Connect with us
Pubblicità

Trento

Fontana del Nettuno, sei mesi di restauro a partire da marzo

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Da 250 anni simbolo di Trento, necessita di un intervento a causa del degrado della pietra

Sarà presto restaurata la fontana del Nettuno, da 250 anni centro e cuore della città di Trento.

Opera dell’architetto di Lavarone Francesco Antonio Giongo coadiuvato dallo scultore comasco Stefano Salterio, la fontana ha iniziato a zampillare esattamente due secoli e mezzo fa, l’8 luglio 1769, in occasione della festa di San Vigilio.

Pubblicità
Pubblicità

Maestoso, ancora oggi simbolo dell’identità di Trento, il Nettuno mostra comunque i segni evidenti del passare tempo, il degrado e l’erosione della pietra causati dallo scorrimento delle acque meteoriche e dall’alternarsi del gelo e del disgelo. Anche l’inquinamento atmosferico ha svolto un ruolo non trascurabile, in quanto il ph delle pioggie acide ha aumentato sensibilmente l’abrasione.

Il fenomeno esteticamente più evidente è quello della diffusa presenza di una patina inorganica di colore bianco-grigio cui si aggiungono alghe brune e verdi e la formazione di piccole cavità (alveolizzazione) che avviene generalmente in materiali molto porosi come la pietra di Arco.

Il progetto di restauro è finalizzato a intervenire sui principali fenomeni di degrado che caratterizzano attualmente il monumento, con l’intento di ridurne l’impatto, migliorare la conservazione e al contempo recuperare l’estetica visibilmente compromessa.

Pubblicità
Pubblicità

Le fasi operative dell’intervento prevedono tra l’altro l’approfondimento dei principali fenomeni degenerativi tramite apposita diagnostica non distruttiva, la documentazione grafica e fotografica durante tutte le fasi salienti dell’intervento, la verifica della metodologia di pulitura, la rimozione dei restauri non più coerenti, il consolidamento strutturale delle parti architettoniche, la stuccatura e l’elaborazione di un piano di manutenzione quinquennale.

Per l’esecuzione dei lavori dovrà essere montato un ponteggio che consenta di raggiungere tutte le parti scultoree, ponteggio dotato di una scala per consentire la visita del cantiere di restauro.

La recinzione di cantiere sarà rivestita con pannelli descrittivi sui contenuti storici e sui restauri in corso.

L’importo compressivo del progetto ammonta a 175 mila euro.

La natura dei lavori richiede temperature miti e un cantiere asciutto per cui l’intervento inizierà a fine marzo 2020 e durerà circa sei mesi. A San Giuseppe non ci sarà dunque la consueta apertura dell’acqua della fontana, rinviata alla conclusione dei restauri.

Il gruppo misto di progettazione e direzione lavori è costituito dall’architetto Daniela Tessarin del Comune di Trento, dalla restauratrice Monica Endrizzi e dall’ingegner Massimo Maccani per il coordinamento della Sicurezza.

La storia: da “modesto recipiente” a simbolo della città – Nella seconda metà del Settecento, per iniziativa dei consoli che governavano la città di Trento, si concretizzò l’idea di realizzare una fontana monumentale nella piazza principale e dal “modesto recipiente”, deliberato nel 1766 dal magistrato consolare, essa fu destinata a divenire nel tempo il simbolo dell’identità civica e fulcro della vita cittadina.

Opera dell’architetto Francesco Antonio Giongo nativo di Lavarone, la struttura architettonica fu principalmente concepita per rifornire di “salubre acqua di sorgente” il centro della città, nonostante furono poi numerosi i divieti imposti alla cittadinanza, che prevedevano limiti e restrizioni nel utilizzo della fontana del Nettuno per lavare i panni o generi alimentari. Originariamente infatti la fontana era circondata da sedici pilastri in pietra collegati da catene. La delimitazione venne rimossa nel restauro di fine Ottocento e non più ripristinata.

Nel 1768 l’opera poté considerarsi compiuta sia dal punto di vista architettonico che nell’apparato decorativo, mentre l’acqua cominciò a zampillare l’8 luglio 1769 e, in occasione della festa di San Vigilio, la fontana venne inaugurata con uno spettacolo pirotecnico.

Per lungo tempo Francesco Antonio Giongo è stato erroneamente considerato l’unico ideatore della fontana del Nettuno, ma recenti studi hanno confermato che egli fu l’artefice della composizione dell’opera architettonica e partecipe nell’esecuzione delle vasche, del fusto e dei cartigli, mentre le statue originali del Nettuno e degli altri gruppi scultorei furono opera dello scultore comasco Stefano Salterio.

A partire dal 1858 la fontana del Nettuno a causa delle pessime condizioni conservative fu oggetto di importanti interventi di restauro. Il progressivo degrado dei gruppi scultorei indusse l’amministrazione civica ad affrontare il problema radicalmente, incaricando lo scultore Andrea Malfatti di eseguire le copie di tutti i gruppi scultorei, ad eccezione della statua del Nettuno, sulla base dello studio e dei rilievi commissionati all’artista Ferdinando Bassi.

Della monumentale opera concepita da Francesco Antonio Giongo rimangono attualmente i tre ordini di vasche che ruotano intorno ad un pilastro centrale di forma ottagonale, realizzate in rosso ammonitico delle cave di Trento. Gli otto gruppi scultorei che raffigurarono figure mitologiche marine, furono rifatti dal Malfatti (tra il 1869 e il 1871) impiegando la stessa pietra utilizzata dal Giongo alla fine del Settecento: il calcare oolitico bianco proveniente dalle cave di Arco.

Uno dei due tritoni del secondo ordine (quello posto a sud est), danneggiato nel 1920 a seguito del cedimento del sottostante modiglione, si distingue dalle altre statue perché rifatto “in pietra viva” (verdello) dallo scultore Davide Rigatti, allievo del Malfatti.

L’unica statua originale scolpita da Stefano Salterio rimane il Nettuno, rimossa dalla fontana nel 1940 e ricoverata nel cortile di palazzo Thun; al suo posto nel 1945 fu collocata la copia in bronzo, anch’essa opera di Rigatti.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Italia ed estero2 ore fa

Veneto: crolla la parete ovest della parte sommitale del Monte Pelmo

Aziende2 ore fa

L’importanza (mai svanita) del brand

Val di Non – Sole – Paganella2 ore fa

Pejo: perde il controllo della bicicletta, 18 enne finisce in una scarpata

Arte e Cultura3 ore fa

Sedi aperte e tanti appuntamenti il 15 agosto nei luoghi culturali della nostra provincia

Trento3 ore fa

Rompono il lunotto dell’auto e rubano alcune borse: ladri in azione anche sul Bondone

Io la penso così…3 ore fa

Gas ed elettricità: una speculazione di Stato ( parte 2 )

L'Editoriale4 ore fa

«Politically correct»: la più grande mistificazione del secolo

Politica5 ore fa

Politiche 2022: 18enni chiamati al voto per la prima volta per eleggere il Senato della Repubblica

Fiemme, Fassa e Cembra5 ore fa

Val di Fassa, lavori di consolidamento per il masso di Muncion

Trento5 ore fa

L’appello del presidente dell’ANA ai politici: «Giovani disorientati, ripristinate il servizio di leva»

Alto Garda e Ledro5 ore fa

Il sindaco di Riva del Garda incontra il nuovo Questore Improta

Alto Garda e Ledro5 ore fa

Guardia di Finanza: il saluto del Sindaco di Riva del Garda alla comandante Di Zio

Trento6 ore fa

Circonvallazione ferroviaria: via alle indagini sulle aree inquinate e al cantiere pilota

Valsugana e Primiero6 ore fa

Cade in bicicletta, 58 enne trasportata in gravi condizioni al Santa Chiara

Spettacolo12 ore fa

Morta Olivia Newton -John, insieme a John Travolta fece sognare intere generazioni

Fiemme, Fassa e Cembra3 settimane fa

Trentasette anni fa la tragedia di Stava: per non dimenticare!

Trento4 settimane fa

Coronavirus in Trentino: 603 contagi nelle ultime 24 ore, le rianimazioni sono «covid free»

Alto Garda e Ledro4 settimane fa

Si allarga pericolosamente il fronte dell’incendio sul Monte Baldo – IL VIDEO

Alto Garda e Ledro4 settimane fa

Riva del Garda: tornano i fuochi della «Notte di fiaba»

Trento4 settimane fa

Coronavirus in Trentino: 977 contagi nelle ultime 24 ore. Dai 40 ai 59 anni la fascia più colpita

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Tragedia sul Monte Peller: muore un giovane di Cles

Politica4 settimane fa

Ugo Rossi: «Non mi ricandiderò, il PATT ha rinunciato ad essere protagonista»

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Laghi di Levico e Caldonazzo fuori controllo: risse, pestaggi, furti e atti di pirateria

Trento4 settimane fa

Valanga della Marmolada non è caso unico, 10 turisti salvi per miracolo – IL VIDEO

Trento4 settimane fa

Dopo la separazione arriva anche il divorzio: finisce la storia d’amore tra Francesco Moser e Carla Merz

Politica4 settimane fa

Sondaggio Mentana: si arresta la discesa della Lega, cresce Forza Italia

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Attentato alla sede della Lega: l’anarchico «trentino» Sorroche condannato a 28 anni di carcere

Italia ed estero4 settimane fa

Clamorose rivelazioni di Nicola Gratteri: «Questo Governo sta smontando un secolo e mezzo di Antimafia»

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 496 contagi e boom di ricoveri nelle ultime ore in Trentino

Trento1 settimana fa

Coronavirus: 117 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza