Connect with us
Pubblicità

Trento

Via libera in prima Commissione a tutte le candidature per i tre posti nel cda del Centro Santa Chiara. Le minoranze contro Divina

Pubblicato

-

Via libera della Prima Commissione a tutte e nove candidature presentate per occupare tre posti nel consiglio di amministrazione del Centro servizi culturali Santa Chiara di Trento.

Come previsto dalla legge provinciale sulla cultura – la numero 15 del 2007 – la Giunta, che per questo incarico ha proposto due nomi, potrà ora scegliere anche il terzo nella rosa degli altri sette che a maggioranza l’organismo consiliare ha ritenuto idonei.

Quattro i voti a favore espressi dai commissari della Lega (Job e Paoli), da Cia (Agire) e dalla presidente della Commissione Vanessa Masè (La Civica), mentre ai sì sulla candidatura di Agostino Carollo si è aggiunto anche Alex Marini dei 5 Stelle.

Pubblicità
Pubblicità

Tre i voti contrari – Marini, Ghezzi di Futura e Tonini del Pd – alla candidatura dell’ex senatore leghista Sergio Divina, tra i due nominativi proposti dalla Giunta (l’altro è quello dell’ex giornalista della Rai Walter Perinelli, detto Waimer).

Tonini ha esteso il suo no anche a tutti gli altri nominativi mentre Rossi del Patt si è sempre astenuto.

Disco verde con 4 sì anche alla candidatura di Perinelli che ha ricevuto 2 no (di Tonini e Ghezzi) e 2 voti di astensione (di Rossi e Marini).

Pubblicità
Pubblicità

Ghezzi si è astenuto sui nomi di Carollo e Gardin, a suo avviso gli unici con un curriculum che si avvicina al profilo richiesto, esprimendosi invece contro tutte le altre candidature.

Motivo dei voti a sfavore espressi dalle minoranze: la mancanza delle competenze e delle esperienze adeguate per poter ricoprire l’incarico nel componente del cda rispetto a quelle richieste dalle leggi provinciali: la 10 del 2010 sulle nomine e la 7 del 2015 sulla cultura negli articoli riferiti al Centro servizi Santa Chiara. E il potenziale conflitto di interesse politico nel caso di Divina.

Ad animare la discussione è stata la mail inviata a tutti da Agostino Carollo, uno dei sette auto-candidati al cda, basata sulle parziali informazioni relative ai nomi contenute nel foglio distribuito ai soli Commissari per fornire loro una scheda di sintesi – una sorta di “minuta” priva dei curricula completi che sono comunque accessibili ai consiglieri – da utilizzare come strumento di lavoro interno.

La scheda contiene infatti dati personali di persone fisiche soggetti al regolamento Ue e al Codice in materia di protezione, dati da trattare esclusivamente per espletare il procedimento, che in questo caso era l’espressione del parere della Commissione.

La presidente Masè ha richiamato i commissari al proprio ruolo e quindi anche al dovere di non divulgare all’esterno documenti come questo proprio in ragione dei dati personali che riporta, della cui custodia sono responsabili gli uffici del Consiglio.

Per Ghezzi e Tonina comunque nessuno dei candidati ha i requisiti.

Entrando nel merito, Ghezzi ha ricordato che il combinato disposto della legge 10 del 2010 sulle nomine e della legge 15 del 2007 sulle attività culturali istitutiva del Centro servizi Santa Chiara prevede che i candidati al cda dell’ente, oltre ad avere un curriculum che dimostri competenza e attinenza rispetto a questa carica nonché indipendenza e assenza di conflitti di interesse, siano scelti tra esterni con esperienza manageriale nel settore culturale, nella gestione delle risorse e nel controllo strategico.

Il problema – ha aggiunto – è se quando dobbiamo esprimere un parere su nomine del genere noi commissari siamo solo dei passacarte oppure vogliamo valutare la presenza o meno di questi requisiti nei curricula dei candidati. La Giunta deve quindi motivare le proprie scelte su di loro.

Per Ghezzi a voler essere rigorosi nessuno dei 9 candidati dimostra di possedere i requisiti richiesti, a meno che non si ritenga che essere stato senatore della Repubblica sia un titolo adeguato per entrare nel cda del Centro servizi culturali Santa Chiara. A suo avviso Solo Carollo e Gardin si avvicinano al curriculum richiesto. E ha motivato così sia la propria astensione su queste due candidature sia il no alle altre sette, chiedendo infine all’assessore Gottardi, presente ai lavori, un minimo di ragioni in più per giustificare le candidature della Giunta.

Per Tonini in questi curricula vi sono evidenti impedimenti alla candidatura, perché nessuno dimostra di avere l’esperienza manageriale richiesta. Ha aggiunto di non aver nulla contro l’ex senatore Divina, ma ha ribadito la propria contrarietà a questa candidatura. E ha ricordato che “la sinistra dc tanti anni fa si trovò di fronte alla necessità di sostituire lo scomparso Bruno Kessler alla guida dell’FBK e decise per la prima volta di non seguire un criterio politico preferendo un docente universitario esperto nel settore culturale come il professor Achille Ardigò. Per il capogruppo del Pd Divina ha un forte profilo politico ed è sbagliato ricorrere alla riserva degli ex senatori per garantire al Centro Santa Chiara un presidente all’altezza dell’incarico.

Rossi ha spiegato la propria astensione con la scarsa concretezza di questa valutazione. Più giusto è a suo avviso lasciare che la Giunta si assuma la piena responsabilità di queste nomine. Per Rossi vi sarà comunque la possibilità di apprezzare o criticare fra qualche tempo l’operato del nuovo presidente del Centro.

Marini ha chiesto alla presidente se sono stati fatti degli approfondimenti per evitare che queste nomine siano poi impugnate dal Tar, dal momento che alcuni soggetti autocandidati presenteranno probabilmente dei ricorsi contro queste decisioni.

Si tratta anche di capire se i commissari possano avere delle responsabilità rispetto alle nomine. E ha preannunciato un voto di astensione su tutti i candidati tranne che per Carollo, avendone visionato il curriculum. Quanto a Divina, Marini si è detto contrario persistendo sulla candidatura la questione del potenziale conflitto di interesse tra chi nomina e chi è nominato data l’appartenenza politica dell’ex senatore.

Cia ha preannunciato il proprio voto a favore di tutti i nominativi, perché i curricula dei candidati potevano essere visionati dai consiglieri. Quanto alla competenza e all’esperienza o meno dei candidati a suo avviso “non occorre essere dei geni per concorrere alla produzione e alla gestione di attività culturali”.

Ghezzi ha ribattuto di prendere atto che la Giunta non motiva le candidature proposte anche se – ha concluso – politicamente la cosa “ci sta”.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Si allunga la lista delle preziose aree naturali del Pianeta: l’Unesco aggiunge altri 15 Geoparchi da tutelare
    Riconosciuto a livello internazionale come un territorio che possiede un patrimonio geologico particolare e una strategia di sviluppo sostenibile, il Geoparco deve comprendere un certo numero di siti geologici di particolare importanza in termini di rarità, qualità scientifica e rilevanza estetica o valore educativo per essere definito tale. In particolare, si tratta di aree in […]
  • Samsung lancia l’idea: Prevenire gli incidenti grazie ad un camion attrezzato con schermi LCD
    Visibilità azzerata, traffico intenso, grandi mezzi e sorpassi azzardati sono tutti problemi autostradali che potrebbero trovare soluzione grazie ad un “camion trasparente” con grandi schermi LCD: Un‘ idea tanto semplice quanto potenzialmente utile che potrebbe facilitare le manovre di sorpasso dei grandi mezzi riducendo i rischi di incidenti. L’idea è stata presentata da Samsung con […]
  • Trentino Wild Park: il parco avventura più grande d’Italia
    Affrontare situazioni che non appartengono alla vita normale percorrendo una realtà diversa da quella urbana, attraversando ponti tibetani, liane e guardando il bosco tra le chiome degli alberi, sono la base di un intrigante situazione, lontana dalla vita cittadina ma alternativa ad un classico tour. La possibilità di vivere forti emozioni e sentirsi veramente immerso […]
  • Perserverance, la missione Nasa in cerca di vita su Marte
    Fa parte della natura umana esplorare, conoscere e spingersi sempre oltre i limiti terrestri, fino a Marte ad esempio, diventata ormai una delle migliori alternative alla Terra. Trovare tracce di una vita passata o presente sul pianeta rosso, raccogliendo campioni di suolo e studiando la superficie di Marte. Questo è il motivo che ha spinto […]
  • Dalla Francia all’Italia:nel 2020 Il cinema estivo cambia forma e approda in acqua
    L’esigenza di migliorare sfruttando al meglio il nostro ambiente e il nostro territorio unito alla voglia di scongiurare l’arrivo di una prossima pandemia, ha spinto e obbligato molti organizzatori di eventi e molte aziende a ripensare gli spazi e quindi le attività dedicate al pubblico rispetto al distanziamento sociale. Dopo l’esperimento dal sapore vagamente vintage […]
  • Dall’America arriva lo “specchio della verità”, racconta quanto sei dimagrito e quanto sei in forma
    “Specchio spettro delle mie brame.”: iniziava così la celebre frase della matrigna di Biancaneve che intimava il suo specchio interrogandolo per assicurarsi ogni giorno il primato di più bella del reame nella nota favola. Se questa è la fantasia, uno strumento simile è ora disponibile anche nella realtà, dando un supporto concreto e mirato alla […]
  • Dall’amore per il bello alla passione per l’antico e il moderno: il mondo di Zanella Arredamenti
    Esistono alcuni luoghi agli angoli delle strade o nei piccoli borghi cittadini in cui la sola visita equivale sempre ad un’esperienza piena di ricordi, emozioni vissute e storia. Entrare in un negozio di antiquariato infatti, è un po’ come viaggiare nel tempo: scoprire un mondo di oggetti che non esiste più per qualcuno ma che […]
  • Uno sguardo a Kazan, un microcosmo di stili e culture che vivono in armonia
    A circa 820 kilometri da Mosca, dove i fiumi Volga e Kazanka si uniscono, si erge da oltre 1000 anni la splendida capitale della repubblica del Tatarstan: Kazan. Il suo splendore e le sue innumerevoli caratteristiche l’hanno portata ad essere nominata, nel 2005, la Terza Capitale della Russia (appellativo a cui può essere ufficialmente associata […]
  • Riscoprire il turismo lento in Italia, con le mini crociere fluviali
    Una parte della penisola Italiana è composta da un piccolo mosaico di isole e canali che insieme rappresentano la perfetta geometria di un mondo pieno di fascino. Riscoprire una dimensione lenta del turismo, attraverso gli imperdibili itinerari fluviali italiani è uno dei modi migliori per visitare questo mondo. Le crociere fluviali in houseboat sono in […]

Categorie

di tendenza