come Beni UNESCO, ma vuole essere un luogo vivo, dove queste informazioni e contenuti sono proposti affinchè i beni comuni UNESCO possano essere ancor più vissuti”.

Pubblicità
Pubblicità

Il convegno è stato organizzato in occasione dell’allestimento della mostra #Proudtoshare e, nello specifico, della rassegna “My Biosphere, my future” allestita dalla Riserva di Biosfera UNESCO Alpi Ledrensi e Judicaria per promuovere i valori del territorio riconosciuti nell’ambito del Programma UNESCO ‘Man and Biosphere’.

Obiettivo del convegno è il dialogo e il confronto fra i vari enti responsabili della gestione dei siti UNESCO del Trentino per ragionare su future sinergie e collaborazioni.

Il vicepresidente Tonina in apertura aveva puntato l’attenzione anche su “La grande fortuna di avere in Trentino, nel proprio spazio di vita, un bene che l’Organizzazione Mondiale UNESCO riconosce di valore tale da essere particolarmente protetto ed entrare a fare parte del Patrimonio dell’Umanità. Ciò è un enorme privilegio ed una grande responsabilità“.

Il sindaco di Stenico, Monica Mattevi, intervenendo in apertura ha sottolineato come “la tutela e la salvaguardia dell’ambiente naturale che ci circonda occupano sempre più uno spazio crescente nella sensibilità collettiva.

Pubblicità
Pubblicità

La propensione dei turisti nei confronti di destinazioni giudicate sostenibili, e la ricerca di mete dove la qualità dell’ambiente si unisce alla presenza di offerte autentiche ed esperienziali, sono indicate come uno dei mega-trend della domanda turistica su cui puntare.

Infatti, ci stiamo allontanando sempre di più, dalla prospettiva del turismo di massa, per dare valore a proposte che sappiano integrare la presenza di servizi di qualità con la capacità di preservare le risorse naturali, paesaggistiche e sociali che identificano un territorio”.

Si sono poi succeduti gli interventi di Adriano Conci, direttore dell’ufficio tecnico del Castello del Buonconsiglio Monumenti e Collezioni Provinciali, Gianfranco Perderzolli, presidente del Bim del Sarca, che è stato nominato ente incaricato di attuare, tramite il proprio staff, le azioni decise dal tavolo di indirizzo del MAB UNESCO e di Roberto Bombarda primo ideatore del progetto di Biosfera e assessore della Comunità delle Giudicarie.

I relatori che hanno portato la loro esperienza e le loro riflessioni sono stati: Micaela Deriu, coordinatrice del MAB Unesco Alpi Ledrensi e Judicaria; Michele Lanzinger, direttore del MUSE, ente gestore del sito palafitticolo Unesco di Ledro; Franco Marzatico, dirigente Soprintendenza per i beni culturali della Provincia autonoma di Trento, ente gestore del sito palafitticolo UNESCO di Fiavè; Irma Visalli, responsabile del progetto ‘Prodotti e produttori di qualità delle Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO’ della Fondazione Dolomiti UNESCO e Ruben Donati, membro della giunta del Parco Naturale Adamello Brenta Unesco Global Geopark.

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Giudicarie e Rendena

Vola nella scarpata per una ventina di metri, 20 enne miracolata

Pubblicato

-

La sede stradale ghiacciata oppure un momento di disattenzione poteva costare caro al conducente di un’autovettura che è uscita di strada sulla strada provinciale 236. 

L’incidente è avvenuto poco prima di Bocenago dove l’autovettura prima di una curva è andata diritta finendo nella scarpata adiacente alla carreggiata.

Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco di Bocenago, la Polizia locale della Giudicarie mentre da Pinzolo è partita un’ambulanza dell’associazione Volontari Trasporto Infermi Pinzolo Alta Rendena convenzionata con il 118.

Pubblicità
Pubblicità

I primi soccorso sono stati portati ad una 20 enne che è stata estratta dal mezzo in buone condizioni nonostante il volo di una ventina di metri.

La ragazza è stata trasportata all’ospedale di Tione con alcune ammaccature in stato di shock, ma in buone condizioni.

 

 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Giudicarie e Rendena

Venti giovani dell’Upt di Tione alla scoperta della Cooperazione con la Fondazione don Guetti: martedì l’evento conclusivo

Pubblicato

-

Venti giovani dell’UPT – Scuola delle professioni per il terziario di Tione sono stati protagonisti del percorso di avvicinamento alla Cooperazione che la Fondazione don Guetti ha proposto nell’ambito del bando “Generazioni”. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

PubblicitàPubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza