Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

A “Scuola di Ecologia Familiare”: il mese di novembre in Val di Non è dedicato alle fragilità

Pubblicato

-

Da sinistra: Renzo Bruni, Angelo Pinamonti, Carmen Noldin ed Elio Covi

Una “Scuola di Ecologia Familiare” per sensibilizzare le famiglie, e la comunità in senso lato, nei confronti di temi delicati e quanto mai attuali legati all’alcol, al fumo, alle droghe. Ma anche al gioco d’azzardo, ai conflitti, al lutto, alla solitudine, ai disagi esistenziali.

 Il mese di novembre in Val di Non sarà dedicato alla fragilità dell’uomo nell’accezione più ampia del termine, grazie all’Associazione Club Alcologici Territoriali (A.C.A.T.) della Val di Non che ha deciso di dar vita a una serie di appuntamenti con l’obiettivo di informare e sensibilizzare la popolazione su stili di vita, relazioni e, appunto, fragilità presenti nelle nostre comunità.

Durante i sei incontri, che si terranno il martedì e il giovedì alle 20 nella sala delle associazioni in Municipio a Sarnonico a partire da martedì 5 novembre, si alterneranno il sapere teorico di un conduttore con il sapere esperienziale di persone e famiglie che hanno avviato percorsi di cambiamento dei propri stili di vita e di relazione.

Pubblicità
Pubblicità

Questa interessante iniziativa è realizzata in collaborazione con il Centro Alcologia, Antifumo e altre Fragilità di Cles e Mezzolombardo, la Comunità della Val di Non-Assessorato alle Politiche Sociali, il Comune di Sarnonico e la Caritas Decanale di Fondo.

La proposta è stata presentata questa mattina nel corso di una conferenza stampa nella sede della Comunità di Valle, alla quale hanno preso parte l’assessore alle politiche sociali della Comunità di Valle Carmen Noldin, il presidente e il segretario di Acat Val di Non Angelo Pinamonti e Renzo Bruni e il presidente della Caritas di Fondo Elio Covi.

Pubblicità
Pubblicità

Da parte della Comunità di Valle non poteva mancare un sostegno a un’iniziativa di questa importanza – ha sottolineato Carmen Noldin –. Vorrei quindi esprimere vicinanza e un grande ringraziamento al mondo del volontariato che sa prendersi cura dell’altro, che sa accogliere le fragilità. L’idea che sta alla base di questo ciclo d’incontri è quella di sensibilizzare i cittadini, perché sono le persone a creare accoglienza, relazioni, a poter prevenire certe situazioni di disagio. Proprio l’aspetto della prevenzione risulta fondamentale in questi casi”.

A illustrare i dettagli dell’iniziativa è stato il presidente Angelo Pinamonti. “Il nostro intento è quello di fornire un aiuto per uscire dal tunnel dell’alcol, della droga, di situazioni di fragilità. Offriamo ascolto, senza giudicare e senza colpevolizzare la persona. Il primo passo è saper riconoscere il problema – ha rivelato Pinamontie noi cerchiamo di dare una mano ad uscirne, portando la testimonianza di tante persone che ce l’hanno fatta”.

Pubblicità
Pubblicità

Si tratta di una scuola di sensibilizzazione nei confronti del problema – ha aggiunto il segretario Bruni per dire alle famiglie che noi ci siamo sul territorio, non sono sole. Il nostro approccio non è comunque medico, non siamo dei dottori, ma sentiamo l’esigenza, la necessità, la voglia di allargare alle varie fragilità il nostro apporto. In Trentino ci sono 253 club attivi che coprono tutto il territorio provinciale comprendendo appunto un po’ tutte le fragilità. Nel corso della prima serata verrà presentato il ciclo d’incontri, durante gli altri appuntamenti le varie tematiche si intrecceranno. Lo scopo è dare un’informazione generale, le serate non saranno dedicate a un tema specifico piuttosto che a un altro”.

La parola è passata poi a Elio Covi, presidente della Caritas Decanale di Fondo che ha sostenuto fin dal principio questa pregevole proposta. “Alla Caritas di Fondo siamo una trentina di volontari e abbiamo incontrato circa 40 situazioni di difficoltà individuali o familiari – ha raccontato il presidente –. Abbiamo accolto con piacere questa iniziativa per portare avanti insieme un percorso di crescita e per aiutare a sensibilizzare le comunità in cui operiamo. Un tema sensibile che ci siamo trovati spesso ad affrontare è quello della ludopatia, che in determinati casi porta a delle difficoltà economiche che spingono a chiedere aiuto. Il percorso che noi portiamo avanti è di ascolto, di accompagnamento, affrontiamo insieme il problema per vedere quali soluzioni si possono trovare”.

In conclusione la vicepresidente della Comunità di Valle Carmen Noldin ha voluto ringraziare i diversi attori coinvolti nel progetto “Scuola di Ecologia Familiare” perché si tratta di una proposta venuta dal basso e perché il benessere di una comunità dipende e deriva anche da questo tipo di iniziative.

Gli incontri si terranno il 5, il 7, il 12, il 14, il 19 e il 21 novembre a Sarnonico. La partecipazione è gratuita e a conclusione del ciclo d’incontri verrà rilasciato un attestato di frequenza.

Per informazioni e iscrizioni è possibile contattare il Centro Alcologia, Antifumo e altre Fragilità di Cles (tel. 0463-660282; e-mail servalcvaldinon@apss.tn.it) oppure A.C.A.T. Val di Non (e-mail acatvaldinon@gmail.com).

Pubblicità
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Val di Sole, attivo anche per la stagione invernale 2019-20 il servizio di Skibus

Pubblicato

-

La mappa con le linee di trasporto urbano e Skibus in Val di Sole

Confermato anche per la stagione invernale 2019-20 il servizio di trasporto pubblico in Val di Sole che mira, anche in chiave turistica, a ridurre il traffico veicolare nei paesi. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

A Taio è tutto pronto per vivere un “Magico Natale”

Pubblicato

-

A Taio, nel Comune di Predaia, è tutto pronto per vivere un “Magico Natale”, il modo migliore per celebrare l’arrivo delle festività natalizie. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Sarà attivo tutto l’inverno il servizio medico per i turisti della Val di Sole

Pubblicato

-

In Val di Sole sarà attivo per il periodo invernale, dal 23 dicembre al 20 marzo 2020, un servizio medico a favore dei turisti presenti negli ambiti di Malé, Cavizzana, Caldes, Rabbi, Terzolas, Croviana, Monclassico, Dimaro, Commezzadura, Mezzana, Marilleva 900, Pellizzano, Peio, Ossana e Vermiglio. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza