Connect with us
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Ala e il tombino delle fogne della discordia

Pubblicato

-

È una di quelle storie che sembrano di facile soluzione ma che invece rimane ferma per decine di anni senza nessun perché, o meglio per colpa della burocrazia che permette di scaricare le colpe sugli altri senza che alla fine salti mai fuori il responsabile.

Ed in Italia non è l’unica purtroppo.

Il protagonisti di questa storia sono alcuni residenti di via Nuova ad Ala.

PubblicitàPubblicità

La via è ubicata dentro un centro storico decadente dove fino a pochi anni fa vivevano nelle case adiacenti tanti extracomunitari in appartamenti fatiscenti alcuni anche senza abitabilità.

Oggi però gli extracomunitari se ne sono andati e gli appartamenti sono liberi.

In mezzo alla corte interna della struttura esiste un tombino delle acque nere (fogne) che periodicamente si intasa e straripa rilasciando tutto il bel contenuto nel piazzale finendo poi nel tombino classico delle acque grigie (acqua piovana).

Pubblicità
Pubblicità

«Da quando abitiamo qui è successo 4 volte e ce la siamo sempre cavata dando la colpa a questa case direttamente adiacenti perché abitate. Faccio notare che il mio condotto delle acque nere passa circa 5 metri di distanza e quindi è stato accertato più volte che il prodotto uscente non era mio» – racconta il portavoce dei residenti

Pubblicità
Pubblicità

L’estate scorsa il problema si è verificato nuovamente, in piccola entità, con tutti gli appartamenti circostanti completamente vuoti, «ho subito allertato i vigili urbani i quali hanno risposto che non possono intervenire sul suolo privato e neanche verificare di chi fosse lo scarico in questione. Stessa cosa l’ufficio tecnico del Comune di Ala che con mille scusanti se ne sono lavati le mani lasciandoci letteralmente nella m…. in tutti i sensi».

I residenti non si sono dati per vinti e si recano personalmente all’ufficio di Rovereto della Novareti che si occupa della questione e che ha fornito a pagamento un paio di mappe delle fognature del centro storico di Ala nella zona dove è residente.

In dette mappe si vede come le fognature arrivino da uno stabile con 10 appartamenti esterno e confinante con uno degli stabili vuoti che fanno da “perimetro” alla corte, il numero civico 50.

«A questo punto – continuano i residenti – ho avvertito i vigili della scoperta ricevendo la stessa risposta e consigliandomi di contattare personalmente i proprietari. Essendo Agosto ed in procinto di partire per le ferie ho avvertito il corpo municipale che non era compito mio, che partivo per le vacanze e che se continuava così la fogna sarebbe arrivata in strada e che sta inquinando il tombino. Nessuna risposta». Al mio ritorno non esisteva più il problema, non so come mai».

Ma il problema non è per nulla risolto. Circa 3 settimane fa infatti riecco nuovamente lo scarico uscire.

«Innanzitutto ho scritto una lettera a tutti gli inquilini dello stabile al n.50 di via Nuova dove spiegavo gentilmente il problema e il perché mi rivolgevo a loro (mappe fogne) chiedendo di contattarmi. Zero risposte. Allora rieccomi a telefonare ai vigili urbani dicendo della lettera imbucata e delle mappe. Il giorno dopo finalmente si è presentato un vigile chiedendomi di fornirgli copia della lettera, copia delle mappe e anche i dati dello stabile. Le prime due carte le ho consegnate, la terza ho risposto sempre gentilmente di recarsi al piano di sopra del loro bell’ufficio per procurarsele, ovvero il Comune di Ala. Da allora non ho più avuto notizie e il tombino continua a erogare profumi e liquidi che finiscono pian piano sulla strada e nel tombino».

Ormai i residenti non sanno più dove sbattere la testa e non sanno più veramente che fare, «o chiamo io lo spurgo e spendo ogni volta 300 euro o me ne resto con la fogna degli altri nel piazzale dove passano tutti i giorni famiglie con bambini piccoli».

«Questo è il Comune di Ala che vuole rilanciare il centro storico senza dare la possibilità ai residenti di avere un parcheggio a pagamento  riservato (tutti i parcheggi sono a disco orario), senza occuparsi della salute e della sicurezza di coloro i quali credono ancora che abitare in un centro storico come quello di Ala, immensamente bello e prezioso, dovrebbe essere un privilegio e non una sventura» – conclude il gruppo di residenti di via Nuova di Ala

Sotto la lettera scritta ai residenti del civico 50 

 

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità
  • Eco Bonus 110% esteso anche alle seconde case
    Nonostante il tanto desiderato Super Eco Bonus del 110 %, il pacchetto di incentivi fiscali relativi alle detrazioni per le riqualificazioni energetiche e misure antisismiche sia entrato ufficialmente in vigore dal mese di luglio 2020, si pensa già ad un allargamento della platea per la super detrazione. È stata presentata infatti, una riformulazione di un […]
  • Ghiaccioli fatti in casa: mille gusti di golosità!
    Quando arriva l’estate nei nostri congelatori non mancano mai alcune scatole di ghiaccioli. Golosi, gustosi, colorati e adatti a tutti i gusti: i ghiaccioli possono essere l’ingrediente perfetto per una merenda tra amici, fresca e rigorosamente instagrammabile. Ma è davvero così complicato prepararli? Gli ingredienti per preparare i ghiaccioli sono davvero semplici e pochi: i […]
  • Garda See Charter: tra l’arte del navigare e un’avventura sportiva
    Venti che soffiano costanti e regolari, onde perfette e mai eccessivamente abbondanti, acqua celeste e leggermente illuminata dai caldi raggi del sole che rendono il clima mite tutto l’anno: queste sono solo alcune delle condizioni ideali per un’esperienza in barca a vela sulle acque del Lago di Garda. Quello del Lago di Garda, tra il […]
  • “Vivi internet, al meglio”: la piattaforma di Google per aiutare gli adulti a guidare i ragazzi sul web
    Dalla sua nascita l’immenso mondo del web ha concretizzato le necessità in facili possibilità ma con la sua inarrestabile evoluzione sta offrendo, sopratutto al pubblico più giovane, altrettante insidie e minacce. Secondo una ricerca commissionata da Google, nonostante l’85% degli insegnanti italiani intervistati non abbia i mezzi sufficienti per affrontare questo tipo di problematiche, il […]
  • Sacro Bosco di Bomarzo: un luogo tra sogno e realtà
    Non tutti sanno che nel cuore della Tuscia Laziale, in provincia di Viterbo, si trova un bosco dove immaginazione e paure prendono forma: il Sacro Bosco di Bomarzo, noto ai più come Parco dei Mostri di Bomarzo. In letteratura e nell’arte, il bosco è spesso visto come metafora di caos, turbamento, inquietudine, vita, perdita della […]
  • Arredare green: la scelta di vivere sostenibile
    La connessione fondamentale tra essere umano e natura trova forte legame e accordo con un incredibile risultato in molti settori: dall’abbigliamento, alla arte culinaria fino all’arredamento di spazi interni ed esterni. Per gli appassionati di aree verdi e naturali, la nuova tendenza che guarda al futuro del design è uno sguardo verso Madre Natura, composto […]
  • “ Sentiero dei Parchi”: presto anche l’Italia avrà il suo Cammino di Santiago italiano
    Dai Tg flash, ai treni velocissimi ai fast food fino ai pranzi al volo: viviamo in un mondo in cui la velocità è diventata una dote essenziale e molto ricercata, ma esiste un’alternativa che cerca di promuovere il valore della lentezza e della scoperta. Esistono infatti, diversi modi di viaggiare e dopo lo slow food […]
  • “Regalati il Molise”:case vacanze gratis per rilanciare turismo e piccoli borghi
    Nell’anno in cui l’emergenza sanitaria ha rotto tutti gli schemi del classico turismo legato alle grandi mete e alle vacanze tradizionali, una delle regioni più piccole d’Italia ha deciso di riaprire i confini del turismo con una particolare iniziativa aperta al mondo: “ Regalati il Molise perché il Molise è un regalo speciale”. L’annuncio arriva […]
  • Cortina d’Ampezzo plastic- free: da luglio stop a plastica in ristoranti, bar ed eventi
    Preservare la salute del pianeta e del nostro futuro è diventato una delle urgenze più importanti del momento, tanto da impegnare associazioni governative internazionali e Governi di tutto il mondo per trovare una soluzione efficacie alle problematiche ambientali. Dallo sfruttamento delle energie rinnovabili, alla raccolta differenziata, molte sono le soluzioni fino ad ora utilizzate per […]

Categorie