Connect with us
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Ala e il tombino delle fogne della discordia

Pubblicato

-

È una di quelle storie che sembrano di facile soluzione ma che invece rimane ferma per decine di anni senza nessun perché, o meglio per colpa della burocrazia che permette di scaricare le colpe sugli altri senza che alla fine salti mai fuori il responsabile.

Ed in Italia non è l’unica purtroppo.

Il protagonisti di questa storia sono alcuni residenti di via Nuova ad Ala.

Pubblicità
Pubblicità

La via è ubicata dentro un centro storico decadente dove fino a pochi anni fa vivevano nelle case adiacenti tanti extracomunitari in appartamenti fatiscenti alcuni anche senza abitabilità.

Oggi però gli extracomunitari se ne sono andati e gli appartamenti sono liberi.

In mezzo alla corte interna della struttura esiste un tombino delle acque nere (fogne) che periodicamente si intasa e straripa rilasciando tutto il bel contenuto nel piazzale finendo poi nel tombino classico delle acque grigie (acqua piovana).

Pubblicità
Pubblicità

«Da quando abitiamo qui è successo 4 volte e ce la siamo sempre cavata dando la colpa a questa case direttamente adiacenti perché abitate. Faccio notare che il mio condotto delle acque nere passa circa 5 metri di distanza e quindi è stato accertato più volte che il prodotto uscente non era mio» – racconta il portavoce dei residenti

L’estate scorsa il problema si è verificato nuovamente, in piccola entità, con tutti gli appartamenti circostanti completamente vuoti, «ho subito allertato i vigili urbani i quali hanno risposto che non possono intervenire sul suolo privato e neanche verificare di chi fosse lo scarico in questione. Stessa cosa l’ufficio tecnico del Comune di Ala che con mille scusanti se ne sono lavati le mani lasciandoci letteralmente nella m…. in tutti i sensi».

I residenti non si sono dati per vinti e si recano personalmente all’ufficio di Rovereto della Novareti che si occupa della questione e che ha fornito a pagamento un paio di mappe delle fognature del centro storico di Ala nella zona dove è residente.

In dette mappe si vede come le fognature arrivino da uno stabile con 10 appartamenti esterno e confinante con uno degli stabili vuoti che fanno da “perimetro” alla corte, il numero civico 50.

«A questo punto – continuano i residenti – ho avvertito i vigili della scoperta ricevendo la stessa risposta e consigliandomi di contattare personalmente i proprietari. Essendo Agosto ed in procinto di partire per le ferie ho avvertito il corpo municipale che non era compito mio, che partivo per le vacanze e che se continuava così la fogna sarebbe arrivata in strada e che sta inquinando il tombino. Nessuna risposta». Al mio ritorno non esisteva più il problema, non so come mai».

Ma il problema non è per nulla risolto. Circa 3 settimane fa infatti riecco nuovamente lo scarico uscire.

«Innanzitutto ho scritto una lettera a tutti gli inquilini dello stabile al n.50 di via Nuova dove spiegavo gentilmente il problema e il perché mi rivolgevo a loro (mappe fogne) chiedendo di contattarmi. Zero risposte. Allora rieccomi a telefonare ai vigili urbani dicendo della lettera imbucata e delle mappe. Il giorno dopo finalmente si è presentato un vigile chiedendomi di fornirgli copia della lettera, copia delle mappe e anche i dati dello stabile. Le prime due carte le ho consegnate, la terza ho risposto sempre gentilmente di recarsi al piano di sopra del loro bell’ufficio per procurarsele, ovvero il Comune di Ala. Da allora non ho più avuto notizie e il tombino continua a erogare profumi e liquidi che finiscono pian piano sulla strada e nel tombino».

Ormai i residenti non sanno più dove sbattere la testa e non sanno più veramente che fare, «o chiamo io lo spurgo e spendo ogni volta 300 euro o me ne resto con la fogna degli altri nel piazzale dove passano tutti i giorni famiglie con bambini piccoli».

«Questo è il Comune di Ala che vuole rilanciare il centro storico senza dare la possibilità ai residenti di avere un parcheggio a pagamento  riservato (tutti i parcheggi sono a disco orario), senza occuparsi della salute e della sicurezza di coloro i quali credono ancora che abitare in un centro storico come quello di Ala, immensamente bello e prezioso, dovrebbe essere un privilegio e non una sventura» – conclude il gruppo di residenti di via Nuova di Ala

Sotto la lettera scritta ai residenti del civico 50 

 

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste
    Il Governo potrebbe estendere l’esenzione Imu, ampliando la categoria di soggetti che non saranno tenuti a versare la prima rata. Imu 2021, chi rientra nell’esenzione Un nuovo emendamento al Decreto Sostegni Bis potrebbe andare incontro... The post Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste appeared first on Benessere Economico.
  • P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti
    I ritardi, tipici della Pubblica Amministrazione potrebbero presto diventare un lontano ricordo. La notizia è stata raccontata dai dati diffusi dal Ministero dell’Economia e delle Finanze riguardo i tempi medi impiegati durante l’anno 2020 dallo... The post P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti appeared first on […]
  • Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità
    Con le riaperture torna anche il Bonus Sanificazione e DPI anche per il 2021 per una ripartenza in sicurezza. Il Decreto Sostegni bis ripropone l’agevolazione per i titolari di partita Iva, seppur in una percentuale... The post Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità appeared first on Benessere Economico.
  • Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto
    Con l’arrivo delle nuove agevolazioni a fondo perduto per le partite Iva, scattano anche le regole per l’accesso al contributo. Le agevolazioni Le nuove attività ed imprese economiche hanno diritto ad un contributo a fondo... The post Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto appeared first on Benessere Economico.
  • Nasce l’Osservatorio Fiscale Europeo, passo verso una tassazione più equa
    Come noto, nell’Unione Europea alcuni Paesi attuano politiche fiscali aggressive a scapito di altri. Di conseguenza, questa mossa consente loro di attirare molti investitori con una tassazione favorevole. In questo sistema si inserisce l’Osservatorio fiscale... The post Nasce l’Osservatorio Fiscale Europeo, passo verso una tassazione più equa appeared first on Benessere Economico.
  • Accordo storico al G7: tassazione minima al 15% per le multinazionali, quali conseguenze
    Dopo anni di pressione dell’Unione Europea, Whasington cede e apre la possibilità di una tassa digitale globale per le multinazionali del web. Di cosa si tratta e come funziona L’accordo parla di un’imposta minima del... The post Accordo storico al G7: tassazione minima al 15% per le multinazionali, quali conseguenze appeared first on Benessere Economico.
  • Valentino dice addio alle pellicce e corre alla ricerca di nuovi materiali
    Mentre a Parigi sfila l’alta moda,  la maison di Valentino si esibisce virtualmente a Roma a Galleria Colonna. Il contrasto tra sontuosità del luogo ed il minimalismo della collezione è netto e per la prima volta uomo e donna sfilano insieme, una moda che non ha bisogno di definizione. Una sfilata che racconta la celebrazione […]
  • Il futuro del mercato immobiliare passa dalla casa in legno: un’abitazione con molti vantaggi
    Il futuro del mercato immobiliare potrebbe spostarsi dal mattone ad un materiale tanto semplice quanto resistente e sostenibile, come il legno. In particolare, il legno è il materiale per eccellenza alleato della sostenibilità ambientale perché aiuta a raggiungere al meglio l’autosufficienza energetica, permettendo di ridurre gli sprechi. Infatti, grazie alla sua elevata capacità di isolare […]
  • Hotel Chalet Mirabell: lo spirito di Merano!
    Nell’esclusivo Hotel a 5 stelle Chalet Mirabell ad Avelengo vicino Merano è possibile trascorrere le giornate più belle dell’anno tra lusso e naturalezza alpina, ampi spazi aperti e natura incontaminata. “Qualche anno fa la nostra passione ci ha portati a trasformare il nostro residence alpino da 16 camere nell’hotel 5 stelle Mirabell in Alto Adige. Abbiamo […]
  • Tempo di vacanze: conoscete già l’Hotel Alpen Tesitin a Tesido?
    A Monguelfo si trova un eccezionale luogo di benessere e relax, dove ci si dedica ai piaceri della bella vita. Gli spazi inondati di luce e la piacevole sensazione di essere a proprio agio sono frutto dell’arte dell’accoglienza che si respira dal primo momento durante le vacanze in Val Pusteria all’Hotel Alpen Tesitin. La posizione […]

Categorie

di tendenza