Connect with us
Pubblicità

Trento

Ieri le celebrazioni della tempesta Vaia nel ricordo di Michela Ramponi e Denis Magnani

Pubblicato

-

La Protezione civile trentina si è ritrovata ieri a Piedicastello come una grande famiglia per ricordare Vaia, la tempesta che ha cambiato volto e identità alle foreste di questa terra e a molte delle sue comunità.

Una famiglia che in quei giorni terribili di fine ottobre 2018 ha saputo fare squadra ed ha dato il meglio di sè.

Ieri, sotto il tendone della piazza di Piedicastello, e in serata durante la messa officiata dal vescovo Lauro Tisi, è stato il momento per riflettere, per elaborare collettivamente quella tragedia naturale e umana, che costò la vita a due persone, Michela Ramponi e Denis Magnani, e in seguito al boscaiolo Paolo Valenti, ma anche per dire “grazie” a quanti si sono prodigati per lenire le ferite della tempesta, ancora visibili e riassunte in un video, le cui drammatiche immagini hanno aperto la commemorazione di oggi pomeriggio a Piedicastello.

Pubblicità
Pubblicità

“Gli sguardi si sono uniti nel vento, le mani si sono intrecciate nel fango. Le lacrime si sono asciugate a vicenda. Nella devastazione, abbiamo scoperto la forza del noi”. Così l’Arcivescovo Lauro nell’omelia della s. Messa a un anno dalla tempesta Vaia, nella chiesa di Sant’Apollinare a Trento (ore 20.30).

”Vaia – sottolinea Tisi – ci ha fatti sentire in difetto rispetto alla natura che abbiamo violato, contrapponendoci ad essa anziché sentircene parte”. Secondo l’Arcivescovo, nelle valli trentine, storicamente, ”l’ambiente è stato una formidabile palestra dove abbiamo imparato l’arte di resistere e la necessità di farlo assieme”.

Per don Lauro “la creazione è l’habitat del bello ed essa offre una casa anche all’animo umano. Quando viene a mancare ci si accorge di quanto è importante”. Ricordando Michela Ramponi e Denis Magnani, vittime di quelle ore di tempesta, Tisi si stringe alle famiglie “consapevoli – rammenta – che la loro perdita non ha prezzo, non potrà in alcun modo essere colmata. Il prezzo di una vita umana non è paragonabile ad alcuna foresta.” Le celebrazioni sono continuate con un ringraziamento di cui si è fatto interprete il presidente della Provincia Maurizio Fugatti.

Riuniti sotto il tendone allestito nella piazza del sobborgo di Trento c’erano tutti i Corpi della Protezione civile, parlamentari, consiglieri e sindaci trentini, autorità civili, religiose e militari, comuni cittadini.

Una cerimonia che si accompagna alle molte iniziative che, a un anno da Vaia, si sono svolte e sono in programma in questi giorni: ieri a Montagnaga di Pinè, nei prossimi giorni a Novaledo e martedì 29 ottobre a Dimaro, il centro più colpito.

“In quei momenti – ha affermato il presidente Fugatti – il Trentino ha saputo fare squadra, ha retto il colpo pesante ricevuto, ed ha saputo poi operare per la ricostruzione.” Fugatti ha riassunto in pochi numeri quel tremendo colpo: 4 milioni di metri cubi di piante abbattute, 1700 chilometri di sentieri scomparsi, 1500 chilometri di strade forestali distrutte, un danno complessivo di 372 milioni, di cui 240 riconosciuti dal governo nazionale. “Un evento paragonabile all’alluvione del 1966 – ha detto Fugatti – che costò allora 22 vittime ma che comportò “solo” 700 mila metri cubi di legname abbattuto. Quell’evento ci insegnò tanto, il Trentino seppe anche allora reagire, ma oggi, dopo Vaia, dobbiamo dire che se non ci fossero stati gli investimenti fatti in passato il danno sarebbe stato sicuramente maggiore. È cresciuta una coscienza civica in Trentino.”

Dopo aver ricordato come la Provincia, all’indomani della tempesta, abbia incaricato una struttura ad hoc per gestire la fase della ricostruzione e come si sia dato vita ad una commissione, il presidente ha voluto ringraziare all’inizio del proprio intervento l’ex presidente Ugo Rossi: “Fu un momento di forte unità anche istituzionale, la preoccupazione era tanta ma c’era la consapevolezza della capacità del Trentino di affrontare la situazione. Ricordo due episodi – ha proseguito Fugatti – un giovane Vigile del fuoco della Val dei Mocheni, i suoi occhi stravolti dalla fatica che dicevano quanto avesse lavorato, ed un altro Vigile del fuoco che mi indicò la lamiera di un tetto volata via per centinaia di metri. I nostri uomini hanno rischiato in quei momenti che un artigiano ha definito “eterni”. Il Trentino dunque ha saputo dare il meglio.”

Facendo riferimento alle inevitabili inchieste promosse dalla magistratura dopo Vaia, Fugatti ha voluto “difendere” l’operato della Protezione civile: “I nostri uomini e i nostri amministratori hanno sempre lavorato per il bene e la tutela del territorio e delle persone con la massima responsabilità e coscienza.”

Un momento per riflettere, dunque, e per dire che “quei momenti di forte unità del Trentino devono essere un esempio per i giovani, affinché sappiano prendere e conservare quello spirito.” Un messaggio rappresentato dal simbolico passaggio generazionale vissuto sul palco tra Donato Nardin, 95 anni, ex dirigente provinciale dei Bacini Montani, e Giorgia Bassetti, una giovane Vigile del fuoco di Novaledo.

In occasione della commemorazione della tempesta Vaia, la Fondazione Museo storico del Trentino ha realizzato presso la Galleria nera l’installazione ‘UN ANNO DA VAIA. Dall’alluvione del ’66 al racconto sui social’. Attraverso alcuni filmati i due eventi vengono accostati mostrandone le conseguenze drammatiche in termini di lutti e danni ma anche la risposta che l’intero Trentino ha saputo dare.

Emerge inoltre chiaramente come l’urgenza di raccontare accadimenti straordinari, pur con strumenti e linguaggi diversi sia una costante nel tempo.L’installazione sarà visitabile nella Galleria nera, dove è ospitata la mostra ‘Usavamo la cinepresa’, a partire da oggi, 26 ottobre.

Questi i soggetti che hanno operato nella fase di emergenza e che sono stati premiati con un attestato di benemerenza ed una piccola opera d’arte dal titolo “radici al cielo” ideato dall’architetto Roberto Conte di Borgo Valsugana realizzato utilizzando una radice raccolta dall’autore a Arte Sella dopo gli schianti.

Corpo permanente Vigili del Fuoco

Corpo Forestale

Federazione dei Vigili del Fuoco Volontari

Scuola provinciale cani da ricerca e catastrofe

Corpo nazionale Soccorso Alpino e Speleologico

Associazione Psicologi per i Popoli

Protezione Civile A.N.A. Trento

Croce Rossa Italiana Comitato provinciale Trento

Unità operativa Trentino Emergenza

Polizia di Stato

Comando provinciale dei Carabinieri

Comando provinciale Guardia di Finanza

Tavolo coordinamento ripristino rete sentieristica

Tavolo coordinamento fondo solidarietà

ANCE, Associazione Nazionale Costruttori Edili

Coordinamento imprenditori

Dipartimento Protezione Civile

Dipartimento Agricoltura, Foreste e Difesa del suolo

Dipartimento Infrastrutture e Trasporti

UMST Grandi Opere e Ricostruzione

Consorzio dei Comuni Trentini

Comune di Dimaro/Folgarida

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • “Glamping”: la nuova alternativa glamour e chic al campeggio
    La natura con la sua bellezza ha la straordinaria capacità di avere una forte reazione ed un effetto diretto sulle nostre emozioni invitando ogni anno molti viaggiatori a viverla appieno per migliorare i propri momenti di pausa dalla vita frenetica, attraverso una semplice passeggiata all ombra delle fronde di un bosco o meglio, trascorrendo un’intera […]
  • Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
    I ricordi e le emozioni sono unite da un profondo e stretto legame con l‘olfatto che lo rendono come il gusto, uno dei sensi più potenti e straordinari arrivando ad influenzare molte volte anche i nostri comportamenti. L’olfatto è quel senso che non solo riesce a collegare i ricordi, gli attimi e addirittura i sapori […]
  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]
  • Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
    Perdere oggetti e non riuscire più a ritrovarli è diventato un fenomeno talmente comune e frequente dall’essere d’ispirazione a numerose ricerche scientifiche per riuscire a determinarne le cause e i motivi. Secondo alcuni ricercatori, oltre allo stress e la fretta, sarebbero le attività inconsce ad allargare le possibilità di perdita. Infatti, senza volerlo spostiamo gli […]

Categorie

di tendenza