Connect with us
Pubblicità

Trento

«Divina» Cultura: ecco perché svendere la cultura è uccidere una città

Pubblicato

-

Qualche tempo fa è capitato di leggere un’intervista di un professore ordinario dell’università di Trieste.

Colpiva per la profondità di pensiero e il linguaggio competente e forbito dell’intellettuale a tutto tondo. Era uno zingaro Rom.

Uscito dalla roulotte, aveva studiato, si era laureato ed aveva vinto il concorso all’università. Perché aveva genitori che anziché mandarlo a rubare avevano capito il potere della cultura nel cambiarti la vita.

Pubblicità
Pubblicità

Per una cittadinanza è lo stesso. Se l’offerta culturale è solida e valida, ma soprattutto attenta alle masse, sarà più difficile essere intaccata dalle devianze sociali.

Per fare questo occorre una cultura che rivesta interessi plurimi; investire solo nella cultura locale, ad esempio, non aiuta chi è ospite di questa città e magari ci fa crescere i figli, i quali potranno sdoganarsi dalla patente di forestiero magari con una formazione trans cittadina e meno tradizionalista.

Perché la Tradizione è una invenzione relativamente recente, il meticciato di razze idee e costumi è sempre stato presente nel nostro territorio come altrove.

Pubblicità
Pubblicità

Bolzano ha una forte componente meridionale, i trentini hanno tanti di quei cognomi tedeschi, anche dopo la nazionalizzazione forzata di Tolomei, da sembrare una contea bavarese.

Il Centro culturale S. Chiara è uno dei motori principali dell’offerta culturale trentina.

Pubblicità
Pubblicità

E la sua presidenza è strategica per la crescita sociale cittadina. Con tutto il bene che possiamo volere a Sergio Divina, ci saremmo aspettati da lui un elegante no grazie alla proposta della sua candidatura alla presidenza.

Non è per la persona, per simpatica o antipatica che sia, ma per il vissuto culturale di questa.

Dirigere il S.Chiara comporta scelte che ricadono inevitabilmente sulla competenza. Se l’idea è quella di scaldare la sedia ottenuta per regalo politico e lasciar fare il lavoro ai funzionari e addetti, magari con qualche consiglio degli amici, allora è meglio lasciar perdere.

Si può fare a meno del presidente, anzi, si lancia una autogestione tramite i quotidiani su quello che cerca e vuole la popolazione, e il S.Chiara andrà avanti benissimo e meglio.

Ma non è così. Dirigere una struttura culturale importante come il S.Chiara comporta prima di tutto passione, attitudine ed un trascorso culturale solido e trasversale, anche solo a fare il comico, o il DJ, perché entrambe queste competenze comportano saper parlare alla gente, capirla, interpretarla e farne da tramite.

Il politico, per ecumenico che sia, è tutt’ora visto spesso come imposto da liste bloccate, lontano dalla gente, che ascolta con attenzione solo in fase di campagna elettorale per poi dimenticarsene. E comunque è attività amministrativa che esula da una passione quasi carnale come quella culturale, dove devi superare persino le tue personali inclinazioni politiche, religiose, sessuali o perbeniste. Perché la cultura è di tutti.

Un ex senatore della Lega come Divina non potrà mai essere identificato come un serio interlocutore della cultura trentina per il semplice fatto che non se ne è mai occupato nemmeno per la sua vera professione di dipendente provinciale, e già di per se la Lega è nata per risolvere questioni più immediate come l’autonomia e la sicurezza, con tutte le intenzioni di collocare la gente giusta al posto giusto in virtù di quella meritocrazia che fa del partito il proprio cavallo di battaglia.

Rinunciare a questo è un pesante autogol locale della Lega. La gente non è stupida, e farà presto a collegare una simile nomina ad una spartizione di quelle careghe che una volta la Lega voleva bruciare in piazza, stufa dell’egemonia democristiana o di una sinistra che altro non era che la peggior DC, dalla quale aveva solo preso il peggio: l’arroganza del potere.

Tornare a queste logiche perverse, regalie istituzionali in virtù di amicizie o compensazioni per mancate nomine elettorali (gli esempi sono molti nelle partecipate della provincia) significa aderire alle stesse motivazioni che hanno portato alla sconfitta dei partiti precedenti, ovvero snaturale la morale intima di un partito di lotta e di raccolta come la Lega, vicino alla gente e ora ancor di più vicino anche alla gente più colta, che ragiona e non si lascia influenzare.

E mai vorremmo che questo errore evitabile fosse l’inizio della fine dell’innocenza, quell’innocenza che vale più del 30% dei consensi.

Quella trasparenza che la lega chiama «cambiamento», si, ma non in peggio però. Per questo Divina deve dire no! Per non mettere a repentaglio i valori e l’identità della Lega. 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Prima lo adotti poi raccogli i suoi frutti, a Milano nasce la Food Forest, la foresta edibile
    Oltre 2.000 tra piante, ortaggi, piante officinali, alberi, arbusti da frutto e da legno ospitati nel cuore dell’immensa città metropolitana di Milano, con l’obbiettivo di ristabilire il rapporto primitivo tra l’uomo e i prodotti che Madre Natura gentilmente offre. Questo, starà alla base della nuova Food Forest, la foresta edibile  che in autunno prenderà vita all’interno […]
  • Ponte Tibetano e Cascate di Saent: che bella la Val di Rabbi!
    Costruito nel 2016 sopra il torrente Ragaiolo in Val di Rabbi, il ponte tibetano è ormai diventato una tappa fissa per tutti coloro che amano la montagna e la Val di Rabbi. Costruito in ferro e con una pavimentazione di grate di ferro, il ponte tibetano è adatto a grandi e piccini grazie anche alle […]
  • Si allunga la lista delle preziose aree naturali del Pianeta: l’Unesco aggiunge altri 15 Geoparchi da tutelare
    Riconosciuto a livello internazionale come un territorio che possiede un patrimonio geologico particolare e una strategia di sviluppo sostenibile, il Geoparco deve comprendere un certo numero di siti geologici di particolare importanza in termini di rarità, qualità scientifica e rilevanza estetica o valore educativo per essere definito tale. In particolare, si tratta di aree in […]
  • Samsung lancia l’idea: Prevenire gli incidenti grazie ad un camion attrezzato con schermi LCD
    Visibilità azzerata, traffico intenso, grandi mezzi e sorpassi azzardati sono tutti problemi autostradali che potrebbero trovare soluzione grazie ad un “camion trasparente” con grandi schermi LCD: Un‘ idea tanto semplice quanto potenzialmente utile che potrebbe facilitare le manovre di sorpasso dei grandi mezzi riducendo i rischi di incidenti. L’idea è stata presentata da Samsung con […]
  • Trentino Wild Park: il parco avventura più grande d’Italia
    Affrontare situazioni che non appartengono alla vita normale percorrendo una realtà diversa da quella urbana, attraversando ponti tibetani, liane e guardando il bosco tra le chiome degli alberi, sono la base di un intrigante situazione, lontana dalla vita cittadina ma alternativa ad un classico tour. La possibilità di vivere forti emozioni e sentirsi veramente immerso […]
  • Perserverance, la missione Nasa in cerca di vita su Marte
    Fa parte della natura umana esplorare, conoscere e spingersi sempre oltre i limiti terrestri, fino a Marte ad esempio, diventata ormai una delle migliori alternative alla Terra. Trovare tracce di una vita passata o presente sul pianeta rosso, raccogliendo campioni di suolo e studiando la superficie di Marte. Questo è il motivo che ha spinto […]
  • Dalla Francia all’Italia:nel 2020 Il cinema estivo cambia forma e approda in acqua
    L’esigenza di migliorare sfruttando al meglio il nostro ambiente e il nostro territorio unito alla voglia di scongiurare l’arrivo di una prossima pandemia, ha spinto e obbligato molti organizzatori di eventi e molte aziende a ripensare gli spazi e quindi le attività dedicate al pubblico rispetto al distanziamento sociale. Dopo l’esperimento dal sapore vagamente vintage […]
  • Dall’America arriva lo “specchio della verità”, racconta quanto sei dimagrito e quanto sei in forma
    “Specchio spettro delle mie brame.”: iniziava così la celebre frase della matrigna di Biancaneve che intimava il suo specchio interrogandolo per assicurarsi ogni giorno il primato di più bella del reame nella nota favola. Se questa è la fantasia, uno strumento simile è ora disponibile anche nella realtà, dando un supporto concreto e mirato alla […]
  • Dall’amore per il bello alla passione per l’antico e il moderno: il mondo di Zanella Arredamenti
    Esistono alcuni luoghi agli angoli delle strade o nei piccoli borghi cittadini in cui la sola visita equivale sempre ad un’esperienza piena di ricordi, emozioni vissute e storia. Entrare in un negozio di antiquariato infatti, è un po’ come viaggiare nel tempo: scoprire un mondo di oggetti che non esiste più per qualcuno ma che […]

Categorie

di tendenza